Jef Gold­blum

GQ (Italy) - - Sommario -

«Il mio se­con­do no­me è “Mr. Punc­tua­li­ty”»:

in­tan­to è nel­le sa­le con Mort­de­cai

Jeff Gold­blum ado­ra tro­va­re so­mi­glian­ze tra le per­so­ne. Ne so­no te­sti­mo­ne in pri­ma per­so­na, mentre lo aspet­to a un ta­vo­lo del bar del­lo Cha­teau Mar­mont di Los An­ge­les. « Sa a chi so­mi­glia?», chie­de al­la ca­me­rie­ra. «Al­la mam­ma di Aman­da Plum­mer. Com’è che si chia­ma­va?». Si dà un pa­io di col­pet­ti al­la te­sta. «Ah, ecco: Tam­my Gri­mes! Lei è ugua­le a una Tam­my Gri­mes gio­va­ne e bel­lis­si­ma». La ca­me­rie­ra, come tutti quel­li che non han­no la pro­di­gio­sa co­no­scen­za del­la sto­ria del ci­ne­ma di Jeff Gold­blum (cioè la mag­gior par­te di tutti noi), non ha la più pallida idea di chi sia Tam­my Gri­mes. «Di so­li­to mi di­co­no che sem­bro San­dra Bul­lock», pro­va a ri­lan­cia­re. Ma Gold­blum non ci sta: «Tam­my Gri­mes! Era una straor­di­na­ria at­tri­ce tea­tra­le, si spo­sò con Ch­ri­sto­pher Plum­mer e poi…», pro­se­gue met­ten­do al­la pro­va la sua co­no­scen­za del­la vi­ta del­la Gri­mes.

L’aned­do­to di lui che at­tac­ca bot­to­ne con una ca­me­rie­ra di­cen­do­le che so­mi­glia a un’at­tri­ce fa­mo­sa po­treb­be far pen­sa­re a Jeff Gold­blum come a un vi­sci­do ses­san­ta­duen­ne che ci pro­va con le ra­gaz­ze più gio­va­ni. Ma non è af­fat­to co­sì. A Gold­blum pia­ce fir­ta­re. Nel sen­so più in­no­cen­te del ter­mi­ne. Gli es­se­ri uma­ni gli piac­cio­no co­sì tan­to che non rie­sce a fa­re a me­no di cer­ca­re di co­mu­ni­ca­re con tutti.

Ses­san­ta­due an­ni. Qua­si cen­to ruo­li al ci­ne­ma. E ora al­me­no 11.000 passi al gior­no: «Per te­ner­mi in for­ma»

La se­ra suc­ces­si­va so­no an­da­ta a ve­der­lo suo­na­re il pia­no con la sua Mil­dred Sni­tzer Or­che­stra, la band jazz con cui si esi­bi­sce da una quin­di­ci­na di an­ni. Ed è lì che mi è chia­ro: il gio­chet­to “sei gio­va­ne, bel­lis­si­ma e bla bla bla” è un clas­si­co del rap­por­to tra Gold­blum e il suo pub­bli­co: «Oh, sì. Ce l’ho... Tu sei pro­prio come Jen­ni­fer Ja­son Lei­gh da gio­va­ne! E guar­da là, ab­bia­mo una gio­va­ne e bel­lis­si­ma Li­sa Ku­drow. E un gio­va­ne e bel­lis­si­mo Se­th Ro­gen! Oh, e Adam Sand­ler! Gio­va­ne e bel­lo! Su di te ci de­vo an­co­ra pen­sa­re... Chi? Il ca­ne Bee­tho­ven? Chi lo ha det­to? No, no, no. Chi ti di­co­no di so­li­to? Hu­gh Jack­man? Be’, for­se».

Gold­blum ha in­ter­pre­ta­to qua­si un cen­ti­na­io di ruo­li – dall’alie­no di Le ra­gaz­ze del­la Ter­ra so­no fa­ci­li all’ese­cu­to­re te­sta­men­ta­rio di Grand Budapest Ho­tel, e que­sto me­se lo ve­dre­mo al ci­ne­ma in Mort­de­cai – ma in ogni in­ter­pre­ta­zio­ne non si può far al­tro che ve­der­ci lui, Jeff Gold­blum. È co­sì tan­to se stes­so che an­che i per­so­nag­gi più com­ples­si de­vo­no pie­gar­si al­la sua per­so­na­li­tà. Ecco per­ché, quan­do lo in­con­tri per la pri­ma vol­ta, è esat­ta­men­te come ti sa­re­sti aspet­ta­ta. È pro­prio ugua­le a un gio­va­ne e bel­lis­si­mo Jeff Gold­blum.

Il gior­no del­la no­stra co­la­zio­ne allo Cha­teau Mar­mont si è pre­sen­ta­to ab­bron­za­to, con un bla­zer bianco, pan­ta­lo­ni na­vy sar­to­ria­li e un fe­do­ra in te­sta. È il clas­si­co outft da spac­cia­to­re di co­cai­na di Miami. A ec­ce­zio­ne del­le scar­pe. Le sue snea­kers Ni­ke mi ri­cor­da­no quel­le che usa mio pa­dre per ta­glia­re l’er­ba in giar­di­no. Gold­blum le in­dos­sa per­ché è ar­ri­va­to qui cam­mi­nan­do. Gli pia­ce pren­der­si cu­ra del suo si­ste­ma car­dio­va­sco­la­re: «Piccole cose che con­ta­no: fa­re le sca­le, par­cheg­gia­re un po’ più lon­ta­no». Si tira su la ma­glia e mi mo­stra il con­ta­pas­si che ha at­tac­ca­to ai pan­ta­lo­ni. So­no le 10 di mat­ti­na e ha già fat­to 2.000 passi. Cer­ca di far­ne tra gli 11 e i 12.000 ogni gior­no.

« Mi ci so­no vo­lu­ti 7 mi­nu­ti per ar­ri­va­re qui » , ri­co­min­cia. «So­no usci­to un mi­nu­to in ri­tar­do, per cui ho do­vu­to cor­re­re un po’. Mr. “Punc­tua­li­ty” ( Pun­tua­li­tà) è il mio se­con­do no­me. Non sa­reb­be ma­le chia­mar­ci una fglia, no?», dice sbat­ten­do le ci­glia. Sco­pri­rò solo in se­gui­to che Jeff Gold­blum sbat­te con­ti­nua­men­te le ci­glia. «Ma pensa che ca­si­no se poi Punc­tua­li­ty Gold­blum ti vie­ne su una fglia ri­tar­da­ta­ria... Be’, sa­reb­be un ri­schio. Come, per esem­pio, se chia­mi tua fglia Cha­sti­ty ( ca­sti­tà) e poi...», dice come pen­san­do ad al­ta vo­ce.

Que­sta ri­fes­sio­ne sui no­mi per bam­bi­ni chia­ma la mia do­man­da suc­ces­si­va: sta pen­san­do di fa­re un fglio? Do­po due di­vor­zi, Jeff Gold­blum si è ri­spo­sa­to con una ex gin­na­sta tren­ta­duen­ne, Emi­lie Li­ving­ston. Le sue ci­glia sbat­to­no di nuo­vo mentre ri­spon­de: «I bam­bi­ni so­no co­sì carini, no? » . ( Qual­che gior­no più tar­di, Gold­blum ha an­nun­cia­to che Emi­lie è incinta di un ma­schio: si chia­me­rà El­liott Charlie, ndr).

La co­sa più pros­si­ma a un fglio nel­la sua vi­ta, fno­ra, è sta­ta un bar­bon­ci­no di un an­no che ha chia­ma­to Woody Allen Gold­blum. Du­ran­te una gior­na­ta-ti­po i due fan­no lun­ghe pas­seg­gia­te che spes­so ter­mi­na­no in un bel pi­so­li­no. «È un ot­ti­mo part­ner a let­to. La no­stra vi­ci­nan­za e il no­stro le­ga­me stan­no cre­scen­do sem­pre di più. Ieri lui si sta­va fa­cen­do una sie­sta e io mi so­no di­ste­so al suo fan­co. Ci sia­mo fat­ti un po’ di coc­co­le». La con­ver­sa­zio­ne con Jeff è sem­pre di­ver­ten­te e pie­na di svol­te im­prov­vi­se. L’uni­co pro­ble­ma è che le svol­te ti por­ta­no lon­ta­no dal pun­to do­ve ave­vi in­ten­zio­ne di ar­ri­va­re.

Du­ran­te la no­stra co­la­zio­ne una gio­va­ne e bel­lis­si­ma Jes­si­ca Biel si sie­de al ta­vo­lo di fan­co al no­stro. È la ve­ra Jes­si­ca Biel. Gold­blum si al­za per sa­lu­tar­la. I due si ab­brac­cia­no e poi lui, ina­spet­ta­ta­men­te, al­lar­ga un brac­cio ver­so di me e fa: «Jes­si­ca! Ov­via­men­te co­no­sce­rai Lau­ren?». Ov­via­men­te Jes­si­ca Biel e io non ci co­no­scia­mo. O, me­glio, io so be­nis­si­mo chi è lei, ma non c’è mez­zo mo­ti­vo al mon­do per cui lei deb­ba co­no­sce­re me. «No, non cre­do...», dice lei, un po’ con­fu­sa ma estre­ma­men­te gen­ti­le. «Ma sie­te en­tram­be del­le gio­va­ni don­ne!», in­si­ste lui come se fos­se l’os­ser­va­zio­ne più sen­sa­ta del mon­do.

Quel ra­gaz­zo di Pitt­sbur­gh che scri­ve­va sul va­po­re del box doc­cia: “Ti pre­go, Dio, fam­mi di­ven­ta­re un at­to­re”

Chis­sà se Jeff Gold­blum è sem­pre sta­to co­sì... È cre­sciu­to a Pitt­sbur­gh ne­gli An­ni 60, fglio di un me­di­co. Da tee­na­ger, tut­te le mat­ti­ne, scri­ve­va con un di­to sul va­po­re del box doc­cia: “Ti pre­go, Dio, fam­mi di­ven­ta­re un at­to­re”. La re­ci­ta­zio­ne, sem­bre­reb­be, è l’uni­co am­bi­to in cui non si com­por­ta in mo­do biz­zar­ro. «Come avrai sen­ti­to di­re, so­no mol­to me­ti­co­lo­so sul la­vo­ro». Ri­per­cor­ria­mo la sua fl­mo­gra­fa in­ter­pre­ta­zio­ne per in­ter­pre­ta­zio­ne. Per pre­pa­rar­si a La mo­sca, mi rac­con­ta, cat­tu­rò uno di que­gli in­set­ti e si chiu­se in ca­sa a stu­diar­lo per settimane.

Un mi­nu­to do­po, Gold­blum no­ta che in­dos­so un anello di fdan­za­men­to. Pren­de la mia ma­no e co­min­cia a fa­re let­te­ral­men­te le fu­sa. Poi mi chie­de qua­li so­no i miei programmi per «quel­la gran­de, meravigliosa co­sa » . Do­po una de­ci­na di mi­nu­ti, mentre stia­mo par­lan­do mol­to se­ria­men­te del ci­ne­ma di Ing­mar Berg­man, tor­na sull’ar­go­men­to: «Oh! Te lo de­vo di­re. Mi pia­ce­reb­be ve­ni­re al tuo matrimonio. Po­trei can­ta­re We’ve On­ly Ju­st Be­gun dei Car­pen­ters. Co­no­sci quel pez­zo?». E si met­te a can­ta­re. Poi, im­prov­vi­sa­men­te si bloc­ca e dice: «Po­trei met­ter­mi un abito co­lor pesca. Be’, ov­via­men­te se è okay per te».

«IL MI­GLIOR PART­NER A LET­TO?

IL MIO BAR­BON­CI­NO »

IL MAG­GIOR­DO­MO CON­SI­GLIA AC­CES­SO­RI BIAN­CHI E NE­RI. AL MAS­SI­MO, NE­RI E BIAN­CHI

JEFF GOLD­BLUM IN­DOS­SA CA­MI­CIA E PAN­TA­LO­NI CALVIN KLEIN JEANS, OC­CHIA­LI TART OP­TI­CAL EN­TER­PRI­SES, ORO­LO­GIO TU­DOR. LA MO­DEL­LA AC­CAN­TO A LUI: ABITO REEM ACRA, OREC­CHI­NI OR­NA­MENT AND CRI­ME JEWELS, BRAC­CIA­LE CAR­TIER

Te­sto di LAU­REN BANS Foto di PEG­GY SIROTA

Per par­la­re con JEFF GOLD­BLUM de­vi ab­ban­do­na­re tut­te le tue cer­tez­ze. L’uni­ca co­sa si­cu­ra è che ar­ri­ve­rà spac­can­do il mi­nu­to

FEL­PA CON CAP­PUC­CIO JOHN EL­LIOTT + CO, PAN­TA­LO­NI BROOKS BROTHERS RED FLEE­CE, SNEA­KERS COM­MON PRO­JEC­TS, BRAC­CIA­LE MIANSAI, OC­CHIA­LI DA SO­LE RAY-BAN

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.