Rei­n­hold Mes­sner

GQ (Italy) - - Sommario -

L’in­stan­ca­bi­le al­pi­ni­sta sta per ini­zia­re

la sua set­ti­ma vi­ta. Da re­gi­sta

«A Bo­nat­ti ho de­di­ca­to un li­bro, che esce adesso in Fran­cia, in cui evi­den­zio le tan­te cose che ci ac­co­mu­na­no ( Wal­ter Bo­nat­ti. Il fra­tel­lo che non sapevo di ave­re, Mon­da­do­ri, scrit­to con San­dro Fi­lip­pi­ni, ndr) », con­ti­nua Mes­sner. «L’ap­proc­cio tra­di­zio­na­le al­la mon­ta­gna sen­za mez­zi ar­ti­f­cia­li, per esem­pio; la ri­cer­ca del­la so­li­tu­di­ne an­che nel­le si­tua­zio­ni più estreme. E an­che le ac­cu­se in­giu­ste che ci so­no sta­te ri­vol­te. Come me, Bo­nat­ti sim­bo­leg­gia quell’al­pi­ni­smo tra­di­zio­na­le che sta scom­pa­ren­do. Per­ché sta di­ven­tan­do uno sport. Bel­lis­si­mo, ma solo uno sport: tut­to è si­cu­ro, le vie so­no pre­pa­ra­te, non c’è più il ri­schio di ca­de­re e il con­cet­to al­pi­ni­sti­co dell’espo­si­zio­ne sta mo­ren­do. Per­ché al­pi­ni­smo vuol di­re an­da­re da so­li con la pro­pria re­spon­sa­bi­li­tà, ma og­gi per sa­li­re l’everest ci so­no cin­que­cen­to sher­pa che ti pre­pa­ra­no il per­cor­so. Que­sto è solo bu­si­ness, tu­ri­smo».

Il se­sto Mes­sner Mountain Mu­seum apre a lu­glio, in uno spa­zio stre­pi­to­so fr­ma­to Za­ha Ha­did

Al bar dell’ho­tel ora sie­de il suo ami­co Pier­re Ma­zeaud, l’ex al­pi­ni­sta fran­ce­se ora 85en­ne che nel 1961 vis­se sul­la pro­pria pel­le la tra­gi­ca ri­ti­ra­ta – con Bo­nat­ti e al­tri ita­lia­ni e fran­ce­si (ne mo­ri­ro­no quat­tro) – dal Pi­lo­ne Cen­tra­le del Fre­ney, nel mas­sic­cio del Mon­te Bianco. Mes­sner al­lar­ga le brac­cia e sor­ri­de dan­do­si una grat­ta­ta al­la fol­ta bar­ba da mal­ga­ro: «Sia­mo ri­ma­sti solo noi».

Di­co­no che lei ab­bia set­te vi­te, come i gat­ti... «Ho sen­ti­to den­tro di me la ne­ces­si­tà e il co­rag­gio di cam­bia­re sem­pre vi­ta, di con­ti­nuo. Quan­do ero solo un roc­cia­to­re, un ar­ram­pi­ca­to­re, a un cer­to pun­to ho ca­pi­to che non sa­rei po­tu­to an­da­re più in al­to di do­ve ero ar­ri­va­to. Nel 1970 ave­vo 25 an­ni: do­po la sa­li­ta al Nan­ga Par­bat dal­la pa­re­te Ru­pal – che ave­vo scel­to per­ché si trat­ta­va di ar­ram­pi­ca­re e non di pe­sta­re la neve – ave­vo per­so par­zial­men­te le di­ta dei pie­di e non po­te­vo più ar­ram­pi­ca­re come pri­ma. Ho fat­to co­mun­que al­tre prime ascen­sio­ni nel­le Do­lo­mi­ti, ma i do­lo­ri mi tor­men­ta­va­no. È sta­to lì che ho de­ci­so: “Ri­man­go nell’at­ti­vi­tà in mon­ta­gna, ma di­ven­to un al­pi­ni­sta, uno spe­cia­li­sta d’al­ta quota”. E co­sì so­no sta­to in Su­da­me­ri­ca, Alaska, Africa, ho fat­to il Ki­li­man­gia­ro, gli ot­to­mi­la, in­som­ma le mie ascen­sio­ni al­pi­ni­sti­che». Ma c’era an­co­ra un al­tro bi­vio sul­la strada. «Do­po l’everest mi so­no det­to che non c’era­no al­tri li­mi­ti da su­pe­ra­re. Co­sì ho ini­zia­to a fa­re le tra­ver­sa­te dei po­li, dei de­ser­ti. Poi un in­ci­den­te al tal­lo­ne mi ha por­ta­to a cam­bia­re vi­ta un’al­tra vol­ta: mi so­no mes­so a fa­re de­gli stu­di sul­lo Ye­ti e sul­le mon­ta­gne sa­cre, poi mi han­no but­ta­to nel Parlamento eu­ro­peo (do­ve fu elet­to nel 1999 come in­di­pen­den­te nel­la li­sta dei Verdi ita­lia­ni, ndr) ».

Se non ho per­so il con­to, do­vrem­mo es­se­re ar­ri­va­ti al­la sua se­sta vi­ta... «Esat­to, quel­la de­di­ca­ta ai miei musei, cin­que gran­di spa­zi espo­si­ti­vi in va­ri pun­ti del Sud­ti­ro­lo do­ve ho cer­ca­to di rias­su­me­re tut­to ciò che ho por­ta­to a ca­sa dal­le mie espe­rien­ze: re­li­quie, ar­te,

«NON SI RI­SCHIA PIÙ. L’AL­PI­NI­SMO

È DIVENTATO SOLO BU­SI­NESS

E TU­RI­SMO»

ci­ta­zio­ni. Gli ul­ti­mi quin­di­ci an­ni li ho de­di­ca­ti a que­sto». Il se­sto Mes­sner Mountain Mu­seum inau­gu­re­rà il pros­si­mo lu­glio a Plan de Co­ro­nes, in una strut­tu­ra pro­get­ta­ta da Za­ha Ha­did.

E poi? «E poi stop. Ri­par­to da zero, pas­so ai gio­va­ni. An­che se un po’ mi di­spia­ce la­scia­re il pe­so di que­sta re­spon­sa­bi­li­tà sul­le spal­le di al­tri. Mia fglia sem­bra ab­bia vo­glia di oc­cu­par­si dei musei, ha fat­to le Bel­le ar­ti e stu­dia­to Economia. Mio fglio in­ve­ce stu­dia Bio­lo­gia e va in gi­ro per il mon­do ad ar­ram­pi­ca­re. Adesso è in Oman, qual­che me­se fa è sta­to in Pa­ta­go­nia».

Mes­sner co­mun­que non si fer­ma. Dai 75 an­ni in avan­ti ve­de una sua set­ti­ma vi­ta. «Gi­re­rò dei flm sul­la mon­ta­gna. Ve­ri flm, non do­cu­men­ta­ri. I lun­go­me­trag­gi sul te­ma che han­no ri­scos­so mag­gio­re suc­ces­so ne­gli ul­ti­mi an­ni so­no ter­ri­bi­li. Ver­ti­cal Li­mit di Mar­tin Cam­p­bell, per esem­pio: tre­men­do. Vo­glio qual­co­sa di nuo­vo, di di­ver­so».

Quan­do par­la di mon­ta­gna e di al­pi­ni­smo, Mes­sner è sem­pre se­ris­si­mo. Ma non si è di­ver­ti­to al­me­no un po’ nel­le sue ascen­sio­ni? «Ne­gli ul­ti­mi die­ci an­ni gli al­pi­ni­sti han­no ten­ta­to di par­la­re solo di fun. Ma nes­su­no mi può di­re che è fun sa­li­re su un set­te­mi­la, da una via nuo­va e nel mez­zo di una bu­fe­ra. Ecco: di recente ho visto un fil­ma­to sull’au­stria­co Han­sjörg Auer, se­con­do me al mo­men­to uno dei più for­ti al­pi­ni­sti del mon­do. Uno che ha fat­to da solo il Pesce sul­la pa­re­te sud del­la Mar­mo­la­da, che è una co­sa fol­le. Be’, nel vi­deo lo si ve­de du­ran­te una pri­ma sa­li­ta su un 7.400 me­tri, il Ku­nyang Ch­hi­sh nel Ka­ra­ko­rum, una ci­ma se­con­da­ria ma mol­to bel­la: lì ve­di la su­spen­se, l’in­si­cu­rez­za, la tem­pe­sta di ghiac­cio, il na­so pie­no. L’ef­fet­to è di­stur­ban­te, ma ci re­sti­tui­sce un’espe­rien­za sul­la na­tu­ra uma­na, più che su quel­la ester­na. Pri­ma del­la con­qui­sta del Cer­vi­no, di cui si ce­le­bra a lu­glio il cen­to­cin­quan­te­si­mo an­ni­ver­sa­rio, si an­da­va in al­ta mon­ta­gna per stu­dia­re la pres­sio­ne dell’aria, c’era un in­te­res­se scien­ti­f­co, og­gi per me quel­lo che con­ta è pro­prio la na­tu­ra uma­na».

E pen­sa­re che le ul­ti­me vi­te di Mes­sner so­no il frut­to di uno scher­zo del de­sti­no. «Do­po es­se­re sfug­gi­to al­la col­li­sio­ne dei ghiac­ci al Po­lo Nord e al­le tem­pe­ste del mon­te Be­lu­cha, in Si­be­ria, fnii in trap­po­la a ca­sa mia», rac­con­ta. «Di not­te, sot­to la piog­gia. Ero ri­ma­sto sen­za chia­vi e i bam­bi­ni ave­va­no freddo. Mi ar­ram­pi­cai sul mu­ro, sci­vo­lai: frat­tu­re al tal­lo­ne destro e rot­tu­ra del mal­leo­lo». La fne del­le esplo­ra­zio­ni fsi­che, l’ini­zio di quel­le cul­tu­ra­li. Domani si ve­drà.

«NES­SU­NO PUÒ DIR­MI CHE È FUN

SA­LI­RE SU UN SET­TE­MI­LA CON

LA BU­FE­RA» «Gi­re­rò film, ve­ri film, sul­la mon­ta­gna:

quel­li in cir­co­la­zio­ne so­no ter­ri­bi­li»

DA DE­STRA, IN SEN­SO ORARIO: MES­SNER CON WAL­TER BO­NAT­TI; CON LA FI­GLIA PIÙ PIC­CO­LA, AN­NA; SULL’EVEREST NEL 1980

MES­SNER NEL 2000, DI NUO­VO SUL NAN­GA PAR­BAT ( PA­KI­STAN): NEL­LA PRI­MA SPE­DI­ZIO­NE, DEL 1970, PER­SE LA VI­TA SUO FRA­TEL­LO GÜN­THER

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.