Una pi­sta

DA S B A L LO

GQ (Italy) - - Pura Vida -

A più di 37 an­ni dal­le sue fa­vo­lo­se not­ti, lo Stu­dio 54 ri­ma­ne, nei ricordi di mol­ti, un ri­tro­vo per not­tam­bu­li in­cro­cia­to con un cul­to dio­ni­sia­co. Aper­to nel­la primavera del 1977 da un pa­io di in­tra­pren­den­ti amici, Ste­ve Ru­bell e Ian Schra­ger, il night club sul­la 54esi­ma Strada di Ma­n­hat­tan è una di quel­le leg­gen­de ur­ba­ne di cui chi ha avu­to mo­do di co­no­scer­la par­la an­co­ra con un sor­ri­so in­cre­du­lo. Per 33 me­si l’ex stu­dio 52 del­la Cbs Te­le­vi­sion, ri­con­ver­ti­to in una fabbrica di suo­ni mar­tel­lan­ti, si gua­da­gnò le prime pa­gi­ne dei gior­na­li.

Qua­le star era fug­gi­ta in­sie­me a un aiu­to ca­me­rie­re ve­sti­to solo di pantaloncini stri­min­zi­ti per un di­ver­tis­se­ment pri­va­to nel­la sua li­mou­si­ne? Chi ave­va la­scia­to una bor­sa Hal­ston pie­na di son­ni­fe­ri sul divano del­la toi­let­te del­le si­gno­re? Ogni se­ra era una nuo­va pun­ta­ta in un reality show an­te lit­te­ram, con pro­ta­go­ni­sti come Mick Jag­ger, Cher, An­dy Warhol, Jac­kie O, Va­len­ti­no, Far­rah Fa­w­cett, Calvin Klein, Ryan O’neal, Li­za Min­nel­li e Mi­chael Jack­son, l’uni­co ado­le­scen­te cui era con­ces­so gio­ca­re con i suo­ni e le lu­ci del dj.

Ba­sta­va l’idea del­la com­pa­gnia di que­ste star ad at­ti­ra­re l’at­ten­zio­ne dei gio­va­ni be­ne­stan­ti del New Jersey, ac­cu­ra­ta­men­te se­le­zio­na­ti tra una fol­la di

NON ERA QUESTIONE DI LOOK MA DI VI­BRA­ZIO­NI E M A N AT E DAG L I O S P I T I

aspi­ran­ti da Ste­ve Ru­bell, ap­pol­la­ia­to sul suo sga­bel­lo fuori dall’in­gres­so. Dai due enor­mi am­pli­fi­ca­to­ri tuo­na­va­no le vo­ci di Glo­ria Gay­nor, Ste­vie Won­der e Gra­ce Jo­nes, fa­cen­do vi­bra­re il pa­vi­men­to. Lu­ci laser fre­ne­ti­che il­lu­mi­na­va­no la pi­sta e gli an­go­li più bui, tra­sfor­ma­ti in al­co­ve per flir­ta­re (nel mi­glio­re dei ca­si). L’idea, come spie­ga og­gi Ian Schra­ger, era quel­la di bom­bar­da­re tutti i sen­si, in mo­do per­ma­nen­te. Era come un par­co dei di­ver­ti­men­ti per adul­ti. A se­con­da del­la se­ra­ta, il lo­ca­le po­te­va es­se­re in­va­so da un’or­da di Hell’s Angels in sel­la a rom­ban­ti Har­ley, ad­dob­ba­to come Pe­chi­no, con gli ospiti por­ta­ti qua e là in let­ti­ga (il com­plean­no del ri­sto­ra­to­re

«Ve­ro. E di­re che non so­no af­fat­to un ti­po no­stal­gi­co! Una vol­ta Ber­ry Gordy, il fon­da­to­re del­la Mo­to­wn, dis­se: “Se la sto­ria non la rac­con­ta il cacciatore, la rac­con­te­rà il leone”».

Sa­rà il li­bro de­fi­ni­ti­vo sull’era del­la di­sco ma­nia?

«In real­tà lo Stu­dio 54 non era fat­to tan­to per la di­sco. Era­no gli An­ni 70: è sta­to il con­te­sto so­cia­le a crea­re lo Stu­dio 54. Era­no in at­to dei cam­bia­men­ti ra­di­ca­li. La pil­lo­la an­ti­con­ce­zio­na­le era di­ven­ta­ta di uso quo­ti­dia­no. L’eu­ro­pa e il re­sto de­gli Sta­ti Uni­ti guar­da­va­no a New York, tutti si pre­ci­pi­ta­va­no lì. Pren­de­va pie­de la sce­na gay e ini­zia­va a fa­re cultura, rac­co­glien­do il te­sti­mo­ne dal­la co­mu­ni­tà ne­ra che ave­va fat­to cultura fi­no a quel mo­men­to. Lo Stu­dio 54 si tro­va­va in mez­zo a tut­to que­sto. Le cose non ac­ca­do­no nel vuo­to».

« S O LTA N TO

LA MA­FIA G UA DAG N A P I Ù SOL­DI DI NOI»

Que­sto chia­ri­sce per­ché gli os­ser­va­to­ri, per spie­ga­re il suo suc­ces­so, par­li­no sem­pre di una mi­sce­la per­fet­ta di fre­quen­ta­to­ri. La vo­stra se­le­zio­ne all’in­gres­so, che era qua­si come un ca­sting, fa par­te del­la leg­gen­da.

«Sì, pe­rò non era un lo­ca­le eli­ta­rio».

Tro­vi? Quan­to­me­no era un lo­ca­le che ba­da­va al look.

«Ste­ve usa­va la stes­sa di­scre­zio­ne che use­re­sti tu per una cena a ca­sa sua. Quel­lo espan­si­vo lo fai sedere vi­ci­no a quel­lo ti­mi­do, co­sì da ave­re una cena pia­ce­vo­le con del­le bel­le con­ver­sa­zio­ni. Ma non era questione di look. Era questione di vi­bra­zio­ni, del­lo spi­ri­to che ema­na­va dal­le per­so­ne. Vo­le­va­mo crea­re uno spa­zio in cui le don­ne non fos­se­ro in­fa­sti­di­te da­gli uo­mi­ni, un am­bien­te per­fet­to per fe­steg­gia­re, fat­to di leg­ge­rez­za e di en­tu­sia­smo. Qual­co­sa di al­che­mi­co fra gente di va­rio ti­po. Fa­re bel­le se­ra­te e in­tan­to fa­re ot­ti­mi affari. Og­gi chia­ra­men­te fa­rei en­tra­re an­che tutti i ban­chie­ri [ ride]. Ma og­gi ci vor­reb­be tutt’al­tro ti­po di po­sto. Che lo fac­cia qual­cun al­tro».

Pe­rò stai ri­co­min­cian­do ad av­via­re dei club nei tuoi ho­tel, no?

«Di­cia­mo che de­vo tro­va­re il mo­do mi­glio­re per con­vin­ce­re a bal­la­re que­sta gente co­sì se­ria! Per me an­da­re in un club si­gni­fi­ca la­sciar­si an­da­re. Bal­la­re e su­da­re a più non pos­so. Allo Stu­dio 54 vo­le­va­mo pro­prio que­sto. Io e Ste­ve pun­ta­va­mo tut­to sul­la pi­sta da bal­lo, non sul bar, non sul­la zo­na loun­ge. La pi­sta. Tut­to si spri­gio­na­va da lì, in un cer­to sen­so. Il mio ri­cor­do più vi­vo del­lo Stu­dio 54 è di gente in frac che fu il com­plean­no di Va­len­ti­no. Gian­car­lo Giam­met­ti eb­be l’idea di un te­ma cir­cen­se. Io creai una pi­sta con la sab­bia e del­le si­re­ne su un tra­pe­zio. Giam­met­ti si fe­ce pre­sta­re da Fel­li­ni i co­stu­mi del suo film clo­wns. Va­len­ti­no in­ter­pre­ta­va il pre­sen­ta­to­re con la giac­chet­ta ros­sa, e la mo­del­la Ma­ri­na Schia­no fa­ce­va la chi­ro­man­te con il pap­pa­gal­lo sul­la spal­la. Per noi quel­le se­ra­te era­no uno stru­men­to di mar­ke­ting per pro­muo­ve­re il lo­ca­le».

E per fa­re col­po a tutti i co­sti non vi fa­ce­va­te scru­po­li, nem­me­no a usa­re dei na­ni come pez­zi d’ar­re­do?

«Le no­stre fe­ste di Hal­lo­ween era­no sem­pre le più fol­li. Per quel­la con i na­ni, in par­ti­co­la­re, mi ispi­rai a Hie­ro­ny­mus Bo­sch. Per le sce­ne la­vo­ra­vo con Mark Ra­vi­tz, lo sce­no­gra­fo sto­ri­co di Da­vid Bowie. Ka­rin Ba­con, la fa­mo­sa cu­ra­tri­ce di even­ti, ci aiu­ta­va a tro­va­re gli ar­ti­sti. Mark ave­va pro­get­ta­to va­ri ti­pi di por­te, e die­tro a ognu­na c’era­no di­ver­si ta­bleaux vi­van­ts ispi­ra­ti ai qua­dri di Bo­sch. Ri­cor­do la sce­na di una fa­mi­glia di na­ni che man­gia­va gal­let­ti an­zi­ché tac­chi­ni per ri­spet­ta­re le pro­por­zio­ni. C’era un dop­pio pa­vi­men­to di ple­xi­glas con del­le lu­ci viola e dei to­po­li­ni bian­chi che ci cor­re­va­no den­tro».

La car­ta vin­cen­te del­lo Stu­dio 54 era quell’in­cre­di­bi­le schie­ra di ce­le­bri­tà. Come ave­te fat­to a ra­du­na­re tut­ta quel­la gente?

«Mol­ti era­no amici di Ste­ve, io ne co­no­sce­vo qual­cu­no. Ave­va­mo un fo­to­gra­fo a tem­po pie­no e, sic­co­me vo­le­va­mo che le foto cir­co­las­se­ro an­che in Eu­ro­pa, ogni mat­ti­na spe­di­va­mo le foto al­le ri­vi­ste di tut­to il mon­do. Pri­ma di noi c’era­no solo pet­te­go­lez­zi sui ricchi, l’am­bien­te mon­da­no. Noi ab­bia­mo in­ven­ta­to la cultura del­le ce­le­bri­tà pro­prio mentre si af­fer­ma­va­no le ri­vi­ste di gos­sip. Per me, fra l’al­tro, quel­la cultura è fi­ni­ta con Pa­ris Hil­ton. Que­ste Kar­da­shian... Che sen­so ha? Al­me­no le no­stre ce­le­bri­tà ave­va­no pro­dot­to qual­co­sa. Og­gi in­ve­ce pri­ma di­ven­ti una ce­le­bri­tà, e poi t’in­ven­ti qual­co­sa da fa­re».

E che mi di­ci del­la mo­da?

«A quei tempi era­va­mo nell’epo­ca d’oro del­la mo­da. Calvin Klein, Hal­ston, Yves Saint Laurent, Lagerfeld, Ver­sa­ce, Ar­ma­ni era­no tutti gran­di sostenitori del­lo Stu­dio 54. Il mon­do del­la mo­da era uno dei no­stri pilastri. Og­gi è tut­to mol­to più usa e get­ta, no? Za­ra, le gran­di mul­ti­na­zio­na­li... Non fa per me quel­la ro­ba. Mi pia­ce­reb­be tor­na­re al­la sem­pli­ci­tà. Al­la qua­li­tà in­tra­mon­ta­bi­le. Ora va­do pazzo per Hermès».

Una vol­ta hai par­te­ci­pa­to a un’asta con­tro lo stes­so edi­to­re di GQ Usa per com­pra­re la ri­vi­sta De­tails. Rim­pian­gi di non es­se­re en­tra­to nell’in­du­stria dell’en­ter­tain­ment?

«I rim­pian­ti non so­no una co­sa che col­ti­vo. L’uni­co che ho è quel­lo che è suc­ces­so con lo Stu­dio 54. Sa­rà sem­pre una fon­te di ricordi. Dol­ci ma an­che ama­ri».

«C’ERA UNA SO­LA REGOLA:

BAL­LA­RE E S U DA R E »

DI MA­N­HAT­TAN 54ESI­MA STRADA NON, DEL CLUB SUL­LA 2015) OSPITI, UMA­NI E PERS­SON, TA­SCHEN STU­DIO 54 BY HAS­SE (FOTO TRAT­TA DA

Te­sto di CA­RO­LE SABAS Foto di RON GA­LEL­LA

SO­PRA, IL PA­DRE DEL­LA POP ART AN­DY WARHOL AC­COM­PA­GNA­TO DAL­LA CAN­TAN­TE ( E SUA MU­SA) GRA­CE JO­NES. A DE­STRA, I DUE FON­DA­TO­RI IAN SCHRA­GER E STE­VE RU­BELL. ERA IL 13 GIU­GNO 1978 E BAL­LA­VA­NO TUTTI ALLO STU­DIO 54 PER IL PAR­TY IN OC­CA­SIO­NE DEL­LA PRI­MA DEL MU­SI

WOODY ALLEN CON MI­CHAEL JACK­SON GLI AT­TO­RI PAUL BA­KERS E MAR­GAUX HEMINGWAY 3, 4, 7, 8. SCE­NE DI OR­DI­NA­RIA FOL­LIA NOT­TUR­NA NEL MI­TI­CO CLUB, TRAT­TE AN­CO­RA DAL LI­BRO DI HAS­SE PERS­SON 5. IL PAR­RUC­CHIE­RE ARA GAL­LANT E DIA­NE VON FUR­STEN­BERG IL CO­STU­MI­STA JACQ

2. 1.

7 6 2 3 5 4

Sul­la pi­sta del­lo Stu­dio 54 va­le­va tut­to: «Po­te­vi sta­re in frac, in jeans o nudo»

OLI­VIA NEW­TON-JOHN ALAN E IL CARR. PRO­DUT­TO SO­PRA, RE PAUL NEWMAN

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.