F E L P E T TA ROS­SA TRION­FE­RÀ

Pran­zo ai conf­ni del tem­po con MAURIZIO LAN­DI­NI: «Sto do­ve so­no. Il fu­tu­ro è nel sin­da­ca­to»

GQ (Italy) - - Super ! - Te­sto di FRAN­CE­SCO MERLO

Che Gue­va­ra è un tuo mi­to ro­man­ti­co? «No. Mi in­can­ta­no di più la vo­ce di Fio­rel­la Man­no­ia e la poe­sia di Ro­ber­to Be­ni­gni». E chi so­no i tuoi mo­del­li? «Di Vit­to­rio e Clau­dio Sa­bat­ti­ni, Pier­re Car­ni­ti e Bru­no Tren­tin, Ber­lin­guer e In­grao». Pau­sa. «E ov­via­men­te Mas­si­mo Troi­si». Per­ché? «Vo­le­va fa­re nel ci­ne­ma quel che io vor­rei fa­re nel sin­da­ca­to: ri­da­re di­gni­tà al­la rab­bia, all’in­di­gna­zio­ne, lui con la potenza del riso, io con la potenza del la­vo­ro».

Fa­rai il par­ti­to del la­vo­ro? «No. Io vo­glio cam­bia­re l’ita­lia cam­bian­do il sin­da­ca­to. E non ca­pi­sco per­ché più dico che non mi can­di­de­rò in po­li­ti­ca e più la gente si con­vin­ce che mi vo­glio can­di­da­re in po­li­ti­ca». Per­ché in Ita­lia, gli ri­spon­do, han­no tutti co­min­cia­to co­sì: men­ten­do. E ci­to Ber­lu­sco­ni, Mon­ti, Gril­lo, ma an­che Cof­fe­ra­ti e Pro­di. «Ma io, con la fa­mo­sa dop­piez­za ita­lia­na, non c’en­tro nul­la. Den­tro la mia te­sta c’è il sin­da­ca­to». E pe­rò la tua “coa­li­zio­ne so­cia­le” è un mo­vi­men­to. Hai ri­chia­ma­to in ser­vi­zio i di­men­ti­ca­ti gi­ro­ton­di­ni di Nan­ni Mo­ret­ti, gli eter­ni pro­fes­sio­ni­sti del furore. Ri­schi di bruciare nel so­li­to fuo­co fa­tuo: «Il con­gres­so del­la Cgil è fra tre an­ni. La­vo­ro per quel­lo».

Si può di­ven­ta­re se­gre­ta­ri an­che sen­za con­gres­so? « La segretaria at­tua­le non fu elet­ta dal con­gres­so nel 2010 » . Di­co­no che fai più po­li­ti­ca che con­trat­ti: «Li sf­do a con­tar­li e a tro­va­re un sin­da­ca­li­sta che ne ha fat­ti più di me».

Maurizio Lan­di­ni mi la­scia en­tra­re den­tro la sua te­sta di operaio sin­da­ca­li­sta che ha il ta­vo­lo pie­no di li­bri che non leg­ge. «Me li man­da­no. E restano qui » . E tu co­sa leg­gi? «Mi piac­cio­no i gialli. Vá­z­quez Mon­tal­bán è il mio pre­fe­ri­to. Ma leg­go an­che gli ita­lia­ni: Lu­ca­rel­li per esem­pio». Pe­rò scri­vi. «Per­ché ser­ve. Ma fac­cio una gran­de fa­ti­ca. E da solo non ce la fa­rei. C’è sem­pre qual­cu­no che mi aiu­ta». E mi

« R A P P R E S E N TO L A R I V I N C I T A D E L D E CO R O P R O L E T A R I O : MODE S T I A , S O L I D A R I E TÀ , MA AN­CHE IN­DI­GNA­ZIO­NE»

sti­le “mi­ni­ma­li­smo cal­do”, es­sen­zia­li­tà ed ec­ces­so: «Il sin­da­ca­to di­ven­ta ca­sa di ve­tro e si in­cen­dia di so­le».

Nel suo ro­man­zo di for­ma­zio­ne «non ci so­no dro­ghe e ri­vol­te gio­va­ni­li. Non ho gi­ra­to il mon­do, non par­lo le lin­gue». Come un Totò emi­lia­no dice: «Ho fat­to il mi­li­ta­re a Tra­pa­ni». E poi: «Non ho tem­po per il ci­ne­ma, non ve­do la tv, fac­cio le fe­rie a Ga­bic­ce per­ché amo nuo­ta­re, ho gio­ca­to al cal­cio da me­dia­no, mi pia­ce la can­zo­ne ita­lia­na, De Gre­go­ri, Zuc­che­ro, Li­ga­bue... E so­no at­trat­to dal­le bel­le vo­ci per­ché mio pa­dre e mio zio can­ta­va­no le ro­man­ze: “La bion­di­na di Vo­ghe­ra / sem­pre ha in co­re di quel dì, / il gar­zon che al­la ri­vie­ra / diel­le un bacio... e poi fug­gì”. Ma io non so can­ta­re. Mio fra­tel­lo Leo­ni­da è mol­to bravo».

«In te­le­vi­sio­ne va­do do­ve ser­ve, ma non da Ve­spa»

Le ori­gi­ni umi­li che for­se so­no sta­te an­che una pe­na di­ven­ta­no un de­sti­no al­la Frank Ca­pra: «Gua­da­gno 2.300 eu­ro al me­se». E non è un vez­zo la ma­gliet­ta del­la sa­lu­te: «Me la im­po­se la mam­ma per­ché ero ca­gio­ne­vo­le e ora, se me la tol­go, mi raf­fred­do».

La rab­bia pia­ce « pro­prio per­ché do sui ner­vi: ho una brut­ta fac­cia per be­ne » che Ren­zi li­qui­da come fe­no­me­no te­le­vi­si­vo «per­ché so­gna una Cgil fa­ci­le da bat­te­re».

Maurizio Lan­di­ni in tv non è l’al­le­gro Ber­ti­not­ti con un por­ta­si­ga­ri ap­pe­so al col­lo, il ca­che­mi­re e la erre mo­scia. «Io gi­ro tutti i ca­na­li, va­do do­ve ser­ve, ma non da Ve­spa». Gli oc­chia­li di me­tal­lo? «Mi ac­cor­si che ero mio­pe per­ché non leg­ge­vo i car­tel­li in autostrada, ma un me­di­co biz­zar­ro mi dis­se che era dia­be­te e mi mi­se a die­ta: con­ti­nuai a non ve­der­ci ma ero diventato un fgu­ri­no».

Il suo na­so­ne al­la Cy­ra­no de Ber­ge­rac bu­ca lo scher­mo «per ricordare a Ren­zi co­sa vuol di- re la fne del­le buo­ne ma­nie­re nel­le fab­bri­che, nel­le strade, nel con­fit­to so­cia­le, nell’ita­lia po­ve­ra e di­spe­ra­ta che sen­za più un oriz­zon­te è Gril­lo, è Sal­vi­ni, è il fa­sci­smo».

È na­to nell’ap­pen­ni­no reg­gia­no a Ca­stel­no­vo ne’ Mon­ti, ai pie­di del­la ru­pe di Bi­sman­to­va, do­ve Dan­te im­ma­gi­nò l’eden. «E in­fat­ti og­gi so­no i luo­ghi del “vi­ve­re slow”: i boschi, il Bud­di­smo...». Lan­di­ni, che in tv è fu­rio­so come l’or­lan­do, tor­na len­to e gen­ti­le solo a San Po­lo d’en­za, a due passi dal castello di Ma­til­de di Ca­nos­sa, do­ve si umi­liò En­ri­co IV: «Tut­te le settimane an­che io va­do a Ca­nos­sa». Dal­la mo­glie, che ha sposato nel 1998, e che la­vo­ra in Co­mu­ne. Ma Lan­di­ni non vuo­le che se ne scri­va nep­pu­re il no­me di bat­te­si­mo: «È un pat­to tra

«A die­ci an­ni era­va­mo uo­mi­ni fat­ti... e co­mu­ni­sti»

I poveri stan­no be­ne? «Stan­no be­ne se la­vo­ra­no, se pos­so­no an­da­re all’uf fi­cio di col­lo­ca­men­to come ai tempi dei di­rit­ti». Come ai tempi di pa­pà? «Pa­pà to­glie­va i tron­chi dal­le strade, mam­ma sta­va in ca­sa, e ogni tan­to an­da­va a fa­re le pu­li­zie da qual­che par­te. C’era­no già tan­tis­si­mi ope­rai in quei pae­set­ti dell’ap­pen­ni­no reg­gia­no,

«SO­NO P R O N TO A I CAM­BIA­MEN­TI

MA D AI PA R T I G I A N I NON MI S C H I O DA NES­SU­NO»

IL SE­GRE­TA­RIO Maurizio Lan­di­ni, 53 an­ni, è a ca­po del­la Fiom- Cgil dal giu­gno 2010

SUL PAL­CO Lan­di­ni con l’im­man­ca­bi­le fel­pa ros­sa, a Ro­ma, du­ran­te una ma­ni­fe­sta­zio­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.