3. Va­che­ron Con­stan­tin Har­mo­ny

GQ (Italy) - - Alfredo - Te­sto di PAO­LO DE VEC­CHI

La cas­sa di for­ma “cous­sin” è in oro ro­sa, il cro­no­gra­fo mec­ca­ni­co a ca­ri­ca ma­nua­le for­ni­sce in­di­ca­zio­ni lun­go la sca­la pul­so­me­tri­ca e ha fun­zio­ni at­ti­va­te dal pul­san­te coas­sia­le al­la co­ro­na di ca­ri­ca e re­go­la­zio­ne: i det­ta­gli sti­li­sti­ci evo­ca­no i mo­del­li An­ni 30 usa­ti dai me­di­ci per mi­su­ra­re le pul­sa­zio­ni.

Tra­spa­ren­za e leg­ge­rez­za di gran­de sug­ge­stio­ne per una del­le più re­cen­ti se­rie spe­cia­li di Car­tier, cui si ag­giun­ge la par­ti­co­la­re ar­chi­tet­tu­ra del mo­vi­men­to che ne esal­ta ul­te­rior­men­te le qua­li­tà este­ti­che. L’astro­tour­bil­lon Sche­le­tra­to è una crea­zio­ne con­ce­pi­ta e svi­lup­pa­ta nel com­par­ti­men­to d’al­ta oro­lo­ge­ria del­la mai­son fran­ce­se con l’idea di con­no­ta­re sti­li­sti­ca­men­te quel­la che di per se stes­sa è una par­ti­co­la­ri­tà mec­ca­ni­ca, mol­to com­ples­sa, ma pur sem­pre un pu­ro da­to tec­ni­co. Gli oro­lo­giai di Car­tier han­no dun­que con­cen­tra­to le lo­ro at­ten­zio­ni sul tour­bil­lon, rein­ven­tan­do­lo com­ple­ta­men­te. Il fa­mo­so di­spo­si­ti­vo, che in­glo­ba il bi­lan­cie­re e che con la sua ro­ta­zio­ne com­pen­sa le ir­re­go­la­ri­tà di mar­cia dell’oro­lo­gio, con­ti­nua qui ad as­sol­ve­re la pro­pria fun­zio­ne, ma ag­giun­gen­do una for­te sug­ge­stio­ne este­ti­ca. La mai­son fran­ce­se non è nuo­va a ope­ra­zio­ni del ge­ne­re: ba­sti pen­sa­re al­le pen­do­let­te misteriose de­gli An­ni 30, i cui in­di­ci su un qua­dran­te in cristallo di roc­ca at­tra­ver­sa­to dal­la lu­ce sem­bra­no gal­leg­gia­re nel vuo­to. Si trat­ta di un ge­nia­le gio­co di pre­sti­gio che, spo­stan­do il mo­vi­men­to den­tro la ba­se del­la pen­do­let­ta da ta­vo­lo, svuo­ta da ogni ele­men­to fun­zio­na­le il re­tro del qua­dran­te, con­sen­ten­do­ne ap­pun­to la tra­spa­ren­za.

Il re­go­la­to­re di mar­cia sem­bra un pianeta in or­bi­ta

Nel ca­so dell’astro­tour­bil­lon Sche­le­tra­to la tro­va­ta è quel­la di pren­de­re la gabbia al cui in­ter­no ruo­ta il tour­bil­lon e di far­la muovere a sua vol­ta lun­go la cir­con­fe­ren­za ester­na del qua­dran­te. Fa­cen­do­le im­pie­ga­re esat­ta­men­te 1 mi­nu­to per ogni gi­ro com­ple­to e do­tan­do­la di una pun­ta, in mo­do da fun­zio­na­re an­che come lan­cet­ta dei se­con­di. Per esal­ta­re que­sto bel gio­co este­ti­co è sta­ta stu­dia­ta un’ar­chi­tet­tu­ra del mo­vi­men­to che con­cen­tra tut­te le parti fun­ zio­na­li in un uni­co bloc­co cen­tra­le, in mo­do che il re­go­la­to­re di mar­cia sem­bri un cor­po ce­le­ste in or­bi­ta (da cui il no­me di astro­tour­bil­lon) nel vuo­to crea­to to­glien­do la mag­gior par­te pos­si­bi­le del­la ma­te­ria che co­sti­tui­sce l’oro­lo­gio (è que­sto il sen­so del­la pa­ro­la sche­le­tra­to). Il se­gre­to sta tut­to nei pon­ti a for­ma di gran­di ci­fre romane al 6 e al 12 che, ol­tre a in­di­ca­re l’ora, for­ma­no la strut­tu­ra su cui pog­gia il mec­ca­ni­smo. Un mo­vi­men­to mec­ca­ni­co a ca­ri­ca ma­nua­le for­ma­to da ben 233 ele­men­ti che in­te­ra­gi­sco­no in uno spa­zio straor­di­na­ria­men­te ri­dot­to (38 mil­li­me­tri di dia­me­tro e uno spes­so­re di po­co più di 8). Va da sé che un og­get­to del ge­ne­re è da con­si­de­rar­si tra le at­tua­li ec­cel­len­ze con cui Car­tier pre­si­dia il mon­do dell’al­ta oro­lo­ge­ria e che la pro­du­zio­ne è di gran­de ra­ri­tà. Da tutti i pun­ti di vi­sta, a co­min­cia­re dal prezzo (il co­sto si ag­gi­ra sui 180mi­la eu­ro) per ar­ri­va­re al­la quan­ti­tà (la pro­du­zio­ne è li­mi­ta­ta e nu­me­ra­ta a 100 esem­pla­ri), pas­san­do dal pre­gio del­la cas­sa in oro bianco.

IL RO­TON­DE DE CAR­TIER ASTRO­TOUR­BIL­LON HA MO­VI­MEN­TO MEC­CA­NI­CO A CA­RI­CA MA­NUA­LE. LA GABBIA DEL TOUR­BIL­LON COM­PIE OGNI MI­NU­TO UN GI­RO COM­PLE­TO NEL QUA­DRAN­TE TRA­SPA­REN­TE

SOLO 100 ESEM­PLA­RI PER IL NUO­VO CAR­TIER CON CAS­SA IN ORO BIANCO, CO­RO­NA CON ZAF­FI­RO BLU, CIN­TU­RI­NO IN AL­LI­GA­TO­RE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.