Ho sposato un’alie­na

D i N I C CO LÒ A M M A N I T I

GQ (Italy) - - Fuori Luogo -

Du­ran­te una cena al ri­sto­ran­te ho sco­per­to che mia mo­glie Mar­ta vuo­le fa­re lo scam­bio di part­ner con i Can­to­ni, una cop­pia di amici che fre­quen­tia­mo da an­ni.

I Can­to­ni, ma so­prat­tut­to Fran­ce­sca, so­no mol­to ec­ci­ta­ti dall’idea. L’ul­ti­ma vol­ta che li ave­vo visti ec­ci­ta­ti era sta­to quan­do Ren­zi ave­va vin­to le pri­ma­rie.

E do­po qual­che in­de­ci­sio­ne i tre han­no de­ci­so che il pros­si­mo wee­kend an­dre­mo a Positano in un bell’al­ber­go a scam­biar­ci. Ora che è mer­co­le­dì e man­ca po­co allo scam­bio, de­vo ammetterlo, so­no pre­oc­cu­pa­to.

Io e mia mo­glie stia­mo in­sie­me da di­ciot­to an­ni ora­mai, ab­bia­mo due fi­gli ado­le­scen­ti, e Mar­ta pri­ma di me ha avu­to solo un pa­io di fdan­za­ti­ni al li­ceo. Ha sem­pre de­te­sta­to tut­to quel­lo che si spo­stas­se dal sesso più con­ven­zio­na­le, come di­re, po­co di­ret­to ver­so la pro­crea­zio­ne.

La por­no­gra­fia la di­sgu­sta, qualsiasi mia fan­ta­sia l’ha sem­pre tro­va­ta ri­di­co­la e im­ba­raz­zan­te. Ne­gli ul­ti­mi tre an­ni ab­bia­mo fat­to l’amo­re non lo so... ven­ti vol­te, for­se trenta. Qual­che me­se fa mi ha det­to che non le an­da­va più e che mi do­ve­vo ar­ran­gia­re da solo. Co­sa si­gni­f­ca­va, che mi do­ve­vo am­maz­za­re di se­ghe o cer­car­mi qual­che aman­te oc­ca­sio­na­le? Ho de­ci­so che po­te­va es­se­re la se­con­da ipotesi e quin­di ogni tan­to ho del­le re­la­zio­ni ex­tra­co­niu­ga­li, po­co im­pe­gna­ti­ve e po­co sod­di­sfa­cen­ti con la geo­me­tra che si è oc­cu­pa­ta del­la ri­strut­tu­ra­zio­ne del mio stu­dio. Di tut­to que­sto, ov­via­men­te, mia mo­glie è sta­ta te­nu­ta all’oscu­ro.

Quin­di, sa­pe­re che Mar­ta, im­prov­vi­sa­men­te, sen­za ra­gio­ne, vuo­le fa­re una co­sa a quat­tro mi ha im­pen­sie­ri­to. E non lo vuo­le fa­re cer­can­do part­ner in un si­to di scam­bi­sti ma con amici ca­ri, con cui an­dia­mo al ci­ne­ma il sa­ba­to se­ra o in bi­ci­clet­ta la do­me­ni­ca.

Lunedì ho sco­per­to che Mar­ta ha cam­bia­to gli psi­co­far­ma­ci, quel­li che usa­va da an­ni per cu­rar­si una leg­ge­ra de­pres­sio­ne che la ren­de­va me­lan­co­ni­ca e fa­ci­le al­le la­cri­me. Ho su­bi­to pen­sa­to che que­sta stra­na fan­ta­sia fos­se do­vu­ta all’ef fet­to del nuo­vo far­ma­co che chis­sà che diavolo le ave­va com­bi­na­to nel cer­vel­lo. Ov­via­men­te non ne ho par­la­to con lei. Se c’è una co­sa che la fa in­caz­za­re è quan­do at­tri­bui­sco le sue rea­zio­ni agli an­ti­de­pres­si­vi. L’idea di es­se­re go­ver­na­ta da mo­le­co­le che ren­do­no me­no ve­ri i suoi pen­sie­ri e le sue emo­zio­ni la fa im­bu­fa­li­re.

Ci può sta­re che una, a qua­rant’an­ni, sco­pra di volersi sco­pa­re Gio­van­ni Can­to­ni che, fno al­la settimana pas­sa­ta, era l’uo­mo più no­io­so e scial­bo del mon­do? «Uno che», pa­ro­le sue, «è co­sì no­io­so che ri­schi di ad­dor­men­tar­ti mentre ti sta par­lan­do».

Mar­te­dì, poi, so­no tor­na­to a ca­sa dal la­vo­ro e ho tro­va­to sul­la tavola to­fu, ger­mo­gli di so­ia e far­ro. La mia co­to­let­ta era spa­ri­ta. A far­la bre­ve, Mar­ta è di­ven­ta­ta pu­re ve­ga­na. Co­sì, da un gior­no all’al­tro. È pas­sa­ta da ado­ra­re la chia­ni­na al san­gue al mi­ne­stro­ne in me­no di ven­ti­quat­tro ore. E mi ha det­to. «Se vuoi la car­ne, io non la cu­ci­no. Ti pren­di giù in ro- stic­ce­ria un pol­lo allo spie­do». Che tra l’al­tro mi fa schi­fo.

Voi al mio po­sto non sa­re­ste pre­oc­cu­pa­ti? Quin­di, per ri­ca­pi­to­la­re, mia mo­glie Mar­ta, ma­dre pre­mu­ro­sa di due fgli, in me­no di una settimana è di­ven­ta­ta una scam­bi­sta ve­ga­na. Non ho nien­te né con­tro gli scam­bi­sti né con­tro i ve­ga­ni, ma se co­no­sce­ste la mia Mar­ta so­no si­cu­ro sa­re­ste in­quie­ti pu­re voi. Non con­ten­ta, ha or­ga­niz­za­to il wee­kend a Positano con quei due pazzi.

Ieri, do­po una not­te in­son­ne, ho chia­ma­to il suo psi­co­te­ra­peu­ta e con mil­le im­ba­raz­zi ho cer­ca­to di chie­der­gli se le nuo­ve me­di­ci­ne di mia mo­glie aves­se­ro de­gli ef­fet­ti col­la­te­ra­li. Ma quel­lo mi ha trat­ta­to ma­lis­si­mo e mi ha det­to che esi­ste il se­gre­to pro­fes­sio­na­le e di que­ste cose ne de­vo par­la­re con Mar­ta. Ho cer­ca­to su in­ter­net, sui forum me­di­ci, ma non ci ho ca­pi­to nul­la.

Ho sem­pre so­gna­to, sin da quan­do ero ra­gaz­zi­no, di fa­re scam­bio di cop­pie, e Fran­ce­sca con que­gli oc­chi da por­ca mi ha sem­pre ec­ci­ta­to da mo­ri­re, ma adesso mi è pas­sa­ta la vo­glia. Ho tan­ta pau­ra. Mia mo­glie non è più lei.

Ho ri­vi­sto l’invasione de­gli ul­tra­cor­pi in te­le­vi­sio­ne e ho ca­pi­to: è abi­ta­ta da un alien.

Op­pu­re me la vuo­le far pa­ga­re per quel­la tre­sca con la geo­me­tra?

DA TIMIDONA A SCAM­BI­STA, DA CAR­NI­VO­RA A VE­GA­NA, IN 24 ORE. STRA­NO, NO?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.