Lar­ry Pa­ge (Goo­gle)

PAR­LA UNO DEI RE DEL MON­DO

GQ (Italy) - - Da Prima Pagina - Te­sto di RI­CHARD WA­TERS Foto di da­vid BLACK

Una recente rior­ga­niz­za­zio­ne di Goo­gle ha af­f­da­to la re­spon­sa­bi­li­tà di gran par­te del­le at­ti­vi­tà azien­da­li a un suo vi­ce, dan­do mo­do a Lar­ry Pa­ge di de­di­car­si a progetti an­co­ra più am­bi­zio­si. In al­tre pa­ro­le, l’in­ter­net com­pa­ny più po­ten­te al mon­do è pron­ta a in­ve­sti­re nel­la tec­no­lo­gia del fu­tu­ro i pro­ven­ti del mo­no­po­lio tra i motori di ri­cer­ca.

Guar­dan­do ai pros­si­mi cen­to an­ni, Pa­ge dice: «Pro­ba­bil­men­te sa­re­mo in gra­do di ri­sol­ve­re mol­ti dei pro­ble­mi dell’uma­ni­tà». È pas­sa­to un de­cen­nio dal­la ven­ta­ta di idea­li­smo che ave­va ac­com­pa­gna­to la quo­ta­zio­ne in Bor­sa di Goo­gle, e tutti i di­scor­si pro­gram­ma­ti­ci sul «non fa­re del ma­le» e sul «ren­de­re il mon­do un po­sto mi­glio­re» suo­na­no ora un po’ su­pe­ra­ti.

«La fi­na­li­tà so­cia­le ri­ma­ne il no­stro obiet­ti­vo pri­ma­rio»

Il po­te­re e la ric­chez­za di Goo­gle han­no su­sci­ta­to ri­sen­ti­men­to e pro­vo­ca­to rea­zio­ni for­ti, so­prat­tut­to in Eu­ro­pa, do­ve la so­cie­tà è sot­to inchiesta per il mo­do in cui eser­ci­ta il suo po­te­re in Rete. Pa­ge, co­mun­que, non si di­sco­sta di un mil­li­me­tro dai prin­ci­pi al­trui­sti­ci e dal­le am­bi­zio­ni smi­su­ra­te che, in tempi me­no sospetti, lui e il co-fon­da­to­re Ser­gey Brin con­di­vi­de­va­no. «La fna­li­tà so­cia­le è il no­stro obiet­ti­vo pri­ma­rio», dice. « Con Goo­gle ab­bia­mo sem­pre cer­ca­to di di­re que­sto. For­se non ci sia­mo riu­sci­ti quan­to avrem­mo vo­lu­to».

Nep­pu­re la mis­sio­ne di «or­ga­niz­za­re il mon­do dell’in­for­ma­zio­ne e ren­der­lo uni­ver­sal­men­te ac­ces­si­bi­le e uti­le» è ab­ba­stan­za per ciò che Pa­ge ha in men­te in que­sto mo­men­to. L’obiet­ti­vo: uti­liz­za­re i ri­ca­vi de­gli in­ve­sti­men­ti pub­bli­ci­ta­ri per af­fer­mar­si nei set­to­ri più pro­met­ten­ti del fu­tu­ro, dal­la bio­tec­no­lo­gia al­la ro­bo­ti­ca. Al­la do­man­da se ciò si­gni­f­chi per Goo­gle for­mu­la­re una nuo­va mis­sio­ne, ri­spon­de: « Cre­do di sì » . Ma spe­ci­f­ca: « Stia­mo an­co­ra cer­can­do di def­nir­la».

Nel no­stro in­con­tro nel­la sua so­cie­tà nel­la Silicon Valley, Pa­ge è par­so ti­mi­do, in net­to con­tra­sto con la si­cu­rez­za osten­ta­ta dal­la mag­gior par­te dei ca­pi­ta­ni d’azien­da. Inol­tre, con­sa­pe­vo­le del­la re­spon­sa­bi­li­tà che com­por­ta di­ri­ge­re una so­cie­tà con 55mi­la di­pen­den­ti sem­pre più sot­to i ri­fet­to­ri, sce­glie le pa­ro­le con più at­ten­zio­ne di quan­to fa­ces­se una vol­ta. Tut­ta­via l’am­bi­zio­ne è la stes­sa, e le sue idee so­no sem­pre di am­pia por­ta­ta – an­che se, da buon pa­dre di due fgli pic­co­li, dice di es­se­re diventato più sen­si­bi­le ad al­cu­ni te­mi in par­ti­co­la­re, come ad esem­pio l’istru­zio­ne.

Larr y Pa­ge è al ti­mo­ne di una del­le so­cie­tà più po­ten­ti del mon­do, in un mo­men­to sto­ri­co in cui l’on­da­ta di pro­gres­so tec­no­lo­gi­co mi­nac­cia di sov­ver­ti­re i pa­ra­dig­mi so­cia­li ed eco­no­mi­ci. Goo­gle ha obiet­ti­vi estre­ma­men­te am­bi­zio­si, ep­pu­re, per quan­to pos­sa spen­de­re in nuo­ve ini­zia­ti­ve, i gua­da­gni – og­gi su­pe­rio­ri ai 73 mi­liar­di di dol­la­ri – con­ti­nua­no a cre­sce­re. «Sia­mo in un ter­ri­to­rio an­co­ra ine­splo­ra­to», dice. «Stia­mo cer­can­do di orien­tar­ci. Come pos­sia­mo usa­re tut­te que­ste ri­sor­se e ave­re un im­pat­to più po­si­ti­vo sul mon­do?». Per gli in­ve­sti­to­ri di Goo­gle, già in al­ler­ta per l’en­ti­tà del­le scom­mes­se a lun­go ter­mi­ne del­la so­cie­tà, po­treb­be es­se­re solo l’ini­zio.

Per come la ve­de Pa­ge, è tut­ta una questione di am­bi­zio­ne – un be­ne che nel mon­do, sem­pli­ce­men­te, scar­seg­gia. A suo di­re la Silicon Valley, tut­to­ra epi­cen­tro dell’in­du­stria high te­ch, è di­ven­ta­ta mio­pe. Gran par­te del de­na­ro

«Usa­re 73 mi­liar­di migliora la vit a a m o lt i »

che af­fui­sce nel set­to­re è at­ti­ra­to dal­la pro­mes­sa di fa­ci­li pro­fit­ti de­ri­van­ti dall’ul­ti­mo boom, spie­ga: « Puoi crea­re una so­cie­tà In­ter­net con die­ci per­so­ne e mi­liar­di di uten­ti. Non ci vuo­le un gran ca­pi­ta­le e si fan­no tan­ti sol­di – dav­ve­ro tan­ti – per­ciò è na­tu­ra­le che tutti si con­cen­tri­no su que­sto ge­ne­re di cose».

«Il ve­ro mo­to­re non è il pro­gres­so, ma l’am­bi­zio­ne»

Pa­ge ri­tie­ne che solo una cin­quan­ti­na di in­ve­sti­to­ri sia pron­ta a pun­ta­re su tec­no­lo­gie dav­ve­ro in­no­va­ti­ve, quel­le in gra­do di cam­bia­re nel con­cre­to la vi­ta del­la mag­gior par­te de­gli abi­tan­ti del pianeta. Né la man­can­za di fon­di né gli osta­co­li tec­ni­ci pos­so­no fre­na­re le gran­di idee; quan­do si in­se­guo­no in­no­va­zio­ni come quel­le che lui ha in men­te, «il ve­ro mo­to­re non è il pro­gres­so tec­ni­co, ben­sì la gente che ci la­vo­ra nu­tren­do del­le am­bi­zio­ni».

Le isti­tu­zio­ni – i governi, so­prat­tut­to – non pre­sta­no ab­ba­stan­za at­ten­zio­ne a que­ste pos­si­bi­li­tà: « Gli in­ve­sti­men­ti po­treb­be­ro es­se­re mol­ti di più». Al­la do­man­da se deb­ba­no es­se­re le so­cie­tà pri­va­te, an­zi­ché gli Sta­ti, a so­ste­ne­re i progetti scien­ti­f­ci più lun­gi­mi­ran­ti e am­bi­zio­si del mon­do, ri­bat­te: «Be’, qual­cu­no de­ve pur far­lo».

Fi­glio di un pro­fes­so­re di in­for­ma­ti­ca, Pa­ge ha una men­ta­li­tà da in­ge­gne­re. Pa­re che nel­le riu­nio­ni in­ter­ne ado­ri ad­den­trar­si nel­le que­stio­ni tec­ni­che – la ge­stio­ne dei cen­tri da­ti di Goo­gle, la spe­sa ener­ge­ti­ca o la strut­tu­ra del­le re­ti di di­stri­bu­zio­ne elet­tri­ca. Per lui non c’è nul­la che non si pos­sa mi­glio­ra­re e ren­de­re più ef­f­cien­te.

Una recente vi­si­ta a una star­tup che la­vo­ra sul­la fu­sio­ne nu­clea­re l’ha en­tu­sia­sma­to per la pro­spet­ti­va di una ri­vo­lu­zio­ne ener­ge­ti­ca a bas­so co­sto. Un’al­tra star­tup l’ha sor­pre­so mo­stran­do­gli come sia pos­si­bi­le “leg­ge­re” la men­te di un sog­get­to a cui ven­go­no sot­to­po­ste del­le immagini: «Un grup­po di per­so­ne in­tel­li­gen­ti e mo­ti­va­te con 50mi­la dol­la­ri può fa­re gran­di pro­gres­si. Ma al mo­men­to que­ste real­tà so­no an­co­ra po­che».

Al­cu­ne del­le gran­di scom­mes­se di Goo­gle ri­guar­da­no set­to­ri che Pa­ge de­fi­ni­sce «mar­gi­na­li» − do­ve, cioè, le so­lu­zio­ni tec­no­lo­gi­che sem­bra­no a por­ta­ta di ma­no, ma, per qual­che ra­gio­ne, non han­no an­co­ra ri­ce­vu­to suf­f­cien­te at­ten­zio­ne. Ci­ta come esem­pio le au­to sen­za con­du­cen­te e le ma­lat­tie che af­fig­go­no gli an­zia­ni − cam­po, que­st’ul­ti­mo, di cui si è oc­cu­pa­ta sua mo­glie a Stan­ford. Og­gi, at­tra­ver­so una nuo­va con­so­cia­ta, la Ca­li­co, Goo­gle ha in pro­gram­ma di in­ve­sti­re cen­ti­na­ia di mi­lio­ni di dol­la­ri nel set­to­re del­le bio­tec­no­lo­gie. «Quan­do di­cia­mo che fa­re­mo una co­sa, la gente ci cre­de, per­ché ab­bia­mo le ri­sor­se per far­la. In que­sto, Goo­gle è un’azien­da uni­ca».

Ri­spet­to agli ini­zi spu­meg­gian­ti, pe­rò, quan­do ogni ini­zia­ti­va ve­ni­va ac­col­ta da un pub­bli­co ado­ran­te con l’in­dul­gen­za di un ge­ni­to­re che lo­da gli sca­ra­boc­chi del fglio, il pro­gres­so tec­no­lo­gi­co co­min­cia a su­sci­ta­re qual­che ti­mo­re. «Cre­do che la gente ne ve­da solo il la­to di­strut­ti­vo », com­men­ta Pa­ge. «Non pensa che una cer­ta co­sa pos­sa ri­vo­lu­zio­na­re dav­ve­ro la vi­ta... Non si sen­te coin­vol­ta nel­la tra­sfor­ma­zio­ne, que­sto è il pro­ble­ma».

Eter­no ot­ti­mi­sta quan­do si par­la di tec­no­lo­gie, è con­vin­to che tut­to cam­bie­rà. I rapidi pro­gres­si nel cam­po dell’in­tel­li­gen­za ar­ti­f­cia­le, per esem­pio, per­met­te­ran­no ai com­pu­ter e ai ro­bot di svol­ge­re mol­te man­sio­ni. Aven­do la pos­si­bi­li­tà di non la­vo­ra­re, no­ve per­so­ne su die­ci «non fa­reb­be­ro ciò che fan­no ora». E se a qual­cu­no di­spia­ces­se per­de­re il pro­prio la­vo­ro? Se la tec­no­lo­gia l’ha re­so ob­so­le­to, so­stie­ne Pa­ge, rim­pian­ger­lo è as­sur­do. «L’idea che, solo per man­te­ne­re il po­sto di la­vo­ro, tutti deb­ba­no sgob­ba­re con ri­sul­ta­ti po­co ef­f­cien­ti non ha per me al­cun sen­so. Non può es­se­re la giu­sta ri­spo­sta».

Un al­tro be­ne­f­cio por­ta­to dal­la tec­no­lo­gia sa­rà l’ab­bas­sa­men­to dei prez­zi di mol­ti be­ni e ser­vi­zi. Si pro­spet­ta una de­fa­zio­ne mas­sic­cia: «An­che se mol­ti po­sti di la­vo­ro sal­te­ran­no, in bre­ve tem­po è pro­ba­bi­le che ciò sia com­pen­sa­to dal­la di­mi­nu­zio­ne del co­sto del­le cose di cui ab­bia­mo bi­so­gno, un aspet­to mol­to im­por­tan­te di cui non si par­la».

Le nuo­ve tec­no­lo­gie, spie­ga, ren­de­ran­no le im­pre­se die­ci vol­te più ef­f­cien­ti. A pat­to che si ar­ri­vi a una ri­du­zio­ne dei prez­zi: «Pen­so che le cose che de­si­de­ria­mo per vi­ve­re co­mo­da­men­te pos­sa­no di­ven­ta­re mol­to, mol­to più eco­no­mi­che». Il crol­lo dei prez­zi nel set­to­re im­mo­bi­lia­re po­treb­be far par­te del qua­dro. Più del­la tec­no­lo­gia, ser­vi­reb­be­ro cam­bia­men­ti po­li­ti­ci at­ti a ren­de­re i ter­re­ni più di­spo­ni­bi­li per l’edi­li­zia. Non c’è mo­ti­vo per cui un’abi­ta­zio­ne me­dia a Pa­lo Al­to, nel cuo­re del­la Silicon Valley, deb­ba co­sta­re più di un mi­lio­ne di dol­la­ri an­zi­ché 50mi­la dol­la­ri, se­con­do Pa­ge.

A mol­ti, l’idea di cam­bia­men­ti co­sì ra­di­ca­li nel­la pro­pria con­di­zio­ne eco­no­mi­ca po­treb­be sem­bra­re il­lu­so­ria, se non in­quie­tan­te. La pro­spet­ti­va di mi­lio­ni di po­sti di la­vo­ro re­si ob­so­le­ti, del va­lo­re de­gli immobili re­si­den­zia­li in crol­lo e dei prez­zi dei be­ni di uso quo­ti­dia­no in una spi­ra­le de­fa­zio­ni­sti­ca ap­pa­re tutt’al­tro che pa­ra­di­sia­ca. Ma in un si­ste­ma ca­pi­ta­li­sta, sot­to­li­nea Pa­ge, l’eli­mi­na­zio­ne dell’inef­f­cien­za at­tra­ver­so la tec­no­lo­gia de­ve es­se­re per­se­gui­ta fno al­la sua lo­gi­ca con­clu­sio­ne. «Non puoi spe­ra­re che non ac­ca­da: ac­ca­drà di si­cu­ro. Ci sa­ran­no svi­lup­pi sor­pren­den­ti nell’economia. Quan­do avre­mo com­pu­ter in gra­do di svol­ge­re sem­pre più com­pi­ti, cam­bie­rà il no­stro mo­do di con­ce­pi­re il la­vo­ro. Non c’è mo­do di evi­tar­lo».

«Ma come or­ga­niz­ze­re­mo le no­stre de­mo­cra­zie?»

Quan­do si di­scu­te di po­li­ti­ca, Pa­ge, come mol­ti tec­ni­ci, è su­bi­to a disagio nel trat­ta­re ar­go­men­ti a cui non si può ap­pli­ca­re il ri­go­re del­la tec­no­lo­gia. «Cre­do che que­ste cose su­sci­ti­no un’an­go­scia tre­men­da, da cui bi­so­gne­reb­be usci­re», dice, an­che se non ha mol­te idee concrete sul come. «Fa­re qual­co­sa in mo­do di­ver­so a li­vel­lo di so­cie­tà è mol­to dif­f­ci­le, e non pen­so sia un be­ne. Ci so­no do­man­de fon­da­men­ta­li a cui non si pensa. Come or­ga­niz­ze­re­mo le no­stre de­mo­cra­zie? È un bel pro­ble­ma. Se con­si­de­ria­mo il li­vel­lo di sod­di­sfa­zio­ne del­la gente, ne­gli Sta­ti Uni­ti non sta au­men­tan­do ma ca­lan­do. E ciò è mol­to pre­oc­cu­pan­te».

Ri­guar­do all’eu­ro­pa e allo scar­so sup­por­to da­to al­le im­pre­se e al­la tec­no­lo­gia, Pa­ge

«Nien­te può fre­na­re dav v e r o le gr an­di idee» «Sal­te­ran­no po­sti di la­vo­ro, ma di­mi­nui­rà il co­sto del­le cose che ci ser­vo­no. Di­cia­mo­lo»

com­men­ta: «Cre­do che mol­ti dei lo­ro pro­ble­mi di­pen­da­no esat­ta­men­te da que­sto». Ma un gros­so osta­co­lo è pro­prio den­tro ca­sa: i li­mi­ti di ciò che un’azien­da può fa­re. Pa­ge rac­con­ta di una di­scus­sio­ne che ave­va di fre­quen­te con Ste­ve Jobs: «Mi di­ce­va sem­pre: “Fai trop­pe cose”. E io di­ce­vo a lui: “Tu non ne fai ab­ba­stan­za”».pa­ge ar­go­men­ta­va: «A che ser­ve ave­re tan­te per­so­ne e tan­ti mi­liar­di se non in­ve­stia­mo per mi­glio­ra­re la vi­ta del­la gente? Se ci li­mi­tia­mo a fa­re quel­lo che fa­ce­va­mo pri­ma e non in­tro­du­cia­mo nien­te di nuo­vo, per me è un crimine».

L’idea­li­smo non gli im­pe­di­sce di ri­co­no­sce­re il pro­ble­ma del­la sua am­bi­zio­ne per­so­na­le. «Ste­ve ave­va ra­gio­ne quan­do mi di­ce­va: “Lar­ry, puoi ge­sti­re solo un cer­to nu­me­ro di cose”». Il suo suc­ces­so va con­tro le sta­ti­sti­che che han­no fre­na­to le gran­di azien­de in pas­sa­to, spe­cial­men­te nel set­to­re high te­ch, in cui po­chi lea­der so­no riu­sci­ti a fa­re il salto qua­li­ta­ti­vo.

«Le azien­de più gran­di han­no tut­te di­men­sio­ni si­mi­li, al­me­no in ter­mi­ni di ca­pi­ta­liz­za­zio­ne del mer­ca­to», spie­ga Pa­ge, che si ren­de con­to dei li­mi­ti con­tro cui la sua azien­da sta già spin­gen­do. «Di­cia­mo che rea­liz­ze­re­mo tut­te que­ste cose im­por­tan­ti, ma non ci so­no al­tre azien­de che lo fac­cia­no». Ul­ti­ma­men­te sem­bra ci sia sta­ta un’evo­lu­zio­ne nel­la sua vi­sio­ne di come rom­pe­re le bar­rie­re in­vi­si­bi­li. Goo­gle X, il la­bo­ra­to­rio in­ter­no crea­to dal co-fon­da­to­re Ser­gey Brin, ha co­min­cia­to a sup­por­ta­re nuo­ve gran­di idee, con progetti qua­li i Goo­gle Glass. Del co­stan­te im­pe­gno del so­cio nell’in­se­gui­re le gran­di sf­de, lui di­ce­va: «Si spin- ge sem­pre all’estre­mo e que­sto è mol­to im­por­tan­te».

Og­gi Pa­ge sta spe­ri­men­tan­do la crea­zio­ne di unità azien­da­li au­to­no­me con l’in­ca­ri­co di co­strui­re nuo­ve gran­di im­pre- se sot­to l’ala di Goo­gle. Ol­tre a Ca­li­co, ci sa­rà una di­vi­sio­ne di do­mo­ti­ca, Ne­st, e una nuo­va unità per l’ac­ces­so a In­ter­net e all’ener­gia. Ne­gli ul­ti­mi due an­ni Goo­gle è sta­to il più gran­de in­ve­sti­to­re di ca­pi­ta­le a ri­schio del­la Silicon Valley e non c’è al­cun mo­del­lo per il ti­po di azien­da che vuo­le di­ven­ta­re. Ma se c’è una per­so­na che ha in sé mol­te del­le qua­li­tà ne­ces­sa­rie per riu­sci­re in que­sta im­pre­sa è il fa­mo­so in­ve­sti­to­re War­ren Buf­fett. «Quel­lo che stia­mo fa­cen­do è for­ni­re ca­pi­ta­le a lun­go ter­mi­ne, pa­zien­te». Pa­ge ha un’età che an­co­ra gli per­met­te di guar­da­re lon­ta­no. Ma, con un’am­bi­zio­ne sconf­na­ta come la sua, la pa­zien­za è for­se un’al­tra questione.

« m i di c e va sem­pre st ev e jo b s : “tu F ai trop­pe cos e ” »

La­w­ren­ce “Lar­ry” Pa­ge: nel 1997, ad ap­pe­na 24 an­ni, ha fon­da to goo­gle con L’ami­co ser­gey Brin

Po­che settimane fa la com­mis­sio­ne an­tri­tru­st dell’unio­ne eu­ro­pea ha aper­to una Pro­ce­du­ra con­tro i ser­vi­zi di ri­cer­ca di goo­gle Per abu­so di Po­si­zio­ne do­mi­nan­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.