Giu­sep­pe Cru­cia­ni

IN­TER­VI­STA­TO DA FRAN­CE­SCO MERLO

GQ (Italy) - - Da Prima Pagina - Te­sto di FRAN­CE­SCO MERLO

«Am­met­to che La Zan­za­ra è ir­ri­pe­ti­bi­le an­che per­ché il con­te­sto è au­to­re­vo­le». La radio del­la Confn­du­stria no­bi­li­ta la scoreggia? «Evi­den­zia ed esal­ta la tra­sgres­sio­ne». Come La Settimana Enig­mi­sti­ca pe­rò sie­te co­pia­ti: La Giungla, Lo Zoo, La Bel­va. Hai in­cen­dia­to il sot­to­suo­lo. «Ma La Zan­za­ra è una co­mu­ni­tà». Sie­te la so­la de­stra vi­va che c’è in Ita­lia. «Bum!». Ve­dia­mo: Adi­nol­fi an­nun­cia che la don­na de­ve es­se­re sot­to­mes­sa, poi ar­ri­va Bor­ghe­zio e ce­le­bra Brei­vik, Squi­tie­ri elo­gia la pe­do­flia, Vat­ti­mo vie­ne a di­re che Israe­le è peg­gio di Hitler... e se la por­no­star flo­so­feg­gia, Cac­cia­ri fa la mos­sa. «E la gente ride e pensa». Al di là del­la ri­sa­ta, c’è il cef­fo del raz­zi­smo italiano, Cal­de­ro­li è il Bom­bo­lo del­la Le­ga: «È ve­ro che la cat­ti­ve­ria in Ita­lia ha sem­pre avu­to una fac­cia co­mi­ca, ma...». Non sa­reb­be me­glio to­glie­re la pa­ro­la a chi dice che «i rom so­no ci­bo per ma­ia­li» e che «ogni de­te­nu­to sui­ci­da è uno in me­no da man­te­ne­re»? «To­glie­re la pa­ro­la non è il no­stro sti­le. Al­la Zan­za­ra ognu­no dice quel che vuo­le».

«Un pro­gram­ma ir­ri­pe­ti­bi­le, per il con­te­sto au­to­re­vo­le»

Giu­sep­pe Cru­cia­ni non so­mi­glia al­la sua Zan­za­ra. Non hai, gli dico, il fsi­co al­le­gro e di­spet­to­so del­la tua tra­smis­sio­ne: più che uno scoc­cia­to­re sem­bri uno scoc­cia­to. «È ve­ro che so­no un in­tro­ver­so e ho scat­ti d’umo­re. Ma La Zan­za­ra non è solo can­zo­na­tu­ra. È an­che stiz­zo­sa, umo­ra­le come me, sca­ri­ca col­le­re. Non è ve­ro che non mi so­mi­glia».

La Zan­za­ra sei tu, come Flau­bert era Ma­da­me Bo­va­ry? « La Zan­za­ra non è un li­bro. È radio, è un’ope­ra col­let­ti­va. Quel­li che te­le­fo­na­no con­ta­no più di me. È l’ita­lia scan­zo­na­ta, ma è an­che la di­spe­ra­zio­ne ita­lia­na». Sei un de­pres­so? «Mai in sen­so pa­to­lo­gi­co. Sof­fro di de­pres­sio­ne di crea­ti­vi­tà. Quan­do mi sen­to vuo­to, di­ven­to pre­da del cat­ti­vo umo­re».

La Zan­za­ra è an­co­ra gior­na­li­smo? « Non so se è gior­na­li­smo. So che ci ascol­ta­no, in­ter­ven­go­no, si di­ver­to­no e ra­gio­na­no». La be­stem­mia? «No. Ma per il re­sto tut­to si può di­re, an­che “co­glio­ne”, “pa­gliac­cio”, “ma che caz­zo di­ci?”. E “pal­le les­se”». An­che: «La Boc­cas­si­ni an­dreb­be cac­cia­ta a pe­da­te nel cu­lo» op­pu­re «il Pa­pa è una spe­cie di clo­wn». Tua ma­dre ti ascolta? «Po­co». E co­sa ti dice? «Di non esa­ge­ra­re con le pa­ro­lac­ce». E tu esa­ge­ri? «For­se ogni tan­to. Ma non fac­cio una tra­smis­sio­ne per mia ma­dre».

Le pia­ce il tuo suc­ces­so? «Non si la­scia se­dur­re dal­la va­ni­tà». È lei che ti ha cre­sciu­to? «Sì. Pa­pà è mor­to pre­sto. La­vo­ra­va al­la Perfetti, di­ret­to­re com­mer­cia­le » . Qual­cu­no ha ere­di­ta­to il suo la­vo­ro? «Mia so­rel­la. Mio fra­tel­lo in­ve­ce fa il re­gi­sta». Sei ro­ma­no? «Sì, ma la mia cit­tà è Mi­la­no. A Ro­ma non po­trei più vi­ve­re». Fa­mi­glia ric­ca? «Pa­pà vi­ve­va di sti­pen­dio. Per fortuna mia ma­dre ave­va qual­che be­ne. Pensa che all’uni­ver­si­tà sta­vo da solo in una gran­de ca­sa in via del Governo Vec­chio. Non fun­zio­na­va nul­la, ma era bel­la. Non c’era nep­pu­re l’acqua cal­da, e for­se per que­sto non mi pia­ce tan­to far­mi la doc­cia. In radio lo dico spes­so che la­var­si trop­po fa ma­le».

«Pre­fe­ri­sco il vaf­fan­cu­lo di­ret­to a quel­lo au­li­co»

La Zan­za­ra è an­che la radio de­gli odo­ri for­ti: ec­ci­ta la ple­be ita­lia­na in cer­ca d’au­to­re. « C’è an­che un mon­do “al­to” che ci ascolta » . Nel mon­do “al­to” il tur­pi­lo­quio e i pen­sie­ri in libertà si chia­ma­no “fus­si di co­scien­za”. «Ecco. Quan­do sta­vo a Radio Ra­di­ca­le, la chia­mam­mo Radio Pa­ro­lac­cia».

L’in­so­len­za ra­di­ca­le, la febbre les­si­ca­le di Pan­nel­la, la radio post­mo­der­na e sra­di­ca­ta di Bor­din so­no l’ori­gi­ne “al­ta” del­la tua Zan­za­ra?

«OG­GI, PER LA VE­RI­TÀ, NON SO SE S TIA PIÙ IN AL­TO LA SCOREGGIA O LA PO­LI­TIC A»

Il­lu­stra­zio­ne di ELI­SA­BE­TH MOCH

GIU­SEP­PE CRU­CIA­NI Gior­na­li­sta, 48 an­ni, con­du­ce La Zan­za­ra dal 2006

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.