IL QUE­STIO­NA­RIO DI CHAR­LES DE GAULLE

GQ (Italy) - - Alfredo - COSTANTINO DEL­LA GHERARDESCA

an­co­ra gio­va­ne...». Da lì è sta­ta la vol­ta del­la li­ri­ca “pop” di An­drea Bo­cel­li, del­la per­for­man­ce in cop­pia con Psy, quel­lo del Gang­nam Style, per i Giochi Asia­ti­ci in Co­rea del Sud, ac­can­to ai Me­tal­li­ca du­ran­te l’ese­cu­zio­ne di One ai Gram­my dell’an­no scor­so, fno allo ze­ni­th del­lo scor­so feb­bra­io quan­do, allo Sta­ples Cen­ter di Los An­ge­les, si è alleato con Phar­rell Wil­liams e il compositore Hans Zimmer per lan­ciar­si in un gran­dio­so as­so­lo nel bel mez­zo di Happy.

L’uni­ca ve­ra do­man­da da por­gli, dun­que, è: quan­do in­ci­de­rà un di­sco pop? La ri­spo­sta è sor­pren­den­te: «In real­tà vor­rei re­gi­stra­re un al­bum re­spi­ran­do l’aria di New York, le vi­bra­zio­ni che emet­te quel­la me­tro­po­li. Qual­che cri­ti­co mi ha sug­ge­ri­to di ten­ta­re la strada del jazz, ma non so­no un ge­nio come Kei­th Jar­rett e le mie im­prov­vi­sa­zio­ni vi fa­reb­be­ro scap­pa­re do­po qual­che mi­nu­to ( scop­pia a ri­de­re). Il pop in­ve­ce mi ispi­ra: Phar­rell sa co­niu­ga­re per­fet­ta­men­te for­ma e so­stan­za. Pe­rò...».

«Il jazz di Kei­th Jar­rett? No, io pre­fe­ri­sco Phar­rell»

Lang Lang si in­ter­rom­pe, i re­spon­sa­bi­li di Hu­blot lo re­cla­ma­no. Il pro­di­gio­so ci­ne­se vie­ne in­vi­ta­to a se­der­si al pia­no per so­no­riz­za­re l’ar­te del­la fu­sio­ne a cui ab­bia­mo ap­pe­na as­si­sti­to. Tem­po die­ci mi­nu­ti e ha con­clu­so il set, ma in quel bre­ve spa­zio è come se fos­se­ro tran­si­ta­te nel­le orec­chie tut­te le me­lo­die che gli 88 ta­sti di un pia­no­for­te pos­so­no emet­te­re: dai Not­tur­ni più ele­gan­ti al rag-time da bor­del­lo, pas­san­do per il Ro­man­ti­ci­smo eu­ro­peo.

Il pros­si­mo ap­pun­ta­men­to è fis­sa­to con Hol­ly­wood

Di­ce­va­mo, il suo di­sco pop? «Ci vor­rà del tem­po. Per crea­re un’ope­ra si­mi­le avrò bi­so­gno di bra­ni so­li­di come roc­cia. Can­zo­ni eter­ne che non fac­cia­no sem­bra­re il pia­no­for­te un me­ro stru­men­to d’ac­com­pa­gna­men­to. Mi im­ma­gi­no rit­mi­che hip hop e me­lo­die fan­ta­sti­che, ar­ran­gia­men­ti gran­dio­si e ar­mo­nie ce­le­stia­li. Chi lo sa, ma­ga­ri un gior­no ac­ca­drà. Pri­ma pe­rò vor­rei fa­re una co­sa a Hol­ly­wood».

Bel­la no­ti­zia, an­che que­sta: nel 2006 Lang Lang in­ci­se le mu­si­che per la co­lon­na so­no­ra de Il ve­lo di­pin­to, dram­mo­ne in­ter­pre­ta­to da Edward Nor­ton e Nao­mi Watts, am­bien­ta­to nel­la Ci­na più ru­ra­le. «Sta­vol­ta pen­so a una co­lon­na so­no­ra tut­ta mia per un film ad al­to budget. Nien­te di spe­ri­men­ta­le, per ca­ri­tà».

Non ag­giun­ge di più. « La mia agen­da è sem­pre stra­pie­na: Ba­si­lea, Lipsia, Lon­dra, Mi­la­no. Pe­rò so­no bravo a ge­sti­re il tem­po. Il do­no di na­tu­ra con­ta, è ve­ro, ma se ce l’ho fat­ta io che so­no sta­to espul­so dal Con­ser­va­to­rio per “man­can­za di ta­len­to”... » . Ma al­lo­ra come è riu­sci­to ad ar­ri­va­re co­sì in al­to? «Cre­do che sia più una questione di es­se­re al po­sto giu­sto, nel mo­men­to giu­sto e con l’idea giu­sta». A sen­ti­re lui sem­bra qua­si fa­ci­le.... È at­to­re, re­gi­sta, au­to­re, ro­man­zie­re, dop­pia­to­re, sal­tim­ban­co. Ma è sta­to an­che cam­pio­ne di pat­ti­nag­gio in Umbria e cu­bi­sta nel­le di­sco­te­che. Fi­lip­po Ti­mi, clas­se 1974, pe­ru­gi­no, è un ar­ti­sta po­lie­dri­co, di­rom­pen­te, al ci­ne­ma quan­to a tea­tro e in te­le­vi­sio­ne (e, si­cu­ra­men­te, lo è an­co­ra sul cu­bo). Un Car­me­lo Be­ne o un An­to­nin Ar­taud dei no­stri tempi che ha in­ter­pre­ta­to ruo­li ma­schi­li im­por­tan­ti: Or­feo, Per­ce­val, Don Gio­van­ni, Amleto. E an­che fem­mi­ni­li, come l’ul­ti­mo tra­vol­gen­te di Mrs Fai­ry­ta­le nel­lo spet­ta­co­lo di suc­ces­so Fa­vo­la. In tv l’ab­bia­mo visto pro­ta­go­ni­sta nel­la se­con­da se­rie (e par­reb­be an­che una ter­za, an­co­ra da gi­ra­re) pro­dot­ta da Sky I delitti Al ci­ne­ma in­ve­ce lo ri­ve­dre­mo ne L’ul­ti­mo vam­pi­ro di Mar­co Bel­loc­chio e an­che in Ica­ros: A Vi­sion, un flm di Leo­nor Ca­ra­bal­lo e Mat­teo Nor­zi sul­la pau­ra e sul suo su­pe­ra­men­to. Ti­mi ar­ti­sta sen­za om­bre? Oc­chio a non far­gli per­de­re la pa­zien­za...

Qual è il profumo/acqua di co­lo­nia che me­glio rap­pre­sen­ta la tua ani­ma?

«Il sa­po­ne di Marsiglia ».

Che qua­li­tà am­mi­ri in un ri­sto­ran­te?

«L’il­lu­mi­na­zio­ne, per­ché ren­de il ci­bo più bel­lo. E an­che più buo­no ».

Che qua­li­tà de­si­de­ri in un al­ber­go?

« Quan­do so­no in tour­née, non en­tro in stan­za se non ve­do il piu­mo­ne sul let­to ».

Qual è la tua com­pa­gnia ae­rea pre­fe­ri­ta?

«Non mi in­te­res­sa “qua­le” ma “do­ve”: de­vo es­se­re in pri­ma clas­se ».

Co­sa de­te­sti più di tut­to, nell’ar­re­da­men­to?

«Il fn­to par­quet. È brut­to e non fa rumore ».

Che va­lu­ta in­ter­na­zio­na­le vor­re­sti es­se­re?

«Per­li­ne co­lo­ra­te, le stes­se che usa­va­no i co­lo­ni come mo­ne­ta di scam­bio con gli in­dia­ni d’ame­ri­ca ».

Qual è il ge­ne­re di scar­pa

che di­sprez­zi di più?

«Nes­su­no, mi piac­cio­no per­si­no gli sti­va­li te­xa­ni da co­w­boy. An­che se non li ho

mai in­dos­sa­ti».

Chi è il tuo designer pre­fe­ri­to, da Char­les Wor­th fno a og­gi?

«Fa­bio Zam­ber­nar­di che ha di­se­gna­to i co­stu­mi per mol­ti dei miei spet­ta­co­li, come gli ul­ti­mi per Fa­vo­la, do­ve, con Lu­cia Ma­sci­no, in­ter­pre­to una ca­sa­lin­ga ame­ri­ca­na de­gli An­ni 50 ».

Un eroe di ele­gan­za, nel­la vi­ta rea­le?

«Die­go von Bu­ch, un ami­co dall’ele­gan­za straor­di­na­ria ».

Un do­no di bellezza

che vor­re­sti ave­re?

«La pa­zien­za... ».

LANG LANG AL PIA­NO IN OC­CA­SIO­NE DELL’EVEN­TO HU­BLOT LO­VES ART A N YON di

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.