L’ I TA L I A SEN­ZA Q UA L I TÀ

A pran­zo con lo scrit­to­re FRAN­CE­SCO PIC­CO­LO: «Rac­con­to la vi­ta quo­ti­dia­na, ma era dav­ve­ro me­glio pri­ma?»

GQ (Italy) - - Super ! - Te­sto di FRAN­CE­SCO MER­LO Il­lu­stra­zio­ne di ELI­SA­BE­TH MOCH

Co­sa stai pre­pa­ran­do? «La se­rie tv trat­ta dal­la sa­ga del­la Fer­ran­te». Le fic­tion del­la Rai so­no ter­ri­bi­li. «La scom­mes­sa è rea­liz­zar­ne una bel­la», di­ce Fran­ce­sco Pic­co­lo con un ac­cen­no di in­fe­li­ci­tà al­la Woo­dy Al­len, la stes­sa, in me­ta­fo­ra, di uno dei suoi Mo­men­ti di tra­scu­ra­bi­le in­fe­li­ci­tà (Ei­nau­di): «Quan­do mi di­co­no: ti po­te­vi ve­sti­re me­glio. E io mi ero già ve­sti­to me­glio» (pa­gi­na 9). Dun­que, sul mu­ro del­lo stu­dio, c’è la map­pa dei per­so­nag­gi del­la Fer­ran­te, la scrit­tri­ce dell’an­no: an­che lei è al­la moda co­me te.

«Se di­ci “al­la moda” e in­ten­di fa­tuo, scioc­co e su­per­fi­cia­le, spe­ro pro­prio di no».

«Con Mo­ret­ti io sto al­la ta­stie­ra. So­lo per co­mo­di­tà»

Stre­ga, Da­vid, Na­stri, Glo­bi... nel Pae­se dei pre­mi tu pre­mi e sei pre­mia­to. Non ti im­ba­raz­za? «Nien­te af­fat­to».

Lon­ga­ne­si di­ce­va: “In Ita­lia non ba­sta ri­fiu­ta­re i pre­mi, bi­so­gna an­che non me­ri­tar­li”. «È pas­sa­to il tem­po di quel­la iro­nia. E co­mun­que il ri­fiu­to o il di­sprez­zo, con l’aria di ne­gar­li, raf­for­za­no e ri­ba­di­sco­no i pre­mi».

Già nel 1963 tra I mo­stri… «Sì, lo so. Nel 1963, un an­no pri­ma che io na­sces­si, la Bel­lon­ci era uno dei mo­stri di Di­no Ri­si». In­ter­pre­ta­ta da un Gass­man con la gon­na. « Di­ver­ten­te e ama­ro. Ma lo Stre­ga non è so­lo quel­lo, da lì è pas­sa­ta la gran­de let­te­ra­tu­ra. E que­st’an­no, in giu­ria, mi so­no bat­tu­to per i li­bri più bel­li». Va­le a di­re per la Fer­ran­te, che sce­neg­gi per la Rai. «Che al­tro avrei do­vu­to fa­re, se non cer­ca­re di pre­mia­re il mi­glio­re?».

For­se in Ita­lia ci vor­reb­be una so­spen­sio­ne de­cen­na­le di tut­ti i pre­mi, co­me una mo­ra­to­ria nu­clea­re. «I pre­mi non van­no mi­tiz­za­ti, ma an­che of­fen­de­re il pre­mio che ti dan­no è re­to­ri­ca e con­for­mi­smo».

Quan­do as­se­gna­no un Oscar a un ita­lia­no sem­bra che ar­ri­vi un pia­no Mar­shall. «Sia­mo pro­vin­cia­li. An­che in que­sto c’è del bel­lo. Del re­sto an­che i pre­mi che “non” ci dan­no ven­go­no mi- tiz­za­ti. Se ce li dan­no, sia­mo al­la moda. Se non ce li dan­no, non va­lia­mo nien­te». Stai par­lan­do dei film di Sor­ren­ti­no, Gar­ro­ne e Mo­ret­ti a Can­nes? «Sì. La ve­ri­tà è che ci so­no film ita­lia­ni pre­mia­ti, non so­lo con l’oscar, che so­no di­men­ti­ca­ti. E al­tri che so­no in­di­men­ti­ca­bi­li». Nuo­vo ci­ne­ma pa­ra­di­so e La vi­ta è bel­la, per esem­pio. «Per esem­pio».

Tu non fai mai po­le­mi­che? «Con Lan­di­ni l’ho fat­ta». Spa­ri sul­la Cro­ce Ros­sa? Op­pu­re ti pia­ce la Ca­mus­so? «Per ca­ri­tà. Non mi sem­bra che nes­su­no dei due tra­smet­ta un’idea di sin­da­ca­to mo­der­no». Li co­no­sci per­so­nal­men­te? «No».

A GQ Lan­di­ni ha det­to che pre­fe­ri­sce Be­ni­gni a Che Gue­va­ra e che il suo mo­del­lo è Mas- si­mo Troi­si. «Co­sì ti ha det­to, ma nel­la sua at­ti­vi­tà po­li­ti­ca tut­to que­sto non si ve­de». Qua­li po­li­ti­ci fre­quen­ti? «Nes­su­no». Ren­zi? «L’ho in­con­tra­to una so­la vol­ta». Vel­tro­ni? «Vel­tro­ni sì, lo co­no­sco be­ne».

Chi so­no i tuoi mo­del­li? «Non vor­rei sem­bra­re pre­sun­tuo­so di­cen­do En­nio Fla­ia­no. An­che lui scri­ve­va per il ci­ne­ma e per la let­te­ra­tu­ra». E an­che lui so­mi­glia­va fi­si­ca­men­te a un orso. «È ve­ro. C’è qual­co­sa…».

È l’an­tro­po­lo­gia del­lo scrit­to­re da trat­to­ria ro­ma­na, co­me que­sta do­ve sia­mo ades­so, La Fra­schet­ta, quar­tie­re Te­stac­cio. Ci vie­ni spes­so? «Sì». Con Sor­ren­ti­no? «E con Vir­zì. E qual­che vol­ta con Be­ni­gni. Ni­co­let­ta, for­se per iro­niz­za­re su­gli scrit­to­ri da trat­to­ria, di­ce che non le pia­ce la cu­ci­na».

E con Mo­ret­ti? «Con lui di me­no». Co­me la­vo­ri con Mo­ret­ti? «In ge­ne­re sia­mo in tre: par­lia­mo e scri­via­mo». E chi sta al­la ta­stie­ra? «Io. Ma so­lo per co­mo­di­tà». In­si­sto: di chi

«I PRE­MI NON V AN­NO M I T I Z Z AT I ,

PE­RÒ OF­FEN­DE­RE QUEL­LI CHE

TI D AN­NO È RET ORI­CA» « I L M I O M O D E L LO È FLA­IA­NO . MA IO S O N O C O N T E N TO, M E N T R E

L U I E R A D I S P E R ATO »

fu, ne Il cai­ma­no, l’idea del­la va­li­gia pie­na di sol­di? «Non lo so, di nes­su­no, di tut­ti», di­ce, e la re­ti­cen­za mi ri­cor­da un al­tro mo­men­to di tra­scu­ra­bi­le in­fe­li­ci­tà: «Quan­do ci si tro­va di fron­te al­le por­te do­ve c’è scrit­to “staff on­ly” e non si può en­tra­re» (pag.10). Il Te­stac­cio è la vo­stra via Ve­ne­to? «Non ci ave­vo mai pen­sa­to. È qui che so­no ve­nu­to, quan­do ar­ri­vai a Ro­ma da Ca­ser­ta».

«Ora mi pia­ce­reb­be scri­ve­re pu­re can­zo­ni per San­re­mo»

Co­me tan­ti cam­pa­ni, sei un na­po­le­ta­no non di na­sci­ta. «Ro­ber­to Sa­via­no, na­po­le­ta­no, è un casertano non di na­sci­ta. Con Sor­ren­ti­no, na­po­le­ta­no di na­sci­ta, ci le­ga­no tan­te co­se: è an­che mio vi­ci­no di ca­sa all’esqui­li­no. In pro­vin­cia di Na­po­li è na­to Star­no­ne che pub­bli­cò i miei pri­mi rac­con­ti».

Co­me vi­ve­vi a Ca­ser­ta? «Be­ne. Ave­va­mo un ri­sto­ran­te». Qual era il tuo bar, il tuo Mo­cam­bo? «C’era­va­mo noi del Bar Boys e quel­li del­la Ve­ne­zia­na». Co­me vi di­stin­gue­va­te? «Il mo­do di ve­sti­re, le mo­to, un po’ me­no le di­scus­sio­ni». Quan­do tor­ni ri­tro­vi i vec­chi ami­ci? «Sì». Ven­go­no an­che quan­do ti pre­mia­no? «Mai». Ti ve­do­no co­me una mi­nac­cia? «È co­me se non me ne fos­si an­da­to. Mi sen­to co­me il Gio­van­ni Per­col­la di Bran­ca­ti che ri­tro­va­va la sua ca­me­ret­ta»... “E tut­to il cor­po gli si in­tie­pi­di­va si­no ai cal­ca­gni”. « Ap­pun­to, per­ciò pre­fe­ri­sco che non ven­ga­no, è ras­si­cu­ran­te».

Di Fla­ia­no ti man­ca il ve­le­no. «Io so­no con­ten­to, lui era di­spe­ra­to». Lui scri­ve­va po­co, tu sei in­con­ti­nen­te: non è fa­ci­le im­ma­gi­na­re un San­re­mo di Fla­ia­no. «E chi può dir­lo? Io so­no sta­to fe­li­ce di far­lo. San­re­mo per un ita­lia­no è la me­mo­ria. An­che io so­no cre­sciu­to con quel­le can­zo­ni». Qua­li ? «Na­da, non fa l’amo­re, la Za­nic­chi, Ni­co­la di Ba­ri…». Ti pia­ce­va già il ci­ne­ma? «Cer­to, c’era il pri­mo De Ni­ro». Dun­que Na­da e Ta­xi Dri­ver? «E ti di­co che mi pia­ce­reb­be pu­re scri­ve­re can­zo­ni».

C’è an­che un’ita­lia, bel­la e im­por­tan­te, che abo­li­reb­be San­re­mo, lo con­si­de­ra il fe­sti­val del­la cial­tro­ne­ria. «Lo so. Ma io ho scrit­to dei li­bri con­tro l’idea del­la pu­rez­za del­la mia ge­ne­ra­zio­ne, con­tro la pre­sun­ta su­pe­rio­ri­tà mo­ra­le del­la si­ni­stra».

Ci so­no im­pu­ri­tà che dan­no più bri­vi­di di San­re­mo. E da ra­gaz­zi ci si può spor­ca­re con al­tri ma­te­ria­li: Rim­baud per di­re, o Jim Mor­ri­son. «Si­cu­ro, ma io non ri­cor­do tan­ti ra­gaz­zi che mi di­ce­va­no “a San­re­mo pre­fe­ri­sco Rim­baud”. E vo­glio an­che di­re che a San­re­mo ho la­vo­ra­to in un grup­po che mi pia­ce mol­to e for­se lo ab­bia­mo an­che cam­bia­to, il fe­sti­val».

«Ma il pub­bli­co di Fa­zio non è fat­to so­lo di cre­ti­ni»

Am­met­te­rai che quel­la di Fa­zio è l’ita­lia sus­sie­go­sa, un po’ fin­ta e ver­ni­cia­ta di po­li­ti­ca­men­te cor­ret­to che spes­so par­la di li­bri che non ha let­to. Lì c’è il cre­ti­no di si­ni­stra che non ha bi­so­gno di leg­ge­re Gramsci per­ché, tan­to, ve­de Fa­zio. «Sì, ma quel­la si­ni­stra non è fat­ta so­lo di cre­ti­ni e Fa­zio è bra­vis­si­mo nel suo me­stie­re».

Hai mi­tiz­za­to la piaz­za dei funerali di Ber­lin­guer. «C’era­va­mo tut­ti. È dif­fi­ci­le ne­gar­lo». C’era­no gli stes­si che so­no poi an­da­ti a sa­lu­ta­re Sor­di e Gass­man e l’av­vo­ca­to Agnel­li, e Lu­cio Dal­la: è la re­to­ri­ca ita­lia­na del ca­ro estin­to.

Po­le­miz­za­re con Fran­ce­sco Pic­co­lo è un gar­ba­to di­ver­ti- men­to. Se io gli di­co per esem­pio che ha com­po­sto nei suoi li­bri la poe­ti­ca del­la banalità ita­lia­na, del­la vi­ta sen­za qua­li­tà, lui am­met­te, ma cor­reg­ge: «Ho rac­con­ta­to la vi­ta quo­ti­dia­na, le pic­co­le co­se in­di­vi­dua­li che in­con­tra­no le gran­di co­se col­let­ti­ve. È un’ita­lia sen­za qua­li­tà? For­se, ma qual­cu­no do­ve­va pur rac­con­tar­la». Fac­cia­mo un elen­co: Jo­va­not­ti nel­la can­zo­ne, Cat­te­lan nell’ar­te, Car­lo Con­ti a San­re­mo, i con­dut­to­ri dei talk show; di let­te­ra­tu­ra e ci­ne­ma ab­bia­mo det­to; in po­li­ti­ca si va da Toti in Li­gu­ria a Ma­ri­no a Ro­ma, si­no al gri­gio-ec­cel­len­za di Mat­ta­rel­la… « Dav­ve­ro era me­glio pri­ma? Io so­no un pro­gres­si­sta, cre­do che og­gi sia me­glio di ie­ri e che il me­glio de­ve an­co­ra ve­ni­re». Dun­que il tuo li­bro mi­glio­re non l’hai an­co­ra scrit­to? «Tut­ti gli scrit­to­ri lo pen­sa­no».

E par­lia­mo di Scia­scia che, coc­co­la­to dal­la so­cie­tà let­te­ra­ria, di­ven­ne un ba­stian con­tra­rio, co­me rac­con­ta nel suo Can­di­do (1977), quan­do «tor­nan­do una se­ra da quel­le riu­nio­ni dis­se: “E se fos­se­ro sol­tan­to de­gli im­be­cil­li?”, e fu il prin­ci­pio del­la li­be­ra­zio­ne, del­la gua­ri­gio­ne». È il tuo fu­tu­ro? «Non lo so, non lo esclu­do». Se è co­sì, il tuo bel ta­len­to, che è for­te ed evi­den­te, non ha an­co­ra pro­dot­to il gran­de li­bro o il gran­de film, quel­lo che sul re­tro non ha da­ta di sca­den­za. «La pren­do be­ne, co­me un au­gu­rio».

« H O S C R I T TO DI­VER­SI LI­BRI

CO N T R O L A P R E S U N TA S U P E R I O R I TÀ MO­RA L E DEL­LA SI­NI­STRA»

L’ultimo li­bro di Fran­ce­sco Pic­co­lo: Mo­men­ti di tra­scu­ra­bi­le in­fe­li­ci­tà ( Ei­nau­di, 13 eu­ro, 143 pag.)

NAN­NI MO­RET­TI E MAR­GHE­RI­TA BUY IN UNA SCE­NA DI MIA MA­DRE, DI­RET­TO DA MO­RET­TI E SCE­NEG­GIA TO DAL RE­GI­STA IN­SIE­ME A FRAN­CE­SCO PIC­CO­LO E V ALIA SAN­TEL­LA

PIC­CO­LO ( PRE­MIO STRE­GA 2014 CON IL DE­SI­DE­RIO DI ES­SE­RE CO­ME TUT­TI), FE­DE­RI­CA PON­TRE­MO­LI E NAN­NI MO­RET­TI COL CIAK D’ORO 2011 PER LA SCE­NEG­GIA TU­RA DI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.