Sa­rà lui il pros­si­mo Jor­dan?

Si chia­ma KRI­STAPS POR­ZIN­GIS, è un ra­gaz­zo let­to­ne che i Knicks han­no scel­to nel­la spe­ran­za che li por­ti a vin­ce­re il ti­to­lo Nba. Gli sia­mo sta­ti in­col­la­ti ad­dos­so al draft di fi­ne giu­gno, e an­che per noi è sta­ta un’espe­rien­za

GQ (Italy) - - Promotion - Te­sto di MAU­RO BE­VAC­QUA

Bur­gun­dy è il co­lo­re del­la nuo­va mo­quet­te di ca­sa su cui la mo­glie as­sil­la il ma­ri­to Bob, un in­di­men­ti­ca­bi­le Bill Mur­ray, nell’ho­tel di To­kyo di Lo­st In Tran­sla­tion. Ma bur­gun­dy, cioè ros­so-bor­deaux, è an­che il co­lo­re del­la ban­die­ra del­la Let­to­nia, as­sie­me al bian­co. La ban­die­ra che Kri­staps “Kris” Por­zin­gis, vent’an­ni an­co­ra da com­pie­re, s’è por­ta­to in va­li­gia a fi­ne giu­gno, nel viag­gio ver­so gli Sta­ti Uni­ti, con un’idea ben pre­ci­sa. «Per Kris la co­sa più im­por­tan­te era rap­pre­sen­ta­re la sua ter­ra, il suo Pae­se, la sua gen­te», spie­ga Jill Ba­clig, la sty­li­st che Por­zin­gis ha as­sun­to per una not­te. «Per que­sto ha vo­lu­to che glie­la cu­cis­si nel­la fo­de­ra del­la giac­ca che avreb­be in­dos­sa­to la se­ra del draft, quan­do sa­reb­be sa­li­to sul pal­co a strin­ge­re la ma­no del commissioner del­la Nba».

È quel­lo il mo­men­to che può cam­bia­re per sem­pre la sua vi­ta, l’oc­ca­sio­ne che de­ci­ne di ra­gaz­zi co­me lui, non so­lo gli ame­ri­ca­ni che esco­no dai col­le­ge, in­se­guo­no con una pas­sio­ne im­men­sa per en­tra­re nel­la le­ga pro­fes­sio­ni­sti­ca più im­por­tan­te del mon­do. An­che que­sto è un ef­fet­to del­la glo­ba­liz­za­zio­ne: ha ri­stret­to il pia­ne­ta, ab­bat­tu­to fron­tie­re, ha re­so pos­si­bi­li so­gni che una vol­ta pa­re­va­no ir­rea­liz­za­bi­li. Co­me quel­lo di un ra­gaz­zi­no di Lie­pa­ja, “la cit­tà dov’è na­to il ven­to” se­con­do la tra­di­zio­ne let­to­ne, più vi­ci­na al con­fi­ne con la Li­tua­nia che al­la ca­pi­ta­le Ri­ga.

Un VHS dei Chi­ca­go Bulls ed è amo­re per il ba­sket

Tut­ta col­pa (o me­ri­to, a que­sto pun­to) di un VHS che rac­con­ta­va la leg­gen­da e le pro­dez­ze di Mi­chael Jor­dan. «Me l’ha fat­to ve­de­re mio fra­tel­lo, poi mi ha pas­sa­to an­che qual­che cas­set­ta del­le fi­na­li gio­ca­te in que­gli an­ni dai Chi­ca­go Bulls: mi so­no in­na­mo­ra­to del­la pal­la­ca­ne­stro», rac­con­ta Kri­staps.

In ca­sa, il ba­sket era lo sport pre­fe­ri­to, pra­ti­ca­to dal pa­dre (pri­ma che si met­tes­se a gui­da­re gli au­to­bus), dal­la ma­dre (ex na­zio­na­le gio­va­ni­le) e so­prat­tut­to da uno dei fra­tel­li più gran­di, Ja­nis, che ha gio­ca­to da pro­fes­sio­ni­sta an­che in Ita­lia. «È sta­to lui a re­ga­lar­mi la mia pri­ma, e uni­ca, ca­not­ta Nba: quel­la di Sha­quil­le O’neal agli Or­lan­do Ma­gic, con il nu­me­ro 32».

La se­ra del 25 giu­gno al Bar­clays Cen­ter di Broo­klyn (do­ve vi­vo­no due mi­lio­ni e mez­zo di per­so­ne, più de­gli abi­tan­ti dell’in­te­ra Let­to­nia), a Por­zin­gis ne è sta­ta con­se­gna­ta un’al­tra: quel­la dei Knicks, con il suo no­me stam­pa­to sul­la schie­na. Per­ché, per uno di que­gli in­cre­di­bi­li in­cro­ci del de­sti­no, Phil Jack­son, il tec­ni­co di quei Bulls in­vin­ci­bi­li con cui Kri­staps è cre­sciu­to, og­gi è il pre­si­den­te del­la squa­dra di New York, pre­ci­pi­ta­ta ne­gli ul­ti­mi an­ni in fon­do al­le clas­si­fi­che, e ha vo- lu­to pro­prio lui per cer­ca­re di ri­sol­le­var­la. Lo ha scel­to con il nu­me­ro 4 as­so­lu­to nel cor­so di uno show – qua­le è or­mai di­ven­ta­to il draft del­la Nba, al­la con­ti­nua ri­cer­ca di nuo­vi oriz­zon­ti com­mer­cia­li – che è sta­to tra­smes­so in di­ret­ta in tut­to il pia­ne­ta, Ita­lia com­pre­sa.

« La ve­de­te que­sta? » , di­ce il ra­gaz­zo, al­zan­do la ma­glia a fa­vo­re di te­le­ca­me­re e obiet­ti­vi. «Gio­ca­re per i Knicks è il so­gno di una vi­ta: vo­le­vo che suc­ce­des­se, l’ave­vo per­fi­no vi­sua­liz­za­to». Sor­ri­de, emo­zio­na­to, con­fu­so, an­co­ra in­cre­du­lo: «Gio­che­rò al Ma­di­son Squa­re Gar­den, io che ho ini­zia­to sui cam­pet­ti all’aper­to vi­ci­no ca­sa. Era­no ter­ri­bi­li: l’asfal­to era ir­re­go­la­re, pal­leg­gia­re non era sem­pli­cis­si­mo e la pal­la an­da­va un po’ do­ve vo­le­va».

New York è una del­le po­chis­si­me cit­tà ame­ri­ca­ne che Por­zin­gis ha “as­sag­gia­to”, fi­no­ra. È ri­ma­sto im­me­dia­ta­men­te fol­go­ra­to. «Mi so­no sen­ti­to in­va­de­re da una sor­ta di ener­gia ma­gi­ca.

«MA IL MIO

IDO­LO È PAU G A S O L . DI NO TTE V E D E VO L E SUE FI­NA­LI»

È una me­tro­po­li im­men­sa do­ve suc­ce­do­no un sac­co di co­se, ma un po’ di shock cul­tu­ra­le l’ho av­ver­ti­to», am­met­te.

Nien­te, in con­fron­to a quel­lo pro­va­to nel 2010, a so­li 15 an­ni, quan­do ha la­scia­to la Let­to­nia per an­da­re a gio­ca­re a Si­vi­glia. «Ero an­co­ra un bam­bi­no. So­no an­da­to in Spa­gna da so­lo, non co­no­sce­vo né la lin­gua né la cul­tu­ra del Pae­se che mi avreb­be ac­col­to. Og­gi è di­ver­so, per­ché l’in­gle­se lo par­lo sen­za pro­ble­mi e de­gli Sta­ti Uni­ti mi pia­ce pro­prio tut­to: le per­so­ne, il lo­ro mo­do di fa­re − sa­lu­ta­no sem­pre, si scu­sa­no per qual­sia­si co­sa − e la cul­tu­ra. Poi la mu­si­ca. Ascol­to so­prat­tut­to R&B e hip hop, mi pia­ce da mo­ri­re Dra­ke».

Fuo­ri dal ba­sket, Por­zin­gis non sem­bra co­sì di­ver­so da un ven­ten­ne co­me tan­ti, di un qual­sia­si an­go­lo di mon­do. In cam­po, in­ve­ce, è spe­cia­le: un ta­len­to estre­ma­men­te ra­ro, di­ce chi l’ha os­ser­va­to spes­so gio­ca­re, tan­to da me­ri­tar­si pa­ra­go­ni con Pau Ga­sol, il fuo­ri­clas­se ca­ta­la- no che ora, en­ne­si­mo in­cro­cio del de­sti­no, è pro­prio con i Bulls. «Le pri­me par­ti­te Nba che ho vi­sto in di­ret­ta, al­zan­do­mi nel cuo­re del­la not­te, so­no sta­te le fi­na­li del 2008, gio­ca­te dai suoi La­kers con Ko­be Bryant con­tro i Bo­ston Cel­tics», con­ti­nua Kri­staps. «A Si­vi­glia, poi, per qual­che an­no mi ha al­le­na­to il suo vec­chio men­to­re Aí­to Gar­cía: per in­se­gnar­mi mo­vi­men­ti e tec­ni­ca, spes­so mi mo­stra­va pro­prio i vi­deo di Ga­sol da gio­va­nis­si­mo, quan­do era con lui nel Barcellona».

Ma i nuo­vi ti­fo­si lo fi­schia­no. Kris riu­sci­rà a con­vin­cer­li?

Con al­tri vi­deo, de­di­ca­ti a Ke­vin Gar­nett e con­su­ma­ti con il fra­tel­lo Ja­nis nel sa­lot­to di ca­sa a Lie­pa­ja, è cre­sciu­to pen­san­do al­la Nba e im­ma­gi­nan­do di sen­ti­re, un gior­no, il suo no­me pro­nun­cia­to dal pal­co del draft. Ma­ga­ri a New York, con un’ova­zio­ne di quel­li che sa­reb­be­ro di­ven­ta­ti i suoi nuo­vi ti­fo­si.

È an­da­ta più o me­no co­sì, con una pic­co­la dif­fe­ren­za: sen­ten­do pro­cla­ma­re il suo no­me dal commissioner Adam Sil­ver, i fans dei Knicks so­no esplo­si in co­ri di di­sap­pun­to, ur­la e fi­schi. E men­tre il ra­gaz­zo­ne let­to­ne gua­da­gna­va il pal­co, ag­ghin­da­to nel suo com­ple­to co­lor bur­gun­dy, qual­cu­no si è mes­so le ma­ni nei ca­pel­li per la di­spe­ra­zio­ne. Nul­la di nuo­vo: ne sa qual­co­sa an­che Da­ni­lo Gal­li­na­ri. Da sem­pre il pub­bli­co di New York dif­fi­da del­le scel­te del club, so­prat­tut­to se il po­ten­zia­le cam­pio­ne a cui af­fi­da­re le spe­ran­ze di vin­ce­re un ti­to­lo do­po 43 an­ni è uno smil­zo cen­tro ven­ten­ne di 2 me­tri e 12 − non pro­prio un Pat Ewing co­me so­gna­va­no, ma un lun­go con un gran ti­ro dal­la di­stan­za, al­la Bar­gna­ni − che ar­ri­va dall’eu­ro­pa. Lo­st in Tran­sla­tion, ap­pun­to.

Da quan­do, scu­sa?

«Ho spe­ri­men­ta­to tut­ti i cor­si di nuo­to pos­si­bi­li, a 6 an­ni ero in ago­ni­sti­ca, a 7 ga­reg­gia­vo. Da pic­co­lo, pe­rò, sce­gli la spe­cia­li­tà che ti vie­ne me­glio, quin­di io so­no di­ven­ta­to ra­ni­sta. So­lo che a 12 an­ni mi so­no ve­nu­te del­le gam­be lun­ghis­si­me e ho co­min­cia­to ad ave­re qual­che dif­fi­col­tà per­ché la ra­na è una spe­cia­li­tà mol­to tec­ni­ca e fun­zio­na se hai le­ve cor­te. Co­sì mi è toc­ca­to vi­ra­re sul­lo sti­le li­be­ro e le di­stan­ze lun­ghe».

« HO IMP ARA­TO A

BA L L A R E . M I AIU­TA A U SA­RE MU­SCO­LI CHE NON SA­PE­VO D I AVE­RE »

1 Kri­staps Por­zin­gis, al draft con il commissioner Nba Adam Sil­ver e, 2, in­sie­me al pre­si­den­te dei Knicks Phil Jack­son; 3. Do­po una se­du­ta di trai­ning a Las Ve­gas 1. 2 3

IL LET­TO­NE KRI­STAPS POR­ZIN­GIS, AL­TO 2 ME­TRI E 12, SCEL TO CON IL N. 4 DAI KNICKS

GRE­GO­RIO PAL­TRI­NIE­RI È NA­TO A CAR­PI IL 5 SET­TEM­BRE 1994. IN QUE­ST A FO­TO: ABI­TO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.