Una vi­sio­ne da gran­de fuo­ri­clas­se

IL CAM­PIO­NE Lo chia­ma­no “O Ney” per di­stin­guer­lo da “O Rey” Pe­lé, ma NEY­MAR è da an­ni un so­vra­no as­so­lu­to: il bra­si­lia­no del Barcellona ora di­se­gna pu­re una li­nea di oc­chia­li

GQ (Italy) - - Alfredo - Te­sto di AN­GE­LO PAN­NO­FI­NO Fo­to di RAN­KIN

È gio­va­ne, è bra­vo ed è pu­re fi­go. Ney­mar da Sil­va San­tos Jú­nior, il nuo­vo fe­no­me­no del cal­cio bra­si­lia­no è, in al­tre pa­ro­le, il te­sti­mo­nial per­fet­to. Tut­ti lo vor­reb­be­ro ma non tut­ti pos­so­no aver­lo: «Lo fac­cio so­lo per i brand che mi piac­cio­no», di­ce lui dal set del­la nuo­va cam­pa­gna per gli oc­chia­li Po­li­ce del Grup­po De Ri­go. «Con lo­ro, per esem­pio, non mi li­mi­to a pre­sta­re il vol­to: vo­glio sem­pre par­te­ci­pa­re al processo crea­ti­vo e di­re la mia sul co­lo­re o sul mo­del­lo che pre­fe­ri­sco».

Gli oc­chia­li da so­le per te so­no un mez­zo per far­si no­ta­re o per na­scon­der­si da sguar­di in­di­scre­ti?

«So­no una par­te del­la mia per­so­na­li­tà. Non li in­dos­so per na­scon­der­mi ma per­ché mi piac­cio­no».

Qua­li so­no gli aspet­ti po­si­ti­vi e quel­li ne­ga­ti­vi di “es­se­re Ney­mar”?

«Quan­do ho de­ci­so di di­ven­ta­re un cal­cia­to­re ero con­scio del­le con­se­guen­ze: è uno sport con un’enor­me vi­si­bi­li­tà e per me è un gran­de ono­re es­se­re in gra­do di ispi­ra­re co­sì tan­te per­so­ne con quel­lo che fac­cio. L’aspet­to ne­ga­ti­vo è che es­se­re lon­ta­no dal­la fa­mi­glia e da­gli ami­ci può es­se­re do­lo­ro­so».

In Bra­si­le ti chia­ma­no “il nuo­vo Pe­lé”: è un pe­so o uno sti­mo­lo?

«Non cre­do che pos­sia­mo es­se­re pa­ra­go­na­ti. Sti­le di gio­co e ca­rat­te­ri­sti­che so­no com­ple­ta­men­te di­ver­si. Cer­to, ve­de­re che il mio no­me vie­ne as­so­cia­to a quel­lo di Pe­lé per me è un ono­re, ma non c’è con­fron­to con un uo­mo che ha scrit­to il suo no­me nel­la sto­ria».

Ri­cor­di cos’hai fat­to col tuo pri­mo sti­pen­dio?

«Ho com­pra­to un ap­par­ta­men­to al­la mia fa­mi­glia».

«So­no sem­pre sta­to un cal­cia­to­re ma­gro, leg­ge­ro e ve­lo­ce. Co­sì, fin da bam­bi­no, ho im­pa­ra­to a di­fen­der­mi dai fal­li più du­ri: ho im­pa­ra­to a pro­teg­ger­mi e a ca­de­re sen­za far­mi ma­le».

Du­ran­te l’ultimo Mon­dia­le pe­rò ti sei fat­to mol­to ma­le: che trac­ce ha la­scia­to nel tuo cor­po e nel tuo spi­ri­to quel gra­ve in­for­tu­nio?

«Tut­to quel­lo che è suc­ces­so nell’ul­ti­ma sta­gio­ne mi ha fe­ri­to. Ho pas­sa­to dei mo­men­ti che non ave­vo mai vis­su­to pri­ma nel­la mia car­rie­ra. Ma so­no sta­te espe­rien­ze che mi han­no aiu­ta­to a cre­sce­re».

Co­sa de­ve fa­re il Bra­si­le per ri­sol­le­var­si do­po le ul­ti­me scon­fit­te?

«De­ve gio­ca­re il ti­po di cal­cio che ha sem­pre gio­ca­to e con cui ha fat­to sto­ria».

Chi è il cal­cia­to­re ita­lia­no che am­mi­ri di più?

« Ce ne so­no tan­ti che mi piac­cio­no ma so­no un gran­de fan di Ba­lo­tel­li. È an­che un mio ca­ro ami­co».

Cre­di che la tua bra­vu­ra sia me­ri­to di Ge­sù?

«Gio­ca­re a cal­cio è un do­no che mi ha fat­to Dio. Ov­via­men­te, per rag­giun­ge­re i tuoi obiet­ti­vi e cre­sce­re in quel­lo che fai, de­vi al­le­nar­ti tan­to e fa­re mol­ti sa­cri­fi­ci. Ma, nel­la buo­na co­me nel­la cat­ti­va sor­te, pen­so sem­pre che è Dio che mi per­met­te di fa­re ciò che amo di più: gio­ca­re a cal­cio».

Co­sa rap­pre­sen­ta il cal­cio nel­la tua vi­ta?

«Tut­to».

«COL­LA­BO­RO S O LO C ON I BR AND CHE MI P I ACC I O N O »

LA SPE­CIAL EDI­TION PO­LI­CE NEY­MAR JR, REA­LIZ­ZA­TA CON LA PAR­TE­CI­PA­ZIO­NE DEL NU­ME­RO 10 BRA­SI­LIA­NO NA­TO A MO­GI DAS CRU­ZES IL 5 FEB­BRA­IO 1992, NELL’UL­TI­MA STA­GIO­NE, TRA BARCELLONA E NA­ZIO­NA­LE, HA SE­GNA­TO 55 GOL

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.