A tea­tro mi rompo le bal­le

D i N I C CO LÒ A M M A N I T I

GQ (Italy) - - Fuori Luogo -

Tra tut­te le for­me d’ar­te pro­dot­te dall’uo­mo, co­min­cian­do dal Pa­leo­li­ti­co su­pe­rio­re, quel­la che, se­con­do me, ec­cel­le per la sua sor­pren­den­te ca­pa­ci­tà di rom­pe­re le bal­le è il tea­tro.

Spes­so è un’espe­rien­za me­ra­vi­glio­sa, ma quan­do il tea­tro è pe­san­te, è pe­san­te co­me un Tir che ti pas­sa su un al­lu­ce. Per qual­che stra­na per­ver­sio­ne, qual­che abu­so su­bì­to du­ran­te l’in­fan­zia, al­cu­ni dram­ma­tur­ghi sa­di­ci in­ti­gna­no, pro­lun­ga­no lo stra­zio del pub­bli­co più che pos­so­no, an­che a do­di­ci ore. È ve­ro, pe­rò, che que­sto sup­pli­zio può in­dur­re nel­la men­te del­lo spet­ta­to­re ac­ca­scia­to sul­la se­dia di vel­lu­to du­ra e stret­ta gran­di spe­cu­la­zio­ni: il sen­so dell’esi­sten­za, l’espan­der­si in­ces­san­te dell’uni­ver­so, il teo­re­ma di Pi­ta­go­ra, la tin­ta mo­ga­no di Bru­no Ve­spa o per­ché ne­gli an­ni Set­tan­ta an­da­va di moda la mo­quet­te.

Un li­bro si può ab­ban­do­na­re (co­me di­ce il buon Pen­nac), dal­la sa­la ci­ne­ma­to­gra­fi­ca pos­sia­mo al­zar­ci sen­za sen­tir­ci in col­pa, una mo­stra pos­sia­mo per­cor­rer­la cor­ren­do, di fron­te a una brut­ta te­la pos­sia­mo gi­rar­ci dall’al­tra par­te, una mu­si­ca pos­sia­mo man­dar­la avan­ti, zit­tir­la. Il tea­tro no. Il tea­tro ti in­chio­da al­le tue re­spon­sa­bi­li­tà di es­se­re uma­no, di scim­mia eret­ta in ci­ma al­la sca­la ge­rar­chi­ca che co­min­cia con le me­du­se e fi­ni­sce pro­prio con te.

Sei lì, in­chio­da­to in una mas­sa di tuoi si­mi­li che sof­fro­no in un si­len­zio com­pli­ce, in una ca­tar­si che non ha nien­te a che fa­re con quel­la di Ari­sto­te­le, il gran­de fi­lo­so­fo gre­co, il qua­le ipo­tiz­za­va che la tra­ge­dia pro­du­ces­se un di­stac­co li­be­ra­to­rio dal­le pas­sio­ni in­sce­na­te sul pal­co. La ca­tar­si di cui par- lo io – o for­se è me­glio par­la­re di tra­scen­den­za − è quel­la che pro­va il po­ve­ro spet­ta­to­re (pa­gan­te o omag­gia­to, non im­por­ta) di fron­te al mo­no­lo­go del­la gio­va­ne pro­mes­sa che si di­bat­te im­po­stan­do la vo­ce ed en­fa­tiz­zan­do le pau­se pro­du­ce un fe­no­me­no di am­pli­fi­ca­zio­ne tem­po­ra­le.

Si di­ce che la vi­ta è bre­ve. A tea­tro no, il tem­po si al­lun­ga in ma­nie­ra spa­ven­to­sa. Se, per ipo­te­si, vi­ves­si­mo tut­ta la no­stra esi­sten­za di fron­te a una rap­pre­sen­ta­zio­ne tea­tra­le ane­le­rem­mo l’es­se­re una far­fal­la, un co­leot­te­ro, e il sui­ci­dio si af­fac­ce­reb­be pre­po­ten­te­men­te co­me ipo­te­si di li­ber­tà. I mi­nu­ti si sro­to­la­no con len­tez­za uno nell’al­tro, le ore si fram­men­ta­no in mi­glia­ia di se­con­di che non pas­sa­no mai e il cor­po nel qua­le al­ber­ghia­mo co­min­cia a far­si sen­ti­re. L’ela­sti­co del cal­zi­no ci strin­ge co­me un cap­pio il pol­pac­cio, i pie­di si gon­fia­no nel­le scar­pe, le un­ghie cre­sco­no, i den­ti si muo­vo­no nel­le ma­scel­le, le orec­chie pru­do­no.

L’uo­mo, nei mil­len­ni di ci­vi­liz­za­zio­ne, ha esco­gi­ta­to di­ver­se tec­ni­che per ren­de­re que­sto in­fer­no cul­tu­ra­le più ac­cet­ta­bi­le. I più for­tu­na­ti rie­sco­no a dor­mi­re. Il son­no è cer­ta­men­te l’ar­ma più ef­fi­ca­ce per com­bat­te­re la sta­si e quan­do ci si ri­sve­glia una sen­sa­zio­ne di gio­ia uni­ta a un in­tor­pi­di­men­to de­gli ar­ti in­fe­rio­ri ci per­va­de per il re­sto del­la se­ra­ta. Il pro­ble­ma del­la pen­ni­ca, pe­rò, è le­ga­to all’aria in­spi­ra­ta che non rie­sce a pas­sa­re age­vol­men­te at­tra­ver­so na­so e go­la e, di con­se­guen­za, rus­sa­re è un at­ti­mo. Nes­su­no ha pie­tà del ron­co­pa­ti­co che si bec­che­rà, co­me mi­ni­mo, un cal­cio ne­gli stin­chi dal suo vi­ci­no. Al­tri, gra­zie al­la tec­no­lo­gia, si in­trat­ten­go­no gio­can­do a Can­dy Cru­sh, chat­tan­do, stu­dian­do nuo­ve ri­cet­te su Gial­lo Zaf­fe­ra­no o ve­den­do­si un film in strea­ming.

Il di­fet­to di que­sta scap­pa­to­ia è che qua­si sem­pre l’edi­fi­cio che ospi­ta il tea­tro è sta­to stu­dia­to per scher­ma­re le on­de te­le­fo­ni­che. Que­sto non ca­pi­ta so­lo ne­gli sta­bi­li mo­der­ni ma pu­re in quel­li sto­ri­ci, qua­si che gli an­ti­chi ar­chi­tet­ti in­tuis­se­ro che nel fu­tu­ro una tec­no­lo­gia po­tes­se ar­ri­va­re a di­strar­re il pub­bli­co. E poi i di­splay dei cel­lu­la­ri il­lu­mi­na­no le fac­ce, ren­den­do­ci ri­co­no­sci­bi­li. Io con­si­glio di con­ta­re. Io con­to i pal­chi, le lu­ci, le co­lon­ne, quan­ti uo­mi­ni e quan­te don­ne so­no pre­sen­ti. Poi li di­vi­do per tre e li mol­ti­pli­co per quat­tro. Len­ta­men­te, gra­zie a que­sti eser­ci­zi ma­te­ma­ti­ci mi astrag­go ed en­tro in quel­lo che i sag­gi in­dia­ni chia­ma­no il Sa­ma­d­hi, uno sta­to di gra­zia in cui la me­di­ta­zio­ne e l’og­get­to del­la me­di­ta­zio­ne di­ven­ta­no una co­sa so­la. E quan­do fi­nal­men­te ar­ri­va­no gli ap­plau­si mi sen­to sag­gio co­me un gu­ru e non ho nes­sun ri­sen­ti­men­to ver­so il re­gi­sta, gli at­to­ri, l’ita­lia. Pro­va­te.

A VOL­TE LA PEN­NI­CA IN SA­LA È L’UNI­CA SO­LU­ZIO­NE. MA AT­TEN­TI A NON RUS­SA­RE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.