M EG L I O FI­SCHI CHE FIA­SCHI

A pran­zo col re­gi­sta ita­lia­no più ri­cer­ca­to del mon­do che fa la ri­vo­lu­zio­ne nel­la li­ri­ca: DA­MIA­NO MI­CHIE­LET­TO

GQ (Italy) - - Super ! - Te­sto di FRAN­CE­SCO MER­LO Il­lu­stra­zio­ne di ELI­SA­BE­TH MOCH

Pre­fe­ri­sci i fi­schi o gli ap­plau­si? «Gli ap­plau­si, ov­via­men­te. Ma ho vi­sto ap­plau­di­re spet­ta­co­li me­dio­cri. E fi­schia­re ca­po­la­vo­ri». Su You­tu­be, nel­la fa­mo­sa sce­na dei rin­gra­zia­men­ti a Lon­dra, è di­ver­ten­te ve­der­ti im­pas­si­bi­le men­tre ti in­chi­ni da­van­ti ai fi­schi. «I fi­schi so­no una scuo­la di ca­rat­te­re».

Da­mia­no Mi­chie­let­to di­ce di ave­re «il ca­rat­te­re ca­par­bio ma so­gna­to­re dei ve­ne­ti». A ta­vo­la, di fron­te al ma­re di Pe­sa­ro, be­ve due spri­tz con la gri­glia­ta di pe­sce. «So­no na­to a Scor­zè». Il pae­se del­le bi­bi­te gas­sa­te? «Sì. E vi­vo a Tre­vi­so. Ma è in tut­to il Ve­ne­to che mi ri­co­no­sco». Sei le­ghi­sta? «Vuoi scher­za­re!».

Tra ap­plau­si e fi­schi, Mi­chie­let­to, a 40 an­ni, è il re­gi­sta ita­lia­no più in­no­va­ti­vo e più ri­cer­ca­to nel mon­do. An­che il più pa­ga­to? « Non cre­do. La­vo­ro per le ra­te del mu­tuo. So­no con­cre­to » . Ho let­to che da ra­gaz­zo ag­giu­sta­vi bi­ci­clet­te. « Fre­quen­ta­vo l’of fi­ci­na di mio zio. An­co­ra ades­so mi pia­ce la­vo­ra­re con le ma­ni. E con le bi­ci­clet­te ga­reg­gia­vo». Ti pia­ce cor­re­re? «An­che co­me me­ta­fo­ra».

Tre vol­te a Sa­li­sbur­go, una me­dia di due ope­re all’an­no

Mi­chie­let­to è sta­to in­vi­ta­to per tre an­ni con­se­cu­ti­vi a Sa­li­sbur­go, più di Ron­co­ni e Stre­hler. E l’an­no pros­si­mo tor­ne­rà a Lon­dra. Dal 2003 ho con­ta­to 24 pro­du­zio­ni, ap­plau­di­te e fi­schia­te, in Ita­lia, Sviz­ze­ra, Ger­ma­nia, Spa­gna, Giap­po­ne e Ci­na. La sua agen­da è pie­na al­me­no si­no all’an­no 2020.

Sei co­me Fi­ga­ro? «Ti ho det­to che mi pia­ce cor­re­re. Ma so di­re di no». Per ri­spet­ta­re gli im­pe­gni? «Ho un ami­co im­pren­di­to­re che a Tre­vi­so in­stal­la pa­vi­men­ti. Quan­do gli ho det­to che spes­so de­vo ri­fiu­ta­re le of­fer­te di la­vo­ro mi ha rim­pro­ve­ra­to: “Tu sei mat­to, bi­so­gna cor­re­re”. “È ve­ro”, gli ho ri­spo­sto, “ma la ve­lo­ci­tà è im­pie­ga­re be­ne il po­co tem­po che ci è da­to”. La ve­lo­ci­tà è il con­tra­rio del­la fret­ta».

Ricominciamo dai fi­schi: sen­za l’in­di­gna­zio­ne per la sce­na del­lo stu­pro, il tuo Gu­gliel­mo Tell sa­reb­be sta­to lo­da­to ma di­men­ti­ca­to. «Non c’è in­di­gna­zio­ne pub­bli­ci­ta­ria che ten­ga se il pro­dot­to da re­cla­miz­za­re va­le me­no del­la ré­cla­me».

Vuoi di­re che i fi­schi bi­so­gna me­ri­tar­li? «Vo­glio di­re che ci so­no fi­schi che pro­muo­vo­no e fi­schi che si­lu­ra­no. Il peg­gio è lo spet­ta­co­lo che ad­dor­men­ta il pub­bli­co, tran­ne nel mo­men­to dell’aria fa­mo­sa: “La don­na è mo­bi­le / qual piu­ma al ven­to”. Quell’ap­plau­so è peg­gio del fi­schio, è am­mic­ca­men­to ruf­fia­no, è un im­bro­glio con­cor­da­to e sen­za emo­zio­ni».

È mol­to ve­ne­to an­che par­la- re di fu­tu­ro sor­seg­gian­do spri­tz. « Sto scri­ven­do un mu­si­cal: la sto­ria di una don­na ita­lia­na che, di­ven­ta­ta an­zia­na, ri­cor­da com’era e si guar­da com’è. Ed è un rac­con­to mu­si­ca­le, tut­to at­tra­ver­so le can­zo­ni de­gli an­ni Ses­san­ta». Sei trop­po gio­va­ne per quel­le can­zo­ni. «Sì, ma da ra­gaz­zo scri­ve­vo bal­la­te di cir- co­stan­za e i miei mo­del­li era­no i can­tau­to­ri, De An­dré, De Gregori, Guc­ci­ni, Dal­la, Pao­li e Lui­gi Ten­co». Hai mai in­ci­so? «Vin­si un con­cor­so at­tra­ver­so Ra­dio Ita­lia e fu un’emo­zio­ne straor­di­na­ria sen­ti­re che in ra­dio pas­sa­va­no la mia can­zo­ne. Si in­ti­to­la­va Bal­la­ta ». Ne scri­vi an­co­ra? «Mi pia­ce­reb­be, ma per al­tri». Per chi? «Ma­li­ka Aya­ne ha una vo­ce bel­lis­si­ma».

L’an­no pros­si­mo por­ti al Pic­co­lo L’ope­ra da tre sol­di: ri­scri­ve­re­te le can­zo­ni di Kurt Weill? «Sa­rà un’edi­zio­ne tut­ta nuo­va. A par­ti­re dal­la tra­du­zio­ne di Ro­ber­to Me­nin». Sa­rà ine­vi­ta­bi­le il pa­ra­go­ne con Stre­hler. «La re­gia è una di quel­le co­se bel­le e pe­ri­co­lo­se a cui non puoi to­glie­re il pe­ri­co­lo sen­za per­de­re an­che il bel­lo». Ti fa­rai fi­schia­re? «Nel­la pro­sa non si fi­schia».

Hai ri­schia­to di più fa­cen­do de La gaz­za la­dra una Ali­ce nel pae­se del­le me­ra­vi­glie che tra­sfor­man­do Il ven­ta­glio di Gol­do­ni in un per­so­nag­gio-ven­ta­glio in car­ne e os­sa che par­la con i so­net­ti di Sha­ke­spea-

«HO ME SSO UNO S TUPRO IN

ROS S I N I : P E N S I C H E I N I R AQ

I SOLDAT I A B B I A N O I N V I TA­TO

L E D O N N E A B A L L A R E? »

«ORA V ORREI

SCRI­VE­RE

CA N ZO N I

PER MA­LI­KA

AYA N E »

DA RA­GAZ­ZO GAREGGIAVA CON LE BI­CI Mi­chie­let­to, 40 an­ni, og­gi vi­ve « ve­lo­ce » a T re­vi­so

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.