La ve­ri­tà die­tro Su­bur­ra

Dal­la ban­da del­la Ma­glia­na a Ma­fia Ca­pi­ta­le: Ro­ma cri­mi­na­le è tor­na­ta, e do­ve non ar­ri­va la cro­na­ca è il ci­ne­ma a ri­ve­lar­la. Quel­lo di STE­FA­NO SOL­LI­MA, che ha im­pa­ra­to nel­le zo­ne di guer­ra a mo­stra­re la par­te più cru­da e di­stur­ban­te del­la vio­len­za

GQ (Italy) - - Storie - Te­sto di CAR­LO AN­TO­NEL­LI Fo­to di FA­BIO LO­VI­NO

Ste­fa­no Sol­li­ma, qua­si cin­quan­ten­ne, è la men­te e il cor­po die­tro Ro­man­zo cri­mi­na­le e Go­mor­ra, se­rie che han­no ri­vo­lu­zio­na­to per sem­pre il mo­do no­stra­no di con­ce­pi­re la fic­tion e la se­ria­li­tà, con ven­di­te e giu­di­zi cri­ti­ci for­mi­da­bi­li in ogni par­te del mon­do (spe­cie per la se­con­da). In at­te­sa di Go­mor­ra 2, in ar­ri­vo su Sky, esce Su­bur­ra, que­sta vol­ta un film.

Vo­glia­mo dir­lo che sei il crea­to­re di im­ma­gi­na­ri ita­lio­ti più im­por­tan­te del de­cen­nio? «Ma non de­vo fa’ nien­te per riu­scir­ci. Io in­di­vi­duo una co­sa su cui va­le la pe­na ra­gio­na­re tut­ti in­sie­me, tro­vo un bel ca­st, dei bra­vi sce­neg­gia­to­ri, un pro­dut­to­re che ha il co­rag­gio di met­te­re i sol­di e io mi but­to nel di­sor­di­ne». Chi è sta­to in que­sto ca­so? «Cat­tleya, co­me per Acab, per Ro­man­zo cri­mi­na­le e per Go­mor­ra ». Quin­di tu la­vo­ri sem­pre con gli stes­si part­ner? «La­vo­ro con chi mi ha da­to i mez­zi e la fi­du­cia per por­ta­re avan­ti pro­get­ti che non era­no co­sì ov­vi».

«Era scon­ta­to che di­ven­tas­si re­gi­sta co­me mio pa­dre»

È mor­to tuo pa­dre da po­co, co­sa me­no leg­ge­ra di quel­lo che si cre­da, no­no­stan­te l’età. «As­so­lu­ta­men­te. Mio pa­dre ave­va 94 an­ni e io so­no ar­ri­va­to con la con­vin­zio­ne di es­se­re pre­pa­ra­to: non ero pre­pa­ra­to per nien­te. Ed è an­che un’espe­rien­za uma­na­men­te biz­zar­ra, per­ché a 50 an­ni ri­vi­vi sen­sa­zio­ni che ti ri­por­ta­no a es­se­re fi­glio. Aven­do già per­so mia ma­dre, ho fat­to co­me un sal­to all’in­die­tro: di col­po, in­ve­ce che es­se­re pa­dre, ma­ri­to, re­gi­sta, ti ri­tro­vi da so­lo. Quin­di smetti, di fat­to, di es­se­re fi­glio. È l’ultimo ruo­lo». Ti ven­go­no in men­te i ri­cor­di, a ca­so… «Le emo­zio­ni, i rap­por­ti fa­mi­lia­ri, quel­lo che ti sei det­to, quel­lo che non ti sei det­to. Per for­tu­na, nel­la tra­ge­dia, io ero lì. Che a giu­di­ca­re dal mio ca­len­da­rio di que­st’an­no, è ve­ra­men­te una co­sa mi­ra­co­lo­sa. Ero ar­ri­va­to tre gior­ni pri­ma, dal Co­sta Ri­ca: avrei po­tu­to es­se­re ovun­que». Tu non hai mai avu­to pro­ble­mi a fa­re il la­vo­ro di tuo pa­dre, no? L’hai de­ci­so su­bi­to o hai cer­ca­to di sfug­gi­re? «Ci so­no cre­sciu­to den­tro, quin­di è qual­co­sa di più: lo da­vo per scon­ta­to. An­zi, cre­do a un cer­to pun­to di non es­ser­mi mai im­ma­gi­na­to un al­tro la­vo­ro: non pro­prio il re­gi­sta, an­che se era quel­lo che mi in­te­res­sa­va di più, ma il ci­ne­ma. Io ho fat­to stra­de e per­cor­si di­ver­si, ho ini­zia­to da ca­me­ra­man pro­fes­sio­ni­sta, poi ho fat­to mu­si­ca per cin­que-sei an­ni». Ca­me­ra­man per i te­le­gior­na­li? «Sì, la­vo­ra­vo in una gros­sa agen­zia in­ter­na­zio­na­le, era­va­mo gli uni­ci in Ita­lia ad ave­re la NTSC, per cui la­vo­ra­va­mo con ame­ri­ca­ni e giap­po­ne­si». Hai fat­to an­che cro­na­ca? «Sì, ma non le brea­king news: fa­ce­vo l’inviato nel­le zo­ne di guer­ra. Ho fat­to la Guer­ra del Gol­fo, la pri­ma. Sem­bra

« L E C OS E

N O N S TANNO

COM E L E

R ACCONTANO

I GIOR­NA­LI»

die­ci­mi­la an­ni fa...». An­che que­sta è una co­sa che uno sce­glie di fa­re. «Era bel­lis­si­mo. Se non aves­si vo­lu­to fa­re il re­gi­sta, avrei con­ti­nua­to a fa­re quel la­vo­ro». Che co­sa t’ha in­se­gna­to? «In­nan­zi­tut­to a di­stin­gue­re tra quel­lo che leg­gi sui gior­na­li e la real­tà. Poi che la real­tà è mol­to più ela­bo­ra­ta e com­ples­sa di co­me la vor­rem­mo». Ti ha re­so an­che più tran­quil­lo nell’af­fron­ta­re si­tua­zio­ni in zo­ne ur­ba­ne com­ples­se (pen­so a Go­mor­ra)? «Si­cu­ra­men­te un po’ mi ha aiu­ta­to a ge­sti­re un cer­to ge­ne­re di stress. Mi ha in­se­gna­to a es­se­re cu­rio­so, per­ché a vol­te, per sod­di­sfa­re una cu­rio­si­tà, de­vi in­tra­pren­de­re un per­cor­so non scon­ta­to. Fa­re Go­mor­ra non è co­sì ov­vio, se de­ci­di di far­lo esat­ta­men­te lì do­ve tut­to av­vie­ne, no?». Leg­ge­vi fu­met­ti da pic­co­lo? «Sì, an­co­ra ades­so, e col­le­zio­no ta­vo­le». Leg­ge­vi Ra­n­xe­rox, Pa­zien­za? «Quan­do ho por­ta­to il mio pri­mo cor­to­me­trag­gio in con­cor­so a Can­nes, al­la Set­ti­ma­na del­la cri­ti­ca, ho ini­zia­to a su­sci­ta­re l’in­te­res­se dei pro­dut­to­ri. Mi chie­de­va­no: che vuoi fa­re? Di­ce­vo: Ra­n­xe­rox. An­co­ra ri­cor­do la lo­ro fac­cia, pen­sa­va­no: que­sto è com­ple­ta­men­te sce­mo». Quel fu­met­to rap­pre­sen­ta­va un im­ma­gi­na­rio ur­ba­no che a Ro­ma so­stan­zial­men­te si è ve­ri­fi­ca­to. «Non a quel li­vel­lo, pe­rò era in­te­res­san­te co­me rac­con­to». Dei fu­met­ti­sti ame­ri­ca­ni chi ti pia­ce­va: Mil­ler, Sien­kiewicz? «Pro­prio lo­ro, quel­li con cui so­no cre­sciu­to, men­tre qui c’era­no Pa­zien­za, Li­be­ra­to­re… Han­no cam­bia­to la nar­ra­zio­ne del fu­met­to, pri­ma di lo­ro non c’era la gra­phic no­vel, non c’era il fu­met­to per adul­ti». E da lì ti sei mes­so a far le se­rie? «E da lì mi son mes­so a la­vo­ra­re in te­le­vi­sio­ne, per­ché ave­vo la sen­sa­zio­ne che fos­se un mez­zo con il qua­le po­te­vo da­re di più. Sa­rà che ho ini­zia­to mol­to pre­sto a guar­da­re le se­rie».

«Ho fat­to un gang­ster mo­vie, ispi­ra­to, pe­rò, a fat­ti rea­li»

Pri­ma di que­sta on­da­ta? «Mol­to pri­ma. Par­lo di CSI, I So­pra­no, co­se di 15 an­ni fa». The Wi­re vie­ne do­po? « Sì, e mi pia­ce as­sai » . Io ce l’ho vi­sto mol­to in Go­mor­ra. «Be’, è un bel com­pli­men­to. La co­stru­zio­ne è un mo­do qua­si d’ef­fet­to per de­cli­na­re una cit­tà e un mon­do: ci si dà un te­ma e si cam­bia il pun­to di vi­sta». Par­lia­mo del­la Ro­ma scin­til­lan­te di Ro­man­zo cri­mi­na­le. «Scin­til­lan­te, sì, ma an­che mol­to cu­pa. C’era­no il ter­ro­ri­smo, la guer­ra per ban- de; ros­si, ne­ri; la cit­tà di­vi­sa a me­tà». E c’era un’esplo­sio­ne cul­tu­ra­le mai vi­sta. « Cer­to, an­che se al­la fi­ne de­gli An­ni 70, il pe­rio­do di cui mi so­no oc­cu­pa­to, era fi­ni­ta, già in to­ta­le de­ca­den­za: tut­to era cu­po, non c’era più la ri­vo­lu­zio­ne, era già fal­li­ta». Co­me ave­vi fat­to il ca­st all’epo­ca? «Cer­can­do tut­ti sco­no­sciu­ti, per­ché il film che era sta­to fat­to ne ave­va di co­sì al­to li­vel­lo che met­ter­si sul­lo stes­so pia­no sa­reb­be sta­ta una scioc­chez­za. Bi­so­gna­va ave­re il co­rag­gio di fa­re un ve­ro re­ma­ke, ri­par­ti­re dal li­bro, com­pien­do l’atto di pre­sun­zio­ne di non con­si­de­ra­re il film». Su­bur­ra che cos’è ri­spet­to a Ro­man­zo cri­mi­na­le? «È un ag­gior­na­men­to di quel rac­con­to. Par­te dal­la stes­sa cit­tà e in par­te se­gue an­che uno dei per­so­nag­gi che era­no pro­ta­go­ni­sti di quell’af­fre­sco: Sa­mu­rai, l’ultimo ere­de del­la ban­da del­la Ma­glia­na che, gra­zie al pre­sti­gio ac­qui­si­to con le re­la­zio­ni, è l’uo­mo chia­ve, il ga­ran­te per tut­ti gli al­tri po­te­ri che go­ver­na­no la cit­tà. In ge­ne­ra­le, il film è un th­ril­ler, un gang­ster mo­vie, ispi­ra­to a fat­ti rea­li che si col­lo­ca­no in­tor­no al 2011 » . Quin­di non c’entra Ma­fia Ca­pi­ta­le? «No. Su­bur­ra è un film sul po­te­re, am­bien­ta­to a Ro­ma, che è l’uni­ca gran­de ca­pi­ta­le del pia­ne­ta in cui con­vi­vo­no il po­te­re po­li­ti­co, la stra­da (un po­te­re cri­mi­na­le, ma pur sem­pre po­te­re) e il Va­ti­ca­no. Que­sta ec­ce­zio­na­le con­vi­ven­za di tre po­te­ri su un ter­ri­to­rio uni­co lo ren­de un film co­ra­le». Ma an­che Acab lo era. « Su­bur­ra è mol­to di più. Acab si svol­ge­va all’in­ter­no di un so­lo mon­do, quel­lo del re­par­to mo­bi­le del­la po­li­zia. Qui ce ne so­no al­me­no cin­que, tut­ti mol­to pre­sen­ti: le stan­ze af­fre­sca­te do­ve abi­ta il po­te­re tem­po­ra­le del­la Chie­sa, il Va­ti­ca­no; il cen­tro del­la po­li­ti­ca; il cen­tro sto­ri­co; le va­rie pe­ri­fe­rie; i po­sti do­ve si fan­no le gran­di fe­ste… C’è un po’ tut­to». E a un cer­to pun­to ti sei do­vu­to con­fron­ta­re sul­le gran­di fe­ste con Sor­ren­ti­no? «No, io ho fat­to un film su Ro­ma co­me ce ne so­no a cen­ti­na­ia: Ro­ma vio­len­ta, La dol­ce vi­ta… Io ho fat­to un film non so­lo sul­la Ro­ma in­tel­let­tua­le, quel­la dei sa­lot­ti, ma an­che quel­la di una del­le pe­ri­fe­rie rac­con­ta­te in Ro­man­zo cri­mi­na­le ». È un film cat­ti­vo? «No, giu­sto». Co­me va rap­pre­sen­ta­ta la vio­len­za, se­con­do te? «Se non sei ma­la­to, vi­vi la vio­len­za co­me uno stress, uno shock. E al­lo­ra tro­vo cor­ret­to che la sua rap­pre­sen­ta­zio­ne ci­ne­ma­to­gra­fi­ca se­gua que­sto cri­te­rio: la vio­len­za è un mo­men­to di­stur­ban­te, è giu­sto che ven­ga ser­vi­ta co­sì». Per­ché a te in­te­res­sa co­sì tan­to la vio­len­za? «Per­ché so­no buo­no». Leg­gi la cro­na­ca? «So­no at­ten­to al mio mon­do, cer­co di sta­re nel­la mia cit­tà». L’im­ma­gi­na­rio ur­ba­no è mol­to for­te. Sem­bri go­de­re nel ve­de­re cer­ti luo­ghi.«per­ché so­no na­to in una me­tro­po­li, so­no cre­sciu­to sen­za un gran­de oriz­zon­te a li­vel­lo del­lo sguar­do, con tan­ta gen­te che vi­ve in­sie­me a stret­tis­si­mo con­tat­to». Ti oc­cu­pi di po­li­ti­ca? «Quan­do ero ra­gaz­zi­no ero iscrit­to al­la Fg­ci, il ca­po era Wal­ter Vel­tro­ni » . Quin­di stai nel sol­co del ci­ne­ma di si­ni­stra? «Sì, pe­rò so­no sta­to at­tac­ca­to do­po Acab, per­ché di­ce­va­no che ho fat­to un film fa­sci­sta. In real­tà ab­bia­mo fat­to in­caz­za­re tut­ti, dai po­li­ziot­ti agli ul­trà». E mo’? «E mo’, ti di­rò, si va in va­can­za».

«COL­LE­ZIO­NO

F UM E T T I . I L

MIO SO­GNO

ERA GIR ARE

» «È un film co­ra­le su co­me il po­te­re po­li­ti­co,

la stra­da e il Va­ti­ca­no pos­so­no con­vi­ve­re»

STE­FA­NO SOL­LI­MA, 49 AN­NI. HA DI­RET­TO RO­MAN­ZO CRI­MI­NA­LE-LA SE­RIE , GO­MOR­RA-LA SE­RIE, TRA­SMES­SI DA SKY, E ORA IL FILM SU­BUR­RA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.