Emo­zio­ni vio­len­te

Ste­fa­no Sol­li­ma lo ha vo­lu­to ac­can­to a E lio Ger­ma­no in Su­bur­ra, nel ruo­lo di uno spie­ta­to boss del­la ma­la di Ostia. Ma di fron­te all’obiet­ti­vo ( fo­to­gra­fi­co, s ta­vol­ta) di un al­tro gran­de re­gi­sta, ALES­SAN­DRO BOR­GHI h a sve­la­to la sua par­te più in­ti­ma: «

GQ (Italy) - - Moda - Te­sto di LAU­RA PA­CEL­LI Fo­to di LU­CA GUA­DA­GNI­NO

Con la bar­ba lun­ga po­treb­be es­se­re scam­bia­to per il fra­tel­lo mi­no­re di Ales­sio Bo­ni. Sen­za, ri­cor­da un gio­va­ne Ewan Mcg­re­gor in Train­spot­ting. Sul set, in­ve­ce, l’aspet­to estetico pas­sa in se­con­do pia­no, am­pia­men­te of­fu­sca­to dal­la spie­ta­tez­za dei per­so­nag­gi che in­ter­pre­ta. Ba­sta guar­dar­lo nei pan­ni di Nu­me­ro 8, il boss del­la ma­la ostien­se in Su­bur­ra, il film di cui vi ab­bia­mo già par­la­to nel­le pa­gi­ne pre­ce­den­ti.

No­no­stan­te il vi­so pu­li­to, un pa­io di oc­chi az­zur­ri feb­bri­li e un fi­si­co scol­pi­to do­po tan­ti an­ni di ar­ti mar­zia­li, ad Ales­san­dro Bor­ghi, ro­ma­no, 29 an­ni ap­pe­na com­piu­ti, fa­re il cat­ti­vo pia­ce dav­ve­ro: «Per me è una ve­ra e pro­pria sfi­da, per­ché io nel­la vi­ta rea­le so­no un buo­no». Per­si­no quan­do do­po scuo­la si ri­tro­va­va coin­vol­to nel­le ris­se con­tro gli squa­dro­ni pro­ve­nien­ti dai quar­tie­ri più dif­fi­ci­li del­la Ca­pi­ta­le: «So­no cre­sciu­to a po­chi iso­la­ti dal­la Ma­glia­na e nel­le si­tua­zio­ni dif­fi­ci­li ho sem­pre pro­va­to a cal­ma­re gli ani­mi, poi, am­met­to, nel­la mi­schia qual­che schiaf­fo par­ti­va».

E, in fon­do, se og­gi Bor­ghi è il Val­lan­za­sca del ci­ne­ma ita­lia­no lo de­ve an­che al­le sue fre­quen­ta­zio­ni gio­va­ni­li: «Ci sta­vo den­tro sen­za ren­der­me­ne con­to, ma tut­to quel­lo che ho vi­sto, ascol­ta­to e vis­su­to mi ha aiu­ta­to a in­ter­pre­ta­re ruo­li co­me Nu­me­ro 8, si­cu­ra­men­te il più dif­fi­ci­le di tut­ta la mia car­rie­ra». Poi so­no ar­ri­va­te le par­ti di Vit­to­rio in Non es­se­re

di Clau­dio Ca­li­ga­ri: «La più emo­zio­nan­te, non so­lo per la mor­te pre­ma­tu­ra del re­gi­sta, ma per l’at­mo­sfe­ra che c’è sta­ta dall’ini­zio al­la fi­ne del­le ri­pre­se». E quel­la di Boc­cio­ne nel film – an­co­ra in la­vo­ra­zio­ne – di Mi­che­le Van­nuc­ci Il più gran­de so­gno mai so­gna­to: «Sot­to al­cu­ni aspet­ti è il per­so­nag­gio in cui più mi ri­co­no­sco: un ra­gaz­zo cre­sciu­to nel dif­fi­ci­le quar­tie­re ro­ma­no La Ru­sti­ca ma, no­no­stan­te le real­tà in cui è co­stret­to a vi­ve­re, è co­sì in­ge­nuo da non ac­cor­ger­si del­le co­se, per­si­no di es­se­re ama­to o di es­ser­si in­na­mo­ra­to, una per­so­na emo­zio­na­le, pro­prio co­me me».

Sa­rà per que­sto che al­le ar­ti mar­zia­li Ales­san­dro ha pre­fe­ri­to la re­ci­ta­zio­ne: «Quel­lo che di­co a tut­ti i miei ami­ci o nei work­shop tea­tra­li che or­ga­niz­zia­mo con le per­so­ne co­mu­ni è che va­le la pe­na fa­re l’at­to­re, an­che per un so­lo gior­no». An­che so­lo per sen­ti­re il cuo­re che bat­te. Poi, ov­vio, con un pu­gno si tor­na al­la real­tà. «La mia pri­ma par­te in as­so­lu­to è sta­ta in Di­stret­to di po­li­zia 6, per­ché fa­cen­do full con­tact e pu­gi­la­to ero per­fet­to per la sce­na di una scaz­zot­ta­ta».

Og­gi Ales­san­dro Bor­ghi con­ti­nua a dar­le e a pren­der­le, al­me­no sul set. Poi tor­na a ca­sa, ab­brac­cia la fi­dan­za­ta e chia­ma la ma­dre Ros­sel­la, il pa­dre Sil­va­no («Le per­so­ne più im­por­tan­ti del­la mia vi­ta») e il fra­tel­lo Pa­tri­zio. Per non di­men­ti­car­li, ha le lo­ro ini­zia­li ta­tua­te sul­le brac­cia.

MA­GLIO­NE VA­LEN­TI­NO E PEL­LIC­CIA BAL­LY

CA­MI­CIA IN SE­TA GUC­CI, LEG­GINGS AC­NE STU­DIOS

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.