La ri­tua­li­tà dell’al­ta sar­to­ria IL MI­GLIOR A R T I G I A N ATO

Non so­lo ve­sti­ti per­so­na­liz­za­ti. MAS­SI­MO DUT­TI lan­cia il suo pri­mo ser­vi­zio che per­met­te di cu­cir­si ad­dos­so un abi­to in ogni suo det­ta­glio. An­che da ca­sa, con un clic

GQ (Italy) - - Alfredo - Te­sto di LAU­RA PA­CEL­LI

Mai co­me ades­so, quan­do si ve­ste, l’uo­mo con­tem­po­ra­neo si espri­me con mol­ta più li­ber­tà ri­spet­to al pas­sa­to. Ma la lin­gua con cui di­ce co­se nuo­ve è la stes­sa di chi l’ha pre­ce­du­to. Per que­sto, già da qual­che tem­po, si as­si­ste a un ri­tor­no ver­so la sar­to­ria­li­tà e la per­so­na­liz­za­zio­ne dell’abi­to, sia for­ma­le che in­for­ma­le.

Pas­sa­ti i tem­pi di me­tro­se­xual, ter­mi­ne co­nia­to po­co più di ven­ti an­ni fa dal gior­na­li­sta bri­tan­ni­co Mark Simp­son per in­di­ca­re que­gli uo­mi­ni che pre­sta­va­no sem­pre più at­ten­zio­ne al­la moda e al­la cu­ra di sé, la de­fi­ni­zio­ne og­gi più dif fu­sa è

ma­de- to- mea­su­re,

per­so­na­liz­za­zio­ne del ca­po ap­pun­to. Con un’ul­te­rio­re evo­lu­zio­ne nel be­spo­ke, il ve­ro e pro­prio “su mi­su­ra” dei sar­ti ita­lia­ni o di quel­li di Sa­vi­le Row: ago, fi­lo e ma­ni ec­ce­zio­na­li.

Dal ca­sual al­lo smo­king: tre li­nee per ogni oc­ca­sio­ne

In en­tram­bi i ca­si si trat­ta di una ri­tua­li­tà sem­pre più dif fu­sa, che si of fi­cia nei la­bo­ra­to­ri di gran­di ar­ti­gia­ni che cu­sto­di­sco­no le li­tur­gie più or­to­dos­se del­la sar­to­ria. Gli stes­si che so­no in gra­do di ri­spon­de­re al­le esi­gen­ze in­di­vi­dua­li e di crea­re il nuo­vo, non per stu­pi­re ma per es­se­re.

Uno di que­sti la­bo­ra­to­ri si tro­va a Pa­ri­gi, in un am­bien­te se­pa­ra­to, in­ti­mo e raf­fi­na­to, all’in­ter­no del­la gran­de bou­ti­que di Mas­si­mo Dut­ti in Rue de la Paix. È qui che ab­bia­mo sco- per­to ogni sfu­ma­tu­ra del ser­vi­zio Per­so­nal Tai­lo­ring.

Quel­la del­la per­so­na­liz­za­zio­ne è una lun­ga tra­di­zio­ne, per il mar­chio di lus­so di pro­prie­tà del grup­po spa­gno­lo In­di­tex. Que­st’an­no si rin­no­va ap­pli-

Uno dei film più bel­li che ho vi­sto è un hor­ror di To­mas Al­fred­son, La­scia­mi en­tra­re, del lon­ta­no 2008. Ma an­co­ra più bel­lo è sta­to leg­ge­re il ro­man­zo omo­ni­mo da cui è sta­to trat­to: una sto­ria de­li­ca­ta e pie­na di su­spen­se sul rap­por­to d’ami­ci­zia tra il do­di­cen­ne Oskar e una ra­gaz­zi­na vam­pi­ro di no­me Eli. Da quel mo­men­to non mi so­no per­so un so­lo li­bro del suo au­to­re, lo sve­de­se

John Aj­vi­de Lin­d­q­vi­st

( nel­la fo­to in bas­so). Co­sì, ap­pe­na ho sco­per­to che Mar­si­lio ave­va pub­bli­ca­to il suo nuo­vo ro­man­zo Mu­si­ca

qual­che set­ti­ma­na fa me ne so­no pro­cu­ra­to una co­pia e ho sot­to­po­sto Lin­d­q­vi­st al mio que­stio­na­rio.

No­no­stan­te scri­va li­bri hor­ror bel­lis­si­mi, tra­dot­ti in 30 pae­si e di­stri­bui­ti in 50, John Aj­vi­de ha un gran­de sen­so dell’umo­ri­smo. Sa­rà per­ché da ra­gaz­zo, pri­ma di de­di­car­si al­la scrit­tu­ra, ha fat­to il pre­sti­gia­to­re e il co­mi­co in un quar­tie­re pe­ri­fe­ri­co di Stoc­col­ma, do­ve è cre­sciu­to. Umil­tà e ta­len­to so­no do­ti che am­mi­ro e che gli ri­co­no­sco. Un ve­ro eroe con­tem­po­ra­neo.

Qual è il pro­fu­mo/ac­qua di co­lo­nia che me­glio rap­pre­sen­ta la tua ani­ma?

«Non lo uso, ma que­sto si­gni­fi­ca che la mia ani­ma può es­se­re in pe­ri­co­lo? ». «Por­zio­ni ab­bon­dan­ti per non ri­tro­var­mi in stra­da con lo sto­ma­co che bron­to­la per la fa­me ».

Che qua­li­tà de­si­de­ri in un al­ber­go?

«Un bel bal­co­ne do­ve po­ter­mi fu­ma­re una si­ga­ret­ta in tut­ta tran­quil­li­tà ».

Qual è la tua com­pa­gnia ae­rea pre­fe­ri­ta?

«L’au­stra­lia­na Qan­tas ».

Co­sa de­te­sti più di tut­to, nell’ar­re­da­men­to?

« Quel­le stan­ze in cui sen­to da su­bi­to che ap­pe­na mi muo­vo si è già rot­to qual­co­sa ».

Che va­lu­ta in­ter­na­zio­na­le vor­re­sti es­se­re?

«Il mar­co te­de­sco ma quel­lo in cir­co­la­zio­ne ne­gli An­ni 20, quan­do era in co­stan­te sva­lu­ta­zio­ne ».

Qual è il ge­ne­re di scar­pa che di­sprez­zi di più?

«Di­rei qua­si tut­te, ec­cet­to le scar­pe danesi Ec­co, so­no le so­le che non fan­no ma­le ai miei pie­di, lie­ve­men­te de­for­mi».

Chi è il tuo de­si­gner pre­fe­ri­to, da Char­les Wor­th fi­no a og­gi?

«Dio. E an­che quel­lo che di­se­gna i ca­pi moda per il mar­chio spa­gno­lo De­si­gual».

Un eroe di ele­gan­za, nel­la vi­ta rea­le?

«Brad Pitt, am­mes­so che pos­sa es­se­re con­si­de­ra­to un uo­mo nel­la vi­ta rea­le... ».

Un do­no di bel­lez­za che vor­re­sti ave­re?

«Più ca­pel­li».

di­ta mo­no­mar­ca e un fat­tu­ra­to di 170 mi­lio­ni di eu­ro nel 2014. Il suc­ces­so si de­ve so­prat­tut­to al­la qua­li­tà dei tes­su­ti, a cui Di­ni de­di­ca gran par­te del­le sue ener­gie ma che, in com­pen­so, gli re­ga­la gran­di sod­di­sfa­zio­ni. Glie­lo si leg­ge an­che ne­gli oc­chi quan­do par­la del­le ul­ti­me no­vi­tà: «Per la li­nea più tec­ni­ca e per­for­man­te del­la col­le­zio­ne A/I 2015-16 ab­bia­mo uti­liz­za­to Ty­phoon 20000, un trat­ta­men­to bre­vet­ta­to in esclu­si­va per noi, in gra­do di ga­ran­ti­re ele­va­te per­for­man­ce wa­ter­proof e an­ti­ven­to in ogni con­di­zio­ne at­mo­sfe­ri­ca».

Tra i ca­pi più rap­pre­sen­ta­ti­vi di sta­gio­ne c’è il cap­pot­to ot­te­nu­to da un al­tro trat­ta­men­to esclu­si­vo: «Do­po la tes­si­tu­ra, ab­bia­mo de­po­si­ta­to nel pe­lo del ca­che­mi­re del­la pol­ve­re di chin­chil­la: in que­sto mo­do re­sta im­bri­glia­ta nel­la tra­ma del tes­su­to e lo ren­de an­co­ra più mor­bi­do».

Po­treb­be an­da­re avan­ti per ore a par­la­re dei suoi tes­su­ti, An­drea Di­ni. Ma nel 2016 il mar­chio fe­steg­gia 40 an­ni e vo­glia­mo sa­pe­re co­sa suc­ce­de­rà. «Ab­bia­mo re­cu­pe­ra­to i pri­mi 10 pro­dot­ti rea­liz­za­ti nel 1976 da mio pa­dre e mio zio e li ven­de­re­mo all’in­ter­no del tu­bo, il pac­ka­ging sto­ri­co Paul&shark, per­so­na­liz­za­to da ar­ti­sti di va­rio ge­ne­re». Lo squa­lo, an­che sta­vol­ta, non ha sba­glia­to a sce­glie­re la sua pre­da.

UN BOZ­ZET­TO DEL­LA LI­NEA BU­SI­NESS LUX DEL SER­VI­ZIO PER­SO­NAL TAI­LO­RING DI MAS­SI­MO DUT­TI UN CA­PO DEL­LA LI­NEA COUN­TRY & WEE­KEND LUX DI PER­SO­NAL TAI­LO­RING

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.