DUE KIL­LER A S P AS S O P E R L ONDRA

Per ri­lan­cia­re AS­SAS­SIN’S CREED, l’ul­ti­mo epi­so­dio si gio­ca nell’inghilterra vit­to­ria­na: co­sì per­fet­ta da sem­bra­re rea­le

GQ (Italy) - - Super ! - Te­sto di RIC­CAR­DO MEGGIATO

E la sua, di in­fan­zia?

« Mia ma­dre ci ha la­scia­ti quan­do ave­vo 8 an­ni, quin­di a oc­cu­par­si di me, dei miei fra­tel­li e del­le so­rel­le è sta­to mio pa­dre. Fa­ce­va il ra­gio­nie­re, la­vo­ra­va pa­rec­chio e non ave­va mol­to tem­po da de­di­car­ci. Da pic­co­lo pen­sa­vo che fos­si­mo po­ve­ri, per­ché la no­stra edu­ca­zio­ne era ab­ba­stan­za severa: tut­ti do­ve­va­mo aiu­ta­re in ca­sa, e tro­vo che que­sto mi ab­bia fat­to un gran be­ne. Come pa­dre so­no me­no esi­gen­te di quan­to sia sta­to il mio, an­che se pre­ten­do più di mia mo­glie. Cre­do che spes­so com­met­tia­mo l’er­ro­re di fa­re con­ti­nua­men­te ai fi­gli dei gran di­scor­si, men­tre lo­ro im­pa­ra­no mol­to dal no­stro esem­pio, me­no dal­le no­stre parole».

Co­sa le pia­ce del­la vi­ta, ol­tre al suo la­vo­ro?

«Ho sem­pre ama­to viag­gia­re. In­ve­ce dei po­ster di atle­ti e rock­star, sui mu­ri del­la mia ca­me­ra, da ra­gaz­zo, c’era­no car­te geo­gra­fi­che: ho pas­sa­to l’in­fan­zia a so­gna­re il mon­do».

Il suo mo­do di cre­sce­re?

«Che lo vo­glia­mo o me­no, non smet­tia­mo mai di cre­sce­re e di im­pa­ra­re. So­prat­tut­to se sei un at­to­re, ogni espe­rien­za − buo­na o cat­ti­va che sia − va drit­ta in ma­gaz­zi­no. Ogni vol­ta che vi­si­ti un po­sto di­ver­so, in­con­tri una per­so­na nuo­va o pro­vi un’emo­zio­ne inat­te­sa c’è una vo­ci­na che dice: “Ri­cor­da­ti que­sto, ti sa­rà uti­le”».

Come mai ha de­ci­so di dar­si al com­mer­cio so­li­da­le?

«Mio pa­dre mi ha tra­smes­so l’im­por­tan­za del­le scel­te che fac­cia­mo come con­su­ma­to­ri. Non pen­sa­vo che avrei mai avu­to l’op­por­tu­ni­tà di in­flui­re su que­sti te­mi, ma quan­do ho let­to i libri di Paul New­man e di Mu­ham­mad Yu­nus (No­bel per il mi­cro­cre­di­to, ndr) sul­le lo­ro at­ti­vi­tà per mi­glio­ra­re il mon­do, ho ca­pi­to che era giu­sto usa­re la mia no­to­rie­tà an­che per cer­ca­re di co­strui­re qual­co­sa di più du­ra­tu­ro e po­si­ti­vo».

Un ge­sto po­li­ti­co?

«Non so­no più cer­to che sia sem­pre la po­li­ti­ca lo stru­men­to più ef­fi­ca­ce per mi­glio­ra­re le co­se. Guar­da­te co­sa è riu­sci­ta a fa­re, per esem­pio, la fon­da­zio­ne di Bill Ga­tes con il vac­ci­no con­tro la po­lio­mie­li­te. È straor­di­na­rio come un im­pe­gno fi­lan­tro­pi­co ab­bia sra­di­ca­to qua­si del tut­to quel­la ma­lat­tia dal mon­do. Mi pia­ce l’idea di un’im­pre­sa so­cia- le, in gra­do di crea­re qual­co­sa di or­ga­ni­co, che aiu­ti gli agri­col­to­ri e rein­ve­sta in lo­ro».

Or­mai, a Hol­ly­wood, voi au­stra­lia­ni sie­te tan­tis­si­mi...

«È ve­ro. Quan­do ho fat­to il pri­mo X–men ave­vo già 30 an­ni ed ero piut­to­sto equi­li­bra­to. An­che per­ché fra au­stra­lia­ni ci si as­si­cu­ra che nes­su­no si mon­ti trop­po la te­sta: se hai suc­ces­so tan­to me­glio, ma la gen­te non ti trat­ta mi­ca di­ver­sa­men­te da quan­do eri un ra­gaz­zo del li­ceo, e que­sto ti man­tie­ne coi pie­di per ter­ra. È so­lo quan­do un au­stra­lia­no smet­te di sfot­ter­ti che ti de­vi pre­oc­cu­pa­re: vuol di­re che non gli stai sim­pa­ti­co».

ma un po’ più al­le­gri?

«An­che lo­ro lo sa­reb­be­ro, se glie­lo per­met­tes­se­ro. Il no­stro Pae­se of­fre an­co­ra mol­te op­por­tu­ni­tà e noi sia­mo gen­te ot­ti­mi­sta: è una do­te che ci por­tia­mo die­tro an­che quan­do an­dia­mo in gi­ro per il mon­do».

Le pic­co­le sod­di­sfa­zio­ni?

«Mi met­to sem­pre la giac­ca e la cra­vat­ta, an­che nei fi­ne settimana: a con­si­gliar­mi è mia mo­glie, e ha sem­pre ra­gio­ne lei. Per­so­nal­men­te ho gu­sti piut­to­sto sem­pli­ci, ep­pu­re a vol­te riesco a sor­pren­de­re an­che me stes­so. Ado­ro le scar­pe fat­te a ma­no, per esem­pio, e i ve­sti­ti su mi­su­ra. Per me so­no que­sti i pic­co­li lus­si del­la vi­ta».

« FACC I A MO

TROP­PI DI­SCOR­SI AI NOS T R I F I G L I . CO N TA D I P I Ù

L’ E S E M P I O »

BAR­BA­NE­RA- JACK­MAN E PE­TER PAN ( LEVI MIL­LER) IN UNA SCE­NA DEL FILM

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.