Di col­po ar­ri­va di tut­to

Mar­co Po­lo ha por­ta­to NET­FLIX an­che in Ita­lia, per ri­ver­sa­re sui no­stri scher­mi un ma­re di de­li­zie vi­si­ve, di­spo­ni­bi­li in qua­lun­que mo­men­to. Sia­mo an­da­ti in Ca­li­for­nia, dove è na­ta, per ca­pi­re come fun­zio­na, come pro­du­ce e per­ché po­treb­be ri­vo­lu­zio­na­re

GQ (Italy) - - Storie - Te­sto di AN­GE­LO PAN­NO­FI­NO

El­vis Pre­sley an­zia­no ma vi­vo al su­per­mer­ca­to; una gom­ma a ter­ra; una tre­men­da inon­da­zio­ne; l’in­va­sio­ne del­le ca­val­let­te: a vent’an­ni nien­te mi avreb­be im­pe­di­to di cor­re­re a ca­sa al­le 2.10 del po­me­rig­gio per ve­de­re I Simpson su Ita­lia 1. Ri­ti co­sì, tra po­co, an­dran­no per­si nel tem­po: l’ini­zio del­la fi­ne del­la tv come l’ab­bia­mo co­no­sciu­ta è an­da­to in on­da il 22 ot­to­bre. È in quel­la da­ta che Mar­co Po­lo è tor­na­to in Ita­lia por­tan­do con sé spe­zie, se­ta ma so­prat­tut­to Net­flix, la più im­por­tan­te strea­ming tv al mon­do.

Na­ta nel ’97 come so­cie­tà per il no­leg­gio online di dvd, nel 2008 ha pun­ta­to sulla tv via in­ter­net. Og­gi, a di­stan­za di ap­pe­na set­te an­ni, è un co­los­so con 60 mi­lio­ni di ab­bo­na­ti, pre­sen­te in 50 Pae­si. Quel­la sull’ita­lia è so­lo l’ul­ti­ma ban­die­ri­na pian­ta­ta sul map­pa­mon­do di un ri­si­ko pla­ne­ta­rio.

Per ca­pi­re cos’è Net­flix, e per­ché, di­co­no, cam­bie­rà le no­stre abi­tu­di­ni, so­no sta­to in Ca­li­for­nia, nel­le due se­di di un’azien­da con un pie­de a Hol­ly­wood e l’al­tro nel­la Si­li­con Val­ley: nel­la ba­se lo­san­ge­li­na ci so­no i con­te­nu­ti, in quel­la di Los Ga­tos la “mac­chi­na” che fa fun­zio­na­re tut­to. Tra open spa­ce, mat­to­ni a vi­sta e im­pie­ga­ti in ber­mu­da che si por­ta­no il ca­ne in uf­fi­cio, ho in­con­tra­to i Fan­ta­sti­ci 4 Cer­vel­lo­ni che sie­do­no in ca­bi­na di co­man­do: il ca­po del­la co­mu­ni­ca­zio­ne, Jo­na­than Fried­land, ex gior- na­li­sta pre­mio Pu­li­tzer; Ted Sa­ran­dos, po­ten­tis­si­mo stre­gat­to re­spon­sa­bi­le dei con­te­nu­ti; il geek Neil Hunt, boss del re­par­to tec­no­lo­gi­co, e in­fi­ne il gran­de af­fa­bu­la­to­re vi­sio­na­rio, fon­da­to­re e am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to, mi­ster Ha­stings. Che si pre­sen­ta co­sì: «Ca­ri ita­lia­ni, il mio no­me è Reed e in­ter­net ha mi­glio­ra­to tan­te co­se. Ora mi­glio­re­rà la tv. Po­tre­te de­ci­de­re quan­do ve­de­re quel­lo che vo­le­te: sco­pri­re­te una tv per­so­na­liz­za­ta, per­ché Net­flix im­pa­re­rà a co­no­sce­re i vo­stri gu­sti e, col tem­po, vi se­gna­le­rà sem­pre più co­se che vi po­treb­be­ro pia­ce­re».

Un pie­de a Hol­ly­wood, l’al­tro nel­la Si­li­con Val­ley

Ec­co il pri­mo dei pun­ti di for­za di Net­flix. Es­se­re in gra­do di pro­dur­re i pro­pri con­te­nu­ti, cioè “le co­se che ci po­treb­be­ro pia­ce­re”, è un van­tag­gio enor­me. Net­flix può per­met­ter­se­lo so­lo da po­chi an­ni ma, quan­do ha ini­zia­to, lo ha fat­to col bot­to: Hou­se of Cards e Oran­ge Is the New Black. Og­gi, per una se­rie come Mar­co Po­lo, so­no arrivati a investire 90

« FA­RE­MO SEM­PRE PIÙ COS E I N BAS E A I V OS T R I

GUS T I »

mi­lio­ni di dol­la­ri. «La no­stra idea», dice Sa­ran­dos, «è pro­dur­re lo­cal­men­te, nei Pae­si in cui sia­mo pre­sen­ti, con­te­nu­ti le­ga­ti al luo­go ma a con­di­zio­ne che sia­no espor­ta­bi­li in tut­to il mon­do». Suc­ce­de­rà an­che da noi: nel 2017 è in pro­gram­ma la se­rie tv Su­bur­ra, trat­ta dal film di Ste­fa­no Sol­li­ma.

La sfi­da è con­tro se stes­si: ge­sti­re un ca­ta­lo­go enor­me

L’am­piez­za del ca­ta­lo­go è una del­le ar­mi con cui Net­flix com­bat­te con­tro una con­cor­ren­za sem­pre più va­sta: «In­ter­net non po­ne bar­rie­re», dice Ha­stings, «se puoi apri­re un si­to puoi an­che ave­re una in­ter­net tv». In Ita­lia tro­ve­ran­no Sky Online, Infinity, Tim­vi­sion. A fa­re la dif­fe­ren­za le di­men­sio­ni: l’azien­da di Los Ga­tos è un gi­gan­te che ope­ra su sca­la mondiale e può of­fri­re un ma­re di pro­gram­mi sem­pre di­spo­ni­bi­li. In real­tà la ve­ra sfi­da è con­tro se stes­si: riu­sci­re a ge­sti­re tan­ta ab­bon­dan­za in mo­do che un ab­bo­na­to non naufraghi in un oceano di ti­to­li. «Dal mo­men­to in cui si apre la ho­me pa­ge, ci gio­chia­mo tut- to in 30, mas­si­mo 90 se­con­di», spie­ga il tec­no­lo­gi­co Hunt. «In quel bre­ve las­so di tem­po Net­flix de­ve riu­sci­re ad ag­gan­cia­re lo spet­ta­to­re sug­ge­ren­do un pro­gram­ma».

L’ar­pio­ne è un so­fi­sti­ca­to al­go­rit­mo che stu­dia i no­stri com­por­ta­men­ti: co­sa guar­dia­mo su Net­flix, quan­do, come e for­se an­che per­ché. Col tem­po im­pa­ra a co­no­sce­re i no­stri gu­sti e af­fi­na la ca­pa­ci­tà di sug­ge­rir­ci “co­se che ci po­treb­be­ro pia­ce­re”: «In al­tre parole», dice Fried­land, «quel­la che gli ita­lia­ni ve­dran­no all’ini­zio è so­lo la “peg­gior ver­sio­ne” di Net­flix: più pas­se­rà il tem­po più l’espe­rien­za mi­glio­re­rà».

Ha­stings storce il na­so: «È una fra­se che non mi pia­ce. È come quan­do uscì il pri­mo mo­del­lo di ip­ho­ne: og­gi è cer­ta­men­te il peg­gio­re, ma quan­do ar­ri­vò fu “wow!”». Come per l’ip­ho­ne, an­che la com­ples­si­tà tec­no­lo­gi­ca di Net­flix si na­scon­de die­tro una fac­cia­ta sem­pli­ce e in­tui­ti­va. Es­se­re in­vi­si­bi­li, in que­sto cam­po, è un me­ri­to: «Net­flix de­ve fun­zio­na­re», spie­ga Hunt, «e se non c’è ab­ba­stan­za ban­da, la qua­li­tà dell’im­ma­gi­ne di­mi­nui­rà ma il vi­deo non si in­ter­rom­pe­rà».

Quel­lo del­la ban­da (lar­ga), in Ita­lia, sembrerebbe un pro­ble­ma: sia­mo ul­ti­mi in Eu­ro­pa. Sem­bra­va fos­se la causa per cui Net­flix è ar­ri­va­ta da noi co­sì tar­di ma Ha­stings smen­ti­sce: «La ve­ri­tà è che per quat- tro an­ni non ab­bia­mo avu­to ab­ba­stan­za sol­di da investire». La tan­to te­mu­ta ar­re­tra­tez­za del­la re­te ita­lia­na ap­pa­ren­te­men­te non pre­oc­cu­pa nes­su­no a Los Ga­tos: «Se è an­da­ta be­ne in Mes­si­co, Bo­li­via, Co­sta Ri­ca, Ar­gen­ti­na e Co­lom­bia», dice Hunt, «an­drà be­ne an­che da voi in Ita­lia. Per sco­prir­lo fa­te que­sto te­st: apri­te un vi­deo su You­tu­be. Se fun­zio­na quel­lo, di si­cu­ro fun­zio­nia­mo an­che noi». Nei Pae­si in cui c’è, Net­flix sta can­cel­lan­do vec­chie abi­tu­di­ni ma ne sta an­che dif­fon­den­do di nuo­ve. Ti­po il bin­ge-wat­ching: ve­de­re cinque, die­ci pun­ta­te di se­gui­to di una se­rie tv. Il mo­ti­vo per cui un’abi­tu­di­ne di nic­chia og­gi è di­ven­ta­ta di mas­sa è che, quan­do Net­flix lan­cia una nuo­va se­rie, ren­de im­me­dia­ta­men­te di­spo­ni­bi­le l’in­te­ra sta­gio­ne: «È un mezzo per com­bat­te­re la pi­ra­te­ria», rac­con­ta Ted Sa­ran­dos, «ma sta an­che cam­bian­do tan­te co­se.

La con­nes­sio­ne peg­gio­ra, ma il vi­deo non si fer­ma

Per gli sce­neg­gia­to­ri cam­bia il mo­do di scri­ve­re: non c’è più l’epi­so­dio pi­lo­ta, nien­te più fi­na­li so­spe­si. La­vo­ra­no sen­za an­sie, come a un film lun­go 13 ore. In­ter­net ha già cam­bia­to il no­stro mo­do di co­mu­ni­ca­re, di in­na­mo­rar­ci, di di­ver­tir­ci. Og­gi sta cam­bian­do an­che il mo­do in cui guar­dia­mo la tv».

E cam­bia an­che il mo­do in cui ci re­la­zio­ne­re­mo con gli an­zia­ni: se do­ma­ni in­con­tre­re­mo El­vis al su­per­mer­ca­to, non cor­re­re­mo a ca­sa per­ché sta per ini­zia­re Gra­ce and Fran­kie, ma ci fer­me­re­mo a chie­de­re se gli ser­ve aiu­to per ar­ri­va­re ai pan­no­lo­ni sul­lo scaf­fa­le lì in al­to.

«Ci gio­chia­mo tut­to in 30 se­con­di: dob­bia­mo sug­ge­ri­re a chi guar­da la se­rie giu­sta»

LA SE­RIE CON LO­REN­ZO RICHELMY ( A DE­STRA) È IL TI­TO­LO DI PUN­TA DEL­LO SBAR­CO DI NET­FLIX IN IT ALIA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.