La Top 30 de­gli av­vo­ca­ti più po­ten­ti d’ita­lia

45 AN­NI

GQ (Italy) - - Da Prima Pagina - A CU­RA DI LEGALCOMMUNITY.IT per GQ

Da pic­co­le real­tà ar­ti­gia­na­li a strut­tu­re com­ples­se. C’era­no una vol­ta gli stu­di le­ga­li. Og­gi so­no ve­re e pro­prie or­ga­niz­za­zio­ni che met­to­no a fat­tor co­mu­ne com­pe­ten­ze e spe­cia­liz­za­zio­ni di­ver­se per ri­spon­de­re al­la do­man­da di as­si­sten­za dei clien­ti. Im­pre­se, banche, fon­di sem­pre più pro­iet­ta­ti in una di­men­sio­ne in­ter­na­zio­na­le. Real­tà pro­ta­go­ni­ste di fu­sio­ni e ac­qui­si­zio­ni, quo­ta­zio­ni in Bor­sa o gran­di ope­ra­zio­ni di fi­nan­za strut­tu­ra­ta che han­no bi­so­gno di es­se­re af­fian­ca­te non so­lo da tecnici del di­rit­to, ma so­prat­tut­to da esper­ti di bu­si­ness ca­pa­ci di com­pren­de­re e par­la­re la lin­gua de­gli af­fa­ri.

In que­sto con­te­sto, l’iden­ti­fi­ca­zio­ne dei più im­por­tan­ti pro­fes­sio­ni­sti dell’an­no non può che coin­ci­de­re con quan­ti ab­bia­no sa­pu­to in­ter­pre­ta­re in ma­nie­ra più in- no­va­ti­va l’evo­lu­zio­ne del pro­prio ruo­lo, fuo­ri e den­tro gli stu­di le­ga­li.

La re­pu­ta­zio­ne pro­fes­sio­na­le re­sta un fat­to­re es­sen­zia­le, al qua­le si som­ma­no, come sem­pre, la ca­pa­ci­tà di re­la­zio­ne e quel­la di ge­ne­ra­re oc­ca­sio­ni di bu­si­ness.

Pro­fes­sio­ni­sti e stu­di che muo­vo­no un mer­ca­to da 1,7 mi­liar­di di eu­ro

Ma sem­pre di più, gli uo­mi­ni nuo­vi di que­sto mer­ca­to, che nell’ul­ti­mo an­no è ar­ri­va­to a muo­ve­re qua­si 1,7 mi­liar­di di eu­ro, si di­stin­guo­no per le lo­ro at­ti­tu­di­ni ge­stio­na­li, ol­tre che per la pro­pria vi­si­bi­li­tà me­dia­ti­ca. Do­ti che si ma­ni­fe­sta­no sem­pre di più non so­lo all’in­ter­no del­le ca­re vec­chie as­so­cia­zio­ni pro­fes­sio­na­li, ma an­che in azien­da eser­ci­tan­do fun­zio­ni in-hou­se.

Quel­lo a cui si as­si­ste è una sor­ta di pas­sag­gio del te­sti­mo­ne tra i rain­ma­ker, gli uo­mi­ni del­la piog­gia che in pas­sa­to so­no riu­sci­ti a co­strui­re gran­di car­rie­re gio­can­do pra­ti­ca­men­te da “so­li­sti” sul mer­ca­to dei ser­vi­zi le­ga­li, e gli av­vo­ca­ti-ma­na­ger, ov­ve­ro quei pro­fes­sio­ni­sti che non so­lo si di­stin­guo­no per la ca­pa­ci­tà di “ori­gi­na­re” man­da­ti e far cre­sce­re i con­ti del­le law firm in cui la­vo­ra­no, ma so­no an­che fi­gu­re ca­pa­ci di ge­sti­re la com­ples­si­tà di que­ste strut­tu­re va­lo­riz­zan­do­ne le po­ten­zia­li­tà.

Il mon­do è ra­di­cal­men­te cam­bia­to, do­po la lun­ga cri­si de­gli ul­ti­mi ot­to an­ni. E con es­so an­che la pro­fes­sio­ne. Sem­bra es­ser­se­ne ac­cor­to per­si­no il Le­gi­sla­to­re, che nel di­se­gno di leg­ge sulla con­cor­ren­za ha de­ci­so non so­lo di con­sen­ti­re agli stu­di le­ga­li di dar­si even­tual­men­te una for­ma so­cie­ta­ria, ma ha aper­to al­la pos­si­bi­li­tà di fa­re spa­zio a so­ci di ca­pi­ta­le nell’azio­na­ria­to di que­ste strut­tu­re. Sem­pre più im­pre­se, sem­pre me­no bot­te­ghe.

La svol­ta Con Mar­cel­lo Giu­sti­nia­ni, suo co- ma­na­ging par tner, ha ge­sti­to il de­li­ca­to pas­sag­gio ge­ne­ra­zio­na­le nel mag­gio­re stu­dio le­ga­le d’af­fa­ri ita­lia­no, go­ver­nan­do il cam­bio di no­me da Bo­nel­lie­re­de Pap­pa­lar­do a Bo­nel­lie­re­de. Nel frat­tem­po, lo stu­dio ha con­ti­nua­to a cre­sce­re e sul pia­no dei ri­ca­vi si è con­fer­ma­to il più ric­co del set­to­re, con un gi­ro d’af­fa­ri sti­ma­to in 137 mi­lio­ni di eu­ro, a cui Si­mon­tac­chi ha con­tri­bui­to per cir­ca il 12%.

Attualità Nel 2015 è en­tra­to nel cda di Rcs in quo­ta Cai­ro. È tra gli esper­ti più ascol­ta­ti dal go­ver­no Ren­zi su al­cu­ne del­le riforme in can­tie­re: il suo ruo­lo è sta­to fon­da­men­ta­le nel­la na­sci­ta del Patent Box, lo sgra­vio fi­sca­le su bre­vet­ti e mar­chi pro­tet­ti. Mol­to at­ti­vo nel di­bat­ti­to sulla ri­for­ma del­le Agen­zie fi­sca­li.

Se­gni par­ti­co­la­ri È spes­so in viag­gio tra Lon­dra, dove Bo­nel­lie­re­de ha una se­de, e l’olan­da, dove Si­mon­tac­chi di­ri­ge il Trans­fer Pri­cing Re­sear­ch Cen­ter di Lei­den, pun­to di ri­fe­ri­men­to per i re­spon­sa­bi­li fi­sca­li, am­mi­ni­stra­ti­vi e del­la cor­po­ra­te go­ver­nan­ce del­le mul­ti­na­zio­na­li. È con­vin­to che l’afri­ca pos­sa rap­pre­sen­ta­re una gran­de op­por­tu­ni­tà per la cre­sci­ta e lo svi­lup­po del­le azien­de ( e de­gli stu­di le­ga­li ita­lia­ni). A tal pro­po­si­to, si pre­pa­ra a gui­da­re un pro­get­to pen­sa­to ad hoc, sot­to l’egi­da del­lo stu­dio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.