IL CI­MI­TE­RO DEL­LE S TA R T U P

In Ita­lia, su tre im­pre­se digitali che na­sco­no, due so­no de­sti­na­te a mo­ri­re; una su die­ci so­prav­vi­ve ai tre an­ni e so­lo UNA SU VEN­TI ce la fa. Si­cu­ri che sia­no un suc­ces­so?

GQ (Italy) - - Super ! - Te­sto di EMA­NUE­LE BOMPAN

di­co que­sto. Pen­so pe­rò che la

fe­de ti per­met­te di ve­de­re, sen-

ti­re, ascol­ta­re e com­pren­de­re».

Co­sa fa pa­pà Teo­do­ro? «È

in pen­sio­ne. Era as­si­sten­te di

ter­ra all’ali­ta­lia. Na­to a Po­la,

ha la men­te aper­ta de­gli uo­mi-

ni di fron­tie­ra e non so­lo per­ché

par­la sei lin­gue». E lei? «In­gle­se

A Ostia si im­pa­ra a com­bat-

te­re? «È il Mu­ni­ci­pio che è sta-

to sciol­to per ma­fia. È il luo­go

do­ve Pa­so­li­ni è sta­to uc­ci­so da

uno dei suoi ra­gaz­zi di vi­ta. Ed è

una cit­tà abu­si­va per due ter­zi».

Ostia è la pro­ta­go­ni­sta del film

di Clau­dio Ca­li­ga­ri can­di­da­to

all’oscar

«An­che di

Non es­se­re cat­ti­vo.

Amo­re tos­si­co,

del­lo

stes­so re­gi­sta: al­tro film bel­lis­si-

mo». Si è mai dro­ga­ta? «Mai. Ne ho vi­sti mo­ri­re trop­pi». I dro­ga­ti del­la sua gio­vi­nez­za era­no tut­ti

di si­ni­stra? «No, ma a si­ni­stra

era­no più vul­ne­ra­bi­li, e nei cen-

tri so­cia­li ne cir­co­la­va tan­ta». I

fa­mo­si cen­tri so­cia­li di Ostia,

so­no sta­ti i suoi gran­di ne­mi­ci?

«Ne­mi­ci pa­stic­cio­ni. Per er­ro­re

era mol­to ber­lu­sco­nia­na? «Mai

fa­na­ti­ca». Be’, qual­co­sa di for-

in im­ba­raz­zo. Ho det­to: “è un

gran­de uo­mo di Sta­to”, “po­li­ti-

ca­men­te ge­nia­le”, “un lea­der

abi­le”, “è in­tel­li­gen­tis­si­mo ed

edu­ca­tis­si­mo”». Dun­que lei è

una vol­ta­gab­ba­na? «Al con­tra­rio. E in­fat­ti, al di là dell’en­fa­si,

con­fer­mo tut­to, an­che ora che

la pa­ra­bo­la po­li­ti­ca di Ber­lu­sco-

ni è fi­ni­ta». Ades­so, pe­rò, lo­da

Ren­zi. «Rea­liz­za quel­lo che Ber-

lu­sco­ni pro­met­te­va: fi­sco, giu-

Lo­da Ren­zi per­ché è at­tac-

ca­ta al­la pol­tro­na? «I luo­ghi co-

Glie­ne ag­giun­go un pa­io: “i po-

li­ti­ci so­no tut­ti la­dri”, “i po­li­ti­ci

si met­to­no d’ac­cor­do so­lo per

au­men­tar­si lo sti­pen­dio”». Fac-

cia­mo il gio­co del­le fra­si fat­te: i ca­pel­li cor­ti dan­no un sen­so di pu­li­to. «Ec­co la mia: “L’im­por-

tan­te è es­se­re bel­le den­tro”». Ri-

spon­da a que­st’al­tra fra­se fat­ta:

Ber­lu­sco­ni e Ren­zi si so­mi­glia-

no co­me pa­dre e fi­glio. «Ber­lu-

sco­ni è un seduttore. Ren­zi è un

co­man­dan­te». L’ul­ti­ma: Mat­teo

Ren­zi è più a de­stra di Ber­lu­sco-

ni. «Sul Wel­fa­re la più a si­ni­stra

è la Lo­ren­zin, cioè io».

«A O STIA,

I CEN­TRI

SO­CIA­LI MI

O D I AVA N O »

De­mo­cra­ti­ci Mat­teo Ren­zi e Ro­ber­ta Pi­not­ti, mi­ni­stro del­la Di­fe­sa. Sot­to, tra le “don­ne di de­stra” Mi­che­la Bram­bil­la ( a si­ni­stra) e Nun­zia De Gi­ro­la­mo

AMI­CI MIEI So­pra, la Lo­ren­zin, 44 an­ni, con i

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.