An­co­ra due e poi vi sa­lu­to

L’ha pro­mes­so e ne è an­co­ra con­vin­to: un al­tro pa­io di film e QUEN­TIN TA­RAN­TI­NO si ri­ti­re­rà. A me­no che, nel frat­tem­po, non ar­ri­vi un flop cla­mo­ro­so (e con The Ha­te­ful Eight non c’è que­sto ri­schio). Ma co­me fai a cre­de­re a uno che ti di­ce di aspi­ra­re

GQ (Italy) - - Storie - Te­sto di ZA­CH BA­RON Fo­to di SE­BA­STIAN KIM

Vi­ve sul­le Hol­ly­wood Hills, sem­pre nel­la stes­sa ca­sa dal 1996, con un ci­ne­ma in un’ala del­la pro­prie­tà e una ter­raz­za con pi­sci­na, un al­be­ro di aran­ce e una sta­tua del Pia­ne­ta del­le scim­mie sul re­tro. Pro­prio qui è se­du­to Quen­tin Ta­ran­ti­no quan­do lo in­con­tro, con un bic­chie­re di vi­no ros­so in ma­no, a guar­da­re il so­le che tra­mon­ta. Il suo ul­ti­mo film, The Ha­te­ful Eight, è com­ple­ta­to. L’ha gi­ra­to su una pel­li­co­la da 70 mil­li­me­tri, co­me ha fat­to Paul Tho­mas An­der­son per The Ma­ster, quin­di ha da­to istru­zio­ni al­la ca­sa di pro­du­zio­ne di com­pra­re la qua­si to­ta­li­tà dei pro­iet­to­ri adat­ti esi­sten­ti ne­gli Sta­ti Uni­ti per at­trez­za­re 100 sa­le e far ve­de­re il film nel­la ma­nie­ra in cui, se­con­do lui, va vi­sto.

The Ha­te­ful Eight è un “we­stern clau­stro­fo­bi­co sul­la ne­ve”; un film “da ca­me­ra”, co­me Le ie­ne, ma am­bien­ta­to nell’ot­to­cen­to, d’in­ver­no, do­po la Guer­ra di se­ces­sio­ne. Par­la di un cac­cia­to­re di ta­glie (Kurt Rus­sell) che de­ve con­se­gna­re una pri­gio­nie­ra (Jen­ni­fer Ja­son Lei­gh) al­la giu­sti­zia, ma si ri­tro­va in ter­ri­to­rio ta­ran­ti­nia­no – una spe­cie di lo­can­da chia­ma­ta Em­po­rio di Min­nie – do­ve al­tri sei uo­mi­ni at­ten­do­no che si pla­chi una tem­pe­sta di ne­ve, e nes­su­no di lo­ro è dav­ve­ro quel che di­ce di es­se­re. Tra i pro­ta­go­ni­sti, con Sa­muel L. Jack­son, ci so­no Mi­chael Mad­sen e Bru­ce Dern, mu­ni­ti di pe­san­ti pel­lic­ce.

«Po­treb­be ad­di­rit­tu­ra es­se­re il mio film mi­glio­re», di­chia­ra Ta­ran­ti­no. «Co­mun­que, uno dei mi­glio­ri quat­tro». Una de­fi­ni­zio­ne quan­to­me­no buf­fa, vi­sto che Ta­ran­ti­no di film ne ha di­ret­ti so­lo ot­to. La gen­te tie­ne il con­to dei suoi la­vo­ri per­ché Quen­tin so­stie­ne da un po’ che ne gi­re­rà so­lo die­ci.

«È il mio film mi­glio­re, o al­me­no tra i pri­mi quat­tro»

The Ha­te­ful Eight?

«Di so­li­to, quan­do fi­ni­sco un film, mi pia­ce pas­sa­re un pa­io di me­si sul di­va­no. Sen­to il de­si­de­rio di chiu­der­mi in ca­sa, di but­ta­re via il te­le­fo­no e dor­mi­re ogni vol­ta che me ne vie­ne vo­glia. Pren­do un rit­mo cir­ca­dia­no com­ple­ta­men­te sbal­la­to. Mi ad­dor­men­to e mi sve­glio quan­do mi va. Pas­so un pa­io di me­si co­sì, a guar­da­re film, a scri­ve­re per il ci­ne­ma e a ve­ge­ta­re. Do­po di che co­min­cio a rie­mer­ge­re e a ri­pren­de­re con­tat­to con la vi­ta ester­na».

«Uno dei pri­vi­le­gi del­la vi­ta da ar­ti­sti e da crea­ti­vi sta pro­prio nel fat­to che, tra un im­pe­gno e l’al­tro, si può pas­sa­re il tem­po co­me si vuo­le. Sic­co­me quan­do si apre la bot­te­ga non c’è un at­ti­mo di tre­gua e bi­so­gna es­se­re sem­pre pre­sen­ti, re­spon­sa­bi­li e di­spo­ni­bi­li, tra un la­vo­ro e l’al­tro mi con­ce­do di fa­re pro­prio la vi­ta ozio­sa del­lo stu­den­te uni­ver­si­ta­rio».

La leg­gen­da nar­ra che avre­sti scrit­to Pulp Fic­tion ad Am­ster­dam, sen­za te­le­fo­no. So­no que­ste le con­di­zio­ni ne­ces­sa­rie per te quan­do scri­vi?

«No, non ho bi­so­gno di an­da­re da nes­su­na par­te per scri­ve­re. Ho un cel­lu­la­re, e l’uni­ca per­so­na che ha il nu­me­ro è la mia fi­dan­za­ta. Non ho bi­so­gno di ri­ce­ve­re te­le­fo­na­te da nes­su­no men­tre cam­mi­no per stra­da o men­tre mi spo­sto in au­to. Il mio te­le­fo­no è quel­lo fis­so e mi ba­sta stac­car­lo o non ascol­tar­lo per un po’. Mi fa star be­ne».

Co­me può ve­nir fuo­ri un lun­go­me­trag­gio co­me The Ha­te­ful Eight da una si­tua­zio­ne del ge­ne­re?

«Mi pia­ce­va l’idea di in­ven­ta­re un nuo­vo per­so­nag­gio pop, un eroe fol­klo­ri­sti­co, co­me quel­lo che ave­vo crea­to con Djan­go, che se­con­do me du­re­rà mol­to a lun­go. An­zi, con il sus­se­guir­si del­le ge­ne­ra­zio­ni e tut­to il re­sto, sai, spe­ro che pos­sa di­ven­ta­re un ri­to di pas­sag­gio per i pa­dri ne­ri e i lo­ro fi­gli. Cioè: quand’è che i ra­gaz­zi­ni di­ven­ta­no ab­ba­stan­za gran­di da po­ter ve­de­re Djan­go Un­chai­ned? Ma­ga­ri, quan­do lo di­ven­ta­no, a quat­tor­di­ci, a quin­di­ci an­ni, o giù di lì, sa­rà una co­sa che fa­ran­no con i lo­ro pa­dri, e

« CO N

I N I Z I AVA L A

FAS E P O L I T I C A.

ORA Q U E STO

FILM LA

CON­CLU­DE »

Eight

dà ora la ri­spo­sta».

te adat­to a quel film, co­me spet­ta­to­re, do­po aver ri­crea­to il de­cen­nio peg­gio­re de­gli ul­ti­mi due se­co­li e aver­ne let­te­ral­men­te vis­su­to ogni sin­go­lo gior­no. Non vo­le­vo sot­to­por­mi di nuo­vo a quel­la sof­fe­ren­za. No­no­stan­te sia sta­to il mio più gran­de suc­ces­so, so­no sta­to in de­pres­sio­ne per cir­ca no­ve me­si do­po l’usci­ta del film, per­ché men­tre ci la­vo­ra­vo non po­te­vo per­met­te­re che il do­lo­re e la sof­fe­ren­za che sta­vo or­che­stran­do mi pe­ne­tras­se­ro nel pro­fon­do, ma al­la fi­ne mi so­no tro­va­to a do­ver smal­ti­re tut­to l’ac­cu­mu­lo».

Sei com­pe­ti­ti­vo co­me re­gi­sta?

« No, ma il pun­to è che se vin­co un ter­zo Oscar per la mi­glio­re sce­neg­gia­tu­ra ar­ri­vo al­la pa­ri con Woo­dy Al­len. E non po­trò mai bat­ter­lo se pri­ma non pa­reg­gio».

Ma tu vuoi bat­ter­lo?

« Di Oscar per la mi­glio­re sce­neg­gia­tu­ra ori­gi­na­le vo­glio aver­ne più di tut­ti! Me ne ba­sta­no quat­tro. E vo­glio far­ce­la aven­do di­ret­to die­ci film sol­tan­to, co­sì quan­do sa­rò mor­to l’oscar per la mi­glio­re sce­neg­gia­tu­ra ori­gi­na­le ver­rà ri­bat­tez­za­to “il Quen­tin”. E con que­sto avrò battuto tut­ti».

Sei all’ottavo film. Co­me fai a di­re che do­po que­sto ne fa­rai al­tri due sol­tan­to?

«Spe­ro di ar­ri­va­re pia­no pia­no al­la pun­ta estre­ma del­la frec­cia. Sen­to che sto con­ti­nuan­do a mi­glio­ra­re e ho la sen­sa­zio­ne che mi man­chi­no an­co­ra due pas­si. Pe­rò ve­dre­mo che co­sa suc­ce­de, e se il de­ci­mo film fa­rà schi­fo, be’, ma­ga­ri i miei pia­ni fi­ni­ran­no nel­la spaz­za­tu­ra. Per ora, pe­rò, va be­ne co­sì. Mi pia­ce l’idea di por­ta­re la mia vi­ta­li­tà crea­ti­va al suo cul­mi­ne per poi fer­mar­mi, la­scian­do­vi tut­ti con il de­si­de­rio di ve­de­re al­tri miei film. Non mi va di ri­ma­ne­re trop­po a lun­go al­la fe­sta. Non ho vo­glia di la­vo­ra­re con i sen­si in­tor­pi­di­ti, con l’in­tel­li­gen­za in­tor­pi­di­ta, con un’in­ten­zio­na­li­tà com­pro­mes­sa; l’età, la vo­glia di vi­ve­re, la ric­chez­za, mo­glie, fi­gli... tut­te que­ste co­se di­ven­ta­no un in­tral­cio».

Que­st’ul­ti­ma co­sa che hai det­to è un po’ tri­ste, no?

«I miei film e la mia pa­ra­bo­la ar­ti­sti­ca ven­go­no pri­ma di tut­to. Non sto di­cen­do che non pos­so ave­re fi­gli. Con gli ul­ti­mi due film che ho fat­to, pe­rò, non po­te­vo ave­re dei fi­gli o una mo­glie, que­sto è cer­to. È il prez­zo da pa­ga­re. D’al­tra par­te, c’è gran­de ec­ci­ta­zio­ne quan­do si at­ten­de l’usci­ta del nuo­vo film di un re­gi­sta che am­bi­sce all’im­mor­ta­li­tà. Io mi sen­ti­vo co­sì ne­gli an­ni Set­tan­ta e Ot­tan­ta con Brian De Pal­ma, Mar­tin Scor­se­se, Ste­ven Spiel­berg».

Qua­li so­no i re­gi­sti che se­con­do te la­vo­ra­no al tuo li­vel­lo?

« Il ci­nea­sta che più mi si av­vi­ci­na, al mo­men­to, cre­do sia Da­vid O. Rus­sell, per la sua ca­pa­ci­tà di scrit­tu­ra, per i film che fa e per il rap­por­to che ha con gli at­to­ri con cui ama la­vo­ra­re. Cre­do che, insieme a me, sia il re­gi­sta più bra­vo a di­ri­ger­li. Cre­do che lui e Jen­ni­fer La­w­ren­ce sia­no quan­to di più si­mi­le al­la cop­pia for­ma­ta da Bet­te Da­vis e Wil­liam Wy­ler».

Ti sen­ti an­co­ra vi­ci­no al­la per­so­na che eri all’ini­zio del­la tua car­rie­ra, al ti­zio che fi­ni­va in ga­le­ra a cau­sa del­le mul­te per di­vie­to di so­sta non pa­ga­te e che non se n’era mai an­da­to da Los An­ge­les?

«Cer­to, vi­ci­nis­si­mo. Quel­la per­so­na vie­ne fuo­ri di con­ti­nuo, e ho an­co­ra gli stes­si pen­sie­ri, gli stes­si pun­ti di vi­sta. Ades­so, pe­rò, so­no ric­co. So­no ric­co e so­no bian­co. Quan­do ave­vo vent’an­ni, pe­rò, non ero ric­co. Mi guar­da­va­no e ve­de­va­no un cri­mi­na­le, un ba­lor­do, una per­so­na a cui rom­pe­re i co­glio­ni. So­no sta­to in un car­ce­re di con­tea quat­tro vol­te. Ho fat­to espe­rien­za di co­me ti par­la lo sce­rif­fo quan­do sei den­tro. Ho vi­sto com’è quan­do non hai il mi­ni­mo po­te­re e ti ri­tro­vi dal la­to sba­glia­to del­la bar­ri­ca­ta so­cia­le. So quel che pen­sa­no di te, co­no­sco il mo­do in cui ti giu­di­ca­no. Lo ve­de­vo, e lo ve­do be­nis­si­mo an­che ades­so. Per­ciò quan­do ve­do suc­ce­de­re cer­te co­se, pen­so: “Cri­sto, quel ti­zio po­te­vo es­se­re io nel 1984 o nel 1986”. So­lo che io ho la pel­le bian­ca, men­tre quel­la gen­te mal­trat­ta­ta ce l’ha ne­ra, e que­sto fa dav­ve­ro un’enor­me dif­fe­ren­za».

Ne­gli an­ni No­van­ta ti pre­sen­ta­vi al­la stam­pa un po’ co­me po­treb­be fa­re un at­to­re, e sei di­ven­ta­to fa­mo­so per que­sto. Ti sei mai pen­ti­to di que­sta de­ci­sio­ne?

«A vol­te, scher­zan­do, di­co che non so­no poi tan­to fa­mo­so: so­no so­lo ab­ba­stan­za ri­co­no­sci­bi­le. Se sai che fac­cia ho, al­lo­ra sì, se mi ve­di mi ri­co­no­sci, pe­rò no, non ho mai rim­pian­to quel­la scel­ta: io vo­le­vo che ba­stas­se il mio no­me, quan­do fa­ce­vo un film. Non mi an­da­va di do­ver an­da­re a cer­ca­re una star che aves­se sti­ma dei miei film. Se poi riu­sci­vo a tro­va­re una star, be’, tan­to me­glio, ma vo­le­vo es­se­re io quel­lo de­ter­mi­nan­te. Se uno ha Hit­ch­cock e Ca­ry Grant, è fan­ta­sti­co! Giu­sto? Pe­rò se con Hit­ch­cock c’è Far­ley Gran­ger va be­ne lo stes­so».

ni­sce per bru­ciar­si. Co­me mai a te non è ca­pi­ta­to?

«Ho la­vo­ra­to tan­to per ar­ri­va­re a que­sto pun­to. Cioè, vo­glio di­re che ho avu­to an­che una for­tu­na in­cre­di­bi­le a fa­re Pulp Fic­tion pro­prio in quel­lo stra­no mo­men­to in cui c’era­no tut­te le con­di­zio­ni per­ché fos­se ap­prez­za­to per quel che era. Se aves­si spre­ca­to il cre­di­to ac­cu­mu­la­to in quell’oc­ca­sio­ne, non mi me­ri­te­rei di es­se­re qui ades­so. Hai pre­sen­te? Fa­re ma­ga­ri i film che fac­cio ogni due o tre an­ni, ma poi pro­dur­re un muc­chio di ro­ba, con il mio no­me sem­pre in vi­sta: “Ta­ran­ti­no pre­sen­ta que­sto, Ta­ran­ti­no pre­sen­ta quel­lo!”. E poi ri­scri­ve­re ro­ba, per­ché mi pa­ga­no fior di quat­tri­ni; la­vo­ra­re un pa­io di set­ti­ma­ne per ri­pu­li­re i dia­lo­ghi di Transformers 3 e al­tra ro­ba del ge­ne­re per fa­re sol­di, sem­pre sol­di, an­co­ra sol­di, e dar via l’ac­qua spe­cia­le del mio poz­zo ma­gi­co a tut­ti, fin­ché il mio no­me, all’im­prov­vi­so, non si­gni­fi­ca più un caz­zo».

« Q UA N D O H O

F I N I TO U N

FILM, P AS­SO

DUE ME SI

SUL DIV ANO»

PER L’OT­TA­VA ME­RA­VI­GLIA HA RA­DU­NA­TO GLI AMI­CI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.