I pa­pà di VA­LE­RIA e di GIU­LIO han­no sa­pu­to met­ter­si di la­to, per ASCOL­TA­RE BE­NE i lo­ro gli per­du­ti.

GQ (Italy) - - Talks -

E ha vo­lu­to sot­to­li­nea­re quel­lo che il glio più ama­va, le scel­te nel la­vo­ro e nel­le ami­ci­zie, in quell’egit­to do­ve Giu­lio vo­le­va vi­ve­re e non cer­to mo­ri­re. Sa­lu­tan­do la sua ra­gaz­za am­maz­za­ta dai ter­ro­ri­sti, il pa­pà di Va­le­ria ha rac­con­ta­to gli an­ni pa­ri­gi­ni del­la glia, lo stu­dio quo­ti­dia­no, lo sva­go e la gio­ia di tro­var­si in quel­la me­ra­vi­glio­sa cit­tà. «Ci re­sta la sua curiosità del mon­do, noi non vo­le­va­mo far­la s gu­ra­re». E poi quel­la fra­se im­por­tan­te, qua­si uno schiaf­fo in fac­cia al sen­ti­men­to dif­fu­so di fa­ci­le re­sa, a quel pes­si­mi­smo di ban­die­ra che da noi sta di­ven­tan­do una moda (tut­to va ma­le e non può an­da­re che peg­gio): «Nei gior­ni del­la sof­fe­ren­za ho vi­sto un’ita­lia mi­glio­re di quan­to im­ma­gi­nia­mo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.