IL FILM che nes­su­no ve­drà

Ha ini­zia­to per­den­do 600 mi­lio­ni con BEL­LOC­CHIO. Poi ha tra­sfor­ma­to ZALO N E in fe­no­me­no cul­tu­ra­le, ha por­ta­to la fic­tion ci­vi­le in tv e ora pre­pa­ra 4 pun­ta­te su «per­ché i cat­ti­vi so­no let­te­ra­tu­ra». A PIE­TRO VAL­SEC­CHI, re dei pro­dut­to­ri, è riu­sci­to tut­to.

GQ (Italy) - - Storie -

In­ter­vi­sta di FRAN­CE­SCO MER­LO

La se­ra, a ca­sa di Pie­tro ar­ri­va Chec­co («Mi chia­mo Lu­ca»), che è ti­mi­do, gof­fo e sim­pa­ti­cis­si­mo. Pie­tro tie­ne in ca­sa un pia­no­for­te Fa­zio­li («È mi­glio­re del­lo Stei­n­way»), e Za­lo­ne, che si sen­te so­prat­tut­to un mu­si­ci­sta, non re­si­ste e suo­na. E can­ta Sam­ba a cu­lu piat­tu e Uo­mi­ni ses­sua­li, men­tre il suo ami­co pro­dut­to­re muo­ve la bocca: «Per­ché è ve­ro, l’ami­ci­zia è can­ta­re in­sie­me la stes­sa can­zo­ne».

Val­sec­chi can­te­reb­be so­lo Bat­ti­sti, che «è l’at­to man­ca­to, il film che la si­gno­ra Bat­ti­sti, all’ul­ti­mo mo­men­to, bloc­cò. Si in­ti­to­la­va Il mio can­to li­be­ro. Lu­cio era Clau­dio San­ta­ma­ria. Il sog­get­to era straor­di­na­rio». Ec­co: Il film che nes­su­no ve­drà po­treb­be es­se­re il ti­to­lo di un film sul film, al­la Truf­faut. «La ve­do­va non per­met­te­reb­be nep­pu­re quel­lo». To­glie i fil­ma­ti da Youtu­be. «E re­go­lar­men­te qual­cun al­tro li ri­met­te».

Rac­con­ta­re gli eroi dell’at­tua­li­tà si­gni­fi­ca an­che af­fron­ta­re il fa­mi­li­smo? «Pa­ren­ti, so­rel­le e fi­gli, che han­no un pun­to di vi­sta spes­so trop­po rav­vi­ci­na­to, cu­sto­di­sco­no la pre­sun­ta ve­ri­tà. Per for­tu­na non tut­ti: Um­ber­to Am­bro­so­li mi­se il cap­pot­to del pa­dre sul­le spal­le di Fa­bri­zio Ben­ti­vo­glio». È il pa­stic­cio del co­gno­me? «Sem­bre­reb­be ov­vio di­re che Bat­ti­sti è di tut­ti, per­ché gli ar­ti­sti ap­par­ten­go­no a tut­ti. Ma…». An­che Za­lo­ne è di tut­ti? «È il gran­de co­mi­co sul qua­le, co­me al so­li­to, si è ac­ca­ni­to il di­bat­ti­to». La de­ri­sio­ne del co­mi­co di suc­ces­so è l’an­ti­ca­me­ra del­la sua san­ti­fi­ca­zio­ne? «Fu co­sì per To­tò e per Sor­di. La critica ita­lia­na ha pau­ra del bot­te­ghi­no». Tu pe­rò hai co­min­cia­to con Bel­loc­chio: «Per­si 600 mi­lio­ni». Hai im­pa­ra­to da lui co­me non per­der­li? «Ho im­pa­ra­to a non fi­dar­mi. Di na­tu­ra, in­fat­ti, io mi fa­rei an­co­ra fre­ga­re. E poi­ché la­vo­ro

Ze­ro, «e poi con Da­rio Fo, il tea­tro nel­le fab­bri­che, “la ri­vo­lu­zio­ne s’ha da fa­re / con la guer­ra po­po­la­re”, sce­men­ze d’epo­ca». È dun­que te che ir­ri­de? «E mi pia­ce. Pen­sa che nel 1973 an­dai in Iran e in Af­gha­ni­stan. Guar­da la fo­to: quel guer­ri­glie­ro so­no io. E an­co­ra og­gi fac­cio il ci­ne­ma im­pe­gna­to, col­le­zio­no ar­te, do la­vo­ro agli in­tel­let­tua­li…». E pe­rò sie­te di­ven­ta­ti ami­ci e bi­so­gna ve­der­vi in­sie­me per ca­pi­re che Za­lo­ne è la ma­sche­ra na­tu­ra­le che, con il cor­po e la ge­stua­li­tà, si è im­pa­dro­ni­ta, co­me To­tò, dell’im­ma­gi­na­rio de­gli ita­lia­ni, men­tre tu sei la com­me­dia, il dis­si­pa­to­re, l’uo­mo dell’az­zar­do, una spe­cie di Gass­man del Sor­pas­so, ma na­to a Cre­ma. «Io, che so­no di­spo­ti­co e te­sto­ne, nel la­vo­ro di Za­lo­ne non met­to bocca. Ma nel­la vi­ta fac­cia­mo tan­te co­se in­sie­me». E pe­rò ti pia­ce ali­men­ta­re il di­bat­ti­to sul­la ri­sa­ta. «Fa par­te del­la stra­te­gia del­la

con­fu­sio­ne o, più pro­pria­men­te, del­la com­ples­si­tà. È dun­que un be­ne che Za­lo­ne, co­me tut­ti gli ar­ti­sti, ab­bia una ve­ri­tà can­gian­te. C’è chi lo trat­ta co­me la li­be­ra­zio­ne de­gli ita­lia­ni dal com­ples­so dell’in­tel­let­tua­le, chi ve­de in lui un’epo­ca e chi una pau­ra, ad­di­rit­tu­ra un mo­del­lo ne­ga­ti­vo che spie­ghe­reb­be non so qua­li fe­no­me­ni mo­der­ni… Il di­bat­ti­to sul­la ri­sa­ta è for­se lu­na­ti­co, ma il ri­so è una fac­cen­da se­ria co­me di­ce­va Um­ber­to Eco, che è sta­to mio in­se­gnan­te al Dams di Bo­lo­gna».

Co­sa ti ha in­se­gna­to? «Con il sen­no di poi, l’im­por­tan­za del­la tv, che non mi pia­ce­va. Fu mia mo­glie a in­si­ste­re e ora, nel mio pic­co­lo, so­no fie­ro di ave­re por­ta­to in tv la fic­tion ci­vi­le, Il ca­po dei ca­pi, Bor­sel­li­no, Am­bro­so­li, Ma­ria Mon­tes­so­ri, Al­do Mo­ro, Ka­rol - Un uo­mo di­ven­ta­to pa­pa su Wo­j­ty­la… E la cro­na­ca ne­ra, che è sta­ta la fon­te di ispi­ra­zio­ne di Bal­zac, Si­me­non, Tru­man Capote, dei gran­di ame­ri­ca­ni. In Ita­lia, do­ve non ci so­no gran­di nar­ra­to­ri, per for­tu­na la cro­na­ca è già ro­man­zo». Hai pro­dot­to an­che Non es­se­re cat­ti­vo di Clau­dio Ca­li­ga­ri e il film su Pa­pa Fran­ce­sco. «Mi in­fi­lo nel­le pas­sio­ni del­la gen­te, che si ri­tro­va e si iden­ti­fi­ca». Una vol­ta c’era Lia­la che fa­ce­va so­gna­re l’ita­lia po­po­la­re con i suoi te­nen­ti­ni, ora ci so­no gli eroi ci­vi­li e re­li­gio­si: «C’è un mi­glio­ra­men­to nel­la qua­li­tà del­la re­to­ri­ca, an­che se non ab­bia­mo an­co­ra la per­fe­zio­ne nar­ra­ti­va del­le fic­tion ame­ri­ca­ne che non han­no bi­so­gno di ri­cor­re­re al­la mo­ra­le. Per­si­no un car­toon co­me i Simp­son è sa­pien­za ci­vi­le e gran­de nar­ra­zio­ne». Ci ar­ri­ve­rai mai? «Ci ar­ri­ve­ran­no i miei fi­gli». I fi­gli, in ge­ne­re, di­strug­go­no quel che i pa­dri co­strui­sco­no: «Non la­vo­ra­no con me. Vir­gi­nia si è lau­rea­ta e scri­ve per la te­le­vi­sio­ne. Fi­lip­po sta stu­dian­do in In­ghil­ter­ra eco­no­mia azien­da­le». È quel­lo che ha sco­per­to Za­lo­ne. «Mi dis­se: pa­pà, se pro­du­ci un film con que­sto co­mi­co di Ze­lig, fai il bot­to».

Di’ la ve­ri­tà, da quan­do hai venduto la Tao­due a Me­dia­set, non ti sen­ti un po’ ospi­te a ca­sa tua? «So­no l’am­mi­ni­stra­to­re. Nes­su­no met­te bocca nel mio la­vo­ro. Ma è ve­ro che pri­ma o poi fa­rò qual­cos’al­tro». Che co­sa stai pre­pa­ran­do? «Quat­tro pun­ta­te su Bu­scet­ta». Ve­do sul ta­vo­lo de­ci­ne di li­bri sul­la ma­fia: è una ma­lat­tia? «I cat­ti­vi so­no let­te­ra­tu­ra. Pen­sa a La­dy Mac­be­th con le ma­ni in­san­gui­na­te. E ai gang­ster. I cat­ti­vi ita­lia­ni so­no i ma­fio­si». Quan­do hai ca­pi­to che ce l’ave­vi fat­ta? «Non so­no an­co­ra si­cu­ro di aver­ce­la fat­ta, ma l’ho pen­sa­to una se­ra a Cre­ma, quan­do mi han­no in­ter­vi­sta­to nei lo­ca­li dell’ex Ci­ne­ma Nuo­vo. Lì era na­ta la mia pas­sio­ne: quan­do la fol­la pre­me­va per en­tra­re io aiu­ta­vo il pa­dro­ne a trat­te­ne­re la gen­te». Co­me? «Con le brac­cia te­se, con le ma­ni, con il cor­po. Mi gua­da­gna­vo il biglietto per ve­de­re Ja­mes Bond la do­me­ni­ca. Poi co­min­ciai a met­te­re le piz­ze». È ve­ro che trat­ti male tut­ti? «È ve­ro che li­ti­go». Sul set? «So­no in­gom­bran­te e non va­do». Sog­get­to e mon­tag­gio? «I sog­get­ti li scri­vo io. E i mon­tag­gi li fac­cia­mo bi­stic­cian­do. Al­la fi­ne fun­zio­na». Di­co­no che te­le­fo­ni al­le 6 del mat­ti­no e ti met­ti a gri­da­re. «Fa­re sce­na­te è un al­tro mo­do di vo­ler­si be­ne. Quan­do mi fe­ri­sco­no dav­ve­ro, io sto zit­to». E co­sa ti fe­ri­sce? «L’ami­co che mi tra­di­sce». Chi ti cal­ma? «Mia mo­glie, che non è so­lo la più bel­la don­na di Ro­ma. È di­scre­ta e sag­gia. La par­te sa­na dell’azien­da e del­la fa­mi­glia».

La fa­mo­sa ca­sa ro­ma­na di Val­sec­chi è all’ul­ti­mo pia­no di un ma­gni­fi­co pa­laz­zo pa­tri­zio con due ter­raz­ze in­can­te­vo­li. «So che a Ro­ma la ter­raz­za è il pec­ca­to del Po­te­re che si riu­ni­sce nell’aria ra­re-

fat­ta del mez­zo cie­lo. È una sim­bo­lo­gia fel­li­nia­na che non so quan­to sia an­co­ra ve­ra. In real­tà le mie so­no so­lo ter­raz­ze». I cor­ri­doi espon­go­no le ope­re d’ar­te che Val­sec­chi col­le­zio­na. C’è una sta­tua del Ca­no­va, e all’in­gres­so un di­pin­to di Gen­ti­le­schi, poi com­pli­ca­te in­stal­la­zio­ni con­tem­po­ra­nee: «L’ospi­ta­li­tà è an­che ra­du­na­re gen­te at­tor­no a que­ste ope­re e di­scu­te­re, sti­mo­la­re la crea­ti­vi­tà. L’ar­te fa ra­gio­na­re». Val­sec­chi è un pa­pe­ro­ne ge­ne­ro­so, che è un os­si­mo­ro, e spes­so le sue fe­ste so­no rac­con­ta­te sia su Vo­gue sia su Da­go­spia, che è un al­tro os­si­mo­ro: la raf­fi­na­tez­za e il ca­fo­nal. «Di­co­no che all’ori­gi­ne di tut­to c’è mia mo­glie, che già pro­du­ce­va film quan­do io fa­ce­vo l’at­to­re im­pe­gna­to e squat­tri­na­to. È ve­ro, ma quan­do ci sia­mo mes­si in­sie­me io ave­vo già pro­dot­to il film di Bel­loc­chio».

All’ini­zio sem­bra­va che lui l’aves­se pre­sa pri­gio­nie­ra con qual­che mi­ste­rio­so in­can­ta­men­to. Poi in­ve­ce è esplo­so il suo ta­len­to e og­gi la si­gno­ra Ca­mil­la Ne­sbitt, che è na­tu­ral­men­te ele­gan­te, go­ver­na gli ec­ces­si del ma­ri­to, che è na­tu­ral­men­te ru­vi­do, ma fa pro­ve di ele­gan­za. Lei è d’an­ti­ca fa­mi­glia, lui è uo­mo di po­po­lo. Lei è il si­len­zio in­tel­li­gen­te e lui la chiac­chie­ra crea­ti­va. Lei sor­ri­de e lui ri­de. Lei è il bla­so­ne e lui le scar­pe gros­se. Lei non si truc­ca mai, lui spes­so re­ci­ta con la sua bel­la vo­ce im­po­sta­ta. In­sie­me so­no la bor­sa e la vi­ta del ci­ne­ma ita­lia­no.

«La ric­chez­za», di­ce, «è sa­pe­re che la mat­ti­na una bar­ca va in ma­re a pe­sca­re per te». Si van­ta di es­se­re «più un cuo­co che un pro­dut­to­re» e di man­gia­re «esem­pla­ri di spe­cie pre­zio­se». Gli ri­cor­do che Sor­di di­ce­va che “la fe­li­ci­tà è ’na sar­sic­cet­ta quan­do ce vo’”. Par­lia­mo al­lo­ra dei ric­ci «ma d’al­to ma­re», del ton­no «che de­ve es­se­re pic­co­lo». Nel­la di­spu­ta tra car­ne e pe­sce, Val­sec­chi sta con Ge­sù «che mol­ti­pli­cò pa­ni e pe­sci e non pa­ni e co­sto­let­te». Sei cre­den­te? «So­no cat­to­li­co, ma non cre­do. A me­no che Dio non sia Ener­gia, la For­za di Guer­re stel­la­ri, quel­la che pre­sto mi fa­rà ri­co­min­cia­re tut­to dac­ca­po: un’al­tra vi­ta». Il cuo­co? «Lo fac­cio già». Il col­le­zio­ni­sta d’ar­te? «Lo fac­cio già». Lo scrit­to­re? «Lo fac­cio già. Ho scrit­to il pri­mo ro­man­zo e ne sto pre­pa­ran­do al­tri due». L’agen­te im­mo­bi­lia­re? «An­che quel­lo…». Per spie­gar­mi il pa­stic­cio di un poe­ta in­ge­nuo che com­pre­reb­be ca­sa su Mar­te, Val­sec­chi mi rac­con­ta, «in con­fi­den­za, fuo­ri dall’in­ter­vi­sta», del suo rap­por­to con il da­na­ro, di quel tal ban­chie­re che «un gior­no ven­ne e mi pro­po­se in­ve­sti­men­ti mi­ra­bo­lan­ti e, in­som­ma, mi in­tor­tò. E sic­co­me io coin­vol­go tut­ti quel­li che mi stan­no at­tor­no, mi­si den­tro “l’af­fa­re” mia so­rel­la e un ami­co. Ci ri­ma­si ma­lis­si­mo, ma per lo­ro. E da al­lo­ra mia mo­glie, sen­za dir nul­la, mi ha… com­mis­sa­ria­to».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.