Le­ga­cy

GQ (Italy) - - Prologo -

So­no an­ni che si di­scu­te del ge­ne­ra­tion gap: non­ni-ge­ni­to­ri-fi­gli-ni­po­ti. Chi sta me­glio, chi sta peg­gio. Co­no­scia­mo le sta­ti­sti­che: è la pri­ma vol­ta nel­la sto­ria dell’uma­ni­tà che la ge­ne­ra­zio­ne suc­ces­si­va è più sfor­tu­na­ta del­la pre­ce­den­te. Lo di­co­no la po­li­ti­ca, l’eco­no­mia, il wel­fa­re. Sì, ma poi? Il con­fron­to non è so­lo tra red­di­ti, cer­tez­ze pre­vi­den­zia­li, opi­nio­ni po­li­ti­co-cul­tu­ra­li. Il di­sin­can­to di og­gi ac­co­mu­na Ba­by-boo­mers e Mil­len­nials. Ma il di­sin­can­to è so­lo una par­te del­la real­tà e del mind­set glo­ba­le. Al­lo­ra dob­bia­mo far­ci una do­man­da: il ge­ne­ra­tion gap de­ve ne­ces­sa­ria­men­te es­se­re uno scon­tro? Esi­ste l’ipo­te­si di un pat­to ta­ci­to, un pas­sag­gio di con­se­gne, una le­ga­cy mor­bi­da, sor­ri­den­te, se­re­na? La sag­gi­sti­ca non ci cre­de, la sta­ti­sti­ca nem­me­no. So­no tut­ti con­vin­ti del­la teo­ria del­la ri­vo­lu­zio­ne ge­ne­ra­zio­na­le per­ma­nen­te: il gio­va­ne de­ve man­gia­re il me­no gio­va­ne e, se non ce la fa, peg­gio per lui. La di­gi­ta­liz­za­zio­ne del­la so­cie­tà, pe­rò, im­po­ne re­go­le con­di­vi­se che con­sen­to­no ai ra­gaz­zi di pren­der­si uno spa­zio che i pa­dri e le ma­dri de­vo­no con­ce­de­re, an­che so­lo per una sem­pli­ce ra­gio­ne: la co­no­scen­za. C’è un pez­zo di mondo e di real­tà in cui i più gio­va­ni han­no qual­co­sa da in­se­gna­re a chi li ha pre­ce­du­ti. Il co­stu­me è una chia­ve di let­tu­ra che spes­so an­ti­ci­pa: mu­si­ca, ci­ne­ma, sport, sti­le di vi­ta. C’è un’osmo­si in­ver­sa, ana­gra­fi­ca­men­te in­ver­ti­ta. Sia­mo in un’era in cui dal bas­so c’è una spin­ta che non tro­va re­si­sten­za in al­to, ma aper­tu­ra. Spie­ga­mi qual­co­sa che non ca­pi­sco, per­ché mi ser­ve. Cioè: i me­no gio­va­ni han­no bi­so­gno dei gio­va­ni per ca­pi­re do­ve stia­mo an­dan­do. In que­sto nu­me­ro par­lia­mo di Ba­by-boo­mers e Mil­len­nials at­tra­ver­so quat­tro per­so­nag­gi, tra com­pren­sio­ni, in­com­pren­sio­ni, pos­si­bi­li­tà e con­fron­ti. Sha­ron Sto­ne rac­con­ta di sé, di co­me è cam­bia­ta, di co­me sia cam­bia­to ciò che le sta at­tor­no, di co­me, a qua­si 60 an­ni, sia al cen­tro di pro­get­ti che spes­so im­ma­gi­nia­mo di esclu­si­va per­ti­nen­za dei ven­ten­ni. Da­ne De­hann , ap­pe­na di­ven­ta­to pa­dre, spie­ga per­ché i gio­va­ni de­vo­no pren­der­si il fu­tu­ro, an­che ol­tre le il­lu­sio­ni crea­te da chi li ha pre­ce­du­ti. Sha­wn Men­des , che a me­no di 20 an­ni è la star più tra­sver­sa­le e pop del­la mu­si­ca glo­ba­le, con­fes­sa di vo­ler es­se­re co­me tut­ti gli al­tri: pa­dri e fi­gli, ma­dri e fi­glie che sia­no. E, ma­gi­ca­men­te, lo è. Bill Mur­ray ri­ven­di­ca di non es­se­re a 67 an­ni me­no in­te­res­san­te di uno che po­treb­be es­se­re suo ni­po­te e, al tem­po stes­so, vuo­le la­vo­ra­re so­lo con le nuo­ve ge­ne­ra­zio­ni. È un nu­me­ro di in­cro­ci: di sto­rie, idee, opi­nio­ni, vi­sio­ni. È l’evo­lu­zio­ne del­la spe­cie, la no­stra.

GIU­SEP­PE DE BELLIS

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.