Tim Ro­th

Con Tin Star il suc­ces­so è tor­na­to a bus­sa­re al­la por­ta di TIMROTH. E la co­sa non era in pro­gram­ma. Co­me pu­re di­ven­ta­re un at­to­re

GQ (Italy) - - Sommario - Te­sto di ELEONORA BARBIERI Fo­to di EMILY BERL

Da Quen­tin Ta­ran­ti­no a Ro­wan Jof­fe: il suc­ces­so bus­sa due vol­te

Tim Ro­th è mol­te co­se: una “ie­na” di Quen­tin Ta­ran­ti­no, il pia­ni­sta sull’ocea­no di Giuseppe Tor­na­to­re, l’esper­to di lin­guag­gio non ver­ba­le in Lie to me. È in­gle­se (Lon­dra gli ha da­to i na­ta­li 56 an­ni fa), an­che se vi­ve a Los An­ge­les con la mo­glie e i fi­gli. Ed è an­che il pro­ta­go­ni­sta di Tin Star − l’ac­cla­ma­ta se­rie fir­ma­ta da Ro­wan Jof­fe di cui è ap­pe­na an­da­ta in on­da la pri­ma sta­gio­ne su Sky Atlan­tic − in cui in­ter­pre­ta Jim Wor­th, ex agen­te sot­to co­per­tu­ra emi­gra­to dall’in­ghil­ter­ra in una cit­ta­di­na fra le mon­ta­gne roc­cio­se del Ca­na­da, do­ve un omi­ci­dio scon­vol­ge la sua vi­ta. Una tra­ma ad al­ta ten­sio­ne in un pae­sag­gio ma­gni­fi­co. «Fa pau­ra? Be­ne», di­ce lui. E sor­ri­de. La sto­ria sug­ge­ri­sce che non esi­sto­no pa­ra­di­si in ter­ra. «Il pro­ta­go­ni­sta cer­ca di scap­pa­re dal­la sua vi­ta. Ma non im­por­ta do­ve tu va­da e quan­to sia bel­lo il po­sto in cui ti ri­fu­gi: il pas­sa­to ti rag­giun­ge sem­pre». Jim Wor­th è un per­so­nag­gio am­bi­guo... «È un ti­po di­ver­ten­te. Cre­do che l’am­bi­gui­tà sia un trat­to co­mu­ne a tut­ti. Per un at­to­re è una spe­cie di eser­ci­zio: nel pri­mo film che ho gi­ra­to con Ta­ran­ti­no ( Le ie­ne, del 1992, ndr) ero un in­gle­se che in­ter­pre­ta­va la par­te di un ame­ri­ca­no, che era un ra­pi­na­to­re che fin­ge­va di es­se­re un agen­te…». Sa che in Ita­lia lei è ama­to per il suo ruo­lo in Lie to me? «Mi pia­ce la passione dell’ita­lia per quel­la se­rie. All’epo­ca non cer­ca­vo un ruo­lo in tv, ma quan­do me l’han­no of­fer­to ho pen­sa­to: “In­te­res­san­te”. Poi ho chie­sto agli sce­neg­gia­to­ri: “Per­ché non mi fa­te mo­ri­re al­la pri­ma pun­ta­ta?”. Han­no det­to di no». Co­me è sta­to la­vo­ra­re con Da­vid Lyn­ch in Twin Peaks 3? «An­zi­tut­to, se Lyn­ch ti chia­ma, tu vai. E poi si trat­ta­va di una bel­la sto­ria. L’ho tro­va­to mol­to cal­mo, no­no­stan­te sul set fos­si­mo in 230: mi è pia­ciu­to mol­tis­si­mo la­vo­ra­re con lui e vor­rei far­lo di nuo­vo. Tu im­pa­ri le tue bat­tu­te, e sai che co­sa de­vi fa­re. A vol­te for­se è un po’ du­ro con la trup­pa, ma è un ti­po me­di­ta­ti­vo, che se la go­de». Lei ha la­vo­ra­to con re­gi­sti ce­le­bri, tra cui Tor­na­to­re. «Con Giuseppe, per La leg­gen­da del pia­ni­sta sull’ocea­no ab­bia­mo fat­to mol­te pro­ve, rea­liz­za­to tan­to gi­ra­to. Sia­mo sta­ti in Ucrai­na per set­te set­ti­ma­ne, poi a Ro­ma. Il pro­ble­ma è che do­ve­vo suo­na­re, e non so­no ca­pa­ce». Cioè, non sa suo­na­re il pia­no? «No. Ave­vo un’in­se­gnan­te, ma sul set fa­ce­vo fin­ta. In­som­ma, è sta­to tut­to mol­to com­pli­ca­to. E Giuseppe è pro­prio si­ci­lia­no, tem­pe­sto­so, lun­ghis­si­mo. Con Quen­tin, in­ve­ce, è più sem­pli­ce. Per me e gli al­tri, ogni vol­ta è co­me tor­na­re a ca­sa: sia­mo mol­to ami­ci. Lui scri­ve in mo­do me­ra­vi­glio­so, le bat­tu­te so­no di­ver­ten­ti, i per­so­nag­gi in­tri­gan­ti. Ha un grup­po di at­to­ri a cui ri­tor­na, e tu spe­ri di es­se­re coin­vol­to:

Sam, Sa­muel Jack­son è il suo uo­mo di pun­ta». E Woo­dy Al­len? « Tut­ti di­co­no I Lo­ve You era un mu­si­cal, e io non so can­ta­re per nien­te. Ma è sta­to di­ver­ten­te pro­var­ci. Lui fa co­sì: ti dà le tue par­ti, ti in­di­ca le bat­tu­te e di­ce “Que­sta è buo­na per te. Que­st’al­tra an­che”. E poi: “In mez­zo fai tut­to quel­lo che vuoi”. De­vi im­prov­vi­sa­re. Per me è sta­to fa­ci­le. Ah: Woo­dy ama mol­to rac­con­ta­re bar­zel­let­te». È ve­ro che lei non è mai an­da­to a scuo­la di re­ci­ta­zio­ne? «Sì. Pe­rò ho avu­to una pro­fes­so­res­sa fan­ta­sti­ca che mi ha in­di­ca­to la stra­da, all’ini­zio. Mi die­de un ruo­lo in un mu­si­cal in cui in­ter­pre­ta­vo Dra­cu­la: bal­la­vo, can­ta­vo e re­ci­ta­vo, sul pal­co, di fron­te al­la scuo­la in­te­ra. Ec­co, quan­do ho vi­sto tut­ti ri­de­re ho pen­sa­to: “Ma quan­to è di­ver­ten­te fa­re l’at­to­re”». Che co­sa ha stu­dia­to, in­ve­ce? «Scul­tu­ra, al­la scuo­la di Bel­le Ar­ti. Poi ho ini­zia­to a re­ci­ta­re in pic­co­li tea­tri. Do­po la scuo­la, all’uf­fi­cio di col­lo­ca­men­to co­me pro­fes­sio­ne ho scrit­to “at­to­re”, ma in real­tà ho ini­zia­to a la­vo­ra­re su­bi­to: so­no sta­to for­tu­na­to, di più, in­cre­di­bil­men­te for­tu­na­to. Al­la mag­gior par­te del­le per­so­ne non sem­bra pos­si­bi­le di po­ter ave­re suc­ces­so. All’ini­zio ero ar­ro­gan­te, ma an­che in­di­strut­ti­bi­le. E so­prat­tut­to con­ti­nua­vo a la­vo­ra­re: mi chia­ma­va­no, e io an­da­vo. Poi mi so­no tra­sfe­ri­to ne­gli Sta­ti Uni­ti e an­che lì ho con­ti­nua­to a ri­ce­ve­re in­gag­gi. Ri­pe­to: so­no sta­to mol­to for­tu­na­to». Da in­gle­se, co­me fa con l’ac­cen­to ame­ri­ca­no? «A vol­te ho an­co­ra qual­che in­cer­tez­za. Ma in­ter­pre­ta­re ruo­li da ame­ri­ca­no ti dà mol­te più pos­si­bi­li­tà, co­sì io fac­cio en­tram­bi. Cer­to, ser­ve una gran­de pre­pa­ra­zio­ne: ho qual­cu­no che mi aiu­ta sull’im­po­sta­zio­ne». Quan­do ha im­pa­ra­to a gio­ca­re con le in­to­na­zio­ni? «Du­ran­te le su­pe­rio­ri il mio ac­cen­to era neu­tro, midd­le class. Ma do­ve an­da­vo a scuo­la io, nel­la zo­na sud di Lon­dra, se ave­vi quell’ac­cen­to ti me­na­va­no. Co­sì ho im­pa­ra­to a cam­biar­lo. Lo ren­de­vo più du­ro, più wor­king class. Mi pia­ce­va. Sa, io ai tem­pi ero il ra­gaz­zi­no ar­rab­bia­to, pro­prio co­me tan­ti al­tri at­to­ri. Mi al­za­vo du­ran­te la le­zio­ne, gi­ra­vo tra i ban­chi, fa­ce­vo ru­mo­re, da­vo fa­sti­dio... L’in­se­gnan­te mi but­ta­va fuo­ri». I suoi fi­gli le chie­do­no mai di re­ci­ta­re in qual­che film? «No. Pe­rò, a vol­te so­no sta­to io ad ac­cet­ta­re ruo­li in film che a lo­ro sa­reb­be­ro pia­ciu­ti, co­me Il pia­ne­ta del­le scim­mie o L’in­cre­di­bi­le Hulk. È una spe­cie di cult, ave­re il pa­pà che re­ci­ta in pel­li­co­le co­sì». Rim­pian­ge qual­co­sa, nel suo la­vo­ro?

«No, nes­sun rim­pian­to. Va­do avan­ti e ba­sta». C’è qual­co­sa che vor­reb­be fa­re, di pre­ci­so? «La­vo­ra­re con Ca­te Blan­chett. È stu­pe­fa­cen­te. Ma­gi­ca. Una dei mi­glio­ri in as­so­lu­to. Per il re­sto, non so mai che co­sa mi suc­ce­de­rà. Va­do avan­ti e ve­do».

«Du­ran­te le su­pe­rio­ri il mio ac­cen­to era neu­tro, di­rei midd­le class. Ma do­ve an­da­vo a scuo­la io, nel­la zo­na sud di Lon­dra, se ave­vi quell’ac­cen­to TI ME­NA­VA­NO. Co­sì ho im­pa­ra­to a cam­biar­lo»

L’at­to­re in­gle­se Tim Ro­th, 56 an­ni, pro­ta­go­ni­sta di Tin Star (pri­ma sta­gio­ne ap­pe­na con­clu­sa su Sky Atlan­tic, con­fer­ma­ta la se­con­da nel 2018)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.