Più ne­ro della pe­ce non ba­sta più. Ora c’è il co­lo­re om­bra di se stes­so

GQ (Italy) - - Prologo - Te­sto di OLGA NOEL WINDERLING Fo­to di CHRISTOFFER RUDQUIST

Un bu­co ne­ro. È que­sto l’ef­fet­to che fa da lon­ta­no la costruzione dell’ar­chi­tet­to in­gle­se Asif Khan ap­pe­na sve­la­ta a Pyeon­g­chang, pro­prio all’in­gres­so del Par­co Olim­pi­co. Una struttura con vo­lu­mi e pa­re­ti cur­ve che l’oc­chio uma­no non di­stin­gue grazie al co­lo­re im­pie­ga­to sul­le su­per­fi­ci: il Van­ta­black, cioè il ne­ro più ne­ro al mon­do, ca­pa­ce di as­sor­bi­re il 99,96 per cen­to della lu­ce (con­tro il 93 cir­ca di una ver­ni­ce opa­ca nor­ma­le) in­gan­nan­do co­sì lo sguar­do. Qua­lun­que og­get­to tri­di­men­sio­na­le, di­pin­to col Van­ta­black, vie­ne per­ce­pi­to piat­to, ad­di­rit­tu­ra vuo­to, co­me fos­se un ri­ta­glio rea­liz­za­to con Pho­to­shop. «Un’op­por­tu­ni­tà in­cre­di­bi­le», ha det­to Asif Khan, che de­scri­ve il suo pro­get­to «una fes­su­ra di oscu­ri­tà», «tem­pe­sta­ta da mi­glia­ia di pic­co­le lu­ci co­me stel­le nel cie­lo not­tur­no». Uno spet­ta­co­lo.

La pri­ma vol­ta del Van­ta­black in ar­chi­tet­tu­ra è un even­to che pro­met­te ap­pli­ca­zio­ni il­li­mi­ta­te. Ed è pro­prio que­sto il la­to più af­fa­sci­nan­te della sto­ria, fin dal suo ini­zio, quat­tro an­ni fa, quan­do lo scien­zia­to in­gle­se Ben Jen­sen por­tò a ter­mi­ne l’im­pre­sa che non era riu­sci­ta nem­me­no alla NASA, né al­le 15 azien­de chia­ma­te a sup­por­to: crea­re il ne­ro as­so­lu­to con cui ri­ve­sti­re l’in­ter­no dei te­le­sco­pi spa­zia­li, per ri­le­va­re gli og­get­ti ce­le­sti sen­za ab­ba­gli.

A dir­la tut­ta non si trat­ta esat­ta­men­te di un co­lo­re, quan­to piut­to­sto di una “trap­po­la mo­le­co­la­re” per la lu­ce com­po­sta di na­no­tu­bi di car­bo­nio, che so­no 10 mi­la vol­te più sot­ti­li di un ca­pel­lo uma­no. Quan­do l’in­ven­zio­ne ven­ne mes­sa a pun­to nei la­bo­ra­to­ri della Sur­rey Na­no­sy­stems, Jen­sen, che ne è fon­da­to­re e CEO, pen­sa­va ini­zial­men­te di ven­der­la a die­ci, quin­di­ci azien­de al mas­si­mo, ed esclu­si­va­men­te in am­bi­ti ae­ro­spa­zia­li o mi­li­ta­ri. In­ve­ce, do­po la pre­sen­ta­zio­ne al Farn­bo­rou­gh In­ter­na­tio­nal Air­show, nel lu­glio 2014, è sta­to as­sa­li­to dal­le ri­chie­ste: pop star, sti­li­sti, azien­de del lus­so, in­du­strie au­to­mo­bi­li­sti­che, ca­se di­sco­gra­fi­che e ci­ne­ma­to­gra­fi­che... Tut­ti vo­le­va­no il ne­ro ca­pa­ce di “bu­ca­re” lo spa­zio.

Ma che ol­tre a es­se­re co­sto­so, ri­chie­de an­co­ra ag­giu­sta­men­ti tec­ni­ci. Uno dei pro­ble­mi, per esem­pio, è che il Van­ta­black ir­ri­ta la pel­le, quin­di è al mo­men­to im­pen­sa­bi­le un suo im­pie­go nell’ab­bi­glia­men­to. In com­pen­so, il brand sviz­ze­ro Ma­nu­fac­tu­re Con­tem­po­rai­ne du Temps l’ha uti­liz­za­to per il qua­dran­te dell’oro­lo­gio Se­quen­tial One − S110 Evo Van­ta­black (10 esem­pla­ri, 95 mi­la dol­la­ri), col mo­vi­men­to che sem­bra so­spe­so nell’aria e una lu­na che ap­pa­re e scom­pa­re co­me per ma­gia. A fir­mar­lo è sta­to lo scul­to­re bri­tan­ni­co Ani­sh Ka­poor. E qui vie­ne il bel­lo. Per­ché si trat­ta dell’uni­co ar­ti­sta cui Ben Jen­sen ha con­ces­so il Van­ta­black in esclusiva («La no­stra è una col­la­bo­ra­zio­ne», si è giu­sti­fi­ca­to poi lo scien­zia­to), sca­te­nan­do la fu­ria dei col­le­ghi.

A ca­pi­ta­na­re la ri­vol­ta è sta­to il pit­to­re Stuart Sem­ple, an­che lui in­gle­se, che su stuarts­em­ple. com ha mes­so in ven­di­ta il “ro­sa più ro­sa”, di­spo­ni­bi­le «per tut­ti tran­ne Ani­sh Ka­poor». E quan­do que­st’ul­ti­mo ha rac­col­to la pro­vo­ca­zio­ne − po­stan­do il me­dio al­za­to, in­tri­so nel pig­men­to proi­bi­to − Sam­ple ha ri­lan­cia­to con due di­ta vit­to­rio­se di­pin­te col Black 2.0: «Non il ne­ro più ne­ro del mon­do», spie­ga sul suo si­to. «Ma un ne­ro mi­glio­re del ne­ro più ne­ro del mon­do, per­ché ef­fet­ti­va­men­te uti­liz­za­bi­le da­gli ar­ti­sti». Per ac­qui­star­lo (150 ml, 13 euro cir­ca), an­che in que­sto ca­so è pre­vi­sta la se­guen­te clau­so­la: «Con­fer­mi di non es­se­re Ani­sh Ka­poor, di non es­se­re af­fi­lia­to ad Ani­sh Ka­poor, di non ac­qui­sta­re il pro­dot­to per con­to di Ani­sh Ka­poor».

In­tor­no al Van­ta­black, in­som­ma, si è sca­te­na­to il mon­do. An­zi, i mon­di, dalla ri­cer­ca spa­zia­le a quel­la ar­ti­sti­ca, fi­no a scuo­te­re ades­so i de­sti­ni dell’ar­chi­tet­tu­ra. E que­sto, al di là dei det­ta­gli, è un be­ne. Vuol di­re che c’è di nuo­vo fa­me di stupore, e che lo si sa ri­co­no­sce­re e va­lo­riz­za­re al vo­lo. Quin­di sa­rà an­che ve­ro, co­me vuo­le il cli­ché, che ab­bia­mo per­so l’in­no­cen­za ne­gli An­ni 60, ma for­se pos­sia­mo re­cu­pe­ra­re in ve­lo­ci­tà. Esat­ta­men­te cin­que de­cen­ni fa, per di­re, il ri­cer­ca­to­re Spen­cer Sil­ver della 3M sba­gliò la for­mu­la di una col­la. Ma fu ne­ces­sa­rio aspet­ta­re fi­no al 1974 per­ché al col­le­ga Ar­thur Fry ve­nis­se in men­te di usar­la per in­ven­ta­re i Po­st-it.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.