Pep Guardiola

Pao­lo Con­dò rac­con­ta l’al­le­na­to­re (for­se) più for­te di sem­pre

GQ (Italy) - - Sommario - Te­sto di PAO­LO CON­DÒ Fo­to di PAUL SCALA

La su­pe­rio­ri­tà di Pep Guardiola sta di­ven­tan­do un pro­ble­ma. Rias­sun­to del­le pun­ta­te pre­ce­den­ti: do­po i trion­fi alla gui­da del Bar­cel­lo­na (3 cam­pio­na­ti, 2 Cham­pions e cop­pet­te va­rie) e i suc­ces­si sul­la pan­chi­na del Bayern (3 cam­pio­na­ti più va­ria chin­ca­glie­ria), il tec­ni­co di Sant­pe­dor non è an­da­to gran­ché be­ne nel­la pri­ma sta­gio­ne al Man­che­ster Ci­ty, chiu­den­do la Pre­mier al ter­zo po­sto e non por­tan­do a ca­sa nient’al­tro. Molto ama­to dai suoi se­gua­ci, i fe­de­li della chie­sa cal­ci­sti­ca olan­de­se-ca­ta­la­na, Pep è nel­la stes­sa mi­su­ra av­ver­sa­to da chi si ri­co­no­sce in un al­tro cre­do: per que­sto mo­ti­vo l’an­no scor­so sui gior­na­li so­no fioc­ca­te te­me­ra­rie ana­li­si sul­la fi­ne del guar­dio­li­smo, al­cu­ne del­le qua­li cul­mi­nan­ti nel de­fi­ni­ti­vo «vin­ce­va so­lo per­ché ave­va Mes­si». Nien­te di ma­le, i com­men­ti in ge­ne­re so­no fir­ma­ti e quin­di cia­scu­no può far­si la sua opi­nio­ne su chi li scri­ve, se non fos­se che la ven­det­ta di Guardiola è ar­ri­va­ta in mo­do per­si­no esa­ge­ra­to: 20 vit­to­rie e 2 pa­reg­gi nel­le pri­me 22 ga­re di Pre­mier, 15 pun­ti di van­tag­gio sul­lo Uni­ted, ti­to­lo blin­da­to già a Na­ta­le e fi­ne­stra aper­ta sul­la Cham­pions che ri­par­te que­sto me­se. Ci­fre di un’apo­ca­lis­se, la mor­te della com­pe­ti­zio­ne. Ma il ve­ro pro­ble­ma, quel­lo a cui si ac­cen­na­va all’ini­zio, è un al­tro: il mo­do in cui tut­to ciò sta ac­ca­den­do.

Nel­la ga­ra di fi­ne di­cem­bre a New­ca­stle, nel pri­mo tem­po il Ci­ty ha man­te­nu­to l’83 per cen­to del pos­ses­so del pal­lo­ne, scen­den­do (si fa per di­re) al 78 nel­la ri­pre­sa. Non è più calcio ma una sin­fo­nia tra vir­tuo­si, un bal­let­to cui as­si­sto­no non sol­tan­to gli spet­ta­to­ri in tri­bu­na ma pu­re gli av­ver­sa­ri in cam­po. Una sin­dro­me di Sten­d­hal che, al ri­sve­glio do­po aver per­so i sen­si (e la par­ti­ta), agli av­ver­sa­ri ispi­ra ma­ga­ri en­tra­tac­ce al li­mi­te del co­di­ce pe­na­le − Pun­cheon su De Bruy­ne, mi­ra­co­lo­sa­men­te in­den­ne − ma, suc­ces­si­va­men­te in sa­la stam­pa, pea­na sper­ti­ca­ti.

Non si può an­co­ra di­re che Pep Guardiola ab­bia stron­ca­to ogni op­po­si­zio­ne, per­ché oc­cor­re al­me­no una Cham­pions (quel­la che in Ba­vie­ra non ha ot­te­nu­to) per pa­ra­re i di­stin­guo de­gli an­ti­pa­tiz­zan­ti. Ma la bat­ta­glia cul­tu­ra­le, che pas­sa per la con­qui­sta dei cuo­ri de­gli in­gle­si, è pra­ti­ca­men­te vin­ta, e la ne­ces­si­tà di esa­ge­ra­re dei me­dia ha fat­to il re­sto: non ci si chie­de più se Guardiola sia il mi­glior tec­ni­co in cir­co­la­zio­ne, ma se val­ga già la de­fi­ni­zio­ne di nu­me­ro uno di sem­pre. Il pun­to è: co­me ha fat­to a rie­la­bo­ra­re al Ci­ty un si­ste­ma di gio­co in ap­pa­ren­za per­fet­to, do­po l’an­da­men­to co­sì al­ta­le­nan­te della sta­gio­ne scor­sa?

Jo­sé Mou­ri­n­ho ul­ti­ma­men­te se l’è pre­sa più con An­to­nio Con­te ma, dalla spon­da Uni­ted di Man­che­ster, vi­ve i trion­fi dell’an­ti­co ri­va­le co­me la peg­gio­re del­le iat­tu­re con­do­mi­nia­li (me­mo­ra­bi­le l’al­ter­co ne­gli spo­glia­toi di Old Traf­ford «per­ché lo­ro fe­steg­gia­va­no trop­po ru­mo­ro­sa­men­te il der­by vin­to»). Di fron­te al­le per­fi­de do­man­de dei gior­na­li­sti sul­le ra­gio­ni di tan­to suc­ces­so, ha ti­ra­to fuo­ri la sto­ria dei ter­zi­ni pa­ga­ti co­me at­tac­can­ti, ve­ris­si­ma per­ché Wal­ker, Men­dy e Da­ni­lo so­no co­sta­ti uno spro­po­si­to − e fin qui sol­tan­to il pri­mo ha ag­giun­to qual­co­sa − ma in­coe­ren­te con le spe­se pa­ra­go­na­bi­li so­ste­nu­te in que­sti due an­ni dal­lo Uni­ted, a par­ti­re da Pog­ba.

La ve­ri­tà è che gli in­ve­sti­men­ti dell’an­no scor­so sul ta­len­to gio­va­ne so­no an­da­ti a da­ma, dal me­ra­vi­glio­so Sa­né a Ga­briel Je­sus, men­tre il mi­glio­ra­men­to di cam­pion­ci­ni già in or­ga­ni­co al mo­men­to del suo ar­ri­vo, da De Bruy­ne a Ster­ling, ha as­sun­to di­men­sio­ni espo­nen­zia­li. Le cre­sci­te in­di­vi­dua­li, pe­rò, so­no ar­ri­va­te co­me con­se­guen­za di una cre­sci­ta col­let­ti­va, nel sen­so che la qua­li­tà del gio­co met­te in evi­den­za i pro­gres­si dei sin­go­li. Ciò che Guardiola toc­ca di­ven­ta oro. Ma per­ché?

Per tro­va­re una buo­na ri­spo­sta, non esau­sti­va ma cer­ta­men­te pro­pe­deu­ti­ca alla com­pren­sio­ne di un’au­ten­ti­ca beau­ti­ful mind, oc­cor­re tor­na­re all’an­no sab­ba­ti­co tra­scor­so da Pep a New York fra il 2012 e il 2013, al ter­mi­ne del suo qua­drien­nio al Bar­cel­lo­na.

Gli dell’an­no scor­so IN­VE­STI­MEN­TI sul ta­len­to gio­va­ne so­no an­da­ti a da­ma, men­tre il mi­glio­ra­men­to di cam­pion­ci­ni già in or­ga­ni­co al mo­men­to del suo ar­ri­vo ha as­sun­to di­men­sio­ni espo­nen­zia­li. Ciò che Guardiola toc­ca DI­VEN­TA ORO

Il so­lo fat­to di pren­der­si una pau­sa co­sì lun­ga in un mo­men­to nel qua­le tut­ti i club più im­por­tan­ti del mon­do l’avreb­be­ro vo­lu­to sul­la lo­ro pan­chi­na de­scri­ve la di­ver­si­tà dell’uo­mo: la si­cu­rez­za in se stes­so, so­prat­tut­to, la for­za di pen­sa­re che il suo ap­peal non sa­reb­be sva­ni­to, ma an­zi ne sa­reb­be usci­to raf­for­za­to. L’as­sen­za che sti­mo­la più della pre­sen­za, il vuo­to più del pie­no: con­cet­ti ra­ri, com­ples­si da ap­pli­ca­re in un am­bien­te in­tel­let­tua­le e fin lì del tut­to sco­no­sciu­ti in un mon­do con­cre­to e spes­so gros­so­la­no co­me il calcio.

In una del­le se­ra­te new­yor­ke­si Guardiola si tro­va co­me com­men­sa­le Gar­ry Kasparov, il più gran­de scac­chi­sta della sto­ria, e le due in­tel­li­gen­ze si ri­co­no­sco­no all’istan­te: il dia­lo­go si fa pre­sto ser­ra­to, la fre­quen­ta­zio­ne di­ven­ta abi­tua­le. Nel suo bel­lis­si­mo li­bro da in­si­der ( Herr Pep) − Guardiola lo am­mi­se in se­gui­to du­ran­te l’espe­rien­za al Bayern − il gior­na­li­sta ca­ta­la­no Mar­tí Pe­rar­nau rac­con­ta che Kasparov, de­scri­ven­do l’asce­sa al ti­to­lo mon­dia­le del suo gio­va­ne al­lie­vo Ma­gnus Carl­sen, dis­se che pur sen­ten­do­si an­co­ra tec­ni­ca­men­te più for­te non sa­reb­be mai riu­sci­to a bat­ter­lo. La co­sa fe­ce im­paz­zi­re Guardiola, che non riu­sci­va a ca­pi­re per­ché l’ami­co esclu­des­se di po­ter­ce­la fa­re an­che in ca­so di ri­pre­sa de­gli al­le­na­men­ti. «Lo di­ci tu stes­so che sei an­co­ra il mi­glio­re, se ri­pren­di in ma­no gli scac­chi tem­po sei me­si e sa­rai in gra­do di vin­ce­re». «È del tut­to im­pos­si­bi­le», ri­bat­te­va Kasparov sen­za for­ni­re spie­ga­zio­ni.

Rac­con­ta Pe­rar­nau che la so­lu­zio­ne del re­bus ven­ne for­ni­ta da Da­ria, la com­pa­gna di Gar­ry, a Cri­sti­na, la mo­glie di Pep. «È ve­ro che lui è an­co­ra il mi­glio­re, al­me­no po­ten­zial­men­te, ma un mat­ch con­tro Carl­sen sa­reb­be molto com­ples­so, di­cia­mo cin­que ore. Gar­ry può reg­ger­ne due, poi si al­ze­reb­be dan­do­gli par­ti­ta vin­ta per­ché non è più di­spo­sto a ol­tre­pas­sa­re quel li­mi­te». Kasparov sa fin trop­po be­ne quan­to sia men­tal­men­te co­sto­so scen­de­re ol­tre una cer­ta pro­fon­di­tà, ad­den­trar­si in una fo­re­sta di cal­co­li sem­pre più fit­ta, im­ma­gi­na­re mi­glia­ia di par­ti­te pos­si­bi­li in ba­se agli svi­lup­pi del­le mos­se suc­ces­si­ve. Chi ha vi­sto In­cep­tion ha un’idea di co­sa si pos­sa pro­va­re una vol­ta che ti sei di­stan­zia­to di mol­ti li­vel­li dalla real­tà. Kasparov l’ha fat­to per tan­ti an­ni, uscen­do mal­con­cio ma vi­vo − e so­prat­tut­to cam­pio­ne − dal­le sfi­bran­ti sfi­de con Kar­pov. Nel 2005 ha det­to ba­sta e, an­che se il gio­co di Carl­sen con­tie­ne an­co­ra del­le im­per­fe­zio­ni, i suoi 24 an­ni (dell’epo­ca) gli ga­ran­ti­sco­no una fre­schez­za men­ta­le che Kasparov non ha più.

Guardiola ascol­ta la spie­ga­zio­ne tra­so­gna­to, per­ché mal­gra­do i 43 an­ni (dell’epo­ca) lui si sen­te Carl­sen, non Kasparov. E in­fat­ti il se­gre­to del suo suc­ces­so non con­si­ste nel­la ge­nia­li­tà, ma nel la­vo­ro.

Pep è sta­to for­se il pri­mo al­le­na­to­re, di cer­to il pri­mo di ver­ti­ce, a sta­bi­li­re una gior­na­ta la­vo­ra­ti­va per­so­na­le di 16 ore, con le ses­sio­ni sul cam­po oa­si all’aria aper­ta, cui si ag­giun­go­no in­ter­mi­na­bi­li se­du­te al com­pu­ter a vi­sio­na­re par­ti­te, sche­mi, gio­ca­to­ri pro­pri e av­ver­sa­ri, a pre­pa­ra­re fil­ma­ti in­di­vi­dua­li per cia­scu­no dei suoi uo­mi­ni, co­sa do­vrà fa­re in par­ti­ta, da chi do­vrà guar­dar­si, su chi po­trà fa­re af­fi­da­men­to.

Un la­vo­ro in­ces­san­te, di 24 ore al gior­no e con po­chis­si­me pau­se: per­si­no al ter­mi­ne della ga­ra, quan­do vie­ne as­sa­li­to da cla­mo­ro­se cri­si di fa­me ner­vo­sa che tam­po­na con por­zio­ni ab­bon­dan­ti di sal­mo­ne af­fu­mi­ca­to, Pep sbri­ga la pra­ti­ca del­le in­ter­vi­ste per poi tuf­far­si nell’ana­li­si di quan­to è ap­pe­na suc­ces­so.

Lo spo­sta­men­to di un pa­io di me­tri nel­la posizione di­fen­si­va di un uo­mo gli co­sta not­ti in­son­ni di stu­dio. In ma­nie­ra lie­ve­men­te me­no dram­ma­ti­ca ri­spet­to a Kasparov − i pez­zi de­gli scac­chi so­no 16, i “pez­zi” del calcio so­no 11 − ma sia­mo co­mun­que nel cam­po dei milioni di com­bi­na­zio­ni pos­si­bi­li. E per Guardiola tut­to il pos­si­bi­le va ana­liz­za­to e, so­prat­tut­to, pre­vi­sto.

Vin­ce per­ché la­vo­ra più di tut­ti, an­che se or­mai in tan­ti − da Con­te a Sar­ri, per ci­ta­re due al­ti espo­nen­ti di scuo­le di­ver­se − ap­pli­ca­no abi­tual­men­te le 16 ore di im­pe­gno quo­ti­dia­no per com­pe­te­re ai li­vel­li più ele­va­ti. For­se è per que­sto che con­ti­nua a non pia­ce­re a tan­ti: per­ché per Guardiola il ta­len­to è un pun­to di par­ten­za, men­tre è tan­to più co­mo­do con­si­de­rar­lo un pi­gro ca­po­li­nea.

SEN­ZA LI­MI­TI Guardiola ha da po­co su­pe­ra­to il re­cord del Bayern Mo­na­co 2013-2014 ( 18 vit­to­rie e 2 pa­reg­gi nel­le pri­me 20 gior­na­te) sta­bi­li­to da lui me­de­si­mo

I TRION­FI Due Cham­pions Lea­gue ( Bar­cel­lo­na); tre Su­per­cop­pe UEFA ( Bar­cel­lo­na e Bayern); tre Cop­pe del mon­do club ( Bayern, Bar­cel­lo­na)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.