IL NUOTO NON È PER SOLITARI

GQ (Italy) - - Talks - Te­sto di OLGA NOEL WINDERLING

Due vol­te cam­pio­ne del mon­do nei 100 me­tri, due ti­to­li mon­dia­li in va­sca cor­ta, 17 ori eu­ro­pei. Fi­lip­po Ma­gni­ni è il mi­glior sti­le­li­be­ri­sta ita­lia­no di sem­pre e ora che − a 36 an­ni, do­po l’ad­dio al nuoto del di­cem­bre scor­so − per la pri­ma vol­ta nel­la vi­ta de­ve af­fron­ta­re le sue sfi­de fuo­ri dall’ac­qua, si trat­ta di ca­pi­re co­me in­ve­sti­rà il pa­tri­mo­nio di com­pe­ten­ze che ha ac­qui­si­to nel­la lun­ga car­rie­ra di spor­ti­vo. «Ven­ti­set­te an­ni», pre­ci­sa, «in cui mi so­no sve­glia­to ogni gior­no al­le 7,30 del mat­ti­no: 30 mi­nu­ti di ri­scal­da­men­to, due ore e mez­za di al­le­na­men­to in ac­qua, il più del­le vol­te un’al­tra ora e mez­za di pa­le­stra. Pran­zo, un po’ di ri­po­so, poi più o me­no tut­to dac­ca­po fi­no a ce­na». La vi­ta dell’atle­ta è que­sta. E quan­do fi­ni­sce, la pri­ma co­sa a cam­bia­re è pro­prio il rap­por­to con il tem­po. «All’im­prov­vi­so, ogni gior­na­ta è di­ver­sa dall’al­tra», di­ce. « Gi­ro tan­tis­si­mo, in Ita­lia e all’este­ro, prin­ci­pal­men­te per pro­muo­ve­re il mio sport e par­te­ci­pa­re a tra­smis­sio­ni in ti­vù. Mi pia­ce».

A po­chi me­si dall’ad­dio al nuoto, è ov­vio che il nuo­vo cor­so pro­fes­sio­na­le sia «in fa­se di co­stru­zio­ne». Ma ha una di­re­zio­ne pre­ci­sa: «Che ri­mar­rò nel mon­do del­lo sport è si­cu­ro. Ho già avu­to in­con­tri con il Co­ni e con la Fe­de­ra­zio­ne. Ab­bia­mo par­la­to di pro­get­ti in cui la mia pre­sen­za po­treb­be es­se­re im­por­tan­te: ne ri­par­le­re­mo a set­tem­bre, all’ini­zio del­la nuo­va sta­gio­ne spor­ti­va. E se son ro­se…».

Nel men­tre, Fi­lip­po Ma­gni­ni con­ti­nua a pro­muo­ve­re il cen­tro di fi­sio­te­ra­pia Fi­sio­cli­nic di Pe­sa­ro, di cui è so­cio. E ha per­fi­no in men­te un bre­vet­to, le­ga­to a un ma­te­ria­le tec­ni­co, per mi­glio­ra­re le per­for­man­ce in ac­qua. Per­ché ci so­no pic­co­li ac­cor­gi­men­ti di cui so­lo gli atleti di una cer­ta di­sci­pli­na «san­no per pra­ti­ca di­ret­ta, quin­di più de­gli scien­zia­ti». E, in ge­ne­ra­le, ci so­no ca­rat­te­ri­sti­che pre­zio­se, ne­gli spor­ti­vi del suo li­vel­lo, per le qua­li i cac­cia­to­ri di te­ste di qual­sia­si gran­de azien­da fa­reb­be­ro car­te fal­se.

«Il nuoto mi ha in­se­gna­to a sta­re in un grup­po, a ca­pi­re che non tut­ti la pen­sa­no co­me me, che c’è chi è più bra­vo e chi è più scar­so, che bi­so­gna ri­spet­ta­re le re­go­le e sa­per ti­ra­re fuo­ri il mas­si­mo quan­do ser­ve. So­prat­tut­to, che la vi­ta va af­fron­ta­ta di pet­to». Sen­za con­ta­re i no­ve an­ni da ca­pi­ta­no del­la na­zio­na­le (è il re­cord ita­lia­no): «A vol­te i ra­gaz­zi mi di­co­no: “Ci man­ca la tua lea­der­ship”. Ne par­lia­mo, con­ti­nuo a con­si­gliar­li. Per­ché lo­ro non han­no vi­sto in me sol­tan­to un cam­pio­ne, ma an­che un mo­del­lo da se­gui­re. Nel cal­cio si chia­ma gio­ca­to­re-al­le­na­to­re: ec­co, è im­por­tan­te. Ed è qual­co­sa che po­trei con­ti­nua­re a fa­re».

Ogni spor­ti­vo de­ve im­pa­ra­re a reg­ge­re la ten­sio­ne del­la pro­va, at­tu­ti­re l’im­pat­to del­la scon­fit­ta, ri­di­men­sio­na­re l’eu­fo­ria del­la vit­to­ria. Un equi­li­brio che al­cu­ni con­qui­sta­no a fa­ti­ca, e non è il ca­so di Ma­gni­ni: «Lo am­met­to, per me è sta­to più fa­ci­le per­ché mi è pia­ciu­to tut­to: al­le­nar­mi, ga­reg­gia­re, ave­re la re­spon­sa­bi­li­tà di una com­pe­ti­zio­ne im­por­tan­te sul­le mie spal­le…». Per­si­no l’ad­dio è sta­to lu­mi­no­so quan­to una me­da­glia au­rea. «Ci pen­sa­vo da tem­po, ov­via­men­te, co­me tut­ti quel­li che si av­vi­ci­na­no al­la fi­ne del­la car­rie­ra. Ave­vo ini­zia­to l’an­na­ta a set­tem­bre con l’obiet­ti­vo dei Cam­pio­na­ti eu­ro­pei di lu­glio. For­se sa­rei po­tu­to ar­ri­va­re an­che al­le Olim­pia­di del 2020. Ma il gior­no pri­ma dell’an­nun­cio ho sen­ti­to che era ar­ri­va­to il mo­men­to. Non ne ho par­la­to con nes­su­no, né con i miei ge­ni­to­ri né con mia so­rel­la né con gli ami­ci. Vo­le­vo che la scel­ta fos­se au­to­no­ma. Avreb­be po­tu­to es­se­re un mo­men­to tri­ste, in­ve­ce so­no an­da­to ai Cam­pio­na­ti ita­lia­ni, a Ric­cio­ne, so­no ar­ri­va­to ter­zo, ho pre­so il mi­cro­fo­no in ma­no e ho sa­lu­ta­to il pub­bli­co. C’è sta­ta la stan­ding ova­tion, mol­ta gen­te ha pian­to. Ec­co, co­sì: lo ri­cor­do co­me un mo­men­to bel­lo».

For­te d’una tem­pra al­le­na­ta dal­la fa­ti­ca − che lo spin­ge­va in pi­sci­na al­le cin­que di mat­ti­na fin da ra­gaz­zi­no, pri­ma del­la scuo­la − og­gi l’ex nu­me­ro uno ha una cer­tez­za: «Non c’è nien­te che pos­sa spez­zar­mi». Co­me quel­la vol­ta, due me­si pri­ma dei cam­pio­na­ti di Mon­tréal del 2005, quan­do un in­for­tu­nio al­la spal­la ri­schiò di met­ter­lo ko. Il me­di­co glie­la but­tò giù du­ra: «Se vuoi nuo­ta­re nuo­ta, ma sap­pi che a ogni brac­cia­ta pro­ve­rai un do­lo­re for­te quan­to una col­tel­la­ta. Op­pu­re ti fer­mi e met­tia­mo tut­to a po­sto». È sta­to l’an­no in cui per la pri­ma vol­ta Ma­gni­ni vinse l’oro ai Mon­dia­li nei 100 me­tri.

«Che ri­mar­rò nel mon­do del­lo sport è si­cu­ro. Ho già in­con­tra­to il Co­ni e la Fe­de­ra­zio­ne: ne ri­par­le­re­mo a set­tem­bre, e se son ro­se fio­ri­ran­no»

Fi­lip­po Ma­gni­ni è na­to a Pe­sa­ro il 2 feb­bra­io 1982: due vol­te cam­pio­ne del mon­do di nuoto nei 100 me­tri, van­ta due ti­to­li mon­dia­li in va­sca cor­ta e 17 ori eu­ro­pei. Ca­pi­ta­no del­la na­zio­na­le per 9 an­ni, si è ri­ti­ra­to il di­cem­bre scor­so do­po es­se­re ar­ri­va­to ter­zo ai Cam­pio­na­ti As­so­lu­ti in­ver­na­li in va­sca cor­ta di Ric­cio­ne e sta im­po­stan­do la sua nuo­va car­rie­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.