Al­lons en­fan­ts, è l’ora di vin­ce­re

Lo ri­co­no­sce: Spa­gna, Bra­si­le e Ger­ma­nia so­no for­ti. Ma il tec­ni­co del­la Fran­cia ha i suoi me­to­di. E il sen­so del tem­po

GQ (Italy) - - Life / Coach - _ (Lu­ca Bergamin)

«Le do tren­ta mi­nu­ti esat­ti di oro­lo­gio. Il mio Spi­rit of Big Bang è pre­ci­sis­si­mo. L’uni­ca con­ces­sio­ne che pos­so fa­re è di par­la­re ita­lia­no. L’ho im­pa­ra­to ori­glian­do le con­ver­sa­zio­ni sul cam­po di al­le­na­men­to tra Mi­chel Pla­ti­ni e Gianni Agnel­li nei miei an­ni juventini». È ri­ma­sto ugua­le a quan­do era un cen­tro­cam­pi­sta pi­gno­lo, che non sba­glia­va né spre­ca­va mai un pas­sag­gio, Di­dier De­schamps, 50 an­ni a ot­to­bre, al­le­na­to­re del­la Fran­cia, na­zio­na­le tra le si­cu­re pro­ta­go­ni­ste del­la Cop­pa del Mon­do che ini­zia il 14 giu­gno in Rus­sia.

L’av­vo­ca­to por­ta­va l’oro­lo­gio sul pol­si­no del­la ca­mi­cia. Lei, Friend of Hu­blot, of­fi­cial Ti­me­kee­per del Mon­dia­le, do­ve lo in­dos­sa? Ne ho due, lo Spi­rit of Big Bang in oro e ce­ra­mi­ca che por­to nel­le se­ra­te spe­cia­li, e il Big Bang Steel Blue, più spor­ti­vo, che met­to an­che ne­gli al­le­na­men­ti, en­tram­bi al pol­so. È un ac­ces­so­rio che de­fi­ni­sce l’ele­gan­za, il por­ta­men­to di una per­so­na. Non amo i mo­del­li trop­po ri­don­dan­ti, pre­fe­ri­sco quel­li clas­si­ci. Se­guo la mo­da, pe­rò sen­za ec­ces­si. Ten­do a ve­stir­mi spor­ti­vo, ma quan­do rap­pre­sen­to la na­zio­na­le la cra­vat­ta e l’abi­to so­no per me im­pre­scin­di­bi­li. L’oro­lo­gio dà quel toc­co di clas­se in più.

Qual è il mi­nu­to, l’ora esat­ti del­la vi­ta che vor­reb­be ri­vi­ve­re? Co­me gio­ca­to­re, di­rei le 22.49 del 12 lu­glio di ven­ti an­ni fa, quan­do a Pa­ri­gi la Fran­cia si lau­reò cam­pio­ne del mon­do. Quan­do al­zai la Cop­pa mi dis­si: Di­dier, tie­ni­la in ma­no più che puoi, fai che que­sto istan­te sia il più lun­go pos­si­bi­le per­ché una sen­sa­zio­ne co­sì non la pro­ve­rai mai più. Pre­gai che il tem­po si fer­mas­se.

E in­ve­ce co­me uo­mo? Era il 14 mag­gio del 1996, sta­vo pre­pa­ran­do con i com­pa­gni del­la Ju­ven­tus la fi­na­le di Cop­pa dei Cam­pio­ni in pro­gram­ma a Ro­ma con­tro l’ajax, e ot­ten­ni tre gior­ni di per­mes­so, co­sì po­tet­ti as­si­ste­re al­la na­sci­ta del mio bam­bi­no. Lo si vo­glia op­pu­re no,

il tem­po scan­di­sce la vi­ta dell’uo­mo e di cer­to ogni mo­men­to di gio­ia lo ri­cor­di più dei mo­men­ti brut­ti: ab­bia­mo da qual­che par­te nel­la te­sta un con­ge­gno che se­le­zio­na be­ne i ri­cor­di, cac­cian­do i peg­gio­ri.

Esi­ste an­co­ra se­con­do lei il tem­po li­be­ro? Ef­fet­ti­va­men­te sia­mo tut­ti ipe­rat­ti­vi, sem­pre con­nes­si, mol­to pre­si dal la­vo­ro. Io de­vo as­si­ste­re a tan­tis­si­me par­ti­te. Tra­scor­ro il re­sto del tem­po con la mia fa­mi­glia, pe­rò ap­pe­na pos­so gio­co a padd­le, una di­sci­pli­na a me­tà tra il ten­nis e lo squa­sh che mi fa im­paz­zi­re. E poi ado­ro fa­re il ba­gno in ma­re.

È ve­ro che è un buon in­ten­di­to­re di vi­no? Di vi­ni ros­si. So­no fran­ce­se, l’eno­lo­gia per noi è una re­li­gio­ne, co­me la cu­ci­na con­tem­po­ra­nea.

Gli chef han­no or­mai ru­ba­to lo scet­tro me­dia­ti­co ai cal­cia­to­ri. È ve­ro, so­no se­gui­tis­si­mi. Del re­sto la buo­na cu­ci­na toc­ca tan­tis­si­mi am­bi­ti del­la vi­ta, è stret­ta­men­te con­nes­sa al­la sa­lu­te dell’uo­mo e del pia­ne­ta.

Che ef­fet­to le fa l’ita­lia fuo­ri dai Mon­dia­li? Un sol­lie­vo op­pu­re un di­spia­ce­re? L’ita­lia sta vi­ven­do un mo­men­to du­ris­si­mo, ci so­no sin­ce­ra­men­te ri­ma­sto mol­to ma­le per la vo­stra eli­mi­na­zio­ne. È un fat­to tri­ste per gli ita­lia­ni e per il Mon­dia­le. Pe­rò una vol­ta ogni mez­zo se­co­lo può ca­pi­ta­re an­che a voi, non ne fa­rei un dram­ma. Con­so­la­te­vi pen­san­do che noi fran­ce­si non ci sia­mo qua­li­fi­ca­ti più di una vol­ta. Po­treb­be es­se­re l’oc­ca­sio­ne buo­na per ti­fa­re i vo­stri cu­gi­ni d’ol­tral­pe.

Il pronostico di De­schamps? Vin­cia­mo noi. Sa­reb­be bel­lis­si­mo. Og­get­ti­va­men­te, Spa­gna, Bra­si­le e Ger­ma­nia so­no più at­trez­za­te ri­spet­to, ma gio­che­re­mo con am­bi­zio­ne e umil­tà, le qua­li­tà ne­ces­sa­rie per ar­ri­va­re avan­ti, co­me agli ul­ti­mi Eu­ro­pei. La mia squa­dra è gio­va­ne ma già as­sai com­pe­ti­ti­va, sto cer­can­do il giu­sto mix tra gli an­zia­ni del grup­po e quel­li me­no esper­ti, il no­stro li­vel­lo tec­ni­co è al­to, la vo­glia di emer­ge­re al­tret­tan­ta. Pos­sia­mo fa­re dav­ve­ro be­ne.

Ha al­le­na­to la Ju­ven­tus. Po­trem­mo ma­ga­ri ri­ve­der­la su di una pan­chi­na ita­lia­na? Nel­la vi­ta non si può di­re mai, l’ita­lia è la mia se­con­da patria, il cal­cio per voi ita­lia­ni espri­me la gio­ia di vi­ve­re, co­me per noi fran­ce­si. Per ora spero di re­sta­re a lun­go il tec­ni­co del­la na­zio­na­le del mio Pae­se.

Di­dier De­schamps, 50 an­ni a ot­to­bre, al­le­na­to­re del­la Fran­cia, na­zio­na­le tra le si­cu­re pro­ta­go­ni­ste del­la Cop­pa del Mon­do

Di­dier De­schamps sul cam­po. Sot­to, con il cro­no­gra­fo Spi­rit of Big Bang King Gold Ce­ra­mic con cas­sa in King Gold 18k, lu­net­ta in ce­ra­mi­ca ne­ra e cin­tu­ri­no in al­li­ga­to­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.