LA VI­TA FRA PARENTESI

GQ (Italy) - - Passioni / Time -

Smet­te­re di re­spi­ra­re non è quel­la co­sa spa­ven­to­sa che im­ma­gi­nia­mo. È l’ini­zio di un nuo­vo mo­do di esi­ste­re. Guil­lau­me Néry fa una pau­sa, fis­sa l’in­ter­lo­cu­to­re ne­gli oc­chi e spie­ga: «Non re­spi­ra­re ti ren­de più pre­sen­te». Apnei­sta, 36 an­ni a lu­glio, spe­cia­liz­za­to nel pe­so co­stan­te (di­sce­sa e sa­li­ta con la so­la pro­pul­sio­ne del­le pin­ne), è sta­to due vol­te cam­pio­ne del mon­do con quat­tro re­cord cer­ti­fi­ca­ti: l’ul­ti­mo, nel 2015, è frut­to di un er­ro­re. Vo­le­va su­pe­ra­re il pri­ma­to dei -129 me­tri, ma qual­co­sa non ha fun­zio­na­to ed è ar­ri­va­to a -139. Po­te­va re­star­ci. In­ve­ce è qui, ha smes­so di ga­reg­gia­re e gi­ra il mon­do per spie­ga­re che cos’è il re­spi­ro (dai TEDX ai work­shop azien­da­li), gi­ra do­cu­men­ta­ri ( le­sfilm­sen­glou­tis.com), è Am­bas­sa­dor Pa­ne­rai (e pro­ta­go­ni­sta del ter­zo ca­pi­to­lo del­la cam­pa­gna TRAITS, de­di­ca­ta al ma­re).

«Re­sta­re con il fia­to so­spe­so met­te il tem­po tra parentesi: lo fer­mo nell’istan­te in cui lo vi­vo», di­ce. «Sott’ac­qua so­no più co­scien­te di co­me tra­scor­re, più di quan­do so­no sul­la ter­ra: ha una qua­li­tà di­ver­sa. Qual è la sua na­tu­ra? È il pen­sie­ro che echeg­gia ogni vol­ta che mi de­di­co al­le mie pas­sio­ni. Sem­bra con­ver­ga­no lì, sul­la più gran­de do­man­da di sem­pre».

Guil­lau­me Néry ha un te­le­sco­pio a ca­sa, con il qua­le os­ser­va le stel­le («La ga­las­sia di An­dro­me­da è a 2,5 mi­lio­ni di an­ni lu­ce: ve­do la pre­i­sto­ria»), una chi­tar­ra in va­li­gia («Ho sem­pre pen­sa­to di es­se­re in ri­tar­do per im­pa­ra­re, e in­ve­ce no: ogni gior­no tro­vo al­me­no un quar­to d’ora per eser­ci­tar­mi e so­no fe­li­ce») e una Lei­ca M10. Gli ser­ve per fer­ma­re nel­la me­mo­ria quel­lo che ve­de, sce­glie uno scat­to al gior­no, lo po­sta su One Day, One Pic­tu­re ( one­dayo­ne­pic­tu­re.fr), uno dei suoi pro­get­ti fo­to­gra­fi­ci, e al­la fi­ne dell’an­no com­po­ne un al­bum. «Quan­do avrò 80 an­ni po­trò sfo­glia­re de­ci­ne di qua­der­ni, con un’im­ma­gi­ne per ogni gior­no che ho vis­su­to».

Il tem­po che pas­sa, il tem­po li­be­ro: «Ir­ri­nun­cia­bi­le. Un tem­po di­ce­vo sì a qua­lun­que im­pe­gno, ora di­fen­do i mer­co­le­dì con mia fi­glia: la por­to in pi­sci­na e la guar­do nuo­ta­re. È un mo­men­to pri­vi­le­gia­to, sa­cro». E poi c’è l’al­tra at­ti­vi­tà di Néry in ac­qua: i do­cu­men­ta­ri. Il pros­si­mo si in­ti­to­la One Brea­th Around the World e usci­rà a fi­ne 2018, ini­zio 2019. «Ab­bia­mo ini­zia­to a gi­ra­re l’an­no scor­so e ci man­ca l’ultima par­te, quel­la che fil­me­re­mo sot­to i ghiac­ci del­la Fin­lan­dia. L’idea è che io fac­cia il gi­ro del mon­do con un so­lo re­spi­ro, in ac­que cal­de e fred­de, dolci e sa­la­te, co­me se fos­se tutt’uno».

Esta­te o in­ver­no, Guil­lau­me Néry − che vi­ve a Niz­za − si im­mer­ge sen­za mu­ta. «De­vo pro­va­re il fred­do, che mi ri­cor­da che ho un cor­po. Vo­glio sen­ti­re il ma­re sen­za in­ter­fe­ren­ze: è il po­sto do­ve spe­ri­men­to la con­nes­sio­ne più for­te con l’uni­ver­so, con ciò che è es­sen­zia­le. Quan­do pas­so sot­to la su­per­fi­cie dell’ac­qua, at­tra­ver­so una fron­tie­ra ed en­tro in un mon­do ro­ve­scia­to: sul­la ter­ra re­spi­ro, le orec­chie ac­col­go­no i suo­ni, sen­to i sa­po­ri, ve­do la lu­ce del so­le; in ma­re i sen­si con­ver­go­no den­tro di me. So­no sem­pre Guil­lau­me, an­zi lo so­no più che mai, ma so­no di­ven­ta­to una goc­cia den­tro il ma­re». Se que­sta è la for­ma dell’in­fi­ni­to, Néry ne fa par­te. _ (Cri­sti­na D’an­to­nio)

Néry, 36 an­ni a lu­glio, du­ran­te un’im­mer­sio­ne. Sta la­vo­ran­do al suo pros­si­mo do­cu­men­ta­rio, One Brea­th around the World (fi­ne 2018)

L’apnei­sta Guil­lau­me Néry, Am­bas­sa­dor Pa­ne­rai. Al pol­so ha un Lu­mi­nor Sub­mer­si­ble 1950 3 Days Ama­gne­tic Au­to­ma­tic Ti­ta­nio, 10.700 €

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.