LA ME­MO­RIA È NELL’ARIA

Jan Ahl­gren viag­gia mol­to, con il cor­po e con la men­te. An­nu­sa tut­to. E poi usa il suo ol­fat­to per chiu­de­re sot­to­ve­tro i ri­cor­di. La pros­si­ma sfi­da? Al sa­po­re di ra­bar­ba­ro

GQ (Italy) - - Care / Relax - Te­sto di simona a i roldi

Un caf­fè dop­pio pri­ma di ini­zia­re l’in­ter­vi­sta. È la do­se di caf­fei­na ne­ces­sa­ria a Jan Ahl­gren per af­fron­ta­re lo stor­di­men­to del fu­so, vi­sto che ar­ri­va da una lun­ga se­rie di vo­li tran­so­cea­ni­ci. «Gli ita­lia­ni so­no mae­stri nell’ar­te del caf­fè, sen­ti che aro­ma!», si com­pli­men­ta en­tu­sia­sta. Lo sor­seg­gia pia­no e lo an­nu­sa ac­cu­ra­ta­men­te. Po­treb­be es­se­re l’in­gre­dien­te del suo pros­si­mo pro­fu­mo, vi­sto che l’ex mo­del­lo e de­si­gner fon­da­to­re di Vi­lhelm Par­fu­me­rie ha l’abi­tu­di­ne di “ru­ba­re” odo­ri co­me sou­ve­nir dei po­sti che vi­si­ta, per poi in­se­rir­li nel­le sue fra­gran­ze. Uno dei suoi fla­co­ni più ven­du­ti è, per esem­pio, Ba­si­li­co & Fel­li­ni, na­to du­ran­te un sog­gior­no in Ita­lia. Poi c’è Mor­ning Chess, che rie­vo­ca le mat­ti­ne tra­scor­se a gio­ca­re a scacchi con il non­no in Svezia.

Par­tia­mo dal fu­tu­ro in­ve­ce che dal pas­sa­to. a co­sa sa­rà ispi­ra­to il pros­si­mo pro­fu­mo di Vi­lhelm Par­fu­me­rie?

Di si­cu­ro a una gior­na­ta che ho tra­scor­so qual­che tem­po fa a Fi­ren­ze: ero lì per una fie­ra le­ga­ta al­la mo­da e ho sen­ti­to nell’aria odo­re di cuo­io, ho vi­sto uo­mi­ni ele­gan­ti che an­da­va­no dal bar­bie­re, fu­ma­va­no un si­ga­ro o be­ve­va­no un drink… Non vo­glio sve­la­re trop­po, ma pos­so dir­le che si­cu­ra­men­te in­se­ri­rò qual­co­sa di quel­la gior­na­ta nel­la mia pros­si­ma fra­gran­za.

Ca­pi­ta spes­so che al ri­tor­no da un viag­gio si por­ti a ca­sa qual­che ri­cor­do ol­fat­ti­vo da in­se­ri­re nel­le sue crea­zio­ni?

Co­stan­te­men­te. È la mia fon­te pri­ma­ria di ispi­ra­zio­ne. Viag­gi per il mon­do, ma an­che viag­gi con la me­mo­ria. Quan­do sei in gi­ro co­sì spes­so c’è un mo­men­to pre­ci­so, la mat­ti­na, in cui ti sve­gli e per un at­ti­mo non sai do­ve ti tro­vi. Ti ren­di con­to di es­se­re for­tu­na­to per­ché hai la pos­si­bi­li­tà di toc­ca­re, as­sag­gia­re, co­no­sce­re, sco­pri­re ogni gior­no qual­co­sa di nuo­vo.

Ci rac­con­ti un po’ il per­cor­so che l’ha por­ta­ta fi­no a qui, usan­do co­me tap­pe i suoi pro­fu­mi.

Tut­to è co­min­cia­to in Svezia, do­ve so­no na­to, e a cui ho de­di­ca­to Stoc­kholm 1978. Poi mi so­no tra­sfe­ri­to a Pa­ri­gi: Dir­ty Vel­vet nasce dal­le at­mo­sfe­re di Vil­la d’estrées, un ho­tel del Quar­tie­re la­ti­no. Poi c’è sta­ta Lon­dra con il suo re­spi­ro, tra­dot­to in Black Ci­trus. Al­tra tap­pa: la ca­sa a Ble­vio, sul la­go di Co­mo, do­ve ho crea­to Ba­si­li­co & Fel­li­ni. Poi c’è Har­lem Bloom, ispi­ra­to ai fio­ri che cre­sco­no nel­la giun­gla ur­ba­na di New York, ma an­che Room Ser­vi­ce, che ri­man­da a una sto­ria d’amo­re na­ta in una ca­me­ra di al­ber­go. Quin­di a ogni po­sto lei as­se­gna un odo­re, un po’ co­me un mo­der­no Proust.

Esat­to, e lo fac­cio fin da quan­do ero bam­bi­no. Se si pre­sta at­ten­zio­ne, sia­mo sem­pre cir­con­da­ti da in­di­zi odo­ro­si. Per esem­pio, e non so per­ché, as­so­cio l’ita­lia al pro­fu­mo di mi­mo­sa e gel­so­mi­no, men­tre quan­do tor­no in Svezia il pri­mo che per­ce­pi­sco è quel­lo dell’os­si­ge­no e del ver­de.

Qua­li so­no i pro­fu­mi che la fan­no viag­gia­re in­die­tro nel tem­po?

L’odo­re d’er­ba, sen­za dubbio. Umi­do, bal­sa­mi­co. Quan­do ero pic­co­lo me la fa­ce­va­no sem­pre ta­glia­re. Il pro­fu­mo del­la ca­sa di mio non­no, che sa­pe­va di pu­li­to e di le­gno. E poi quel­lo del tal­co John­son&john­son che mi met­te­va­no sem­pre da bam­bi­no, tan­to che l’ho vo­lu­to ri­pro­dur­re in al­cu­ne del­le mie fra­gran­ze.

Qua­le in­gre­dien­te non ha an­co­ra usa­to e vor­reb­be uti­liz­za­re?

Ce ne so­no tan­tis­si­mi e a me pia­ce spe­ri­men­ta­re, ri­schia­re. An­che se bi­so­gna sta­re attenti a bi­lan­ciar­li, per­ché al­cu­ni di­ven­ta­no trop­po pre­do­mi­nan­ti. Vor­rei pro­va­re a usa­re il ra­bar­ba­ro, dol­ce e al tem­po stes­so un po’ aspri­gno. Lo sto stu­dian­do.

la pro­fu­me­ria è un mon­do dal­le pro­po­ste mol­te­pli­ci e va­rie­ga­te: qual è la ca­rat­te­ri­sti­ca che ren­de spe­cia­li quel­le di Vi­lhelm?

Cre­do si per­ce­pi­sca la pas­sio­ne che c’è die­tro: l’in­ten­to ge­nui­no, non pret­ta­men­te com­mer­cia­le. E poi, sen­za dubbio, la qua­li­tà de­gli in­gre­dien­ti che, ci ten­go a sot­to­li­near­lo, è dav­ve­ro ele­va­ta. Cer­co sem­pre di an­da­re ol­tre la clas­si­ca co­stru­zio­ne di no­te di te­sta, di cuo­re, di fon­do. Spruz­zar­si ad­dos­so una no­stra fra­gran­za è ve­ra­men­te co­me fa­re un viag­gio: so­no pro­fu­mi av­vol­gen­ti, du­re­vo­li. Mi pia­ce pen­sa­re di re­ga­la­re un piz­zi­co di lus­so, di pia­ce­re e, per­ché no, di se­du­zio­ne.

Che co­sa fa di un pro­fu­mo un’ar­ma di se­du­zio­ne?

La per­so­na­li­tà di chi lo in­dos­sa. Il pro­fu­mo • un aspet­to mol­to in­ti­mo e mol­to im­por­tan­te del mo­do in cui ci si re­la­zio­na con il mon­do, quel­lo che può fa­re la dif­fe­ren­za tra at­tra­zio­ne e re­pul­sio­ne. Non de­ve so­lo es­se­re buo­no, ma ri­sul­ta­re ap­pun­to coe­ren­te con la pro­pria per­so­na­li­tà.

Esi­ste un se­gre­to per fa­re du­ra­re di più un pro­fu­mo ad­dos­so?

Ol­tre a met­ter­lo sui clas­si­ci pun­ti – nell’in­ca­vo del col­lo, sui pol­si, die­tro le orec­chie – io lo spruz­zo a nu­vo­la sui ve­sti­ti.

Che pro­fu­mo ri­cor­de­rà di que­sta gior­na­ta ita­lia­na?

Il suo. E quel­lo del caf­fè!

Jan ahl­gren, 40 an­ni, ma­dre ame­ri­ca­na e pa­dre sve­de­se, ha vis­su­to a Pa­ri­gi pri­ma di tra­sfe­rir­si a new York. l’in­con­tro con i l na­so Je­ro­me Epi­net­te ha da­to ini­zio all’av­ven­tu­ra di Vi­lhelm Par­fu­me­rie

stoc­kholm 1978: pe­pe ne­ro, scor­za di li­mo­ne, man­dor­la ( te­sta); ge­ra­nio e ro­sma­ri­no ( cuo­re); pat­chou­li, am­bra ne­ra e mu­schio ( co­da). 210 €,

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.