La straor­di­na­ria for­tu­na del­la lau­rea de­gli igno­ran­ti

Chi si sta di­plo­man­do in una ma­te­ria tec­ni­ca o pro­fes­sio­na­le sa che qua­lun­que co­sa ab­bia im­pa­ra­to sta già per es­se­re su­pe­ra­ta. La più gran­de ere­di­tà dell’uni­ver­si­tà è la­sciar­ti il de­si­de­rio di con­ti­nua­re a im­pa­ra­re

GQ (Italy) - - Educazione - di SI­MON KUPER

Sta­te zit­ti e ascol­ta­te: nel mo­men­to in cui pen­sa­te «Que­sto lo so», non è ve­ro. Se sco­pri­te che vi sie­te sba­glia­ti, fa­te te­so­ro del mo­men­to: ave­te im­pa­ra­to qual­co­sa. Se sie­te la per­so­na più in­tel­li­gen­te del­la stan­za, ave­te sba­glia­to stan­za

Du­ran­te il mio ul­ti­mo an­no di uni­ver­si­tà so­no an­da­to nel pa­ni­co. Mi so­no re­so con­to che sta­vo per es­se­re ca­ta­pul­ta­to nel mon­do e che ero qua­si com­ple­ta­men­te igno­ran­te. Ave­vo più o me­no as­sor­bi­to qual­che pez­zet­ti­no di sto­ria oc­ci­den­ta­le, e ave­vo let­to e poi per­lo­più di­men­ti­ca­to al­cu­ni romanzi e poe­sie te­de­sche. Non sa­pe­vo nien­te di scien­za. Non ave­vo nean­che la più va­ga idea di co­me il mon­do fun­zio­nas­se. Non ero nem­me­no del tut­to si­cu­ro di che co­sa fos­se­ro i tas­si d’in­te­res­se. Po­co pri­ma di lau­rear­mi ave­vo con­fes­sa­to le mie an­sie a un tren­ten­ne mol­to po­ten­te du­ran­te una ce­na a Lon­dra. «Non pre­oc­cu­par­ti», mi dis­se. «An­che io non sa­pe­vo nul­la quan­do mi so­no lau­rea­to; co­sì so­no so­lo an­da­to avan­ti a im­pa­ra­re. Og­gi il mio da­to­re di la­vo­ro pa­ga per far­mi stu­dia­re ara­bo». Quel­la stes­sa se­ra mi so­no de­ci­so a per­se­gui­re un pro­get­to di ap­pren­di­men­to per tut­ta la vi­ta. Ven­ti­cin­que an­ni do­po, so­no an­co­ra igno­ran­te, ma an­co­ra im­pe­gna­to in quel pro­get­to. Sic­co­me mi so­no lau­rea­to in Gran Bre­ta­gna, mi so­no per­so la tra­di­zio­na­le ce­ri­mo­nia ame­ri­ca­na di con­se­gna del­le lau­ree du­ran­te la qua­le un in­di­vi­duo no­io­so di mez­za età de­cla­ma: «Po­te­te es­se­re chiun­que vo­glia­te es­se­re». In­ve­ce, un in­di­vi­duo no­io­so di mez­za età si è di­lun­ga­to a par­la­re con noi in la­ti­no per un’ora. Ma, nel ca­so una qual­che uni­ver­si­tà ame­ri­ca­na stia an­co­ra cer­can­do uno spea­ker no­io­so di mez­za età per la sta­gio­ne del­le ce­ri­mo­nie, ec­co che co­sa di­rei ai lau­rea­ti. Do­po la lau­rea de­ci­si di sco­pri­re co­sa fos­se­ro i tas­si di in­te­res­se, co­sì ini­ziai a leg­ge­re un quo­ti­dia­no che pri­ma non ave­vo mai aper­to: il Fi­nan­cial Ti­mes. Ho con­ti­nua­to, nel­la spe­ran­za di im­pa­ra­re in­fi­ne la co­sa che più de­si­de­ra­vo sa­pe­re: per­ché al­cu­ne per­so­ne e Pae­si sia­no ricchi, e al­tri po­ve­ri. Nel 1994, per ac­ce­le­ra­re il per­cor­so, so­no en­tra­to al FT. Pen­sa­vo che do­po qual­che an­no ne avrei sa­pu­to ab­ba­stan­za e avrei po­tu­to fa­re qual­co­sa di più uti­le del gior­na­li­smo, ma non è mai ac­ca­du­to. Co­me me al­lo­ra, an­che voi sta­te per lau­rear­vi da qua­si com­ple­ti igno­ran­ti. Non è col­pa vo­stra. I vo­stri an­ni di ap­pren­di­men­to più fe­con­di so­no sta­ti fra ze­ro e tre an­ni, quan­do il vo­stro cer­vel­lo era al­quan­to per­mea­bi­le; ma l’op­por­tu­ni­tà è an­da­ta pro­ba­bil­men­te spre­ca­ta. Poi ave­te tra­scor­so ogni singolo gior­no di scuo­la cir­con­da­ti da tren­ta al­tre per­so­ne, cia­scu­na con i suoi pro­ble­mi e i suoi li­vel­li di ca­pa­ci­tà. Dal­la scuo­la su­pe­rio­re poi sie­te sta­ti ul­te­rior­men­te pe­na­liz­za­ti da­gli or­mo­ni, da­gli smart­pho­ne e dal­la sve­glia al mat­ti­no pre­sto. Se vi sta­te lau­rean­do in una ma­te­ria tec­ni­ca o pro­fes­sio­na­le, al­lo­ra qua­lun­que co­sa ab­bia­te im­pa­ra­to sta già per es­se­re su­pe­ra­ta nel mo­men­to in cui par­lo. Né im­pa­re­re­te mol­to di più se en­tre­re­te nel “mon­do rea­le” de­gli af­fa­ri, per­ché gli af­fa­ri non so­no il mon­do rea­le. Co­me ogni al­tra at­ti­vi­tà, so­no so­lo un aspet­to di es­so. Al mas­si­mo po­tre­te mi­glio­ra­re le vo­stre ca­pa­ci­tà per­so­na­li e ap­pren­de­re qual­che por­zio­ne di co­no­scen­za, per esem­pio co­me com­mer­cia­liz­za­re ban­ca­li ne­gli Sta­ti Uni­ti in que­sto mo­men­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.