GQ Talks

GQ (Italy) - - Prologo - Te­sto di LU­CA BERGAMIN

Nuo­ve car­rie­re di ex cam­pio­ni: Car­los Moya e Fi­lip­po Ma­gni­ni

Ba­sta un so­lo sguar­do a Car­los e Ra­fa per in­ten­der­si. Moya, l’al­le­na­to­re, è sta­to nu­me­ro uno del ten­nis mon­dia­le co­me Na­dal, so­no cre­sciu­ti en­tram­bi sul­la ter­ra, quel­la ros­sa, di Ma­ior­ca. Han­no re­spi­ra­to la stes­sa aria, gio­ca­to sui cam­pi di Ma­na­cor, si so­no tuf­fa­ti nel me­de­si­mo ma­re. E ave­va­no sem­pre la rac­chet­ta in ma­no. Se Ra­fa è tor­na­to a es­se­re im­bat­ti­bi­le, por­tan­do a 50 la stri­scia di vit­to­rie con­se­cu­ti­ve, il me­ri­to è pro­prio di quel­lo che era il suo ido­lo quan­do l’uno era un bam­bi­no e l’al­tro, nel 1998, vin­ce­va Ro­land Gar­ros. A vol­te si al­le­na­va­no in­sie­me. Era­no bel­lis­si­mi. Lo so­no an­co­ra ades­so che han­no ri­pre­so, in ruo­li di­ver­si, a gio­ca­re l’uno con l’al­tro. Car­los Moya, coi suoi ca­pel­li lun­ghi, il fi­si­co sta­tua­rio ab­bron­za­to, fa­ce­va im­paz­zi­re le ra­gaz­ze di tut­to il mon­do, so­prat­tut­to le ten­ni­ste. Fla­via Pen­net­ta lo amò per tre an­ni, lui al­la fi­ne le pre­fe­rì l’at­tri­ce Ca­ro­li­na Ce­re­zue­la, con la qua­le il 41en­ne mal­lor­quín si è spo­sa­to e ha tre fi­gli.

«Vi­vo an­co­ra sull’iso­la. Non so­no vo­lu­to an­da­re via. E de­si­de­ro che i miei bam­bi­ni cre­sca­no qui», rac­con­ta. «Quan­do na­sci in una ter­ra cir­con­da­ta dal ma­re, sei più in­tro­ver­so e chiu­so, ma poi per ve­de­re gen­te de­vi par­ti­re e que­sto au­men­ta la tua cu­rio­si­tà, ti co­strin­ge ad aprir­ti, ti fa cre­sce­re mol­tis­si­mo il con­tat­to con cul­tu­re dif­fe­ren­ti. La tem­pra di iso­la­no ti re­sta ad­dos­so, pe­rò tu ti ar­ric­chi­sci. Na­dal in que­sto mi so­mi­glia: ab­bia­mo gli stes­si va­lo­ri e sia­mo ami­ci sin­ce­ri».

Qua­si vent’an­ni fa, era il mar­zo del 1999, Moya di­ven­ta­va nu­me­ro uno al mon­do. Lo ri­ma­se per due set­ti­ma­ne ap­pe­na, ma fu­ro­no in­di­men­ti­ca­bi­li per il ten­ni­sta spa­gno­lo che l’an­no

pre­ce­den­te ave­va vin­to il suo pri­mo e uni­co ti­to­lo del Gran­de Slam a Pa­ri­gi. «So­no cam­bia­to mol­tis­si­mo da al­lo­ra: og­gi so­no un ma­ri­to e un pa­dre fe­li­ce, ai tem­pi ero un ten­ni­sta pro­fes­sio­ni­sta che pen­sa­va so­lo al­la car­rie­ra, non ave­vo al­tre re­spon­sa­bi­li­tà che gio­ca­re be­ne. Mi sem­bra­va di vi­ve­re in una bol­la, gio­ca­vo den­tro il mio so­gno di bam­bi­no. È sta­to bel­lis­si­mo. Co­me lo è ades­so aiu­ta­re Ra­fa a vin­ce­re. Met­te­re a di­spo­si­zio­ne la pro­pria espe­rien­za è mol­to mo­ti­van­te, per­ché il ten­nis si è evo­lu­to tec­ni­ca­men­te, quin­di an­che io con­ti­nuo a im­pa­ra­re, la con­di­zio­ne es­sen­zia­le per da­re un sen­so pie­no all’esi­sten­za. So­no sta­to un gio­ca­to­re che ascol­ta­va mol­to, te­ne­vo le orec­chie be­ne aper­te. Ra­fa in que­sto è ugua­le a me, e in più ha una clas­se e una for­za che io non ave­vo».

Moya è sta­to il re di Ma­ior­ca. Poi ha do­vu­to ce­de­re lo scet­tro e si è mes­so al ser­vi­zio di chi lo ha “spo­de­sta­to”. Ci vuo­le mol­ta in­tel­li­gen­za e umil­tà per com­pie­re un pas­so del ge­ne­re. «De­vi la­scia­re l’ego fuo­ri dal cam­po e met­ter­ti a di­spo­si­zio­ne di un’al­tra per­so­na, ri­co­no­scen­do che non sei più l’at­to­re prin­ci­pa­le. Il dia­lo­go col tuo gio­ca­to­re aiu­ta. Se lui ca­pi­sce che il ta­len­to non ba­sta − che ser­vo­no an­che la pas­sio­ne, l’amo­re per la com­pe­ti­zio­ne, il la­vo­ro du­ro, la re­si­lien­za di fron­te al­le dif­fi­col­tà, uno sfor­zo men­ta­le inau­di­to − vuol di­re che ce l’hai fat­ta».

Cer­to so­no tan­ti i ri­cor­di bel­lis­si­mi dell’av­ven­tu­ro­sa vi­ta da ten­ni­sta di Car­los Moya, glo­be­trot­ter con la rac­chet­ta, ido­la­tra­to dal pub­bli­co fem­mi­ni­le. «Quin­di­ci an­ni sem­pre in gi­ro, du­ran­te i qua­li ho ama­to tan­tis­si­mo ga­reg­gia­re a Ro­ma: do­po le par­ti­te mi con­ce­de­vo por­zio­ni gi­gan­te­sche di pa­sta nel­le trat­to­rie. Mi pia­ce­va an­che an­da­re in Asia, spe­cial­men­te il Viet­nam, per la gen­ti­lez­za del­la gen­te. E gio­ca­re in Spa­gna mi esal­ta­va: quan­do vin­cem­mo la Cop­pa Da­vis nel 2004 sen­tii di ave­re toccato il cie­lo con un di­to. La car­rie­ra io me la so­no pro­prio go­du­ta, non ho nes­sun rim­pian­to per ave­re sa­cri­fi­ca­to al ten­nis la gio­vi­nez­za».

Nel­la se­con­da par­te del­la sua vi­ta, Moya si sta to­glien­do le vo­glie che gli era­no ri­ma­ste, dal­la bi­ci­clet­ta al­la cu­ci­na, in cui ec­cel­le nel­la pre­pa­ra­zio­ne del­la pael­la e dei bar­be­cue.

«So­prat­tut­to ho sco­per­to il caf­fè», rac­con­ta. «Ades­so so­no ad­dic­ted La­vaz­za, che mi ha scel­to co­me brand am­bas­sa­dor. Quel­la fa­mi­glia è umi­le, in­can­te­vo­le, im­pe­gna­ta nel so­cia­le, si è fat­ta da so­la. Mi ri­cor­da la mia sto­ria. Ma­ga­ri an­che lo­ro han­no ge­ni iso­la­ni nel Dna. Co­me me e Ra­fa».

«Met­te­re a di­spo­si­zio­ne di un al­tro la mia espe­rien­za è mo­ti­van­te. E poi il ten­nis si è evo­lu­to, quin­di con­ti­nuo a im­pa­ra­re, ed è que­sto che dà un sen­so all’esi­sten­za»

DUE PER­SO­NAG­GI RAC­CON­TA­NO CHI SO­NO, CO­SA FAN­NO, CO­ME E PER­CHÉ

L’ex ten­ni­sta spa­gno­lo Car­los Moya, 41 an­ni, nu­me­ro uno al mon­do nel mar­zo 1999 (per due set­ti­ma­ne). Dal 2017 è en­tra­to nel team di al­le­na­to­ri del cam­pio­ne Ra­fael Na­dal (32 an­ni)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.