Sal­ma Hayek

AMI­CI­ZIE

GQ (Italy) - - Sommario - Te­sto di LU­CA D I N I Fo­to di EL­LEN VON UN­WER­TH

L’at­tri­ce rac­con­ta il pri­vi­le­gio di ama­re un uo­mo per­be­ne

La pas­sio­ne per il cal­cio, le bat­ta­glie uma­ni­ta­rie, il ci­ne­ma, e ora an­che l’ar­te d’avan­guar­dia: SAL­MA HA YEK rie­sce a vi­ve­re in­ten­sa­men­te su mol­ti fron­ti di­ver­si an­che per­ché ha im­pa­ra­to a sce­glie­re con cu­ra i suoi com­pli­ci. A co­min­cia­re dal ma­ri­to, l’estre­mo op­po­sto di cer­ti uo­mi­ni me­schi­ni che ha in­con­tra­to (uno, so­prat­tut­to)

Do­me­ni­ca 15 lu­glio a ca­sa Hayek Pi­nault è sta­ta una se­ra di fe­sta. Ma­ri­to e mo­glie en­tram­bi fa­na­ti­ci di cal­cio, fran­ce­se di na­sci­ta lui e di ado­zio­ne lei, fe­li­ci per la vit­to­ria dei Bleus sul­la Croa­zia al Mon­dia­le di Rus­sia. «Cer­to era un’al­tra la par­ti­ta che ave­vo so­gna­to a oc­chi aper­ti, quel­la che sa­reb­be sta­ta per noi la mi­glio­re ma an­che la peg­gio­re», di­ce Sal­ma Hayek. Ov­ve­ro quel­la se­mi­fi­na­le Fran­cia-messico che non c’è mai sta­ta, per­ché la sua Na­zio­na­le è usci­ta agli ot­ta­vi, pe­rò sen­za trop­pa tri­stez­za «per­ché noi mes­si­ca­ni non sia­mo co­me gli ame­ri­ca­ni che si ap­pas­sio­na­no so­lo agli sport do­ve do­mi­na­no. Ci en­tu­sia­smia­mo per ogni par­ti­ta gio­ca­ta be­ne. Du­ran­te i mat­ch le stra­de di Cit­tà del Messico era­no de­ser­te, c’era un si­len­zio sur­rea­le, rot­to da un boa­to a ogni gol sfio­ra­to o rea­liz­za­to». I sal­ti per quel­lo di Lo­za­no al­la Ger­ma­nia nel­la par­ti­ta di de­but­to, le ri­cor­do, han­no pro­vo­ca­to vi­bra­zio­ni re­gi­stra­te dai si­smo­gra­fi. Spro­fon­da­ta nel di­va­no di un bun­ga­low del Cha­teau Mar­mont, men­tre il giar­di­no fuo­ri è an­naf­fia­to d’oro dal tra­mon­to di Los An­ge­les, si rat­tri­sta un po’. «Il Messico vie­ne da un pe­rio­do dif­fi­ci­le. Non ci sia­mo an­co­ra ri­pre­si dal ter­re­mo­to dell’an­no scor­so ( quel­lo ve­ro e ter­ri­bi­le, ma­gni­tu­do 7, 370 mor­ti, ndr), la po­li­ti­ca è quel­la che è, la lea­der­ship di que­sto Pae­se − gli Sta­ti Uni­ti − ci man­ca di ri­spet­to. Riu­sci­re be­ne in qual­co­sa che ci sta tan­to a cuo­re ci inor­go­gli­sce, ci dà eu­fo­ria».

Sal­ma Hayek è la più af­fer­ma­ta di­va la­ti­noa­me­ri­ca­na, pri­ma e uni­ca mes­si­ca­na can­di­da­ta all’oscar co­me mi­glior at­tri­ce (nel 2002, per Fri­da). Fra­nçoi­sHen­ri Pi­nault, che l’ha spo­sa­ta in se­con­de noz­ze nel 2009, è il ca­po di Ke­ring, po­lo del lusso che con­trol­la, tra gli al­tri mar­chi, Guc­ci, Ba­len­cia­ga, Yves Saint Lau­rent e Bot­te­ga Ve­ne­ta. Te li im­ma­gi­ni a par­la­re di ci­ne­ma o di mo­da. E in­ve­ce a far scat­ta­re la scin­til­la, al lo­ro pri­mo in­con­tro, fu la sco­per­ta di un co­mu­ne so­gno d’in­fan­zia − quel­lo di di­ven­ta­re astro­nau­ti − e di due pas­sio­ni con­di­vi­se: la fi­si­ca e, ap­pun­to, il cal­cio. Mon­da­ni­tà, lo stret­to ne­ces­sa­rio. «Quel­lo che dav­ve­ro sof­fre, in un ma­tri­mo­nio riu­sci­to, so­no le ami­ci­zie. Se hai già la mi­glior com­pa­gnia che de­si­de­ri, esci di me­no. La se­ra sei stan­co, la Tv or­mai è fan­ta­sti­ca, puoi ce­na­re in pa­ce, ascol­ta­re la mu­si­ca, sta­re ve­sti­to co­me vuoi: chi te lo fa fa­re di usci­re?».

Te lo fa fa­re un even­to im­por­tan­te. Co­me i due che so­no sta­ti or­ga­niz­za­ti per lei a Ve­ne­zia. Do­ve il 31 ago­sto Sal­ma ri­ce­ve (con il so­ste­gno di Con­dé Na­st Ita­lia e di Bel­mond Ho­tel Ci­pria­ni) il Fran­ca Soz­za­ni Award per la sua ca­pa­ci­tà di com­bi­na­re «l’ec­cel­len­za nel cam­po ar­ti­sti­co a un in­stan­ca­bi­le im­pe­gno ci­vi­le e so­cia­le». E do­ve sa­ba­to 1 set­tem­bre vie­ne sve­la­ta in an­te­pri­ma, spon­sor Ten­der­ca­pi­tal di Mo­re­no Za­ni, la ri­vo­lu­zio­na­ria ope­ra d’ar­te di cui è pro­ta­go­ni­sta. Au­tri­ce l’in­gle­se Mar­tha Fien­nes, ce­le­bra­ta dal­la Na­tio­nal Gal­le­ry e dal Vic­to­ria and Al­bert Mu­seum, e so­rel­la de­gli at­to­ri Ral­ph e Jo­se­ph. Ti­to­lo Yu­gen, pa­ro­la che nel­la fi­lo­so­fia giap­po­ne­se in­di­ca la con­sa­pe­vo­lez­za dell’uni­ver­so e del suo eter­no mi­ste­ro. Tec­ni­ca uti­liz­za­ta quel­la del film pain­ting, che fon­de la pit­tu­ra, il ci­ne­ma e gli al­go­rit­mi dell’in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le: il per­so­nag­gio in­ter­pre­ta­to dall’at­tri­ce, una spe­cie di sa­cer­do­tes­sa mi­sti­ca, si muo­ve in uno spa­zio­tem­po vi­sio­na­rio che re­sti­tui­sce a ogni spet­ta­to­re in ogni mo­men­to una rap­pre­sen­ta­zio­ne di­ver­sa. «Spie­gar­lo è im­pos­si­bi­le, im­ma­gi­nar­lo an­che: bi­so­gna ve­der­lo. È un di­pin­to vi­vo che si muo­ve in mo­do im­per­cet­ti­bi­le, ete­reo, fan­ta­sma­ti­co, ip­no­tiz­zan­te. La co­sa in­cre­di­bi­le è che lo puoi guar­da­re mil­le vol­te e ogni vol­ta è di­ver­so, è il com­pu­ter a sce­glie­re tra una va­rie­tà scon­fi­na­ta di va­rian­ti, nep­pu­re Mar­tha sa co­sa ve­drà. L’ho vo­lu­to fa­re pro­prio per­ché è qual­co­sa di to­tal­men­te di­ver­so, di mai ten­ta­to e mai vi­sto pri­ma».

L’in­ter­vi­sta av­vie­ne al ter­mi­ne del po­me­rig­gio pas­sa­to a rea­liz­za­re le im­ma­gi­ni che ve­de­te su que­ste pa­gi­ne. Scat­ta­te da El­len von Un­wer­th, che è una vec­chia ami­ca («Mol­ti an­ni fa ho det­to a Pe­né­lo­pe Cruz: sa­pre­mo che ce l’ab­bia­mo fat­ta quan­do El­len ci fo­to­gra­fe­rà»). Da­van­ti al suo obiet­ti­vo Sal­ma ha ri­so, bal­la­to, gio­ca­to a fa­re la fem­me fa­ta­le. C’è tra lo­ro una com­pli­ci­tà fem­mi­ni­le che è il leit­mo­tiv del­la car­rie­ra dell’at­tri­ce. Quel­lo che con­si­de­ra il suo film più im­por­tan­te, Fri­da ap­pun­to, rac­con­ta­va la com­pli­ci­tà tra la leg­gen­da­ria ar­ti­sta mes­si­ca­na Fri­da Ka­hlo e la fo­to­gra­fa/at­ti­vi­sta ita­lia­na Ti­na Mo­dot­ti, ed era frut­to del la­vo­ro di una squa­dra di don­ne: Sal­ma pro­ta­go­ni­sta e pro­dut­tri­ce, Sa­rah Green co­pro­dut­tri­ce, Ju­lie Tay­mor re­gi­sta, Fra­nçoi­se Bor­ron mon­ta­tri­ce, «e Shon­da Rhi­mes ha col­la­bo­ra­to al­la sce­neg­gia­tu­ra, an­che se non lo sa qua­si nes­su­no. La co­sa al tem­po stes­so pro­ble­ma­ti­ca e me­ra­vi­glio­sa del rap­por­to tra gli uo­mi­ni e le don­ne è che, per gli uo­mi­ni, noi re­stia­mo un mi­ste­ro. Sia­mo co­sì di­ver­se, e me­no ma­le, per­ché c’è qual­co­sa di mol­to ro­man­ti­co in que­sta di­ver­si­tà di pun­ti di vi­sta che ci per­met­te di pro­se­gui­re in un per­cor­so in­ter­mi­na­bi­le di sco­per­ta re­ci­pro­ca. Voi vo­le­te ca­pi­re tut­to su­bi­to co­me una co­sa fun­zio­na, non sie­te tan­to a vo­stro agio di fron­te al­le sfu­ma­tu­re e al­le com­ples­si­tà emo­ti­ve che pu­re ave­te. Noi in­ve­ce sia­mo pro­prio cu­rio­se dell’ani­ma del pros­si­mo. Cer­to ogni don­na è un uni­ver­so, ma c’è un lin­guag­gio co­mu­ne, una com­pli­ci­tà, so­prat­tut­to tra don­ne for­ti e a pro­prio agio nel­la lo­ro for­za. Co­me Ju­lie Tay­mor, co­me Mar­tha Fien­nes, co­me El­len og­gi: han­no lin­guag­gi vi­sua­li di­ver­sis­si­mi ma tut­ti mol­to po­ten­ti, ed è que­sto che io cer­co». An­che in Yu­gen la com­pli­ci­tà fem­mi­ni­le è im­por­tan­te: «Di­ci Mer­li­no e pen­si a un ma­go

«A sof­fri­re, in un ma­tri­mo­nio riu­sci­to, so­no le : se hai già la com­pa­gnia mi­glio­re, chi te lo fa fa­re di usci­re?»

sag­gio e buo­no, ma se si trat­ta di una don­na ti vie­ne in men­te una stre­ga. Nel ter­re­no del mi­sti­ci­smo, le don­ne so­no sta­te tra­scu­ra­te, svi­li­te. Mar­tha ria­bi­li­ta il po­te­re mi­sti­co fem­mi­ni­le».

Sal­ma Hayek è cre­sciu­ta a Coa­tza­coal­cos, Sta­to fe­de­ra­le di Ve­ra­cruz, fi­glia di un im­pren­di­to­re di ori­gi­ne li­ba­ne­se e di una can­tan­te li­ri­ca di fa­mi­glia spa­gno­la. A 23 an­ni si è ag­giu­di­ca­ta la par­te da pro­ta­go­ni­sta in Te­re­sa, una te­le­no­ve­la, e dal­la se­ra al­la mat­ti­na è di­ven­ta­ta un’ico­na na­zio­na­le. Ma non era la ce­le­bri­tà quel­lo che vo­le­va. Nel 1991 ha de­ci­so di ri­co­min­cia­re da ca­po e si è tra­sfe­ri­ta a Los An­ge­les, do­ve era una sconosciuta to­ta­le e do­ve i ca­pi de­gli stu­dios, ai pro­vi­ni, le di­ce­va­no che non po­te­va­no scrit­tu­rar­la «per­ché nes­su­no vuo­le an­da­re al ci­ne­ma e sen­ti­re un ac­cen­to che gli ricorda la sua don­na del­le pu­li­zie». Quan­do fi­nal­men­te Ro­bert Ro­dri­guez ha cre­du­to in lei e l’ha scel­ta per De­spe­ra­do e Dal tra­mon­to all’al­ba, ha de­ci­so che avreb­be usa­to il suo suc­ces­so per com­bat­te­re l’igno­ran­za e i pre­giu­di­zi di Hol­ly­wood e spia­na­to la stra­da, da pro­dut­tri­ce, agli ar­ti­sti la­ti­ni − c’è voluta tut­ta la sua osti­na­zio­ne per rea­liz­za­re pro­get­ti in cui nes­su­no cre­de­va, co­me ap­pun­to Fri­da o co­me Ugly Bet­ty, se­rie tv sul­le av­ven­tu­re di una im­pac­cia­ta ra­gaz­za mes­si­ca­na che si fa stra­da nel mon­do del­la mo­da new­yor­ke­se. Con al­tret­tan­ta osti­na­zio­ne si è im­pe­gna­ta, in gi­ro per il mon­do, per la cau­sa del­le don­ne me­no for­tu­na­te di lei. Ha so­ste­nu­to la ri­cer­ca del­la ve­ri­tà dei fa­mi­lia­ri del­le ra­gaz­ze ra­pi­te, vio­len­ta­te e uc­ci­se a Ciu­dad Juá­rez, al confine con il Te­xas. Ha fon­da­to con Beyon­cé e Guc­ci la cam­pa­gna Chi­me for Chan­ge per l’em­po­wer­ment fem­mi­ni­le, e in­co­rag­gia­to il ma­ri­to a so­ste­ne­re, at­tra­ver­so la Ke­ring Foun­da­tion, pro­gram­mi di aiu­to al­le don­ne dei Pae­si po­ve­ri. In Sier­ra Leo­ne, du­ran­te una mis­sio­ne Uni­cef per pro­muo­ve­re la con­sa­pe­vo­lez­za dell’im­por­tan­za del lat­te ma­ter­no, ha al­lat­ta­to il fi­glio neo­na­to di una ma­dre de­nu­tri­ta. L’an­no scor­so, in Su­da­fri­ca per pro­pa­gan­da­re la pre­ven­zio­ne del­la tra­smis­sio­ne del vi­rus Hiv da ma­dre a fi­glio, ha por­ta­to con sé Va­len­ti­na, avu­ta da Pi­nault 11 an­ni fa, e la di­cias­set­ten­ne Ma­thil­de, na­ta dal pri­mo ma­tri­mo­nio di Fra­nçois-hen­ri.

Quan­do le chie­do se nel suo im­pe­gno c’en­tra ap­pun­to il fat­to di ave­re due fi­glie, mi rin­gra­zia per quel «fi­glie» al plu­ra­le. «Ho ini­zia­to a la­vo­ra­re su que­ste co­se 25 an­ni fa, quan­do non era­no di mo­da, quan­do sem­bra­va tut­to inu­ti­le. A Juá­rez an­da­vo al­le ma­ni­fe­sta­zio­ni con fa­mi­lia­ri che era­no sta­ti pe­sta­ti a san­gue, con av­vo­ca­ti che ma­ga­ri la vol­ta do­po non c’era­no più, era­no sta­ti uc­ci­si per ter­ro­riz­zar­ci, per met­ter­ci a ta­ce­re. C’era la sen­sa­zio­ne che il mon­do non sa­reb­be mai cam­bia­to. Un quar­to di se­co­lo do­po ho due fi­glie e le ve­do en­tra­re in un mon­do che in­ve­ce, fi­nal­men­te, sta cam­bian­do. Ma è im­por­tan­te, quan­do par­la­no di pa­ri­tà dei di­rit­ti, che sap­pia­no da do­ve ve­nia­mo e do­ve il pro­ble­ma è an­co­ra enor­me: ec­co per­ché le ho por­ta­te in Afri­ca con me».

Non che il pro­ble­ma, nel­la no­stra par­te di mon­do, sia spa­ri­to. Sal­ma ha de­nun­cia­to la di­spa­ri­tà di trat­ta­men­to che è an­co­ra pras­si a Hol­ly­wood. So­prat­tut­to, ha avu­to il co­rag­gio di rac­con­ta­re quel­lo che Har­vey Wein­stein le fe­ce pas­sa­re ai tem­pi di Fri­da, che lui con la sua Mi­ra­max avreb­be di­stri­bui­to, e su cui ave­va quin­di po­te­re di vi­ta e di mor­te − un so­gno per un pro­dut­to­re al suo pri­mo film, un so­gno pe­rò di­ven­ta­to in­cu­bo. Le esplo­sio­ni di rab­bia per le quo­ti­dia­ne avan­ce con­ti­nua­men­te re­spin­te; i ri­cor­ren­ti «io ti am­maz­zo, io ti di­strug­go, sei nes­su­no, hai so­lo il sex ap­peal e se lo na­scon­di sot­to quel so­prac­ci­glio non ti re­sta nien­te»; i ten­ta­ti­vi di boi­cot­ta­re per ven­det­ta il pro­get­to in cui Sal­ma ave­va in­ve­sti­to tut­to; le clau­so­le ca­pe­stro (neu­tra­liz­za­te so­lo gra­zie all’in­ter­ven­to di av­vo­ca­ti e ami­ci fa­mo­si) in­ven­ta­te per ru­bar­le il la­vo­ro fat­to e af­fi­dar­lo ad al­tri; il ten­ta­ti­vo di non pro­iet­ta­re la pel­li­co­la, e poi la re­cal­ci­tran­te de­ci­sio­ne di li­mi­tar­la a

«W EIN­STEIN mi do­ve­va dei sol­di. Gli ho fat­to sa­pe­re che se li po­te­va te­ne­re: avrei pa­ga­to il dop­pio, il tri­plo, per non ave­re più nien­te a che fa­re con lui»

una so­la sa­la; fi­no al ri­cat­to più de­gra­dan­te: il film sa­reb­be usci­to so­lo se lei aves­se ac­cet­ta­to di fa­re una sce­na di ses­so, com­ple­ta di nu­di­tà fron­ta­le, con Ashley Judd (che in­ter­pre­ta­va Ti­na Mo­dot­ti). Ne ha scrit­to Sal­ma stes­sa, a fi­ne 2017, sul New York Ti­mes, in una let­te­ra che ini­zia­va co­sì: «Har­vey Wein­stein è sta­to un uo­mo in­na­mo­ra­to del ci­ne­ma, un au­da­ce sco­pri­to­re di ta­len­ti, un pa­dre af­fet­tuo­so e un mo­stro. Il mio mo­stro. (...) Og­gi mi chie­do se non sia sta­ta la mia ami­ci­zia con Quen­tin Ta­ran­ti­no e Geor­ge Cloo­ney a trat­te­ner­lo dal­lo stu­prar­mi. (...) Mi ero fat­ta co­me un la­vag­gio del cervello, per con­vin­cer­mi che era ac­qua pas­sa­ta, che ne ero usci­ta vi­va. (...) La ve­ri­tà è che stavo so­lo cer­can­do di evi­ta­re di do­ver spie­ga­re al­cu­ne co­se al­le per­so­ne che amo. Per esem­pio per­ché, nel rac­con­ta­re che co­me tan­ti al­tri ave­vo co­no­sciu­to la pre­po­ten­za di Har­vey, aves­si omes­so al­cu­ni det­ta­gli. E per­ché aves­si con­ti­nua­to a trat­ta­re cor­dial­men­te un uo­mo che mi ave­va fat­to tan­to ma­le». Avrà do­vu­to rac­con­tar­li quei det­ta­gli a Pi­nault, le di­co, pri­ma di de­ci­der­si a scri­ve­re la sua ve­ri­tà.

«For­se gli ave­vo ac­cen­na­to qual­co­sa sul­la tra­co­tan­za di Wein­stein, ma non gli ave­vo mai det­to che co­sa dav­ve­ro aves­si su­bi­to. Pri­ma che il ca­so esplo­des­se un an­no fa, del re­sto, non ave­vo idea che co­sì tan­te al­tre aves­se­ro vis­su­to la mia stes­sa espe­rien­za, an­zi espe­rien­ze an­che in­fi­ni­ta­men­te peg­gio­ri. E poi Har­vey nel frat­tem­po ave­va avu­to un in­far­to, di­vor­zia­to, spo­sa­to una splen­di­da nuo­va mo­glie che gli ave­va da­to al­tri due fi­gli − e lui sa­pe­va es­se­re dav­ve­ro af­fet­tuo­so con i fi­gli, lo di­co per­ché l’ho vi­sto: lo so che sem­bra as­sur­do, ma io cre­de­vo sin­ce­ra­men­te che fos­se un uo­mo cam­bia­to. Cer­to gli stavo al­la lar­ga. Mi do­ve­va dei sol­di e gli ave­vo fat­to sa­pe­re che se li po­te­va te­ne­re: avrei pa­ga­to il dop­pio, il tri­plo per non ave­re più quel ti­po di in­te­ra­zio­ne con lui. Ma se lo in­con­tra­va­mo con Fra­nçois ero cor­te­se, nor­mal­men­te ci­vi­le. Quan­do dal New York Ti­mes han­no ini­zia­to a chia­mar­mi per­ché rac­con­tas­si la mia sto­ria, ve­den­do­mi com­bat­tu­ta, Fra­nçois mi ha chie­sto: che co­sa è suc­ces­so dav­ve­ro? Gli ho det­to tut­to, e lui era con­tra­ria­to. Non per­ché gli aves­si na­sco­sto qual­co­sa − non sia­mo ra­gaz­zi­ni, ab­bia­mo en­tram­bi un pas­sa­to e non vo­glia­mo per­de­re tem­po a ri­van­gar­lo, vo­glia­mo go­der­ci il pre­sen­te e il fu­tu­ro che ci aspet­ta. Era con­tra­ria­to per­ché, co­me mi ha det­to, “tu hai scel­to di per­do­nar­lo, ma a me la pos­si­bi­li­tà di sce­glie­re non l’hai da­ta, e io non avrei scel­to di con­ti­nua­re a fre­quen­tar­lo fa­cen­do fin­ta di nul­la. For­se non ca­pi­vi che era tuo di­rit­to par­la­re, vor­rei mi aves­si per­mes­so di aiu­tar­ti a far­lo, di aiu­tar­ti a ca­pi­re che non eri co­stret­ta a te­ner­ti tut­to den­tro, che po­te­va­mo af­fron­ta­re la ve­ri­tà, in­sie­me” ».

Sal­ma è un tor­ren­te in pie­na. «È sta­ta, la sua, una bel­lis­si­ma di­chia­ra­zio­ne di amo­re e di so­ste­gno. E poi mi ha det­to: “Non far­lo per­ché lo stan­no fa­cen­do tut­ti, non far­lo per sal­va­re il mon­do, fal­lo se sen­ti che è im­por­tan­te e ne­ces­sa­rio per te. Sce­gli tu e, qual­sia­si stra­da tu scel­ga, io sa­rò al tuo fian­co”. Mi ci è vo­lu­to un me­se a de­ci­der­mi, non fa­ce­vo che pian­ge­re. Fra­nçois mi ha la­scia­to tut­to il tem­po e tut­to lo spa­zio. Fin­ché una mat­ti­na mi so­no mes­sa a scri­ve­re, e ho fi­ni­to in un gior­no. È sta­to mol­to li­be­ra­to­rio. An­che Pe­né­lo­pe ( Cruz, ndr) si è ar­rab­bia­ta per­ché non le ave­vo det­to nul­la. “Ma io vi­gi­la­vo, Pe­né­lo­pe”, le ho ri­spo­sto, “vi­gi­la­vo per­ché non suc­ce­des­se a te, per­ché non ti toc­cas­se mai”. Quell’uo­mo era a ca­po di un’azien­da paz­ze­sca che sfor­na­va film ec­ce­zio­na­li, se aves­si det­to a una col­le­ga quel­lo che mi era suc­ces­so − e che, ri­pe­to, all’epo­ca non sa­pe­vo fos­se un com­por­ta­men­to nor­ma­le per lui − l’avrei mes­sa in con­flit­to con le sue aspirazioni di car­rie­ra. Qual­cu­no mi ha det­to: avrai pro­ble­mi le­ga­li. Qual­cun al­tro: non puoi scri­ve­re nien­te di buo­no sul suo con­to, ti mas­sa­cre­ran­no. Ho do­vu­to es­se­re co­rag­gio­sa e im­pun­tar­mi: la sto­ria re­sta esat­ta­men­te co­me l’ho scrit­ta, ho fa­ti­ca­to tan­to per fa­re i con­ti con la ve­ri­tà, non ho nes­su­na in­ten­zio­ne di cam­biar­la, ri­pu­lir­la, tra­dir­la. Suo­na ve­ra per­ché è la mia sto­ria, ed è co­sì che ho scel­to di scri­ver­la».

Un ma­ri­to fem­mi­ni­sta, o con­ver­ti­to al fem­mi­ni­smo? «Io l’ho con­ta­gia­to con il mio at­ti­vi­smo, ma la sen­si­bi­li­tà ver­so cer­ti te­mi c’era già − le pa­ri op­por­tu­ni­tà, la cor­ret­tez­za sul po­sto di la­vo­ro, ver­so le don­ne e ver­so gli uo­mi­ni, per­ché il bul­li­smo non è so­lo ses­sua­le e non col­pi­sce so­lo le don­ne. Se non fos­se già sta­to un fem­mi­ni­sta, un uo­mo con cer­ti va­lo­ri, con cer­ti prin­ci­pi, non mi sa­rei in­na­mo­ra­ta di lui e non l’avrei spo­sa­to. Una se­ra, agli inizi del­la re­la­zio­ne, al te­le­fo­no, mi chie­de: “Co­me è sta­ta la tua gior­na­ta?”. Ero in mis­sio­ne uma­ni­ta­ria in mez­zo a una giun­gla cen­troa­me­ri­ca­na, glie­lo rac­con­to, poi la do­man­da la fac­cio io: “E la tua, di gior­na­ta?”. E lui: “Cre­do che mi ver­go­gne­rei a dir­te­lo”. Quan­do si rie­sce a es­se­re uni­ti e pe­rò a ca­pi­re il re­ci­pro­co di­rit­to di cre­sce­re, e a so­ste­ne­re la cre­sci­ta dell’al­tro, al­lo­ra si è dop­pia­men­te fe­li­ci: per sé e, se si ama dav­ve­ro, al­tret­tan­to per l’al­tro. A vol­te a un ma­ri­to non pia­ce che la mo­glie fac­cia me­glio di lui, o vi­ce­ver­sa. Tra noi non è co­sì. Fra­nçois è l’uo­mo più for­te che io co­no­sca, pe­rò sen­za ur­la, sen­za pre­po­ten­za, sen­za il cli­ché di quel­lo che de­ve es­se­re l’uo­mo for­te. Ho spo­sa­to la mia me­tà per­fet­ta. Ci ho mes­so mol­to tem­po a tro­var­la − pen­sa­vo che non sa­reb­be più suc­ces­so − ma va­le­va la pe­na aspet­ta­re».

«Se Fra­nçois non fos­se sta­to un fem­mi­ni­sta, un uo­mo con cer­ti va­lo­ri, non mi sa­rei mai IN­NA­MO­RA­TA di lui e non lo avrei spo­sa­to»

Yu­gen, l’ope­ra di Mar­tha Fien­nes di cui Sal­ma Hayek è pro­ta­go­ni­sta, inau­gu­ra­ta il 1° set­tem­bre al­la Scuo­la Gran­de di San Roc­co a Ve­ne­zia, vi­si­bi­le nei gior­ni 2 e 3, a in­gres­so li­be­ro, al Teatrino di Pa­laz­zo Gras­si. Spon­so­riz­za­ta da Ten­der­toart, in­cu­ba­to­re di ar­te con­tem­po­ra­nea del­la Ten­der­ca­pi­tal di Mo­re­no Za­ni, è rea­liz­za­ta con la tec­ni­ca Sloi­ma­ge, un “film pain­ting” le cui im­ma­gi­ni, per ef­fet­to di al­go­rit­mi di in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le, pren­do­no vi­ta in mo­do sem­pre nuo­vo e im­pre­ve­di­bi­le. L’ar­ti­sta è so­rel­la de­gli at­to­ri Ral­ph e Jo­se­ph Fien­nes

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.