LE FI­GLIE RI­TRO­VA­TE DELL’AFRI­CA

SO­NO STA­TE LIBERATE 82 STUDENTESSE NIGERIANE CHE ERA­NO STA­TE RAPITE NEL 2014 DAI TER­RO­RI­STI DI BOKO HARAM. IN PAS­SA­TO LE LO­RO COMPAGNE TORNATE A CA­SA VE­NI­VA­NO RIFIUTATE DAL­LE FA­MI­GLIE, MA QUI UNA SCRIT­TRI­CE DI QUEL PAE­SE DI­CE CHE PER LA PRI­MA VOL­TA, LE VI

Grazia - - 10 NITIZIE - DI Adao­bi Tri­cia Nwau­ba­ni* DA Abu­ja (Ni­ge­ria) (Te­sto rac­col­to da Mo­ni­ca Bo­gliar­di)

Eo­ra che co­sa suc­ce­de­rà al­le 82 ra­gaz­ze liberate? Tut­ti mi chie­do­no que­sto. Di so­li­to le ex pri­gio­nie­re dei ter­ro­ri­sti isla­mi­ci di Boko Haram ven­go­no mes­se all’in­di­ce, e i lo­ro bam­bi­ni, na­ti da or­ri­bi­li vio­len­ze, si cre­de ab­bia­no il “san­gue cat­ti­vo” dei lo­ro pa­dri stu­pra­to­ri. La so­cie­tà è con­vin­ta che quel­le crea­tu­re di­ven­te­ran­no de­gli adul­ti vio­len­ti che at­tac­che­ran­no, a lo­ro vol­ta, le co­mu­ni­tà in cui vi­vo­no. Ma le don­ne rapite da Boko Haram nel­la lo­ca­li­tà di Chi­bok nel 2014 non do­vran­no pro­ba­bil­men­te af­fron­ta­re al­cu­no stig­ma so­cia­le, per­ché so­no as­sur­te a li­vel­lo di ce­le­bri­tà in­ter­na­zio­na­li gra­zie al­la cam­pa­gna #bring­bac­kour­girls, di­ven­ta­ta vi­ra­le su Twit­ter. Ogni fo­to­gra­fo ora vuo­le ave­re una lo­ro im­ma­gi­ne. Il go­ver­no a quel­le già liberate in pas­sa­to, una cin­quan­ti­na, ha pro­mes­so il pa­ra­di­so in ter­ra. Ad al­cu­ne è sta­ta da­ta istru­zio­ne sco­la­sti­ca, in Ni­ge­ria o all’estero. Una di lo­ro mi ha det­to che le per­so­ne so­no in­vi­dio­se quan­do le ve­do­no tor­na­re a ca­sa per le va­can­ze sco­la­sti­che. Dun­que, a chi mi chie­de se le 82 ra­gaz­ze liberate sa­ran­no aiu­ta­te a di­men­ti­ca­re, ri­spon­do che le studentesse di Chi­bok, fi­no a ora, han­no ri­ce­vu­to più cu­re di quan­te mai sia­no sta­te ri­ce­vu­te dal­le mi­glia­ia di ra­gaz­ze por­ta­te via da Boko Haram in al­tri luo­ghi del­la Ni­ge­ria. Han­no ac­ces­so a psi­co­lo­gi, dot­to­ri, spe­cia­li­sti che si de­di­ca­no so­lo a lo­ro. Con le giu­ste te­ra­pie do­vreb­be­ro es­se­re pre­sto in gra­do di fa­re una vi­ta nor­ma­le. Cer­to, non sa­rà fa­ci­le, per­ché mol­te so­no ma­gre e de­nu­tri­te, pa­re che al­me­no una ab­bia con­ce­pi­to un fi­glio du­ran­te la pri­gio­nia, al­tre so­no fe­ri­te. Ep­pu­re quel­le liberate nei me­si scor­si di­co­no che nes­su­na di lo­ro è sta­ta stu­pra­ta. E nes­su­na è ri­sul­ta­ta po­si­ti­va a ma­lat­tie ses­sual­men­te tra­smes­se. Se­con­do il lo­ro rac­con­to, i co­man­dan­ti le avreb­be­ro con­vin­te a spo­sar­si: nes­su­na di quel­le che han­no ri­fiu­ta­to sa­reb­be sta­ta stu­pra­ta. Le al­tre, in­ve­ce, si so­no uni­te a que­gli uo­mi­ni e han­no avu­to dei bam­bi­ni. Una di lo­ro, De­bo­rah Ja­fa­ru, mi ha det­to che è sta­ta li­be­ra­ta con le pri­me 21 ra­gaz­ze, nell’ot­to­bre 2016, e ave­va con sé il bim­bo che era sta­to con­ce­pi­to pri­ma del ra­pi­men­to ed era na­to poi nel­la fo­re­sta. Ora è incinta an­co­ra: è suc­ces­so quan­do, ap­pe­na li­be­ra­ta, il ma­ri­to è an­da­to a tro­var­la ad Abu­ja, la ca­pi­ta­le. Fi­no­ra, so­no sta­te ri­la­scia­te 103 del­le 220 studentesse por­ta­te via dai ter­ro­ri­sti. E que­sto gra­zie a una trat­ta­ti­va tra il go­ver­no e Boko Haram. Al­tre tre so­no sta­te ri­tro­va­te dai mi­li­ta­ri in que­sti me­si, due “spo­sa­te” e con bam­bi­ni. Cir­ca die­ci, han­no det­to al­cu­ne del­le ra­gaz­ze liberate, so­no mor­te per ma­lat­tia, par­to, in­cur­sio­ni ae­ree. La stam­pa, che ha il me­ri­to di aver te­nu­to al­ta l’at­ten­zio­ne su que­sto ca­so, pa­ra­dos­sal­men­te è re­spon­sa­bi­le an­che del fat­to che il go­ver­no le tie­ne in cu­sto­dia, una vol­ta liberate, per pro­teg­ger­le. Non per­met­te lo­ro di mi­schiar­si al­la gen­te. Spe­ria­mo che il de­sti­no di que­ste ap­pe­na liberate sia di­ver­so. Io ne ho co­no­sciu­te una doz­zi­na, ognu­na con una storia uni­ca spe­cia­le. L’Eu­ro­pa può aiu­ta­re il no­stro go­ver­no nel­la sua lot­ta con­tro il ter­ro­ri­smo. Co­me ha fat­to la Sviz­ze­ra, che ha avu­to un gran­de ruo­lo nel­la trat­ta­ti­va che ha fat­to li­be­ra­re le ra­gaz­ze, e ha so­ste­nu­to Zan­nah Mu­sta­pha, l’av­vo­ca­tes­sa ni­ge­ria­na, at­ti­vi­sta per i di­rit­ti uma­ni, che è sta­ta la prin­ci­pa­le ne­go­zia­tri­ce nel brac­cio di fer­ro tra go­ver­no e Boko Haram. In­tor­no a lei c’è un gran­de Pae­se afri­ca­no, la Ni­ge­ria, che fa fa­ti­ca a fa­re i con­ti con la di­spa­ri­tà di ge­ne­re. Le leg­gi agi­sco­no len­te, ma ci so­no mol­ti grup­pi e as­so­cia­zio­ni, nel­la so­cie­tà ci­vi­le, che stan­no la­vo­ran­do be­ne in que­sta di­re­zio­ne. Dob­bia­mo con­ti­nua­re a pre­ga­re e a spe­ra­re in gior­ni mi­glio­ri.

Una fo­to del­le 82 ra­gaz­ze nigeriane liberate dai ter­ro­ri­sti isla­mi­ci di Boko Haram.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.