STAR DI COPERTINA

LE DECINE DI MES­SAG­GI CHE MANDA A SUA FI­GLIA AURORA. LA PROMESSA MANTENUTA, A QUEL­LE PIÙ PIC­CO­LE, DI TOR­NA­RE A CA­SA OGNI SE­RA. IL MA­RI­TO CON CUI DI­VI­DE TUT­TO A ME­TÀ. LE PRI­ME TRE NOTTI DI SONNO IN TRE AN­NI, IL REGALO CHE L’HA FAT­TA PIAN­GE­RE E LA (VA­NA) RI

Grazia - - GRAZIA 21 SOMMARIO - Ste­fa­nia Ros­sot­ti DI Ja­son Kim FO­TO DI Ta­ma­ra Gia­no­glio STYLING DI

Michelle Hunziker: «Il mio amo­re crea di­pen­den­za»

Aspet­to Michelle Hunziker in una stan­za ge­li­da. Strin­go la sciar­pa, in­con­grua in mag­gio, sfre­go le ma­ni, so­gno un caf­fè. Die­ci mi­nu­ti e lei ar­ri­va. Sa­lu­ta, mi guar­da e de­cre­ta: «Lei ha fred­do, an­dia­mo via». Mi aspet­to qua­si che mi pren­da per ma­no, co­me si fa con i bam­bi­ni. Dun­que è tut­to chia­ro: Michelle nel­le fan­ta­sie dei più è sem­pre incinta, sem­pli­ce­men­te per­ché è una don­na-mam­ma. An­che al di lì del­le ap­pa­ren­ze: fi­si­co per­fet­to, sen­sua­li­tà, ruo­li te­le­vi­si­vi gio­ca­ti sull’iro­nia. Con quel suo mo­do di but­ta­re in­die­tro la te­sta e di ri­de­re di­cen­do «Alooo­ra!», se le fai una do­man­da im­pre­vi­sta. Que­sta è Michelle, 40 an­ni, star del­la tv e te­sti­mo­nial (è global ambassador del mar­chio di gio­iel­li Mo­rel­la­to). Tre fi­glie e decine di gra­vi­dan­ze pre­sun­te. Una don­na con gli oc­chi ma­lin­co­ni­ci e la ri­sa­ta in ta­sca, estrat­ta qua e là, lun­go tut­ta l’intervista. Per dar­si tem­po. Per non dar­si arie. Per non fi­ni­re una fra­se fa­ti­co­sa. Chis­sà. Le di­co che lei è la per­so­na giu­sta da in­con­tra­re in vi­sta del­la Fe­sta del­la Mam­ma del 14 mag­gio e lei, ap­pun­to, ri­de: «Ma non so­no incinta, eh». Le dà fa­sti­dio che si di­ca e si scri­va che lo è?. «Ma no. Mi fa te­ne­rez­za. In fon­do è un bell’au­gu­rio. Io as­so­cio la gra­vi­dan­za a un pe­rio­do di as­so­lu­ta bea­ti­tu­di­ne. Sì, ci so­no le nau­see, la stan­chez­za, le an­sie. Ma ti sta cre­scen­do una vi­ta den­tro. E in­sie­me na­sce una nuo­va sen­si­bi­li­tà, una grazia par­ti­co­la­re. È ma­gni­fi­co. Ogni tan­to Au­ri (Aurora, 20 an­ni, fi­glia di Michelle e del can­tan­te Eros Ra­maz­zot­ti, ndr) mi chie­de: “Ma non ti di­spia­ce che ta­roc­chi­no le fo­to e ti ag­giun­ga­no la pan­cia per po­ter fa­re un ti­to­lo far­loc­co?”. Be’, no: a me fa ri­de­re. Ci so­no abi­tua­ta, so­no incinta da 16 an­ni». Re­sta da ca­pi­re per­ché pro­prio lei. «Per­ché io non so­no un sex sym­bol, so­no una un po’ qua­lun­que, una di fa­mi­glia. E for­se per­ché ho co­min­cia­to a fa­re la mam­ma quan­do an­da­vo all’asi­lo». Ta­len­to pre­co­ce. Mi spie­ghi. «Du­ran­te l’ora del­la nan­na an­da­vo nel­la nur­se­ry e cer­ca­vo di coc­co­la­re i neo­na­ti con le mie can­zon­ci­ne. Lo­ro si sve­glia­va­no ur­lan­do e gli adul­ti si ar­rab­bia­va­no. Io non ca­pi­vo per­ché: ero con­vin­ta che i bam­bi­ni aves­se­ro bi­so­gno del­le mie cu­re. Non so che sin­dro­me sia, la mia». Chia­mia­mo­la: ac­cu­di­men­to com­pul­si­vo. «Io ne so­no af­fet­ta, con tut­ti: bam­bi­ni, ca­ni, ma­ri­ti». I ma­ri­ti ap­prez­za­no? «To­ma­so (Trussardi, 34 an­ni, spo­sa­to con Michelle dal 2014 e pa­dre di So­le, 3, e Ce­le­ste, 2, ndr) di­ce che è un bel pro­ble­ma. Per­ché creo di­pen­den­za. So­stie­ne che quan­do non ci so­no io le bam­bi­ne fri­gna­no, i ca­ni non man­gia­no, tut­ti vo­glio­no la mam­ma». È na­tu­ra­le, no? «Non so. Si­cu­ra­men­te crea qual­che pro­ble­ma, ti­po quel­lo che non rie­sco mai a tro­va­re la ta­ta giu­sta. Vor­rei che fos­se una spe­cie di Ma­ry Pop­pins: in­tel­li­gen­te, sti­mo­lan­te, spor­ti­va, ca­pa­ce di can­ta­re, di far ri­de­re, di far fe­li­ci le bam­bi­ne. Ma an­che mol­to pu­li­ta, se pos­si­bi­le bel­li­na, al­le­gra, di­scre­ta, mol­to or­di­na­ta...». Scu­si se la in­ter­rom­po, ma dav­ve­ro le sem­bra stra­no non tro­va­re una per­so­na co­sì? «Di­ce che mi sto al­lar­gan­do? Ma­ga­ri la per­so­na giu­sta ci sta leg­gen­do e ar­ri­ve­rà». Non è che que­sta aspet­ta­ti­ve na­scon­da­no in f ilo d’an­sia? «Guar­di, io so che cos’è l’an­sia. A vol­te la pro­vo al pun­to da sen­tir­la co­me un pe­so sul cuo­re. Ma scel­go sem­pre di non spro­fon­dar­ci: è un’at­ti­tu­di­ne po­si­ti­va che ho im­pa­ra­to da mio pa­dre. È sta­to lui a spie­gar­mi che la vi­ta è que­sta e che de­vi es­se­re tu a de­ci­de­re se pren­der­la con gio­ia, dal ver­so giu­sto. Det­to que­sto, una mam­ma co­min­cia a pre­oc­cu­par­si quan­do il suo bam­bi­no è nel­la cul­la e non fi­ni­sce mai. Lo ve­do con mia fi­glia gran­de. Mi sve­glio, la mat­ti­na, e il mio pri­mo pen­sie­ro è: “Aurora!”. Va­do a let­to la se­ra e mi di­co: “Aurora?”. So che sta be­ne, che è in­na­mo­ra­ta e fe­li­ce. Ma in­som­ma, sa com’è, no?». So com’è. «Il se­gre­to è tra­sfor­ma­re la pre­oc­cu­pa­zio­ne in oc­cu­pa­zio­ne. Se fai qual­co­sa di buo­no ti pas­sa l’an­sia». Aurora non vi­ve più con lei. Vi sen­ti­te spes­so? «Ci man­dia­mo decine di mes­sag­gi. Se pos­so, non le te­le­fo­no per­ché fa un po’ sfi­ga­ta ave­re la mam­ma ad­dos­so. Mi chia­ma lei, mi rac­con­ta, mi chie­de con­si­gli». Gio­ie del­la ma­ter­ni­tà. «Og­gi fe­steg­gio tre gior­ni, an­zi tre notti, di sonno inin­ter­rot­to. Non mi suc­ce­de­va da tre an­ni!». Fi­nal­men­te. Ma tre an­ni so­no tan­ti. «E in­fat­ti a vol­te so­no di­strut­ta. Se mi sdra­io, mi ad­dor­men­to di col­po, in qua­lun­que si­tua­zio­ne. Pu­re se mi stan­no fa­cen­do la ce­ret­ta». Ha mai chie­sto il cam­bio a qual­cu­no? «Ah no, so­no co­se da mam­ma. Se le bam­bi­ne chia­ma­no, mi al­zo, va­do al lo­ro let­ti­no, le coc­co­lo, le con­so­lo. Mi sem­bra giu­sto che ab­bia­no il tem­po di adat­tar­si al­la vi­ta. Era­no nel­la pan­cia del­la mam­ma, tran­quil­le. È na­tu­ra­le che ab­bia­no bi­so­gno di me, ades­so che so­no al mon­do». Ma lei rie­sce a es­se­re a ca­sa tut­te le notti? «Sem­pre. Da quan­do è na­ta Aurora ho scel­to so­lo con­trat­ti che mi con­sen­tis­se­ro di non mol­lar­la mai. E co­sì fac­cio con le pic­co­le. Io la­vo­ro mol­tis­si­mo in Ger­ma­nia e mi ca­pi­ta di al­zar­mi al­le 4 del mat­ti­no per pren­de­re un ae­reo. Va­do, la­vo­ro e ac­chiap­po un vo­lo se­ra­le per tor­na­re. Se non rie­sco, per­ché è tar­di, mi fac­cio il regalo di no­leg­gia­re un ae­reo pri­va­to. Un lus­so ve­ro. Per­ché io de­vo tor­na­re a ca­sa. An­che so­lo per due ore, ma de­vo». Lo fa per lei o per le bam­bi­ne? «So­prat­tut­to per me. Lo­ro se la ca­va­no: han­no i gio­chi, le ami­chet­te, la pap­pa e la nan­na. So­no io che ho bi­so­gno di lo­ro. È a ca­sa che mi ri­ca­ri­co dav­ve­ro». Al­lo­ra, mi scu­si, per­ché ha de­ci­so di par­to­ri­re So­le pra­ti­ca­men­te in di­ret­ta a Stri­scia la no­ti­zia e di tor­na­re in on­da quan­do lei ave­va so­lo cin­que gior­ni? «È sta­ta una scel­ta che ha fat­to di­scu­te­re. E de­vo di­re che que­sto non mi è di­spia­ciu­to af­fat­to. La ma­ter­ni­tà è un

ar­go­men­to im­por­tan­tis­si­mo, non so­lo per le don­ne. Io ho chia­ri­to che non ero, e non so­no, un mo­del­lo da imi­ta­re. Ho una pro­fes­sio­ne par­ti­co­la­re, pri­vi­le­gia­ta. So­no con­vin­ta che il con­ge­do ob­bli­ga­to­rio pri­ma e do­po la gra­vi­dan­za sia un di­rit­to. Io ho fat­to la mia scel­ta da li­be­ra pro­fes­sio­ni­sta, in un am­bien­te mol­to tu­te­lan­te, in cui do­ve­vo sta­re in stu­dio so­lo qual­che ora al gior­no». Ci so­no don­ne che scel­go­no di non la­vo­ra­re af­fat­to e di fa­re so­lo la mam­ma, che co­sa ne pen­sa? «Che fan­no una co­sa no­bi­le e che me­ri­ta­no di ave­re ac­can­to un gen­tle­man che le trat­ti co­me re­gi­ne. Un uo­mo che ri­co­no­sca il va­lo­re del­la lo­ro scel­ta e che, pos­si­bil­men­te, la ri­com­pen­si». Sti­pen­dio per le ca­sa­lin­ghe? «Tut­te le don­ne han­no di­rit­to a un’in­di­pen­den­za eco­no­mi­ca, an­che se de­ci­do­no di re­sta­re a ca­sa a cre­sce­re i fi­gli. Ma di­pen­de­re dal­la ge­ne­ro­si­tà di un uo­mo è ter­ri­bi­le. Io lo di­co sem­pre: ogni vol­ta che si co­min­cia una re­la­zio­ne se­ria, bi­so­gna fa­re pat­ti chia­ri. Mi rac­co­man­do». Lei e To­ma­so che pat­ti ave­te fat­to? «Noi era­va­mo già gran­di. Lui con la sua azien­da, io con la mia car­rie­ra. Ma è sta­to su­bi­to chia­ro che avrem­mo fat­to a me­tà: su tut­to, sem­pre. Poi se lui mi vuo­le re­ga­la­re un viag­gio, io so­no fe­li­ce. E poi, se vo­glio, ri­cam­bio». Ha qual­che al­tra com­pul­sio­ne, ol­tre quel­la di ac­cu­di­re il mon­do? «So­no una sme­mo­ra­ta as­so­lu­ta, ma se­let­ti­va. Non di­men­ti­co un co­pio­ne, ma non so mai do­ve ho mes­so il cel­lu­la­re, le chia­vi. Og­gi, do­po ore di ri­cer­che, ho tro­va­to il te­le­fo­no nel cas­set­to dei gio­chi del­le bam­bi­ne. Ma, se vuo­le sa­pe­re qual è la mia os­ses­sio­ne ve­ra, de­ve sen­ti­re Aurora». Che co­sa mi di­reb­be? «Che con­si­de­ro la mia ca­sa un tem­pio. De­ve es­se­re ste­ri­le, pu­li­ta, pro­fu­ma­ta. Chi en­tra de­ve to­glier­si le scar­pe». Chiun­que? «An­che l’emi­ro del Qa­tar. Quan­do Au­ri era pic­co­la ave­va­mo un tap­pe­to per­sia­no e io vo­le­vo che la fran­gia fos­se sem­pre al­li­nea­ta, pet­ti­na­ta. Quan­do lei si ar­rab­bia­va, in si­len­zio an­da­va a scom­pi­gliar­la tut­ta e mi fa­ce­va im­paz­zi­re. Po­ve­ra bam­bi­na, che pa­zien­za ha do­vu­to ave­re». Sie­te cre­sciu­te in­sie­me. «Sì. Lei è sem­pre sta­ta buo­nis­si­ma. An­che quan­do la co­strin­ge­vo ai viag­gi este­nuan­ti. Lei se ne sta­va tran­quil­la, sul seg­gio­li­no, a can­ta­re e chiac­chie­ra­re. Era una bam­bi­na spe­cia­le. È sta­ta la mia for­za, in un’età in cui tut­to per me era an­co­ra da fa­re. Lo ab­bia­mo fat­to in­sie­me». An­che ades­so sem­bra mol­to so­la­re. «Lo è. È sim­pa­ti­ca, di­ver­ten­te, fa bat­tu­te a raf­fi­ca. Ma ha an­che pre­so la pro­fon­di­tà di suo pa­dre. È una che ogni tan­to ha bi­so­gno di fug­gi­re via. Ma­ga­ri lo fa sen­za nem­me­no muo­ver­si: la guar­di e ca­pi­sci che è an­da­ta al­tro­ve. Poi ha mo­men­ti in cui vuo­le sta­re so­la per dav­ve­ro. È una ra­gaz­za che si in­ter­ro­ga mol­to sul­le co­se». An­che lei, cre­do. «Sì, ma nes­su­no mi ve­drà mai tri­ste o ar­rab­bia­ta. Se ho un do­lo­re, mi chiu­do in ca­sa e lo smal­ti­sco. Quan­do esco so­no di nuo­vo pre­sen­ta­bi­le. Non mi pia­ce ca­ri­ca­re su­gli al­tri i miei di­spia­ce­ri». Gli al­tri lo fan­no con lei? «Sì. An­che gli sco­no­sciu­ti. Ca­pi­ta che qual­che si­gno­ra mi fer­mi per stra­da e mi di­ca: “Michelle, hai un mi­nu­to?”. E in quel mi­nu­to mi rac­con­ta una vi­ta». Mi di­ca un regalo che le han­no por­ta­to i suoi 40 an­ni. «La sor­pre­sa di es­se­re ar­ri­va­ti sen­za pre­av­vi­so». Re­ga­li ri­ce­vu­ti? «Le rac­con­to quel­lo di Aurora, per­ché è sta­to un col­po bas­so: un cor­to­me­trag­gio in cui ha mon­ta­to le im­ma­gi­ni di me e lei quan­do era pic­co­la. Io ho so­lo fo­to­gra­fie di quel pe­rio­do, i film li ha te­nu­ti Eros, per­ché era lui che ci ri­pren­de­va con­ti­nua­men­te. Au­ri si è fat­ta da­re le cas­set­ti­ne dal pa­dre e ha fat­to que­sta co­sa paz­ze­sca. Co­sì ho ri­vi­sto co­me era­va­mo: una bim­ba con in brac­cio una bim­ba. Ho pian­to per due ore». Gio­ia o no­stal­gia? «Per­ché, c’è una dif­fe­ren­za? È tut­ta vi­ta».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.