L’ICONA

Ne­gli An­ni 90 CLAU­DIA SCHIFFER era la top model più fa­mo­sa. Ora ce­le­bra i 30 an­ni di car­rie­ra. E qui una gior­na­li­sta di Grazia che l’ha co­no­sciu­ta agli esor­di rac­con­ta la ra­gaz­za te­de­sca che ha ri­vo­lu­zio­na­to il mon­do del­lo stile, riu­scen­do nell’im­pre­sa pi

Grazia - - GRAZIA 21 SOMMARIO - di Pau­la Reed

E Clau­dia cam­biò la mo­da

Ho tro­va­to una ra­gaz­za bel­lis­si­ma, sta muo­ven­do i pri­mi pas­si nel­la mo­da e ha un vi­so in­cre­di­bi­le, as­so­mi­glia tan­tis­si­mo a Bri­git­te Bar­dot e ho de­ci­so che sa­rà il vol­to del­la no­stra pros­si­ma cam­pa­gna». Era il 1993 e all’epo­ca la­vo­ra­vo dal­la sti­li­sta in­gle­se Ka­tha­ri­ne Ham­nett, che mi ave­va det­to que­ste pa­ro­le pie­ne di en­tu­sia­smo. Do­po pochi me­si usci­ro­no le fo­to firmate da El­len Von Un­wer­th e fu un suc­ces­so. Pos­so di­re di aver as­si­sti­to per­so­nal­men­te al­la na­sci­ta e all’asce­sa del­la top model te­de­sca Clau­dia Schiffer, che og­gi ne com­pie 30 di car­rie­ra. Li ce­le­bre­rà con un li­bro, in usci­ta a fi­ne an­no. Ma­gne­ti­ca e ir­re­si­sti­bi­le, di lei ri­cor­do so­prat­tut­to la bel­lez­za che la­scia­va sen­za fia­to, ma ri­spet­to al­le sue col­le­ghe Nao­mi Cam­p­bell e Ch­ri­sty Tur­ling­ton, pra­ti­ca­men­te per­fet­te, Clau­dia era un mo­del­lo rag­giun­gi­bi­le, la clas­si­ca ra­gaz­za “del­la por­ta ac­can­to”. Con il suo stile ha se­gna­to un’epo­ca ed è sta­ta una del­le don­ne che ha crea­to il fe­no­me­no del­le top model. Clau­dia è na­ta a Rhein­berg, una pic­co­la cit­ta­di­na te­de­sca, 46 an­ni fa e, fi­ni­ti gli stu­di, vie­ne ca­ta­pul­ta­ta nel mon­do del­la mo­da. Ben pre­sto vie­ne scel­ta co­me pro­ta­go­ni­sta del­la cam­pa­gna pub­bli­ci­ta­ria di Guess che la fa di­ven­ta­re una ce­le­bri­tà. La sua car­rie­ra è inar­re­sta­bi­le e Clau­dia col­le­zio­na co­per­ti­ne di ri­vi­ste e cam­pa­gne pub­bli­ci­ta­rie di­ven­tan­do il vol­to di mar­chi co­me Ver­sa­ce, Dol­ce & Gab­ba­na e Va­len­ti­no. So­sti­tui­sce nel cuo­re di Karl La­ger­feld Ines de la Fres­san­ge da Cha­nel, ma non per­de mai la sua edu­ca­zio­ne, la ri­ser­va­tez­za, la ti­mi­dez­za. Ne­gli An­ni 90 Clau­dia è ovun­que e le sue ap­pa­ri­zio­ni non si li­mi­ta­no al mon­do del­la mo­da: la vuo­le in un vi­deo mu­si­ca­le an­che una rock­star co­me Bon Jo­vi, nel 1997 re­ci­ta nel film di Abel Fer­ra­ra Blac­kout al fian­co di Mat­thew Mo­di­ne e Béa­tri­ce Dal­le. Il 6 ot­to­bre 2009, a 39 an­ni, Clau­dia Schiffer ha an­nun­cia­to uf­fi­cial­men­te il suo ri­ti­ro dal­le pas­se­rel­le. La sua è sta­ta una del­le car­rie­re più du­ra­tu­re in un mon­do, quel­lo del­le mo­del­le, do­ve il suc­ces­so du­ra una man­cia­ta di an­ni. Pen­san­do al­le top model di og­gi nes­su­na ha il ca­ri­sma e lo stile di Clau­dia: nel cor­so del­la sua car­rie­ra ha col­le­zio­na­to più di 700 co­per­ti­ne. Gi­se­le Bün­d­chen è sta­ta l’uni­ca che si pos­sa de­fi­ni­re la sua ere­de. La vi­ta pri­va­ta di Clau­dia è sem­pre sta­ta lon­ta­na dal­le lu­ci del­la ri­bal­ta, Il 25 mag­gio 2002 ha spo­sa­to il pro­dut­to­re ci­ne­ma­to­gra­fi­co Mat­thew Vau­ghn, dal qua­le ha avu­to tre fi­gli. Nel 2011 è di­ven­ta­ta sti­li­sta, lan­cian­do una li­nea di ca­pi in cash­me­re, chia­ma­ta Clau­dia Schiffer Cash­me­re. La col­le­zio­ne è sta­ta su­bi­to un suc­ces­so e do­po po­chis­si­mo tem­po si è ag­giun­ta an­che una li­nea di oc­chia­li. Lo scor­so au­tun­no ha lan­cia­to la li­nea Clau­dia Schiffer Knit­wear, tor­nan­do a es­se­re te­sti­mo­nial, ma que­sta vol­ta del­le pro­prie crea­zio­ni. Il tem­po sem­bra es­ser­si fer­ma­to per Clau­dia, che ri­ma­ne bel­lis­si­ma. Ma non sta so­lo in que­sto il mo­ti­vo del­la sua gran­dez­za: in­sie­me con le al­tre top model dell’epo­ca, Nao­mi Cam­p­bell, Lin­da Evan­ge­li­sta, Ch­ri­sty Tur­ling­ton, Cin­dy Cra­w­ford ha cam­bia­to il mon­do del­lo stile. So­no en­tra­te nel no­stro im­ma­gi­na­rio, osan­na­te co­me star. Og­gi le co­se so­no mol­to cam­bia­te: so­no po­che le per­so­na­li­tà for­ti in pas­se­rel­la, la bel­lez­za è di­ven­ta­ta più ste­reo­ti­pa­ta, è qua­si pre­ve­di­bi­le. Clau­dia e le su­per top de­gli An­ni 90 so­no an­co­ra le re­gi­ne del­le pas­se­rel­le. (te­sto rac­col­to da Si­mo­ne Mon­guz­zi)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.