AN­TE­PRI­MA

Un pia­ne­ta de­va­sta­to, la mi­nac­cia di re­pli­can­ti trop­po per­fet­ti, Har­ri­son Ford e Ryan Go­sling im­pe­gna­ti a sal­va­re il mon­do. So­no gli in­gre­dien­ti di Bla­de Run­ner 2049, il film più at­te­so e mi­ste­rio­so di que­sto au­tun­no. Gra­zia se lo è fat­to rac­con­ta­re dai s

Grazia - - GRAZIA 39• SOMMARIO - DI Ar­man­do Gal­lo DA Los An­ge­les

Quel­lo che voi uma­ni non ave­te an­co­ra vi­sto

C’è una gran­de di­ga che pro­teg­ge Los An­ge­les dal­le on­de dell’Ocea­no, di­ven­ta­te or­mai trop­po al­te e mi­nac­cio­se a cau­sa de­gli ef­fet­ti del ri­scal­da­men­to glo­ba­le. L’uma­ni­tà ha af­fron­ta­to una ter­ri­bi­le ca­re­stia e chi non è emi­gra­to ver­so una co­lo­nia spaziale è co­stret­to a ci­bar­si di ali­men­ti ge­ne­ti­ca­men­te mo­di­fi­ca­ti crea­ti in la­bo­ra­to­rio. Non ci so­no più frut­ta, ver­du­ra, fio­ri fre­schi. Tra po­co non ce ne sa­rà nem­me­no il ri­cor­do, da­to che la tem­pe­sta elet­tro­ma­gne­ti­ca del “Gran­de Blac­kout” ha can­cel­la­to tut­ta la no­stra me­mo­ria di­gi­ta­le. Per for­tu­na che, tra i buo­ni ci so­no l’Agen­te K e il Te­nen­te Jo­shi, in­ter­pre­ta­ti da Ryan Go­sling e Ro­bin Wright. Ec­co, que­sto è il mon­do tra 32 an­ni. O al­me­no sa­rà co­sì nel ti­to­lo più at­te­so dell’au­tun­no: Bla­de Run­ner 2049 (nelle sa­le dal 5 ot­to­bre), il se­gui­to del ca­po­la­vo­ro di Rid­ley Scott. Il pri­mo

Bla­de Run­ner rac­con­ta­va di un’Ame­ri­ca fu­tu­ri­sti­ca in cui un po­li­ziot­to, in­ter­pre­ta­to da Har­ri­son Ford, an­da­va a cac­cia di re­pli­can­ti dall’aspet­to uma­no che non ac­cet­ta­va­no che la lo­ro vi­ta an­das­se per­du­ta nel tempo «co­me la­cri­me nel­la piog­gia». Il ti­to­lo, tra­du­ci­bi­le co­me “co­lui che cor­re sul­la la­ma del ra­so­io” po­te­va ri­fe­rir­si sia al cac­cia­to­re sia agli an­droi­di e al­la lo­ro vi­ta a sca­den­za. La pel­li­co­la ter­mi­na­va con la fu­ga di Ford in­sie­me con Ra­chael, in­ter­pre­ta­ta da Sean Young, una re­pli­can­te dav­ve­ro ca­pa­ce di pas­sa­re per uma­na. Li ri­ve­dre­mo in­sie­me? Que­sta è una del­le do­man­de che i fan del film si pon­go­no or­mai da 35 an­ni. Ma c’è an­che un’al­tra im­por­tan­te que­stio­ne aper­ta: il per­so­nag­gio di Rick Dec­kard, in­ter­pre­ta­to da Har­ri­son Ford, è dav­ve­ro un re­pli­can­te co­me sve­la­to, so­lo nel 2000, dal re­gi­sta Scott? Di si­cu­ro c’è che la pro­du­zio­ne ha de­ci­so di col­ma­re il vuo­to ge­ne­ra­zio­na­le che ine­vi­ta­bil­men­te si è crea­to tra il pub­bli­co del pri­mo film e quel­lo del pros­si­mo. La so­lu­zio­ne non è sta­ta so­lo am­bien­ta­re la nuo­va tra­ma nel lon­ta­no fu­tu­ro, ma an­che pre­ve­de­re tre cor­to­me­trag­gi che fac­cia­no da pon­te ver­so il se­quel. Il pri­mo si chia­ma 2036: Ne­xus Da­wn, è di­ret­to da Lu­ke Scott e lo po­te­te tro­va­re su You­Tu­be. Pre­sen­ta al pub­bli­co for­se il per­so­nag­gio più at­te­so di Bla­de Run­ner 2049, Nian­der Wal­la­ce,

in­ter­pre­ta­to da Ja­red Le­to: un im­pren­di­to­re vi­sio­na­rio che è riu­sci­to a sfa­ma­re la Ter­ra con le sue in­ven­zio­ni sin­te­ti­che e che rie­sce a con­vin­ce­re i le­gi­sla­to­ri a pro­dur­re di nuo­vo dei re­pli­can­ti, che con­si­de­ra il fu­tu­ro del­la spe­cie. Se del pri­mo Bla­de Run­ner vi ave­va con­qui­sta­to il mo­no­lo­go di Rut­ger Hauer («Io ne ho vi­ste co­se che voi uma­ni non po­tre­ste im­ma­gi­nar­vi»), Nian­der sa­rà il vo­stro nuo­vo pun­to di ri­fe­ri­men­to. Fon­da­men­tal­men­te è il nuo­vo cat­ti­vo e gli sen­ti­re­te pro­nun­cia­re fra­si co­me «Ogni pro­gres­so dell’uma­ni­tà è na­to sul­le spal­le de­gli schia­vi», e che «Gli es­se­ri uma­ni so­no sem­pre riu­sci­ti a so­prav­vi­ve­re so­lo in un mo­do: schiac­cian­do la Ter­ra per sod­di­sfa­re i pro­pri bi­so­gni». In­som­ma, sa­rà lui quel­lo in gra­do di da­re dav­ve­ro fi­lo da tor­ce­re a Ryan Go­sling e Har­ri­son Ford.

Un’al­tra no­vi­tà del se­gui­to di Bla­de Run­ner è il re­gi­sta, che non è Scott, ma De­nis Vil­le­neu­ve, cioè l’uo­mo che ha di­ret­to il film fan­ta­scien­ti­fi­co più sor­pren­den­te del­la scor­sa sta­gio­ne, Ar­ri­val, con Amy Adams. «Sa­rà una de­tec­ti­ve sto­ry esi­sten­zia­le», mi ha det­to Vil­le­neu­ve quan­do l’ho in­con­tra­to a San Die­go. «Co­me il pri­mo film man­ter­rà una fe­del­tà este­ti­ca all’ori­gi­na­le. Non vo­le­vo cer­to di­ven­ta­re co­me il graf­fi­ta­ro che si met­te a usa­re una bom­bo­let­ta spray in una chie­sa an­ti­ca». Per più di die­ci an­ni, lo am­met­to, so­no sta­to tra quel­li che han­no cre­du­to che il per­so­nag­gio di Har­ri­son Ford fos­se sem­pli­ce­men­te un uma­no in­na­mo­ra­to di una mac­chi­na per­fet­ta. Quan­do lo di­co al re­gi­sta, scop­pia a ri­de­re: «Se lo chie­de a Har­ri­son, lui di­rà che ha sem­pre pen­sa­to che il suo cac­cia­to­re di re­pli­can­ti fos­se un es­se­re uma­no. Se lo do­man­da a Rid­ley, lui di­rà l’op­po­sto. E il bel­lo è che quei due ne di­scu­to­no ani­ma­ta­men­te an­che ora che ab­bia­mo ter­mi­na­to ri­pre­se e mon­tag­gio. Ma l’aspet­to che ren­de uni­co Bla­de Run­ner è che, os­ser­van­do i pro­ta­go­ni­sti, sei por­ta­to a du­bi­ta­re di te stes­so: nei film, ciò che amo, è pro­prio sco­pri­re che la re­la­zio­ne che ci af­fa­sci­na di più non è quel­la con noi stes­si, ma quel­la con ciò che non co­no­scia­mo». Quan­do chie­do a Vil­le­neu­ve, in­ve­ce, co­me mai ab­bia scel­to pro­prio Ryan Go­sling, re­du­ce dal suc­ces­so del film Oscar La La Land, è più eva­si­vo: «Non è sta­ta una mia de­ci­sio­ne, ma di Scott e An­ton Fin­cher, che han­no pro­dot­to il film: ci so­no al­cu­ne ra­gio­ni spe­ci­fi­che per cui quel ruo­lo può ap­par­te­ne­re so­lo a lui, ma non pos­so sve­lar­le ades­so. Ro­vi­ne­rei la tra­ma». Di si­cu­ro, gi­ra­re Bla­de Run­ner 2049 de­ve es­se­re sta­to im­pe­gna­ti­vo ma di­ver­ten­te. So­prat­tut­to pen­san­do a quan­do, per sba­glio, Ford ha da­to un for­te pu­gno in fac­cia a Go­sling. «La co­sa più buf­fa», di­ce l’at­to­re ca­na­de­se, «è che quan­do han­no por­ta­to del ghiac­cio per la mia fac­cia, Har­ri­son mi ha spin­to via e l’ha usa­to per al­le­via­re il do­lo­re al suo pu­gno». Ma, no­no­stan­te tut­to, Go­sling ha man­te­nu­to l’ado­ra­zio­ne ver­so Ford: «Di­co­no che, per non re­sta­re de­lu­so, non do­vre­sti mai in­con­tra­re i tuoi mi­ti di ra­gaz­zo. Be’, que­sta re­go­la non va­le se sei cre­sciu­to am­mi­ran­do un ti­po co­me Har­ri­son».

Tra lo­ro, nel ca­st, si fan­no no­ta­re an­che due don­ne: la cu­ba­na Ana de Ar­mas (ve­di pa­gi­na 127), che ere­di­ta il ruo­lo di se­xy re­pli­can­te da Sean Young, e Ro­bin Wright, che è il ca­po dell’agen­te in­ter­pre­ta­to da Go­sling. Per Wright è l’en­ne­si­mo ruo­lo da don­na di po­te­re, do­po quel­lo del­la di­vi­ni­tà guer­rie­ra in Won­der Wo­man e quel­lo di Fir­st La­dy spre­giu­di­ca­ta nel­la se­rie tv Hou­se of Cards. «Di­co­no che ul­ti­ma­men­te scel­go ruo­li fem­mi­ni­sti», ra­gio­na l’attrice. «Ma è tut­ta una que­stio­ne di equi­li­brio: si di­ce che gli uo­mi­ni sia­no più for­ti del­le don­ne in al­cu­ni aspet­ti, ed è ve­ro. Co­me è ve­ro che noi sia­mo più for­ti di lo­ro in al­tri. È da que­sto mec­ca­ni­smo sot­ti­le che na­sce la ve­ra eguaglianza e og­gi tut­te le ra­gaz­ze che am­bi­sco­no al po­te­re do­vreb­be­ro ri­cor­dar­se­lo». Gli at­to­ri han­no fir­ma­to clau­so­le se­ve­ris­si­me ri­guar­do la di­vul­ga­zio­ne di ogni ele­men­to del­la tra­ma del film. Da­ve Bau­ti­sta, per esem­pio, è ter­ro­riz­za­to dal­la so­la idea di la­sciar­si sfug­gi­re un det­ta­glio e ha ce­du­to al­la stam­pa so­lo di­cen­do il no­me del suo per­so­nag­gio. Sa­rà per que­sto che quan­do chie­do a Wright qual­co­sa di più sul­la sua par­te in Bla­de Run­ner 2049 lei mi ri­spon­de: «Non ho an­co­ra vi­sto il film mon­ta­to, ma pos­so so­lo di­re che por­ta con sé un mes­sag­gio bel­lis­si­mo: le per­so­ne san­no es­se­re buo­ne, an­che nei mo­men­ti più bui del­la sto­ria».

Buia è an­che la sce­no­gra­fia di que­sta Los An­ge­les del fu­tu­ro. Vil­le­neu­ve si è ispi­ra­to mol­to al­le at­mo­sfe­re del film ori­gi­na­le, im­ma­gi­nan­do, a cau­sa del ri­scal­da­men­to glo­ba­le, un fu­tu­ro più ari­do di quel­lo vi­sto nel pre­ce­den­te epi­so­dio. Il re­gi­sta ca­na­de­se ha poi in­gag­gia­to Syd Mead, un ar­ti­sta che nel­la sua car­rie­ra ha in­ven­ta­to i mon­di di Bla­de Run­ner, Star Trek e Alien. L’al­tra par­ti­co­la­ri­tà è lo scar­so ri­cor­so al “green screen”, cioè a quei fon­da­li ver­di che per­met­to­no al­la com­pu­ter­gra­fi­ca di so­vrap­por­re al gi­ra­to mas­se di per­so­ne, ef­fet­ti spe­cia­li e ogni ge­ne­re di co­sa che l’uo­mo pos­sa in­ven­tar­si. «È in­cre­di­bi­le. Que­sto si­gni­fi­ca che du­ran­te le ri­pre­se c’era­no stra­de e ca­se ri­co­strui­te nel det­ta­glio. Quan­do un’au­to do­ve­va vo­la­re, la sol­le­va­va­no e la fa­ce­va­no flut­tua­re in cie­lo per dav­ve­ro», rac­con­ta l’attrice cu­ba­na Ana de Ar­mas. A que­sto pun­to non re­sta che at­ten­de­re l’usci­ta del film e ma­ga­ri pre­pa­rar­si all’even­to con un ri­pas­so dell’ori­gi­na­le dal di­va­no di ca­sa. An­che per­ché, co­me di­ce il re­gi­sta Rid­ley Scott: «Bla­de Run­ner è co­me uno di quei ro­man­zi che so­no gran­di clas­si­ci. Tut­te le vol­te che de­ci­di di ri­leg­ger­li ci sco­pri qual­co­sa di nuo­vo che non ave­vi vi­sto la pri­ma vol­ta».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.