e la po­sta di GRA­ZIA

Grazia - - GRAZIA 39• SOMMARIO - di Sil­via Gril­li

La pri­ma rea­zio­ne è sta­ta co­me sem­pre la stes­sa: chis­sà se è ve­ro. Nel no­stro Pae­se quan­do si trat­ta di vio­len­za ses­sua­le il pre­giu­di­zio s’in­col­la al­la vit­ti­ma, non all’ag­gres­so­re. La vi­cen­da gra­vis­si­ma del­le due stu­den­tes­se ame­ri­ca­ne stu­pra­te da due ca­ra­bi­nie­ri a Fi­ren­ze ri­ve­la com’è per­ce­pi­ta la li­ber­tà del­le don­ne in Ita­lia. Ho sen­ti­to per­so­ne, an­che don­ne che co­no­sco e sti­ma­vo, du­bi­ta­re del­la ver­sio­ne del­le ra­gaz­ze con va­rie mo­ti­va­zio­ni che si rias­su­mo­no in una: se la so­no an­da­ta a cer­ca­re. Il ma­schi­li­smo è tal­men­te ra­di­ca­to in Ita­lia da aver in­va­so an­che la te­sta del­le don­ne. Ma il pie­no lo han­no fat­to gior­na­li, te­le­vi­sio­ni, si­ti, an­che l’in­for­ma­zio­ne in teo­ria più au­to­re­vo­le. In un Pae­se do­ve le de­nun­ce per stu­pro so­no in­fe­rio­ri ai rea­ti ef­fet­ti­vi, si è in­si­nua­to tra le ri­ghe che le due ra­gaz­ze ab­bia­no men­ti­to per de­na­ro, poi­ché l’as­si­cu­ra­zio­ne che ave­va­no sti­pu­la­to ve­nen­do a stu­dia­re in Ita­lia pre­ve­de an­che il ca­so di stu­pro. Men­tre si du­bi­ta­va dei lo­ro rac­con­ti, non le si lo­da­va per il lo­ro co­rag­gio. De­nun­cia­re una vio­len­za ses­sua­le si­gni­fi­ca sem­pre sot­to­por­si a una se­con­da, ter­za, quar­ta vio­len­za. Ti fa sen­ti­re so­la e non so­ste­nu­ta es­se­re vi­si­ta­ta, fru­ga­ta, in­da­ga­ta da gen­te che con­ti­nua a pen­sa­re che in qual­che mo­do tu pos­sa es­se­re sta­ta “con­sen­zien­te”. Ec­co, su que­sta pa­ro­la vor­rei in­si­ste­re. «La ragazza era con­sen­zien­te» ha det­to il ca­po­pat­tu­glia ac­cu­sa­to, per di­fen­der­si. Che co­sa vuol di­re “con­sen­zien­te”? «Non ho percepito nes­su­na con­tra­rie­tà» ha con­ti­nua­to nel­la sua de­po­si­zio­ne.“Con­sen­zien­te”per lui si­gni­fi­ca ac­cet­ta­re l’aiu­to di due rap­pre­sen­tan­ti del­le for­ze dell’or­di­ne che ti pro­met­to­no pro­te­zio­ne do­po una ris­sa in di­sco­te­ca.“Con­sen­zien­te” per lui vuol di­re non ur­la­re men­tre due uo­mi­ni con la di­vi­sa e con la pi­sto­la nel­la fon­di­na ti sal­ta­no ad­dos­so nell’ascen­so­re o sul pia­ne­rot­to­lo, men­tre non sei del tut­to pre­sen­te a te stes­sa a cau­sa dell’al­col che hai be­vu­to.“Con­sen­zien­te”per lui si­gni­fi­ca sem­bra­re più vec­chia del­la tua età e per­ciò più na­vi­ga­ta. «Cre­de­vo aves­se una tren­ti­na d’an­ni e non 20, per­ché ne di­mo­stra­va di più», ha con­ti­nua­to il ca­ra­bi­nie­re espri­men­do un al­tro pre­giu­di­zio sul­le don­ne. E cioè che una ragazza di 30 an­ni che fa le ore pic­co­le de­ve aspet­tar­si che qual­cu­no ci pro­vi. La ver­go­gna è ca­du­ta sull’Ar­ma, ma an­che sul ge­ne­ra­le trat­ta­men­to del­lo stu­pro in que­sto Pae­se. Per fa­vo­re fi­ni­te­la. Smet­te­te­la di con­si­de­ra­re le ra­gaz­ze col­pe­vo­li di ave­re una clausola an­ti­stu­pro,

di ave­re be­vu­to, di aver fat­to tar­di la not­te, di es­se­re li­be­re e quin­di per de­fi­ni­zio­ne leg­ge­re. Col­pe­vo­li di non aver det­to ab­ba­stan­za no. Un rap­por­to ses­sua­le è con­sen­zien­te quan­do chi lo fa di­ce espli­ci­ta­men­te sì. Non ba­sta de­fi­nir­lo con­sen­zien­te so­lo se chi lo su­bi­sce non di­ce no. In que­sta sto­ria i lu­pi non so­no so­lo i due cri­mi­na­li con pi­sto­la e uni­for­me che han­no ap­pro­fit­ta­to del­la fi­du­cia di due ra­gaz­ze in sta­to di se­mi in­co­scien­za e abu­sa­to del lo­ro po­te­re. I lu­pi so­no an­che i gior­na­li, le te­le­vi­sio­ni, i si­ti, le ca­se do­ve ha do­mi­na­to il pre­giu­di­zio. Non c’è sta­to so­lo il de­pu­ta­to Mat­teo Sal­vi­ni a du­bi­ta­re che si trat­tas­se di stu­pro, de­fi­nen­do «ses­so» l’epi­so­dio, men­tre vo­le­va la ca­stra­zio­ne chi­mi­ca dei vio­len­ta­to­ri afri­ca­ni di Ri­mi­ni. Il ses­so, ca­ro po­li­ti­co che do­vre­sti rap­pre­sen­ta­re an­che le don­ne che ti han­no vo­ta­to, si fa in due, non da so­li igno­ran­do com­ple­ta­men­te i de­si­de­ri dell’al­tro. C’è an­che la fra­se del sin­da­co di Fi­ren­ze, Da­rio Nar­del­la, che ha di­chia­ra­to: «È im­por­tan­te che gli stu­den­ti ame­ri­ca­ni im­pa­ri­no che la no­stra non è la cit­tà del­lo sbal­lo», co­me se in que­sta sto­ria fos­se pri­ma di tut­to ne­ces­sa­rio fa­re la mo­ra­le al­le ra­gaz­ze che era­no usci­te e ave­va­no be­vu­to. La per­ce­zio­ne dei no­stri di­rit­ti, ca­ri let­to­ri, in Ita­lia è bas­sis­si­ma. So­no sta­te co­rag­gio­se le stu­den­tes­se ame­ri­ca­ne a de­nun­cia­re due uo­mi­ni con la di­vi­sa. Co­rag­gio­se a fil­mar­li con il te­le­fo­ni­no. Il lo­ro co­rag­gio è una vit­to­ria per tut­te noi. For­se due ra­gaz­ze ita­lia­ne, co­no­scen­do lo sta­to mi­se­ra­bi­le del­la per­ce­zio­ne sul­la li­ber­tà del­le don­ne di que­sto Pae­se, non avreb­be­ro spor­to de­nun­cia. Non è un ca­so che lo stu­pro di bran­co a Ri­mi­ni sia sta­to de­nun­cia­to da una po­lac­ca. Non ti sen­ti cre­du­ta se sei don­na in que­sto Pae­se. Ar­ri­vi per­si­no a du­bi­ta­re di te, a col­pe­vo­liz­zar­ti. La vi­cen­da di Fi­ren­ze non ri­ve­la so­lo che den­tro l’Ar­ma dei ca­ra­bi­nie­ri ci sia­no dei de­lin­quen­ti, mo­stra che l’of­fe­sa con­tro le vit­ti­me è dap­per­tut­to. C’è mol­to da fa­re per scar­di­na­re i pre­giu­di­zi in Ita­lia, noi con que­sto edi­to­ria­le e con gli ar­ti­co­li che tro­ve­re­te su que­sto nu­me­ro di cer­chia­mo di far­lo.

❯Email di Ele­na Monti Gen­ti­le di­ret­tri­ce, bra­va. Edi­to­ria­le coraggioso e ve­ri­tie­ro sul ses­so ra­pi­na­to nelle cul­tu­re che lo vie­ta­no. Non si vuol di­re la ve­ri­tà per il ti­mo­re di ap­pa­ri­re raz­zi­sti, ma la ve­ri­tà è che in que­ste cul­tu­re ci so­no dei pro­ble­mi enor­mi di ge­stio­ne del­la ses­sua­li­tà, che non è né sa­na né ri­spet­to­sa del­la don­na. Ho ul­ti­ma­to la let­tu­ra di Co­me il ve­lo è di­ven­ta­to mu­sul­ma­no, di Bru­no Nas­sim Abou­drar, pro­fes­so­re di Este­ti­ca all’uni­ver­si­tà Pa­ris 3. Il suc­co è che nel­la cul­tu­ra ara­ba c’è un im­ba­raz­zo nel ve­de­re. Il vi­so è la car­ta d’iden­ti­tà di una per­so­na, e co­prir­lo equi­va­le a ne­ga­re l’iden­ti­tà stes­sa. Ec­co per­ché il ve­lo è cri­mi­no­so: an­nul­la l’iden­ti­tà di una don­na. Stes­so trat­ta­men­to de­ve su­bi­re il cor­po, in par­ti­co­la­re quel­lo fem­mi­ni­le (ma an­che quel­lo ma­schi­le, non c’è dif­fe­ren­za nell’im­ba­raz­zo) col­pe­vo­le di evo­ca­re la ses­sua­li­tà, co­me an­che i ca­pel­li, che es­sen­do sciol­ti so­lo nell’in­ti­mi­tà co­niu­ga­le de­vo­no as­so­lu­ta­men­te es­se­re ce­la­ti agli al­tri uo­mi­ni. Ov­vio che ciò che è proi­bi­to pro­vo­ca de­si­de­rio an­co­ra mag­gio­re, quin­di ac­ca­de ciò che lei ha rias­sun­to: “ses­so vie­ta­to” = “ses­so clan­de­sti­no”, con tut­te le con­se­guen­ze ne­ga­ti­ve di ciò. In più, “don­ne che ama­no il ses­so e si con­ce­do­no” = “da di­sprez­za­re”. Da que­sto mix esplo­si­vo de­ri­va la ses­sua­li­tà da ra­pi­na di cui lei par­la. Il professor Abou­drar chia­ri­sce be­ne che le ori­gi­ni del ve­lo so­no da ri­cer­ca­re nel­la Let­te­ra ai Co­rin­zi di San Pao­lo, do­ve egli or­di­na al­le don­ne o di ta­gliar­si i ca­pel­li a ze­ro o met­ter­si il ve­lo. Do­po di lui, mol­ti al­tri Pa­dri del­la Chie­sa sta­bi­li­sco­no che la don­na deb­ba co­pri­re vi­so e cor­po: “L’uo­mo non de­ve co­prir­si il ca­po poi­ché egli è im­ma­gi­ne e ri­fles­so di Dio. La don­na in­ve­ce è ri­fles­so dell’uo­mo [...] né l’uo­mo fu crea­to per la don­na, ma la don­na per l’uo­mo. Per que­sto el­la de­ve por­ta­re sul ca­po il se­gno del­la sua di­pen­den­za [dall’uo­mo]”. An­che i cri­stia­ni in quan­to a ma­schi­li­smo stan­no be­ne.

❯Email di So­nia Ra­ve­ra Com­pli­men­ti per un edi­to­ria­le che se­mi­na odio. Ad­di­rit­tu­ra “sve­la un ta­bù”? Ca­val­can­do po­le­mi­che in cui sguaz­za­no fol­lo­wer di Ca­sa Pound sui so­cial me­dia?

❯Mail di Ga­briel­la To­mael­lo So­no fe­li­ce che la di­ret­tri­ce par­li schiet­ta­men­te del pro­ble­ma che vi­vo­no le don­ne nel no­stro Pae­se at­tual­men­te. An­ni fa quan­do co­min­cia­vo a ve­de­re tut­ti quei ra­gaz­zi dai 20 ai 35 an­ni, con una vi­sio­ne del­le don­ne che nel lo­ro Pae­se era quan­to mai pe­ri­co­lo­sa per le no­stre ra­gaz­ze, mi chie­de­vo che co­sa pen­sas­se­ro di fa­re i no­stri go­ver­nan­ti per te­ne­re a fre­no le pul­sio­ni na­tu­ra­li di que­sta gen­te. Cre­de­va­no di po­ter di­stri­bui­re bro­mu­ro co­me fa­ce­va­no ai miei tem­pi ai mi­li­ta­ri di le­va? Non si ren­de­va­no con­to che una don­na che gi­ra­va so­la in pan­ta­lo­ni all’im­bru­ni­re era per lo­ro una po­co di buo­no. È ve­ro che ab­bia­mo an­che noi i fa­ra­but­ti, ma sta­va­mo fa­cen­do mol­ta stra­da che ora è sta­ta can­cel­la­ta da pau­re vec­chie e nuo­ve.

❯Email di Pa­tri­cia Mu­na­fò-Sant­croos Tro­vo raz­zi­ste le pa­ro­le “gli stu­pri di Ri­mi­ni e gli im­mi­gra­ti che fan­no pau­ra”. Fan­no cre­de­re a per­so­ne già di per sé pre­ve­nu­te nei con­fron­ti di im­mi­gra­ti che tut­ti gli “stra­nie­ri” sia­no da te­me­re e deb­ba­no es­se­re but­ta­ti fuo­ri da que­sto Pae­se. Pur­trop­po l’Ita­lia non ha una lun­ga sto­ria di ac­co­glien­za co­me da noi in Olan­da. Ne­gli An­ni 60 del se­co­lo scor­so li chia­ma­va­mo “la­vo­ra­to­ri ospi­ti”, si era­no in­te­gra­ti e i Pae­si nor­di­ci ave­va­no ca­pi­to che era­no una ric­chez­za. Stu­pra­to­ri ci so­no in tut­ti i Pae­si, tra ita­lia­ni, olan­de­si, te­de­schi. Fi­no a non mol­ti an­ni fa nean­che qui in Ita­lia c’era mol­to ri­spet­to ver­so le don­ne, ad­di­rit­tu­ra un uo­mo po­te­va spo­sa­re la sua vit­ti­ma stu­pra­ta con il con­sen­so dei fu­tu­ri suo­ce­ri e dal­la giu­sti­zia. Mol­ti uo­mi­ni qui in Ita­lia si tra­sfor­ma­va­no in galli quan­do ve­de­va­no le stra­nie­re di men­ta­li­tà più li­be­ra e pen­sa­va­no che po­te­va­no per­met­ter­si ap­proc­ci pe­san­ti.

«Ca­ris­si­me Ele­na, So­nia, Ga­briel­la, Pa­tri­cia, gra­zie per le vo­stre email. Il pro­ble­ma del­la ses­sua­li­tà nel mon­do ara­bo esi­ste. Ma an­che nel­la cul­tu­ra ita­lia­na per­si­ste il ma­chi­smo. Lo di­mo­stra la con­vin­zio­ne che le don­ne vit­ti­me di vio­len­ze se la sia­no an­da­ta a cer­ca­re, che ha ac­com­pa­gna­to la no­ti­zia de­gli stu­pri dei ca­ra­bi­nie­ri a Fi­ren­ze».

“BACK TO SCHOOL” CON GLI ZAI­NI PIENI (MA LEG­GE­RI) DI CU­RIO­SI­TÀ, EN­TU­SIA­SMO, CO­LO­RI E .. LA MIA GRA­ZIA PER L’INTERVALLO! Email di Els

❯Email di Fran­ce­sco Gi­rar­di Ho qua­si 70 an­ni e da pic­co­lo ho avu­to quat­tro com­pa­gni che era­no di­sa­bi­li per es­ser­si am­ma­la­ti di po­lio­mie­li­te. Ho avu­to due col­le­ghi di­sa­bi­li per la stes­sa ma­lat­tia. Un col­le­ga per aver con­trat­to la pa­ro­ti­te è ri­ma­sto sterile. Du­ran­te la mia in­fan­zia era fre­quen­tis­si­mo che ci si am­ma­las­se di per­tos­se e dif­te­ri­te e una vi­ci­na di ca­sa ne è mor­ta. Io, sal­tan­do giù da un al­be­ro all’età di 10 an­ni, ho pas­sa­to dei brut­tis­si­mi mo­men­ti. Non ero sta­to vac­ci­na­to con­tro il te­ta­no, per­ché quel vac­ci­no non esi­ste­va. La no­stra, è di­ven­ta­ta una so­cie­tà di so­li di­rit­ti, e i do­ve­ri? Se si vuo­le vi­ve­re in so­cie­tà si de­ve sot­to­sta­re al­le sue re­go­le. Se tu hai il di­rit­to di cu­rar­ti co­me più ti pia­ce, hai il do­ve­re di non met­te­re in pe­ri­co­lo la mia vi­ta in con­se­guen­za di que­ste tue scel­te. Né puoi pre­ten­de­re di es­se­re cu­ra­to gra­tui­ta­men­te, quin­di a spe­se del­la so­cie­tà di cui ri­fiu­ti le re­go­le, se ti am­ma­li a cau­sa del­le tue scel­te. Ol­tre a quan­to pre­vi­sto dal­la nuo­va leg­ge sui vac­ci­ni, avrei la­scia­to la per­di­ta del­la pa­tria po­te­stà e avrei ag­giun­to l’ob­bli­go di pa­ga­re le spe­se per le cu­re in ca­so ti am­ma­li per una man­ca­ta vac­ci­na­zio­ne. Non do cre­di­to a quel­le scuo­le di pen­sie­ro con­tra­rie al­le vac­ci­na­zio­ni che non han­no ba­se scien­ti­fi­ca e che man­da­no i cre­du­lo­ni al ci­mi­te­ro.

Email di Ti­zia­na Na­ta­li Gen­ti­le di­ret­to­re vor­rei rin­gra­ziar­la per l’ar­ti­co­lo del dot­tor Ro­ber­to Bu­rio­ni, che spie­ga da per­so­na al­ta­men­te pre­pa­ra­ta in ma­nie­ra mol­to sem­pli­ce e chia­ra l’im­por­tan­za dei vac­ci­ni. Io con­ti­nuo a fa­re i ri­chia­mi del­le vac­ci­na­zio­ni a me e al­le mie tre fi­glie or­mai adul­te. Spe­ro che si pos­sa tor­na­re pre­sto a una co­per­tu­ra si­cu­ra per tut­ti.

Email di Ales­san­dra Riz­zo Ca­ra Ales­sia Pur­ro­ne (email su Gra­zia n. 37) è per col­pa di ma­dri igno­ran­ti co­me lei che stia­mo diventando un pae­se re­tro­gra­do. In Ita­lia, gra­zie ai vac­ci­ni era­va­mo riu­sci­ti a de­bel­la­re ma­lat­tie co­me la tu­ber­co­lo­si, il va­io­lo e la po­lio­mie­li­te. Non vi ren­de­te con­to di quan­to sia­no pe­ri­co­lo­se le vo­stre as­sur­de e infondate con­vin­zio­ni? Cre­de­te ve­ra­men­te che sia un com­plot­to del­le ca­se far­ma­ceu­ti­che? Pur­trop­po le con­se­guen­ze del­le vo­stre scel­te in­sen­sa­te ri­ca­dran­no sui vo­stri fi­gli e ni­po­ti. Mi sem­bra as­sur­do che non ci pen­sia­te! Com­pli­men­ti vi­vis­si­mi a Gra­zia e al di­ret­to­re, che sta fa­cen­do un ot­ti­mo la­vo­ro per sen­si­bi­liz­za­re i cit­ta­di­ni su que­sto te­ma.

«Gra­zie, Fran­ce­sco per la sua testimonianza. E gra­zie a Ti­zia­na e Ales­san­dra. Chi si op­po­ne al­le vac­ci­na­zio­ni non ri­cor­da co­me era­va­mo e dà per scon­ta­to con­qui­ste che ab­bia­mo ot­te­nu­to con i pro­gres­si del­la scien­za».

Email di Eri­ca Car­lo­ne Gen­ti­lis­si­ma Sil­via Gril­li, vor­rei chie­der­le se può scri­ve­re que­sto mes­sag­gio sul no­stro gior­na­le pre­fe­ri­to per il com­plean­no di mia so­rel­la Va­len­ti­na il 22 set­tem­bre: “Tan­tis­si­mi Au­gu­ri mia dol­ce so­rel­la Va­len­ti­na e che que­sti 30 an­ni ti re­ga­li­no quan­to di me­ra­vi­glio­so me­ri­ti. Ti vo­glio un be­ne im­men­so”. «Au­gu­ri, Va­len­ti­na, an­che da par­te no­stra». CA­RE LETTRICI, dal­le vo­stre let­te­re può na­sce­re l’idea di un’inchiesta o di nuo­ve sto­rie da rac­con­ta­re. Fir­ma­te con no­me e co­gno­me: sa­rà più fa­ci­le con­tat­tar­vi! E… scri­ve­te­ci! A cu­ra di Lu­cia Va­le­rio

Due car­tel­li an­ti-stu­pro: quel­lo in in­gle­se di­ce “L’as­sen­za di un no non va­le co­me con­sen­so”. A si­ni­stra, il di­ret­to­re di Gra­zia, Sil­via Gril­li.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.