L’IN­CON­TRO

A Par­ma l'au­ti­sta di un bus è sta­to pic­chia­to da un im­mi­gra­to men­tre era a una fer­ma­ta. «Si­gni­fi­ca che il dram­ma di Lua­na è sta­to inu­ti­le», di­ce a Gra­zia il pa­dre di una gio­va­ne don­na che fa­ce­va il con­trol­lo­re e che è sta­ta ag­gre­di­ta da uno stra­nie­ro. «Le

Grazia - - GRAZIA 39• SOMMARIO - DI Az­zur­ra Noe­mi Bar­bu­to

Nel no­me di mia fi­glia

Se l’è ca­va­ta con una pro­gno­si di set­te gior­ni, al­cu­ne le­sio­ni e uno shock che ac­com­pa­gne­rà a lun­go l’au­ti­sta del bus che il 29 ago­sto, a Par­ma, è sta­to pri­ma bloc­ca­to da un grup­po di im­mi­gra­ti e poi ag­gre­di­to da uno di que­sti: il ra­gaz­zo ha for­za­to le por­te del mez­zo e ha sca­ri­ca­to la sua fu­ria su quell’uo­mo, che so­stie­ne di ave­re so­lo fat­to spo­sta­re quel­le per­so­ne fer­me sul­la stra­da. «Mi va il san­gue al­la te­sta quan­do sen­to di que­sti epi­so­di. Il sa­cri­fi­cio di mia fi­glia è sta­to inu­ti­le. Pro­via­mo tan­ta rab­bia», com­men­ta av­vi­li­to En­ri­co Za­rat­ti. La vi­ta di sua fi­glia, Lua­na, che fa­ce­va il con­trol­lo­re su­gli au­to­bus di Ro­ma, è sta­ta di­strut­ta in un’ag­gres­sio­ne si­mi­le a quel­la di Par­ma. «Era il 5 ago­sto del 2011 e Lua­na, all’epo­ca 26en­ne, ave­va ap­pe­na ri­pre­so il ser­vi­zio per l’azien­da di tra­spor­to pub­bli­co do­po qual­che gior­no di va­can­za con le ami­che sull’Iso­la d’El­ba», rac­con­ta il pa­pà. «Era una mat­ti­na nor­ma­le poi, al­le 10 e 30, mia fi­glia de­ve mul­ta­re un pas­seg­ge­ro pri­vo di bi­gliet­to. L’uo­mo, di ori­gi­ne egi­zia­na e sen­za per­mes­so di sog­gior­no, rea­gi­sce dan­do a Lua­na una te­sta­ta tan­to vio­len­ta da cau­sa­re la frat­tu­ra del set­to na­sa­le e un trau­ma cra­ni­co». È so­lo l’ini­zio di un cal­va­rio che an­co­ra con­ti­nua, sia per la don­na, sot­to­po­sta già a ol­tre una de­ci­na di in­ter­ven­ti chi­rur­gi­ci, sia per i suoi fa­mi­lia­ri. Lei, che era ap­pe­na an­da­ta a con­vi­ve­re con il suo ex

fi­dan­za­to, do­po tre me­si di intensi do­lo­ri e mal di te­sta, la se­ra del Na­ta­le 2011 en­tra in co­ma, vie­ne ope­ra­ta d’ur­gen­za e si salva mi­ra­co­lo­sa­men­te. «Ci è ca­du­to il mon­do ad­dos­so quan­do, pri­ma dell’ope­ra­zio­ne, i sa­ni­ta­ri han­no chie­sto l’au­to­riz­za­zio­ne per l’even­tua­le espian­to de­gli or­ga­ni», ri­cor­da il pa­dre. «Gra­zie a Dio l’in­ter­ven­to è riu­sci­to, ma è sta­to com­ples­so e ri­schio­so e ab­bia­mo pas­sa­to un me­se da­van­ti al re­par­to di ria­ni­ma­zio­ne. Per qua­si tre an­ni Lua­na è ri­ma­sta se­pol­ta in un let­to, in­ca­pa­ce di muo­ver­si e di par­la­re». Il cor­po de­pe­ri­to, con­trat­to a cau­sa de­gli spa­smi, le brac­cia ri­gi­de, pie­ga­te sul vi­so co­me per di­fen­der­si da qual­co­sa di in­vi­si­bi­le, la boc­ca de­for­ma­ta in una smor­fia di do­lo­re, co­sì ap­pa­re la ragazza in un vi­deo con­ser­va­to da En­ri­co per ri­cor­da­re i pro­gres­si che la fi­glia ha com­piu­to so­prat­tut­to ne­gli ul­ti­mi due an­ni, gra­zie al­la sua vo­lon­tà e al so­ste­gno dei ge­ni­to­ri che non han­no mai mol­la­to, de­ci­si a re­sti­tui­re al­la pro­pria “bam­bi­na” al­me­no un bran­del­lo di quel­la nor­ma­li­tà di cui, tut­ta­via, non re­sta trac­cia. «Lua­na ora fa qual­che pas­so, io la ten­go per ma­no. Un gran ri­sul­ta­to, da­to che pri­ma era un ve­ge­ta­le», con­ti­nua En­ri­co. «Per de­di­car­mi a lei ho tra­scu­ra­to la mia sa­lu­te, ac­com­pa­gnan­do­la ogni gior­no, a mie spe­se, ai va­ri ap­pun­ta­men­ti con il fi­sio­te­ra­pi­sta, lo psi­co­lo­go, il te­ra­pi­sta co­gni­ti­vo». La­scia scon­cer­ta­ti che Lua­na non ab­bia an­co­ra ri­ce­vu­to un in­den­niz­zo: se­con­do l’isti­tu­to che si oc­cu­pa di in­for­tu­ni sul la­vo­ro, non ci sa­reb­be un nes­so cau­sa­le tra il dan­no ce­re­bra­le del­la don­na e il col­po ri­ce­vu­to al­la te­sta dall’im­mi­gra­to. Dun­que l’ex con­trol­lo­re ri­ce­ve so­lo la pen­sio­ne di ina­bi­li­tà al la­vo­ro, che con­si­ste in 920 eu­ro al me­se, in­suf­fi­cien­ti per co­pri­re i co­sti del­le te­ra­pie. «Il mo­men­to peg­gio­re è la se­ra, quan­do ve­do mia fi­glia di­ste­sa sul suo let­to e mi ap­pa­re co­sì fra­gi­le. Io non pos­so dar­le ciò che le è sta­to strap­pa­to. So­no un pa­pà che de­si­de­ra ve­de­re cam­mi­na­re la sua bam­bi­na già gran­de», ci di­ce En­ri­co. La set­ti­ma­na scor­sa Lua­na è usci­ta per la pri­ma vol­ta con le ami­che, ac­com­pa­gna­ta dal­la sua ba­dan­te, di due an­ni più gio­va­ne. Sem­bra­va qua­si che fos­se tut­to co­me una vol­ta. Ma non è co­sì. «È cam­bia­to tut­to, tran­ne il ca­rat­te­re for­te del­la mia pic­co­la, che quan­do par­la si ri­pe­te spes­so ma è co­scien­te. Do­po qua­si due an­ni dall’ag­gres­sio­ne, Lua­na ha ri­cor­da­to ciò che le è ac­ca­du­to. Di­ce sem­pre che per­do­na quell’uo­mo, ma ca­pi­sco che den­tro sof­fo­ca tan­ta rab­bia. A vol­te crol­la. Se ci ve­de stan­chi, af­fer­ma che è col­pa sua, al­lo­ra cer­chia­mo di ras­si­cu­rar­la», con­ti­nua En­ri­co. «L’ag­gres­so­re di Lua­na, con­dan­na­to per di­ret­tis­si­ma a 14 me­si di car­ce­re, non ha scon­ta­to nem­me­no un gior­no in pri­gio­ne, no­no­stan­te si fos­se già mac­chia­to di cri­mi­ni si­mi­li. Po­treb­be es­se­re in Ita­lia. Ma­ga­ri vi­ci­no a noi», af­fer­ma En­ri­co. «A vol­te vor­rei cor­re­re a cer­ca­re chi ha fat­to del ma­le a mia fi­glia, poi mi fre­na il pen­sie­ro che, se io fa­ces­si una scioc­chez­za, nes­su­no si oc­cu­pe­reb­be più di lei».

Lua­na Za­rat­ti era un con­trol­lo­re sui bus di Ro­ma: è sta­ta pic­chia­ta da un pas­seg­ge­ro di ori­gi­ni stra­nie­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.