NUO­VE TRI­BÙ

Il BURNING MAN è il fe­sti­val del Ne­va­da ama­to dai crea­ti­vi. Sol­di e cel­lu­la­ri so­no vie­ta­ti, ac­qua e ci­bo so­no con­di­vi­si. Tre in­fluen­cer che era­no lì rac­con­ta­no so­lo per Gra­zia i ri­ti e le espe­rien­ze di quei gior­ni co­sì lon­ta­ni dal no­stro mon­do

Grazia - - GRAZIA 39• SOMMARIO - An­na­lia Ve­ne­zia DI Raf­fae­le Ma­ro­ne FO­TO DI

Quel de­ser­to che ci ren­de fe­li­ci

Aun cer­to pun­to, men­tre gi­ra­vo in bi­ci­clet­ta al­la ri­cer­ca del mio cam­per, mi so­no tro­va­to in mez­zo a una tem­pe­sta di sab­bia. In po­chi mi­nu­ti tut­to vie­ne ri­co­per­to, non si ve­de più nien­te, né si re­spi­ra. Co­sì ho cer­ca­to ri­pa­ro sot­to una ten­da, non co­no­sce­vo i pro­prie­ta­ri, ma sem­bra­va che fos­si­mo ami­ci da sem­pre. Sia­mo ri­ma­sti lì fin­ché non è fi­ni­ta, for­se mezz’ora. Mi han­no of­fer­to pro­te­zio­ne, ci sia­mo ab­brac­cia­ti, sia­mo ri­ma­sti vi­ci­ni. Nel­la vi­ta quo­ti­dia­na non sa­reb­be mai po­tu­to ac­ca­de­re». Que­sto è ciò che mi rac­con­ta l’in­fluen­cer El­bio Bon­sa­glio quan­do gli chie­do il mo­men­to più in­ten­so del suo Burning Man, il fe­sti­val che si tie­ne ogni an­no nel de­ser­to del Ne­va­da. Da 25 an­ni lì si ra­du­na­no 70 mi­la per­so­ne da ogni par­te

del mon­do. Oc­cu­pa­no 8.000 me­tri qua­dra­ti con ten­de, cam­per, car­ri e strut­tu­re mo­bi­li. Do­po una set­ti­ma­na ri­por­te­ran­no via tut­to, la­scian­do di nuo­vo il de­ser­to nel suo si­len­zio. «È sta­ta la mia se­con­da vol­ta», con­ti­nua El­bio, che nel­la vi­ta di tut­ti i gior­ni se­gue il mar­chio di mo­da Le­ta­sca, che ha fon­da­to. «Que­sta set­ti­ma­na è un toc­ca­sa­na, ci vie­ne con­ces­so di vi­ve­re in un mon­do uto­pi­co, do­ve non esi­sto­no sol­di, gli scam­bi so­no spon­ta­nei, l’af­fet­to per gli al­tri è sin­ce­ro e dai il me­glio di te», spie­ga. Dall’ere­di­tie­ra Pa­ris Hil­ton al­la mo­del­la e attrice Ca­ra De­le­ving­ne, dal fon­da­to­re di Ama­zon Jeff Be­zos all’at­to­re Ja­red Le­to (ve­di an­che pa­gi­na 122) so­no tan­te le ce­leb at­trat­te da que­sto mon­do che è una via di mez­zo tra un fe­sti­val di Wood­tock in ver­sio­ne crea­ti­va e un epi­so­dio del­la sa­ga po­sta­po­ca­lit­ti­ca Mad Max. «Le fo­to si pos­so­no pub­bli­ca­re so­lo a fe­sti­val con­clu­so, per­ché nel de­ser­to non c’è in­ter­net», di­ce il mo­del­lo An­drea Mar­cac­ci­ni, 160 mi­la fol­lo­wer si In­sta­gram. «Ma qui nes­su­no è più spe­cia­le dell’al­tro, non esi­sto­no pri­vé co­me nelle di­sco­te­che o nei fe­sti­val mu­si­ca­li». An­che per lui è il se­con­do an­no qui. «Sta­vol­ta so­no ve­nu­to con l’in­ten­zio­ne di eli­mi­na­re dal­la mia vi­ta i sol­di, il te­le­fo­no e il ses­so. A Burning Man pro­vi dei sen­ti­men­ti pu­ri: ti ca­pi­sci con uno sguar­do, non hai più bar­rie­re, ab­brac­ciar­si è il mo­do di co­mu­ni­ca­re più im­me­dia­to. Sta­vol­ta ave­vo bi­so­gno di far­mi del­le do­man­de, pren­de­re tempo per me e ri­mar­gi­na­re le mie fe­ri­te». La lo­gi­sti­ca non è sem­pli­ce per chi ar­ri­va dall’Ita­lia. Ol­tre al vo­lo per ar­ri­va­re in Ca­li­for­nia è poi ne­ces­sa­rio af­fit­ta­re un cam­per, che co­sta in­tor­no ai 20 mi­la dol­la­ri a set­ti­ma­na. Poi, con quel­lo, ci si di­ri­ge ver­so Re­no, l’ul­ti­ma cit­tà del Ne­va­da pri­ma del de­ser­to. I bi­gliet­ti per en­tra­re co­sta­no in­tor­no ai 500 dol­la­ri e van­no com­pra­ti me­si in an­ti­ci­po per­ché si esau­ri­sco­no in fret­ta. Gli in­fluen­cer han­no vi­ta fa­ci­le ri­spet­to agli al­tri, vi­sto che spes­so le spe­se ven­go­no rim­bor­sa­te dai lo­ro part­ner (in que­sto ca­so dai mar­chi Car­re­ra e Sa­fi­lo). «I co­sti so­no al­ti per­ché è ne­ces­sa­rio es­se­re au­to­suf­fi­cien­ti per una set­ti­ma­na. L’or­ga­niz­za­zio­ne for­ni­sce so­lo ac­qua e ghiac­cio, non esi­ste nes­su­na for­ma di com­pra­ven­di­ta, nep­pu­re di ba­rat­to», spie­ga Giot­to Ca­len­do­li, an­che lui in­fluen­cer da 130 mi­la fol­lo­wer su In­sta­gram. «Chi of­fre qual­co­sa lo fa esclu­si­va­men­te per pia­ce­re. Il ba­rat­to im­pli­che­reb­be una for­ma di “con­trat­to” e non fa par­te del­la fi­lo­so­fia del Burning Man». Per Giot­to è sta­to il pri­mo an­no nel de­ser­to: «È sta­ta l’espe­rien­za più bel­la del­la mia vi­ta. Ap­pe­na ar­ri­va­ti, all’en­tra­ta han­no chie­sto chi di noi fos­se al­la sua pri­ma vol­ta. Ero so­lo io il no­vi­zio e co­sì mi han­no fat­to scen­de­re, fat­to suo­na­re una cam­pa­na e ur­la­re: “I’m not a vir­gin any­mo­re”, non so­no più ver­gi­ne». Le dro­ghe e l’al­col sem­bra­no es­se­re una gran­de com­po­nen­te del di­ver­ti­men­to al fe­sti­val, al­me­no stan­do al­le cro­na­che. Ma giot­to smen­ti­sce: «Chi cre­de que­sto si sba­glia. Ho vi­sto mol­te fa­mi­glie con bam­bi­ni, ho as­si­sti­to a ce­le­bra­zio­ne di ma­tri­mo­ni e tan­tis­si­me si­tua­zio­ni tran­quil­le. Poi cer­to, ci so­no i car­ri di mu­si­ca, ope­re d’ar­te gi­gan­te­sche, luo­ghi spe­cia­li do­ve fer­mar­si per bal­la­re e real­tà più estre­me che mai avrei in­con­tra­to al­tro­ve. Lì non ci so­no bar­rie­re, a par­ti­re da quel­le del­la no­stra men­te». L’uni­ca don­na del grup­po è Ales­san­dra De Sie­na, ma­na­ger, abi­tua­ta a sog­gior­na­re per la­vo­ro ne­gli Sta­ti Uni­ti. An­che per lei non era la pri­ma vol­ta: «Una vol­ta tor­na­ti, è dif­fi­ci­le ri­pren­de­re la vi­ta quo­ti­dia­na. Nel de­ser­to si eli­mi­na­no le bar­rie­re e ci si sen­te più buo­ni, al rien­tro in cit­tà è tut­to più fa­ti­co­so. Al Burning Man co­no­sci per­so­ne che, per il ruo­lo che han­no nel­la vi­ta rea­le, non avrei avu­to mo­do di av­vi­ci­na­re. Poi mi è ca­pi­ta­to di ri­ve­der­le a New York e non ab­bia­mo avu­to bi­so­gno di con­ve­ne­vo­li». Sem­bra an­che una gran­de oc­ca­sio­ne per fa­re mo­vi­men­to. Per il fe­sti­val ci si muo­ve in bi­ci­clet­ta, le di­stan­ze so­no enor­mi, non c’è lu­ce elet­tri­ca e la crea­ti­vi­tà è im­por­tan­te per es­se­re più vi­si­bi­li. Per que­sto di­ven­ta ne­ces­sa­rio ve­stir­si in mo­do biz­zar­ro e usa­re lu­ci­ne co­lo­ra­te. «Tut­ti i cam­per e le ten­de so­no po­si­zio­na­ti in­tor­no al­la Pla­ya, la piaz­za del ri­tro­vo: ci met­te­va­mo an­che un’ora per rag­giun­ger­la dal­la no­stra po­sta­zio­ne», di­ce Ales­san­dra. L’ul­ti­mo gior­no vie­ne bru­cia­to un enor­me fan­toc­cio, il co­si­det­to “Burning Man”. In­tor­no ci so­no 70 mi­la per­so­ne che han­no con­di­vi­so un so­gno. Pri­ma che il fuo­co por­ti via tut­to. Al­me­no per un al­tro an­no.

Ai no­vi­zi vie­ne fat­ta suo­na­re una cam­pa­na: è il ri­to d’ini­zia­zio­ne di que­sta nuo­va av­ven­tu­ra

L’ora del tra­mon­to nel de­ser­to del Ne­va­da.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.