Cre­dia­mo al­la scien­za, non a chi odia

LO­REN­ZO GUZZETTI È IL SIN­DA­CO DI UBOLDO, IN PRO­VIN­CIA DI VARESE, CHE SI È RIFIUTATO DI EMET­TE­RE UN’OR­DI­NAN­ZA CON­TRO IL DE­CRE­TO LEG­GE SUL­LE VAC­CI­NA­ZIO­NI OB­BLI­GA­TO­RIE. PER QUE­STO È STA­TO IN­SUL­TA­TO SU FA­CE­BOOK E POI SO­SPE­SO DAL SO­CIAL. MA QUI SPIE­GA PER­CHÉ L

Grazia - - GRAZIA LA BATTAGLIA - DI Va­len­ti­na Cal­za­va­ra

So­no ama­reg­gia­to ma non mol­lo. Nel no­stro Pae­se si met­te in di­scus­sio­ne la scien­za e lo si sta fa­cen­do sul­la pel­le dei bam­bi­ni, cri­ti­can­do la bon­tà del­le vac­ci­na­zio­ni. Tut­to que­sto è sba­glia­to e le isti­tu­zio­ni han­no il do­ve­re di es­se­re uni­te e di tu­te­la­re la sa­lu­te dei cit­ta­di­ni». Non in­die­treg­gia di un mil­li­me­tro Lo­ren­zo Guzzetti, il sin­da­co di Uboldo, in pro­vin­cia di Varese, tra­vol­to da in­sul­ti e mi­nac­ce di mor­te per aver ri­spo­sto con un post su Fa­ce­book a una mam­ma “no vax”, cioè con­tra­ria ai vac­ci­ni. La don­na gli ave­va chie­sto di emet­te­re un’or­di­nan­za ur­gen­te per bloc­ca­re l’ap­pli­ca­zio­ne del­la leg­ge na­zio­na­le sui vac­ci­ni ob­bli­ga­to­ri nel ter­ri­to­rio del suo Co­mu­ne. Guzzetti ave­va ne­ga­to que­sta pos­si­bi­li­tà, de­fi­nen­do «scel­le­ra­ti e ir­re­spon­sa­bi­li» i ge­ni­to­ri “no vax”, sen­za na­scon­de­re la sua po­si­zio­ne a fa­vo­re dei vac­ci­ni. Non lo aves­se mai fat­to. Con­tro di lui cen­ti­na­ia di im­pro­pe­ri e il bloc­co del suo pro­fi­lo Fa­ce­book. Una vi­cen­da che è di­ven­ta­ta il sim­bo­lo elo­quen­te del­la for­te ten­sio­ne tra isti­tu­zio­ni e cit­ta­di­ni in fat­to di vac­ci­na­zio­ni, con le Re­gio­ni che pro­ce­do­no in or­di­ne spar­so. A Gra­zia il sin­da­co rac­con­ta la sua bat­ta­glia isti­tu­zio­na­le e per­so­na­le a so­ste­gno del­la pro­fi­las­si: «Stia­mo gio­can­do una par­ti­ta cul­tu­ra­le trop­po im­por­tan­te. La co­sa spa­ven­to­sa è che l’evi­den­za scien­ti­fi­ca vie­ne mes­sa in di­scus­sio­ne an­che dal­la po­li­ti­ca, ge­ne­ran­do con­fu­sio­ne tra i ge­ni­to­ri». Che co­sa l’ha spin­ta a pren­de­re pub­bli­ca­men­te po­si­zio­ne in di­fe­sa dei vac­ci­ni? «Cre­do che la po­li­ti­ca deb­ba pen­sa­re so­lo al be­ne e al­la tu­te­la dei cit­ta­di­ni e che in fat­to di sa­lu­te si deb­ba at­te­ne­re a quel­lo che la scien­za e la me­di­ci­na ci di­co­no, cioè che i vac­ci­ni so­no fon­da­men­ta­li per la no­stra sa­lu­te e per quel­la de­gli al­tri. C’è an­che un’al­tra ra­gio­ne: da set­te an­ni so­no in pri­ma li­nea con l’as­so­cia­zio­ne Quel­li che... con Lu­ca, che com­bat­te con­tro la leu­ce­mia in­fan­ti­le. La sa­lu­te di tut­ti i bam­bi­ni mi sta a cuo­re, per que­sto di­co a chi può vac­ci­nar­si di far­lo, per­ché c’è la leg­ge, ma so­prat­tut­to per sen­so ci­vi­co». Im­ma­gi­na­va una rea­zio­ne co­sì for­te da par­te del po­po­lo dei “no vax”? «Mi aspet­ta­vo ci fos­se un di­bat­ti­to, mi ha in­ve­ce spaventato lo squa­dri­smo di que­sti in­di­vi­dui che han­no por­ta­to Fa­ce­book a bloc­ca­re il mio pro­fi­lo, dan­do adi­to al­la lo­ro idea di ri­dur­re al si­len­zio l’al­tro. Non mi pie­go a que­sta lo­gi­ca per­ché non de­ve vin­ce­re la dit­ta­tu­ra dell’in­di­vi­dua­li­smo, al­tri­men­ti sal­ta­no le re­go­le co­mu­ni del vi­ve­re in­sie­me. Li­ber­tà di scel­ta non si­gni­fi­ca “fac­cio quel­lo che mi pa­re” e la de­mo­cra­zia è il ri­spet­to del­le re­go­le ema­na­te dal­la mag­gio­ran­za, al­tri­men­ti di­ven­ta fol­lia». Per­ché il suo prof ilo Fa­ce­book è sta­to bloc­ca­to? «Ci so­no sta­te se­gna­la­zio­ni in mas­sa da par­te di uten­ti “no vax” che han­no por­ta­to al­la so­spen­sio­ne, per quat­tro gior­ni, del mio pro­fi­lo. Ho scrit­to a Fa­ce­book, ma non ho ri­ce­vu­to ri­spo­sta.Tro­vo pa­ra­dos­sa­le che ven­ga bloc­ca­to un uten­te che sta di­fen­den­do una leg­ge del­lo Sta­to e che ven­ga la­scia­ta pa­ro­la so­lo a chi dif­fon­de teo­rie an­ti­scien­ti­fi­che. Pen­so sia ne­ces­sa­rio re­go­la­re an­che que­sto ti­po di com­por­ta­men­ti in Re­te». De­nun­ce­rà chi l’ha in­sul­ta­ta? «Sì, lo fa­rò. Sto rac­co­glien­do tut­te le fra­si in­giu­rio­se e cre­do che la Po­li­zia po­sta­le stia già la­vo­ran­do. Ma più scor­ro i pro­fi­li dei miei odia­to­ri più ri­le­vo che si trat­ta di uten­ti ano­ni­mi o pro­fi­li fin­ti, dif­fi­ci­li da in­di­vi­dua­re. Non ho pau­ra per me, ma tro­vo inac­cet­ta­bi­le la vio­len­za che que­ste per­so­ne han­no ri­ser­va­to a co­lo­ro che pren­de­va­no le mie par­ti, scri­ven­do lo­ro mes­sag­gi pri­va­ti di mi­nac­cia». Co­me ver­rà ap­pli­ca­to il de­cre­to vac­ci­ni nel suo Co­mu­ne? «At­te­nen­do­ci al­la leg­ge. Gli alun­ni so­no tor­na­ti in clas­se e noi ab­bia­mo se­gui­to le nor­me. Pen­so che il de­cre­to avreb­be do­vu­to la­scia­re la ri­mo­zio­ne del­la pa­tria po­te­stà, o al­me­no met­ter­la in di­scus­sio­ne, per quei ge­ni­to­ri che van­no con­tro la leg­ge. Le isti­tu­zio­ni de­vo­no es­se­re le pri­me a da­re ai cit­ta­di­ni un mes­sag­gio chia­ro, li­nea­re e pu­li­to. Se ci spac­chia­mo al no­stro in­ter­no, pro­prio co­me vor­reb­be­ro i “no vax”, sa­re­mo spac­cia­ti».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.