Più pre­ven­ti­vi che con­fer­me in adv

Spa­gna e Gre­cia le fa­vo­ri­te, Ita­lia più co­sto­sa

Guida Viaggi - - Focus - S.V.

“Ba­li, Sardegna, cro­cie­re nel Me­di­ter­ra­neo, Sta­ti Uni­ti, Su­da­fri­ca, Islan­da, Ca­na­rie, Ca­na­da, In­do­ne­sia, Ecua­dor, Tan­za­nia, Na­mi­bia, an­co­ra Sardegna, Gre­cia e poi c’è an­che il Giap­po­ne”. Gian­car­lo Leo­nar­di, dell’agen­zia Kuo­ni Viag­gi di Lugano e re­spon­sa­bi­le ven­di­te Kuo­ni per il Ti­ci­no, è da­van­ti al suo ter­mi­na­le e sta guar­dan­do le par­ten­ze dal 18 giu­gno fi­no al­la fi­ne di ago­sto. Que­ste so­no so­lo al­cu­ne de­sti­na­zio­ni dal mer­ca­to del Can­ton Ti­ci­no ed of­fro­no uno spac­ca­to mol­to pre­ci­so del­le me­te che ven­go­no pre­se in con­si­de­ra­zio­ne. C’è un po’ di tut­to, cor­to, me­dio e lun­go rag­gio, ma quel­lo che bal­za all’oc­chio è che, nel­le scel­te out­going dei ti­ci­ne­si c’è, al mo­men­to, po­ca Ita­lia, ad ec­ce­zio­ne del­la Sardegna, che a det­ta del ma­na­ger, “è mol­to am­bi­ta per il Ma­re Ita­lia”. In­fat­ti, la ri­chie- sta ver­so la no­stra Pe­ni­so­la è orien­ta­ta piut­to­sto al bal­nea­re. Que­sto è lo scac­chie­re, in at­te­sa di un’esta­te che “non è an­co­ra de­col­la­ta, ma lo do­vreb­be es­se­re a bre­ve”, ag­giun­ge Leo­nar­di. Ora sì è più in una fa­se di pre­ven­ti­va­zio­ne per le va­can­ze bal­nea­ri, rin­ca­ra Pe­ter Leuen­ber­ger, ti­to­la­re dell’agen­zia Arca Viag­gi di Bi­ro­ni­co. At­ten­zio­ne, pe­rò, in quan­to l’Ita­lia ri­sul­ta es­se­re “an­co­ra più co­sto­sa ri­spet­to ad una va­can­za in Spa­gna e in Gre­cia. Ci so­no co­mun­que ri­chie­ste per il Tren­ti­no, il Chian­ti”, os­ser­va. Per­tan­to il fre­no ti­ra­to è det­ta­to più da mo­ti­vi eco­no­mi­ci.

Cor­sa a tre

Tra le me­te am­bi­te at­tua­li Leo­nar­di ci­ta le Mal­di­ve, ma non per l’esta­te, “te­ma mol­to ri­cor­ren­te, co­sì co­me Du­bai/Emi­ra­ti Ara­bi”. Seb­be­ne sia an­co­ra pre­sto im­ma­gi­nar­si qua­le po­trà es­se­re il trend, è ve­ro­si­mi­le pe­rò pen­sa­re ad una cor­sa ver­so Gre­cia, Spa­gna (Ca­na­rie e Ba­lea­ri) e Ita­lia. “Non c’è una gros­sa ri­chie­sta per la Tur­chia - sot­to­li­nea il ma­na­ger -, an­che se la co­sta

è idea­le per le fa­mi­glie”. E, se­con­do quan­to emer­so, an­che la Tu­ni­sia non rap­pre­sen­ta un te­ma ri­cor­ren­te per que­sto ba­ci­no, “co­sì co­me l’Egit­to”. E poi c’è il lun­go rag­gio, con Sta­ti Uni­ti e Ca­na­da.

Le fa­mi­glie

Quan­to al tar­get, le fa­mi­glie so­no an­co­ra in uno sta­to di at­te­sa. A pe­sa­re sul­le scel­te so­no per lo più “mo­ti­vi eco­no­mi­ci e la pau­ra di par­ti­re. La cri­si si sen­te”, ma se­con­do Leo­nar­di, il sen­ti­ment è dif­fe­ren­te ri­spet­to al­la si­tua­zio­ne in Ita­lia. “Le fa­mi­glie cer­ca­no i pre­no­ta pri­ma che ter­mi­na­no a fi­ne mar­zo - ag­giun­ge Leuen­ber­ger -. At­ten­do­no la so­lu­zio­ne mi­glio­re e co­sì i pre­ven­ti­vi so­no a io­sa, men­tre le con­fer­me so­no po­che”.

Po­co ad­van­ced

Tra le ca­rat­te­ri­sti­che del tu­ri­sta ti­ci­ne­se vi è che non pre­no­ta con lar­go an­ti­ci­po, se lo si pa­ra­go­na al­la Sviz­ze­ra te­de­sca, che ora sta pen­san­do al Na­ta­le. Pe­rò è “un tu­ri­sta che ha mol­ta fi­du­cia nel­le agen­zie”, sot­to­li­nea Leuen­ber­ger, e che quin­di si la­scia con­si­glia­re. In pra­ti­ca vi­ge uno sta­to di at­te­sa e il gros­so si avrà do­po Pa­squa che si con­fer­ma lo spar­tiac­que.

Ibi­za

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.