Da­ta­ge­st: Aves.net 3X ri­spo­sta al­la ri­chie­sta di fles­si­bi­li­tà

Aves.net 3X in­con­tra le ri­chie­ste di fles­si­bi­li­tà del mer­ca­to

Guida Viaggi - - Da Prima Pagina - P.Ba.

Con 70 nuo­vi clien­ti tra agen­zie e tour ope­ra­tor Da­ta­ge­st ha chiu­so il 2015 con un se­gno po­si­ti­vo, al­la stre­gua di mol­te so­cie­tà di tec­no­lo­gia, og­gi sem­pre più im­pe­gna­te nel­lo svi­lup­po di so­lu­zio­ni fles­si­bi­li per il tu­ri­smo. E la so­cie­tà di Pe­sa­ro, for­ni­to­re di azien­de me­dio-gran­di, ha de­ci­so di da­re una spin­ta rin­for­zan­do la strut­tu­ra ven­di­te con un nuo­vo sa­les ma­na­ger a Mi­la­no e do­ta­re il set­to­re che si oc­cu­pa del web in azien­da di nuo­vi stru­men­ti. Aves.net, il ge­stio­na­le che rea­liz­za, giun­ge al­la ver­sio­ne 3X do­ve la X sta per Xml. “C’è un in­ne­ga­bi­le ri­tor­no al­la pro­fes­sio­na­li­tà del tra­de, i due uni­ver­si (web e of­fli­ne) so­no coe­si: ci so­no sem­pre viag­gia­to­ri che vo­glio­no as­si­sten­za e con­fron­to con un esper­to, men­tre ciò che si ven­de fa­cil­men­te on­li­ne è con­so­li­da­to – ar­go­men­ta il Ceo, Michele Michele Rom­bal­do­ni Rom­bal­do­ni -. I due mon­di si so­no be­ne iden­ti­fi­ca­ti, ma in mez­zo è fon­da­men­ta­le un’in­ter­fac­cia Xml”. Di qui la nuo­va ver­sio­ne di Aves, do­ve dal Gds al chan­nel ma­na­ger per gli ho­tel l’in­te- gra­zio­ne con chiun­que è in­te­gra­ta al ge­stio­na­le, non è un sem­pli­ce link, per in­ten­der­ci. An­che i co­sti del soft­ware si so­no ade­gua­ti: “Per un pro­dot­to di qua­li­tà sia­mo più fles­si­bi­li nel prez­zo di pri­ma – os­ser­va Rom­bal­do­ni -. Vo­glia­mo sod­di­sfa­re le esi­gen­ze di mer­ca­to, ri­la­scian­do i mo­du­li che ser­vo­no e a ta­rif­fe mi­glio­ra­te”. Il por­ta­fo­glio clien­ti del­la so­cie­tà è di 300 tour ope­ra­tor, tra i qua­li i mag­gio­ri in­co­ming co­me Al­ba­tra­vel, Car­ra­ni Tours, Gta, e 500 agen­zie di viag­gio di tut­te le di­men­sio­ni.

Co­me rea­gi­re?

Co­sa sug­ge­ri­sce la tec­no­lo­gia per rea­gi­re ai con­ti­nui cam­bia­men­ti di scenario po­li­ti­co ed eco­no­mi­co che ren­do­no più dif­fi­ci­le pro­gram­ma­re viag­gi? “La ri­spo­sta di ri­to sa­reb­be adot­ta­re so­lu­zio­ni evo- lu­te co­me Aves, ma non per tut­ti la ri­spo­sta ri­sie­de nell’IT - os­ser­va Rom­bal­do­ni -. La ri­spo­sta uni­ver­sa­le a mio av­vi­so è già nel­la do­man­da: oc­cor­re “rea­gi­re”, adot­ta­re azio­ni con­cre­te per con­tra­sta­re la si­tua­zio­ne”. Ban­di­re fra­si co­me “ab­bia­mo fat­to sem­pre co­sì e ha fun­zio­na­to”, tro­va­re pro­dot­ti nuo­vi, ma ri­pren­de­re an­che so­lu­zio­ni vec­chie “scar­ta­te ie­ri, ri­tor­na­no adat­te og­gi”. Co­glie­re i se­gna­li, que­sto sug­ge­ri­sce il boss di Da­ta­ge­st: “Va di moda Ma­ster­Chef e quel­lo che di­co­no quei giu­di­ci va­le in ogni cam­po: non im­por­ta quel­lo che cu­ci­ni, ma la co­no­scen­za del­la ma­te­ria pri­ma, de­gli stru­men­ti, del ter­ri­to­rio e del­le ri­cet­te del pas­sa­to. Poi crea­ti­vi­tà e spe­ri­men­ta­zio­ne. So­prat­tut­to as­sag­gia­re tut­to, di per­so­na, a ogni pas­sag­gio. In­fi­ne, cu­ra­re la pre­sen­ta­zio­ne”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.