Lon­ta­no dai luo­ghi co­mu­ni

La Ro­ma­nia ha com­piu­to pas­si da gi­gan­te in ter­mi­ni di in­fra­strut­tu­re, ha rin­no­va­to ca­se e mo­nu­men­ti, uti­liz­zan­do al mas­si­mo i fon­di eu­ro­pei

Guida Viaggi - - Provati Per Voi -

La pre­si­den­te dell’Au­to­ri­tà na­zio­na­le per il Tu­ri­smo del­la Ro­ma­nia, An­ca Pa­vel-Ne­dea, la­vo­ra per cam­bia­re la per­ce­zio­ne del suo Pae­se in Ita­lia. Già il fat­to che Bu­ca­re­st, per esem­pio, ab­bia me­ri­ta­to, lo scor­so an­no, il ti­to­lo di cit­tà più pu­li­ta d'Eu­ro­pa, che il Pil cre­sca ogni an­no a dop­pia ci­fra, che si pos­sa gi­ra­re di not­te e di gior­no in si­cu­rez­za, che la mag­gior par­te dei gio­va­ni del­le gran­di cit­tà sia lau­rea­ta con tan­to di ma­ster e par­li cor­ren­te­men­te l'in­gle­se, so­no tut­ti ele­men­ti con­cre­ti che qui in Ita­lia non so­no an­co­ra per­ce­pi­ti, an­zi so­no to­tal­men­te igno­ra­ti.

Le as­so­cia­zio­ni

La cro­na­ca, a vol­te, non aiu­ta, ma ge­ne­ra­liz­za­re è pro­fon­da­men­te sba­glia­to. I luo­ghi co­mu­ni, il fat­to che ai ro­me­ni si as­so­ci la co­mu­ni­tà dei rom, fat­to che di­stur­ba non po­co i ro­me­ni, che po­co pos­so­no fa­re se non sot­to­li­nea­re che la Ro­ma­nia con i rom non c'en­tra nul­la e che so­no lo­ro stes­si a su­bi­re e che se c'è un le­ga­me ve­ro, quel­lo, co­me ci rac­con­ta la sto­ria, è l'ap­par­te­nen­za con i ro­ma­ni, che con a ca­po l'im­pe­ra­to­re Tra­ia­no la con­qui­sta­ro­no un se­co­lo do­po Cri­sto. E la lu­pa e il sim­bo­lo di Ro­ma, S.P.Q.R. Se­na­tus Po­pu­lu­sque Ro­ma­nus, quel­lo che a Ro­ma il sin­da­co Ma­ri­no ave­va ri­te­nu­to ob­so­le­to e so­sti­tui­to con un lo­go più smart, “Ro­me, you and me”, qui è ben in vi­sta nel mo­nu­men­to che rap­pre­sen­ta la lu­pa che al­lat­ta Ro­mo­lo e Re­mo, in me­mo­ria del­le con­qui­ste di Ro­ma di due­mi­la an­ni fa. La stes­sa lin­gua, il ro­me­no, è di ori­gi­ne neo­la­ti­na, con nu­me­ro­se pa­ro­le si­mi­li e una fa­ci­li­tà di com­pren­sio­ne ina­spet­ta­ta. In ef­fet­ti, os­ser­van­do at­ten­ta­men­te, ve­dia­mo un Pae­se - l' en­tra­ta nel­la Na­to ri­sa­le al 2004 e quel­la in Eu­ro­pa nel 2007 - che ne­gli ul­ti­mi an­ni ha com­piu­to pas­si da gi­gan­te sul­le in­fra­strut­tu­re, ha ri­pu­li­to ca­se e mo­nu­men­ti, ha uti­liz­za­to al mas­si­mo i fon­di eu­ro­pei, ha pun­ta­to an­che sul con­gres­sua­le di­ven­tan­do non so­lo con­cor­ren­zia­le, ma an­che pre­fe­ren­zia­le per via dei co­sti più con­te­nu­ti ri­spet­to ad al­tri Sta­ti eu­ro­pei.

L’aspet­to del­le cit­tà

La Ro­ma­nia non ha an­co­ra adot­ta­to l'eu­ro, in quan­to l'Eu­ro­pa non ha da­to il be­ne­sta­re, ma la mo­ne­ta eu­ro­pea vie­ne ac­cet­ta­ta ben vo­len­tie­ri da qua­si tut­ti i com­mer­cian­ti. Da non tra­scu­ra­re, l'abi­tu­di­ne a non spor­ca­re, vuoi per le pre­gres­se abi­tu­di­ni di un re­gi­me che pro­prio non lo con­sen­ti­va, vuoi per amo­re del pro­prio Pae­se. Il ri­sul­ta­to è che dap­per­tut­to, da Bu­ca­re­st al­le cit­tà più pic­co­le, tut­to è or­di­na­to e pu­li­to. Non par­lia­mo poi dei siti tu­ri­sti­ci e sto­ri­ci, do­ve ad­det­ti al­la pu­li­zia gi­ra­no con le sco­pe in ma­no e ri­muo­vo­no qual­sia­si co­sa fi­ni­sca per ter­ra. Le mac­chi­ne ral­len­ta­no in pros­si­mi­tà del­le stri­sce pe­do­na­li, i clac­son re­sta­no mu­ti e tut­to fi­la li­scio. E' ve­ro che ci so­no mol­te for­ze di po­li­zia che vi­gi­la­no ovun­que e che ser­vo­no da fre­no, ma, ben ven­ga­no, se tut­to ciò ser­ve al­la si­cu­rez­za co­mu­ne. Det­to que­sto, la Ro­ma­nia è un Pae­se che dal pun­to di vi­sta tu­ri­sti­co met­te sul piat­to del­le of­fer­te pro­po­ste clas­si­che e inos­si­da­bi­li co­me il ca­stel­lo di Bran, no­to co­me il ca­stel­lo di Dra­cu­la, i mo­na- ste­ri af­fre­sca­ti del­la Bu­co­vi­na, il ca­stel­lo di Pe­les, la splen­di­da Si­biu, la cit­tà for­ti­fi­ca­ta di Al­ba Ju­lia e da qual­che an­no sta en­tran­do nei ca­ta­lo­ghi dei tour ope­ra­tor an­che la mi­nie­ra di sa­le di Tur­da, in Tran­sil­va­nia. La mi­nie­ra, sco­per­ta ad­di­rit­tu­ra nel 50 a. C. e uti­liz­za­ta fi­no al 1932 per l'estra­zio­ne del sa­le, è sta­ta aper­ta al pub­bli­co nel 1992 ed è un luo­go si­cu­ra­men­te emo­zio­na­le e di gran­de at­trat­ti­va. All'in­ter­no è sta­to crea­to an­che un par­co di di­ver­ti­men­ti per pic­co­li con tan­to di ruo­ta pa­no­ra­mi­ca. Si scen­de a 250 me­tri di pro­fon- di­tà, fi­no al la­go sa­la­to do­ve si può fa­re an­che un gi­ret­to in bar­ca. Più si scen­de, più si av­ver­te che la tem­pe­ra­tu­ra di­ven­ta sem­pre più ri­gi­da, ma l'aria che si re­spi­ra è cu­ra­ti­va per la pre­sen­za di ae­ro­sol e la man­can­za di al­ler­ge­ni. Un'al­tra chic­ca è la cit­tà di Al­ba Ju­lia, che, re­stau­ra­ta e re­sti­tui­ta ai vi­si­ta­to­ri nel 2013, re­ga­la mil­le emo­zio­ni. Cit­tà for­ti­fi­ca­ta, fon­da­ta dai Ro­ma­ni nel se­con­do se­co­lo d.C., eb­be nu­me­ro­se vi­cis­si­tu­di­ni. I tar­ta­ri la di­strus­se­ro nel 1241, ma fu ri­co­strui­ta tra il XVI e il XVII se­co­lo e fu se­de dei prin­ci­pi di Tran­sil­va­nia. E' con­si­de­ra­ta dai ro­me­ni la ca­pi­ta­le mo­ra­le del Pae­se, an­che per­ché qui, all'ini­zio del No­ve­cen­to, fu in­co­ro­na­to Re Fer­di­nan­do I, pri­mo mo­nar­ca del­la Ro­ma­nia. Tri­pAd­vi­sor la elen­ca tra le die­ci cit­tà del mon­do da vi­si­ta­re nel 2016. E poi Si­biu, la cit­tà de­gli oc­chi, per quel­le fi­ne­stre ab­bai­no a for­ma ova­le che so­no una del­le sue ca­rat­te­ri­sti­che. Ca­pi­ta­le eu­ro­pea del­la cul­tu­ra nel 2007 è una del­le cit­tà mu­ra­te me­glio con­ser­va­te e van­ta un cen­tro sto­ri­co a dir po­co per­fet­to con tre piaz­ze in­ter­se­ca­te una nell'al­tra, con nu­me­ro­sis­si­mi bar e ri­sto­ran­ti do­ve os­ser­va­re la vi­ta dei lo­ca­li e go­de­re del­la vi­sta dei pa­laz­zi che la com­pon­go­no, tra cui pa­laz­zo Bru­ken­thal, se­de di un pre­sti­gio­so mu­seo. A.To.

Bu­ca­re­st

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.