Qual­che do­man­da a Fa­bio Fa­zio

Sui com­pen­si re­sta­no trop­pi mi­ste­ri

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » SELVAGGIA LUCARELLI

In­tan­to

fac­cia­mo a ca­pir­ci. Per me, lo sti­pen­dio di Fa­zio, non è un pro­ble­ma mo­ra­li­sti­co. “Se glie­li dan­no, fa be­ne a pren­der­se­li” di­reb­be un mio zio ge­no­ve­se. Non sof­fro di in­vi­dia so­cia­le, so­no al­ler­gi­ca a que­st’at­mo­sfe­ra trotz­ki­sta del­la se­rie “Gli ita­lia­ni fan­no fa­ti­ca ad ar­ri­va­re a fi­ne me­se e Fa­zio…”. Tra l’al­tro, tut­ti a por­si do­man­de sul­lo sti- pen­dio di Fa­zio e nes­su­no che si pon­ga la ve­ra que­stio­ne: quan­to gua­da­gna Fi­lip­pa La­ger­back per di­re “Gra­zie per es­se­re sta­ti con noi, ci ve­dia­mo do­ma­ni”? Di­ce­vo, non è una que­stio­ne mo­ra­li­sti­ca. È so­lo una que­stio­ne di one­stà e tra­spa­ren­za. Di do­man­de che so­no sta­te po­ste, a cui so­no sta­te da­te ri­spo­ste mon­che. E di tem­pi.

Co­sa si aspet­ta­va Fa­zio, che in un mo­men­to in cui ai col­le­ghi si chie­de di ti­ra­re la cin­ghia, a lui la al­lun­ga­no di sei me­tri e tut­ti zit­ti? Ca­ro Fa­zio, io di­rei che è ve­nu­to il mo­men­to di met­te­re a ta­ce­re vo­ci e il­la­zio­ni. Im­ma­gi­na­ti ospi­te del tuo pro­gram­ma. Im­ma­gi­na l’en­tra­ta in stu­dio con ap­plau­si da sta­dio e un con­dut­to­re che ini­zia a in­cal­zar­ti con do­man­de fic­can­ti, drit­te, asciut­te e caz­zu­te. In­som­ma, im­ma­gi­na­ti ospi­te del tuo pro­gram­ma, ma non in­ter­vi­sta­to da te. E se pen­si che tut­to que­sto ac­ca­ni­men­to deb­ba fi­ni­re ( io pen­so che sì, qua e là ci sia an­che sta­to dell’ac­ca­ni­men­to), se pen­si che ci sia gen­te che me­ri­ta del­le ri­spo­ste se­rie e pun­tua­li, ri­spon­di a que­ste do­man­de:

1.

Quan­do twit­ta­vi “In una tv che cam­bia bi­so­gna as­su­mer­si nuo­vi ri­schi e nuo­ve re­spon­sa­bi­li­tà. D’ora in poi vor­rei es­se­re pro­dut­to­re di me s te ss o” non ti sem­bra che man­cas­se un pas­sag­gio? Nuo­vi ri­schi, nuo­ve re­spon­sa­bi­li­tà ma an­che nuo­vi gua­da­gni. Mi­ca per al­tro, mes­sa co­sì pa­re che tu vo­glia pro­dur­re te stes­so per pa­ti­re, per spa­rar­ti vo­lon­ta­ria­men­te nel­le bal­le. No, tu ti au­to­pro­du­ci per­ché vuoi cor­re­re il ri­schio di flop­pa­re ma an­che quel­lo, even­tua­le, di com­prar­ti una vil­la al ma­re. Non era più one­sto di­re che è un sal­to nel buio, ma pu­re nel­la pi­sci­na di Pa­pe­ron de’ Pa­pe­ro­ni?

2.

Sei un uo­mo di si­ni­stra, pa­re. Gua­da­gni, per tua am­mis­sio­ne, 2 mi­lio­ni e 240 000 eu­ro l’an­no. Qua­si 9 per quat­tro an­ni. So­no tan­ti. È pie­no di so­cie­tà di pro­du­zio­ne ester­ne che han­no bi­so­gno di la­vo­ra­re, di sti­pen­dia­re gen­te, di so­prav­vi­ve­re. Im­ma­gi­na se tut­ti i con­dut­to­ri Rai de­ci­des­se­ro che ri­man­go­no al ti­mo­ne del lo­ro pro­gram­ma so­lo se pos­so­no au­to­pro­dur­se­lo co­me hai fat­to tu. Crean­do so­cie­tà nuo­ve di zec­ca co­me la tua Of­fi­ci­na (di cui sei so­cio al 50 per cen­to) . A par­te il to­no va­ga­men­te ri­cat­ta­to­rio del­la fac­cen­da, non tro­vi che a Marx, dall’al­di­là, un po­chi­no, ma so­lo un po­chi­no eh, gi­ri­no i ma­ro­ni?

3.

Il pun­to fon­da­men­ta­le è il tuo rea­le gua­da­gno. Ci hai det­to che co­me con­dut­to­re è di 2 mi­lio­ni e 240 000 eu­ro l’an­no. È ve­ro che, co­me scri­ve il de­pu­ta­to Pd Mi­che­le An­zal­di, ne gua­da­gni al­tri 704 mi­la a sta­gio­ne per i di­rit­ti del for­mat? E per­ché ti di­men­ti­chi di dir­ce­lo? Te li pa­ga­no in buo­ni da Ga­me Stop?

4.

Ce lo spie­ghi il for­mat di Che tem­po che fa? Vor­rei leg­ge­re la pa­gi­net­ta de­po­si­ta­ta al­la Siae. Che so: “Il con­dut­to­re si sie­de a un ta­vo­lo, en­tra l’ospi­te, l’in­ter­vi­sta­to­re lo in­ter­vi­sta, fi­ni­sce l’in­ter­vi­sta, ne en­tra un al­tro. Fi­ni­sce, ne en­tra un al­tro, poi un al­tro”. Pra­ti­ca­men­te è il for­mat di una ca­te­na di mon­tag­gio. Fos­si un fi­glio di Hen­ry Ford io chie­de­rei i di­rit­ti a te, al­tro che te al­la Rai.

5.

Ti sei di­men­ti­ca­to an­che di dir­ci che gua­da­gni dai di­rit­ti Siae (pa­re cir­ca 400.000 eu­ro l’an­no) Ep­pu­re Al­do Caz­zul­lo, che ti ha in­ter­vi­sta­to sul Cor­rie­re, te l’ha chie­sto in un ita­lia­no com­pren­si­bi­le pu­re da An­to­nio Raz­zi. “Lei quan­to gua­da­gna?”. Una ri­spo­sta one­sta era, per esem­pio: “Da con­dut­to­re 2 mi­lio­ni e 240 mi­la eu­ro a cui na­tu­ral­men­te van­no ag­giun­ti i gua­da­gni dei di­rit­ti del for­mat, del­la Siae e del­la pro­du­zio­ne di cui fac­cio par­te”. Cri­stal­li­no. Pu­re se non spe­ci­fi­ca­vi le ci­fre. Al­tri­men­ti è un po’ co­me “Mi hai tra­di­to?”.“Mai”(il li­mo­ne in ascen­so­re con la se­gre­ta­ria mi­ca è tra­di­men­to). Ec­co. Tan­to i sol­di del­la Siae, di­rit­ti e pro­du­zio­ne mi­ca so­no gua­da­gni pu­re quel­li.

6.

Ve­nia­mo al­la pro­du­zio­ne. (del­la tua Of­fi­ci­na). Il pro­gram­ma co­sta 450.000 eu­ro a pun­ta­ta. Di­ci, sem­pre a Caz­zul­lo, che co­sta me­no di un va­rie­tà e di una fic­tion. E gra­zie. Una scri­va­nia, qual­che ospi­te, gli au­to­ri, Lu­cia­na Lit­tiz­zet­to e la La­ger­back che di­ce “A do­ma­ni!” e do­vreb­be co­sta­re co­me Go­mor­ra?

O tu e Mas­si­mo Gra­mel­li­ni co­min­cia­te a im­prov­vi­sa­re del­le fin­te spa­ra­to­rie in stu­dio o di­rei che ci sta che co­sti me­no. Co­mun­que 450.000 per 64 pun­ta­te l’an­no so­no 28 mi­lio­ni di eu­ro cir­ca. Per 4 an­ni so­no 115 mi­lio­ni di eu­ro. Se non vuoi dir­ci quan­to è il tuo gua­da­gno ( ipo­tiz­zia­mo il 10%? Quin­di po­tre­sti in­ta­scar­ti al­tri 11 mi­lio­ni e mez­zo in 4 an­ni), al­me­no non omet­te­re que­sta vo­ce.

7.

Le 64 pun­ta­te so­no 32 +32, ov­ve­ro 32 pun­ta­te da 3 ore la do­me­ni­ca e 32 da un’ora il lu­ne­dì se­ra. Co­me mai co­sta 450.000 mi­la eu­ro an­che la pun­ta­ta da un’ora? Che suc­ce­de in quell’ora? Tra­smet­te­te dal­la sta­zio­ne spa­zia­le or­bi­tan­te?

8.

Ini­zial­men­te si di­ce­va che la Rai gua­da­gnas­se con la pub­bli­ci­tà dal tuo pro­gram­ma. Ora hai di­chia­ra­to: “Il pro­gram­ma è pres­so­ché to­tal­men­te ri­pa­ga­to dal­la pub­bli­ci­tà”. Che è la ver­sio­ne mo­der­na del mi­ti­co “So no com­ple­ta­men­te d’ac­cor­do a me­tà col mi­ster!” di gar­zya­na me­mo­ria. Ma quan­to e in che mo­do par­te­ci­pa la Rai al­la pro­du­zio­ne del pro­gram­ma? Per­ché im­ma­gi­no che gli im­pian­ti, tan­to per ci­ta­re una del­le tan­te vo­ci che com­pe­to­no al­la Rai, non te li ca­ri­che­rai tu sul fur­gon­ci­no la mat­ti­na.

9.

Sei pas­sa­to a Rai1. Rai3 so­sti­tui­sce Che tem­po che fa­con una mi­ni-fic­tion che se va be­ne fa­rà il 5%. Quin­di non cre­do che ven­de­rà mol­ta pub­bli­ci­tà in quel­lo spa­zio. Sei an­co­ra cer­to che la Rai, a guar­da­re que­sta ope­ra­zio­ne nel com­ples­so, ci gua­da­gni o si ri­pa­ghi i co­sti? Si­cu­ro si­cu­ro? 10.

E in­fi­ne lo share. Hai det­to che Rai1, nel­lo spa­zio che vai a oc­cu­pa­re, og­gi fa una me­dia del 15%. Pe­rò di­chia­ri che an­che fa­re il 13% con un pro­gram­ma di pa­ro­le sa­reb­be un suc­ces­so. A par­te che non ho mai vi­sto met­te­re co­sì tan­to le ma­ni avan­ti nep­pu­re a Ren­zi quan­do ha det­to “Le Re­gio­na­li in Si­ci­lia non so­no un te­st na­zio­na­le”, Da­vi­de Mag­gio di da­vi­de­mag­gio.it fa no­ta­re che la me­dia di re­te in quel­lo spa­zio è del 18%. Per­ché con i nu­me­ri – che si trat­ti di sti­pen­dio o di share – hai tut­ti que­sti pro­ble­mi? Hai avu­to il ma­te­ma­ti­co Fu­rio Hon­sell ospi­te fis­so a Che tem­po che fa, qual­co­si­na avre­sti do­vu­to im­pa­rar­la.

11.

E in­fi­ne, la do­man­da più im­por­tan­te: ti ser­ve mi­ca un’au­tri­ce?

“CHE TEM­PO CHE FA”

È ve­ro che ai com­pen­si da con­dut­to­re si ag­giun­go­no al­tri 700.000 eu­ro all’an­no co­me ti­to­la­re del for­mat?

TROP­PO OTTIMISTI

An­che se lo share fos­se al­to, sia­mo si­cu­ri che per la tv pub­bli­ca sia un af­fa­re vi­sto che Rai3 per­de­rà ri­ca­vi? Il pro­gram­ma co­sta tut­to com­pre­so 450 mi­la eu­ro a pun­ta­ta La me­tà di qua­lun­que va­rie­tà, mol­to me­no di qual­sia­si fic­tion

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.