Nobel e scien­zia­ti: “L’uni­ver­si­tà ita­lia­na se­ga i cer­vel­li mi­glio­ri”

Re­go­le as­sur­de esclu­do­no i no­stri fi­si­ci dal­le cat­te­dre”

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » LO­REN­ZO VENDEMIALE

■La let­te­ra-pro­te­sta al mi­ni­stro Fe­de­li. Fi­ren­ze, in­chie­sta su Di­rit­to tri­bu­ta­rio: “Un can­di­da­to of­fre op­por­tu­ni­tà ac­ca­de­mi­che a un pro­fes­so­re in cam­bio del suo vo­to per l’abi­li­ta­zio­ne. L’al­tro ac­cet­ta ma chie­de a sua vol­ta di fa­re pres­sio­ni su due com­mis­sa­ri”

Iso­la­ti. Mob­biz­za­ti sul la­vo­ro, co­stret­ti ad an­da­re da uno psi­co­lo­go, a ti­ra­re la cin­ghia per so­ste­ne­re le spe­se le­ga­li e an­ni di pro­ces­si. De­nun­cia­re il ma­laf­fa­re, di­ven­ta­re un whi­stle­blo­wer ha un “prez­zo di vi­ta al­tis­si­mo”. Ma ne va­le la pe­na sem­pre, per il sem­pli­ce motivo che “è la co­sa giu­sta da fa­re”.

Phi­lip La­ro­ma, il ri­cer­ca­to­re fio­ren­ti­no che ha de­nun­cia­to gli abu­si su­bì­ti dan­do il là all’in­chie­sta che ha coin­vol­to al­cu­ni dei principali “ba­ro­ni” del di­rit­to tri­bu­ta­to­rio, non è so­lo. Tan­te in­da­gi­ni su cor­ru­zio­ne e il­le­ci­ti nel­la Pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne (e non) so­no na­te dal­le ri­ve­la­zio­ni di sem­pli­ci dipendenti e fun­zio­na­ri.

Il ca­so più re­cen­te, e se vo­glia­mo an­che il più si­mi­le, è quel­lo di Giulia Ro­ma­no: an­che lei ri­cer­ca­tri­ce, an­che lei di un’uni­ver­si­tà to­sca­na, an­che lei stu­fa di ve­der­si pas­sa­re da­van­ti gen­te me­no pre­pa­ra­ta. E per que­sto pron­ta ad an­da­re in Pro­cu­ra con una registrazione, sta­vol­ta per un con­cor­so ri­te­nu­to cu­ci­to su mi­su­ra e in­fat­ti pun­tual­men­te vin­to da un suo col­le­ga.

È suc­ces­so a Pi­sa lo scor­so lu­glio: a di­stan­za di po­chi me­si è sta­ta aper­ta un’in­chie­sta. Giulia non si è pen­ti­ta del­la sua decisione ma ne ha sco­per­to le con­se­guen­ze: “Il pro­ble­ma non è la de­nun­cia in sé: in quel mo­men­to la rab­bia e l’in­di­gna­zio­ne per i so­pru­si su­bì­ti ti dan­no la for­za. Il pro­ble­ma è quel­lo che vie­ne do­po, il con­te­sto in cui ti ri­tro­vi: an­da­re in fa­col­tà è di­ven­ta­to un in­cu­bo, una sen­sa­zio­ne che non au­gu­ro a nes­su­no”. È il si­ste­ma che fa qua­dra­to con­tro chi vuo­le rom­pe­re gli in­gra­nag­gi di un mec­ca­ni­smo col­lau­da­to: “L’uni­ver­si­tà ha av­via­to so­lo un pro­ce­di­men­to eti­co a ca­ri­co dei re­spon­sa­bi­li che do­po un me­se è sta­to so­spe­so, il pro­ce­di­men­to di­sci­pli­na­re non è nean­che mai par­ti­to. Mi aspet­ta­vo al­me­no un segnale, in­ve­ce nul­la, nean­che una te­le­fo­na­ta di so­li­da­rie­tà da par­te dell’isti­tu­zio­ne”.

Le pa­ro­le di chi ha de­ci­so di fa­re il gran­de pas­so so­no tut­te ab­ba­stan­za si­mi­li. Non so­no mol­ti, ma nep­pu­re po­che mo­sche bian­che. Co­mu­ni, Re­gio­ni e mi­ni­ste­ri, ospe­da­li e uni­ver­si­tà, so­cie­tà pub­bli­che o pri­va­te: ogni settore ha il suo pre­ce­den­te. Per­si­no il mon­do del pal­lo­ne: la vi­cen­da di Si­mo­ne Farina – il gio­ca­to­re che nel 2011 ri­fiu­tò 200 mi­la eu­ro per truc­ca­re una ga­ra e con il suo ge­sto in­ne­scò uno dei fi­lo­ni d’in­chie­sta sul cal­cio­scom­mes­se – è fi­ni­ta sul­le pri­me pa­gi­ne dei gior­na­li di tut­to il mon­do. An­che lui, pe- rò, do­po il mo­men­to di ce­le­bri­tà non ri­chie­sto, ha in­con­tra­to pro­ble­mi e ha do­vu­to ri­ti­rar­si a so­li 30 an­ni dall’at­ti­vi­tà ago­ni­sti­ca. Fi­gu­ria­mo­ci gli al­tri, che non fan­no i cal­cia­to­ri e de­vo­no tor­na­re al­la lo­ro “vi­ta nor­ma­le” so­lo più dif­fi­ci­le di co­me l’ave­va­no la­scia­ta.

Lo sa be­ne An­drea Fran­zos o, ex fun­zio­na­rio del­le Fer­ro­vie Nord di Mi­la­no, a cui nel 2015 era sta­to chie­sto di “am­mor­bi­di­re” un rap­por­to da cui emer­ge­va l’uti­liz­zo di sol­di dell’azien­da a fi­ni per­so­na­li da par­te dell’al­lo­ra pre­si­den­te. Il pro­ces­so per pe­cu­la­to è in cor­so, lui in­tan­to ha cam­bia­to la­vo­ro: “S on o sta­to tra­sfe­ri­to in un uf­fi­cio crea­to ad hoc per me, sen­za com­pi­ti di con­trol­lo. Pas­sa­vo la gior­na­ta a leg­ge­re, mi ave­va­no fat­to ter­ra bru­cia­ta pure a men­sa. Al­la fine me ne so­no an­da­to: ho pa­ga­to un prez­zo al­to, ma lo ri­fa­rei an­che do­man i”, con­clu­de si­cu­ro. Su que­sto so­no tut­ti d’ac­cor­do.

“Di­re che non con­vie­ne è di­re po­co, ma le co­se non si fan­no sem­pre per con­ve­nien­za”, spie­ga Ornella Pi­red­da, su­per­te­sti­mo­ne dell’in­chie­sta sui fon­di ai grup­pi con­si­lia­ri in Re­gio­ne Sar­de­gna (a feb­bra­io scor­so 13 con­si­glie­ri so­no sta­ti con­dan­na­ti per le “spe­se pazze”, men­tre è ca­du­ta l’ac­cu­sa per mob­bing nei con­fron­ti del­la di­pen­den­te). “Avrei vo­lu­to ave­re più so­ste­gno: do­po la de­nun­cia nes­su­no mi ha aiu­ta­ta, for­se so­lo la stam­pa. La leg­ge do­vreb­be tu­te­lar­ci di più”.

Lo pen­sa an­che Vi­to Sa­ba­to, fun­zio­na­rio del Co­mu­ne di Pa­via che an­ni fa ave­va de­nun­cia­to al­cu­ni ap­pal­ti gon­fia­ti. “L’am­mi­ni­stra­zio­ne ci dà man­gia­re, dob­bia­mo fa­re quel­lo che ci di­co­no lo­ro”, gli ave­va in­ti­ma­to il suo su­pe­rio­re. “Ma io ho sem­pre pen­sa­to che ai dipendenti pub­bli­ci lo sti­pen­dio lo pa­ga­no i cit­ta­di­ni, e so­no an­da­to in Pro­cu­ra”. Nel 2014 la vi­cen­da è fi­ni­ta pre­scrit­ta in Cas­sa­zio­ne la­scian­do­lo un po’ con l’ama­ro in boc­ca: “Io stes­so nel pro­ces­so non ho po­tu­to te­sti­mo­nia­re per­ché ri­sul­ta­vo in­da­ga­to, do­po che il di­ri­gen­te ave­va pre­sen­ta­to de­nun­cia per ca­lun­nia a mio ca­ri­co: è un al­tro dei mo­ti­vi che cer­to non in­du­ce a com­bat­te­re il ma­laf­fa­re”.

“Le dif­fi­col­tà so­no tan­te: le pic­co­le e gran­di ri­tor­sio­ni s ul l ’ am­bien­te di la­vo­ro, le spe­se le­ga­li, il tem­po sot­trat­to al­la tua vi­ta”, con­clu­de la ri­cer­ca­tri­ce Ro­ma­no. Lan­cian­do an­che una pro­po­sta: “Ci vor­reb­be­ro de­gli or­ga­ni­smi in­ter­ni al­le isti­tu­zio­ni o al­le azien­de, a cui ri­vol­ger­si in que- sti ca­si, che fa­ces­se­ro lo­ro in pri­ma per­so­na le de­nun­cia, co­sì da sgra­va­re i de­nun­cian­ti di tut­te le con­se­guen­ze”.

In­tan­to si tie­ne du­ro, si spe­ra nel­la giu­sti­zia, si pro­va a far re­te (co­me ad esem­pio Ri­par­te il fu­tu­ro, as­so­cia­zio­ne che com­bat­te la cor­ru­zio­ne), per­ché “l’unio­ne fa la for-

GIULIA RO­MA­NO

Il pro­ble­ma non è de­ci­de­re di par­la­re, lì la rab­bia ti dà la for­za. Il pro­ble­ma è do­po: un in­cu­bo tor­na­re in fa­col­tà

za”. Ca­te­ri­na Ug­gè, fun­zio­na­ria del Co­mu­ne di Lo­di che nel 2016 ha de­nun­cia­to il sin­da­co Pd (ar­re­sta­to e ora a pro­ces­so per tur­ba­ti­va d’asta), si man­tie­ne pru­den­te. Non ha gran vo­glia di par­la­re: “Vo­glio ve­de­re co­me va a fi­ni­re pri­ma di fa­re un bi­lan­cio. Ma una co­sa pos­so dir­la: leg­ge­re la sto­ria di Phi­lip La­ro­ma mi ha fat­to pia­ce­re. Mi ha fat­to ca­pi­re che non so­no so­la”

“Spe­se pazze” Ornella Pi­red­da ex Re­gio­ne Sar­de­gna

Cal­cio­scom­mes­se Si­mo­ne Farina, ex gio­ca­to­re del Gub­bio

Fer­ro­vie An­drea Fran­zo­so, ex fun­zio­na­rio di Fer­ro­vieNord

“Ap­pal­ti gon­fia­ti” Vi­to Sa­ba­to, ingegnere del Co­mu­ne di Pa­via

Con­tro i ba­ro­ni Phi­lip La­ro­ma, ri­cer­ca­to­re di Fi­ren­ze

“Con­cor­so su mi­su­ra” Giulia Ro­ma­no, ri­cer­ca­tri­ce a Pi­sa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.