Te­ma “Il mae­stro Bian­chi”

(Con­tro quel­la ca­ga­ta paz­ze­sca dei re­fe­ren­dum per l’au­to­no­mia del­la Lom­bar­dia e del Ve­ne­to e per abo­li­re lo sta­tu­to spe­cia­le del­le re­gio­ni che l’han­no già)

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - AL­DO BU­SI

(Con­tro quel­la ca­ga­ta paz­ze­sca dei re­fe­ren­dum per l’au­to­no­mia del­la Lom­bar­dia e del Ve­ne­to e per abo­li­re lo sta­tu­to spe­cia­le del­le re­gio­ni che l’han­no già

Il mae­stro Bian­chi era il mae­stro Bian­chi e, co­me pri­ma di lui la mae­stra Poz­zi e do­po di lui il mae­stro Tu­rel­li, non ave­va no­me, era il mae­stro Bian­chi e ba­sta, e an­ch’io mi­ca ero Al­do, ero o Bu­si o Bar­bì, il fi­glio­li­no del­la ca­pra per via dei miei ca­pel­li ric­cio­li­ni, nes­su­no si chia­ma­va per no­me a quel tem­po, don­ne a par­te e so­lo tra di lo­ro fac­cia a fac­cia, tan­to si chia­ma­va­no qua­si tut­te Ma­riô, e se non ci si chia­ma­va per co­gno­me era per no­mi­gno­lo, Bèk, Po­la­strel, Ciae­lô, Go­sa­tù, Re­scàt, Bè­lô­fi­gô, sem­pre per un uo­mo.

Era­va­mo più la ra­di­ce che la gem­ma, ci suo­na­va stor­to se qual­cu­no nel de­cli­na­re le pro­prie ge­ne­ra­li­tà osa­va an­te­por­re al co­gno­me il no­me che per pu­do­re an­da­va po­spo­sto, e per la fu­sio­ne del­la ra­di­ce con la gem­ma nel frut­to c’era tut­to il tem­po. Io mi so­no re­so con­to che si chia­ma­va Ago­sti­no so­lo de­cen­ni do­po, dal suo coin­vol­gi­men­to nel fon­da­re e al­le­sti­re - da san­gui­gno, sup­pon­go, par­ti­gia­no mai ex - il Mu­seo Sto­ri­co del Ri­sor­gi­men­to nell’ab­si­de del­la Chie­sa del Suf­fra­gio, o for­se l’ho sa­pu­to ad­di­rit­tu­ra dai ma­ni­fe­sti fu­ne­ra­ri che di­ce­va­no an­che che era na­to nel 1921, ma pu­re ades­so fac­cio fa­ti­ca a ri­cor­dar­me­lo con quel suo no­me di bat­te­si­mo, pe­rò so co­me fa­re a in­gan­na­re la me­mo­ria mai im­pres­sa da sco­la­ret­to: pas­so dall’omo­ni­mo ro­man­zo di Mo­ra­via e ci so­no, e ec­co­lo lì per in­te­ro, mae­stro

Bian­chi Ago­sti­no, co­me fos­se il ti­to­lo di un qua­dro di Cha­gall e lui un uo­mo al­lam­pa­na­to e so­gna­to­re che vo­la so­pra i tet­ti del­le scuo­le ele­men­ta­ri di Piaz­za Tren­to re­can­do per me nel­la de­stra un tro­feo pro­di­gio­so: un co­lo­ra­tis­si­mo pe­scio­li­no piat­to con le guan­ce paf­fu­tel­le tut­te ro­sa e gli oc­chio­ni ne­ri e la co­da ver­de ban­die­ra e la boc­cuc­cia ro­sa ti­ra­ta in su che… ri­de!

Nel 1956 so­no en­tra­to da lui in ter­za e ri­ma­si su­bi­to col­pi­to all’udi­to, per­ché par­la­va una lin­gua stra­nie­ra… con la mae­stra Poz­zi di pri­ma e se­con­da gli sfo­ghi in dia­let­to era­no pras­si quo­ti­dia­na… che poi sco­prii es­se­re l’ita­lia­no to­sca­no ov­ve­ro l’ita­lia­no e ba­sta, idio­ma eso­ti­co che a pie­no ti­to­lo si ini­ziò a im­pa­ra­re a par­la­re non gra­zie al­la te­le­vi­sio­ne e al­la ra­dio, che i più non ave­va­no, ma gra­zie a lui e con lui e qua­si poi con nes­sun al­tro a Mon­ti­chia­ri fuo­ri da scuo­la, per­ché era co­me dar­si del­le arie, ci si ver­go­gna­va, co­me fa­ce­vi a di­re a quei bru­ti del pir­lo “per­ché” an­zi­ché “per­chè” al­la lom­bar­da o “quat­tór­di­ci” fa­cen­do la boc­ca a agno­lot­to per pro­nun­cia­re quel­la “o” stret­ta stret­ta an­zi­ché “quat­tòr­di­ci” per non di­re pro­prio “qua­tor­des” al­la va­ta­ciao tua di na­sci­ta, ti ti­ra­va­no die­tro un cu­spi­tù in­de­ci­fra­bi­le, “pàr­lô co­me ta ma­iet, en­cü­lat a ma­chi­nô”… che poi sco­prii, sem­pre de­cen­ni do­po, trat­tar­si del­la mac­chi­na da cu­ci­re Sin­ger, al­lo­ra ar­ri­va­ta da po­co nel­le ca­se, che di­spie­ga­va sul­le pez­ze spes­so ri­ci­cla­te dai vec­chi ma­te­ras­si quell’ago mi­ci­dia­le che an­da­va den­tro e fuo­ri a mi­tra­gliet­ta, da cui per­ciò “par­la co­me man­gi, in­cu­la­to a mac­chi­na”… a me­no che l’ita­lia­no non fos­se usa­to per par­la­re con i fo­re­stie­ri, che ave­va­no lin­gue mol­to più ita­lia­niz­za­te del dia­let­to bre­scia­no o che per far­si ca­pi­re a do­ve­re ri­cor­re­va­no a una lin­gua me­tic­cia ita­lia­niz­za­ta, a un espe­ran­to dia­let­ta­le stan­dard quan­do si tro­va­va­no fuo­ri dal lo­ro ter­ri­to­rio, ti­po i ve­ne­ti e friu­la­ni “ba­lu­tì de caài”, i me­dia­to­ri di be­stia­me... ma di pre­fe­ren­za di ca­val­li da ma­cel­lo… che ve­ni­va­no a mez­za mat­ti­na­ta del ve­ner­dì gior­no di mer­ca­to a man­gia­re la trip­pa, il bac­ca­là e le lu­ma­che con gli spi­na­ci o, spe­cie in in­ver­no, a sco­lar­si un mar­sa­li­no o a sor­seg­gia­re un pun­ch al man­da­ri­no al­la Trat­to­ria del Cer­vo dei miei e, in se­gui­to, i ric­chi al­le­va­to­ri e com­mer­cian­ti emi­lia­ni e pie­mon­te­si che il gio­ve­dì per­not­ta­va­no all’Aqui­la D’Oro - lo­can­da con cu­ci­na ge­sti­ta sem­pre dai miei, di vo­ca­zio­ne oste no­ma­de lui, per via del­la buo­nu­sci­ta che fa­ce­va spa­ri­re in me­ren­de diu­tur­ne e as­sag­gi pro­lun­ga­ti fuo­ri ca­sa, e di­spe­ra­ta be­stia da so­ma cuo­ca tut­to­fa­re con fru­stra­ta aspi­ra­zio­ne stan­zia­le mia ma­dre, ve­ne­ta di fer­ro dal­le ma­ni e dal­la fa­vel­la d’oro - e che di se­ra tar­di pre­ten­de­va­no la broc­ca di ac­qua cal­da in ca­me­ra per ra­der­si, di­ce­va­no, e “spuz­za­re di buo­no”… di Prep, di Ac­qua Vel­va, di Vé­ti­ver, che so­pra la puz­za di stal­la era­no la de­fi­ni­ti­va re­sur­re­zio­ne dei mia­smi del le­ta­me, e a par­te la scia di ri­vol­tan­te gel­so­mi­no la­scia­to­gli ad­dos­so dal­le due mo­rac­cio­ne in vi­si­ta di sop­piat­to… per il gran­dio­so fo­ro boa­rio dell’in­do­ma­ni che ini­zia­va al­le quat­tro del mat­ti­no, di cui si di­ce­va fos­se il se­con­do d’Ita­lia do­po quel­lo di Cre­mo­na.

Il mae­stro Bian­chi non ar­ri­vò al­la fi­ne del pri­mo gior­no di scuo­la che già ave­va ti­ra­to fuo­ri dal­la sua car­tel­la di cuo­io con­sun­to ma pas­sa­to scru­po­lo­sa­men­te a ce­ra un ag­geg­gio bi­slun­go di fer­ro con una la­met­ta se­ghet­ta­ta che si chia­ma­va “tra­fo­ro”, pa­ro­la fi­no a quel mo­men­to as­so­cia­ta da po­co al so­lo Mon­te Bian­co, poi del­le as­si­cel­le di com­pen­sa­to, un va­set­to di col­la e dei tu­bet­ti di co­lo­ri a olio e, do­po ave­re trat­teg­gia­to i con­tor­ni a ma­ti­ta, co­min­ciò a pro­dur­re con le sue ma­ni mi­nu­sco­li tru­cio­li, e quel ru­mo­re del­la la­met­ta se­ghet­ta­ta che for­za­va il com­pen­sa­to a va­gheg­gia­re il ra­glio osti­na­to di asi­ni pic­co­li­ni.

E im­prov­vi­sa­men­te, sep­pu­re an­co­ra al­lo sta­to grez­zo e sen­za car­teg­gia­tu­ra, ec­co che quel­le ma­ni os­su­te e bian­che e for­ti dal­le un­ghie im­ma­co­la­te li­bra­va­no da­van­ti ai no­stri oc­chi in­can­ta­ti un pi­no, una ca­set­ta, uno squa­lo, e ad­di­rit­tu­ra Pi­noc­chio, “So­no il nuo­vo Gep­pet­to”, dis­se lui già tut­to im­pol­ve­ra­to, e gior­no do­po gior­no Bian­ca­ne­ve e la Si­re­na, una don­na, ve­sti­tis­si­ma sep­pu­re so­lo del­le sue chio­me, con la co­da di pe­sce, crea­tu­re di fia­ba che di lì a po­chi gior­ni riap­pa­ri­va­no in fi­la sul­la cat­te­dra di­pin­te con uno stra­bi­lian­te amo­re del det­ta­glio e del­la sfu­ma­tu­ra. E una vol­ta lì schie­ra­ti di­ven­ta­va­no i Pre­mi Per I Più Bra­vi: per Il Più Bra­vo In Geo­gra­fia, in Sto­ria, in Arit­me­ti­ca, in Di­se­gno, nel­le ta­bel­li­ne a me­mo­ria, nel te­ma, nel det­ta­to, nel­la let­tu­ra a al­ta vo­ce “con sen­ti­men­to”, nell’ana­li­si lo­gi­ca, ma an­che per Il Più Bra­vo A Sta­re In Ca­sti­go, Il Più Bra­vo a Scac­co­lar­si, il Più Bra­vo A Non Fa­re i Com­pi­ti A Ca­sa e, con le pe­nul­ti­me ron­di­ni di apri­le, Il Più Bra­vo A Sgraf­fi­gna­re I Pa­ni­ni De­gli Al­tri Nel­la Gi­ta A Sol­fe­ri­no E San Mar­ti­no, sic­ché, me­ri­te­vo­li co­sì e me­ri­te­vo­li co­sà, a fi­ne an­no ci ri­tro­vam­mo tut­ti e tren­ta­sei… e al­la fin fi­ne an­ch’io… con una di quel­le me­ra­vi­glio­se crea­tu­re che ci spro­na­va­no al­la ma­nua­li­tà e ci in­suf­fla­va­no i ru­di­men­ti dell’este­ti­ca, che in sol­do­ni con­si­sto­no, sì, nel fat­to che l’oc­chio vuo­le la sua par­te ma, ci dis­se lui, so­prat­tut­to nel fat­to che an­da­va “mes­so a fuo­co l’oc­chio del­la men­te”, “la vi­sta fan­ta­sti­ca”, e chi ci ca­pì qual­co­sa al vo­lo al­zi la ma­no, ma il mae­stro Bian­chi que­sto lo sa­pe­va, but­ta­va lì dei pre­ce­den­ti in­di­zi per far­ti in­di­vi­dua­re la tua stra­da da­van­ti pro­prio co­me Pol­li­ci­no but­ta­va die­tro di sé i sas­so­li­ni bian­chi per ri­tro­va­re la stra­da ver­so ca­sa, era l’in­di­spen­sa­bi­le pri­ma vol­ta di un se­me a con­tat­to con una zol­la a sua vol­ta ver­gi­ne, il rac­col­to del­le idee or­ga­niz­za­te e strut­tu­ra­te sa­reb­be ve­nu­to da sé, e le co­se più bel­le e im­por­tan­ti so­no quel­le che an­co­ra igno­ria­mo o che non ca­pia­mo su­bi­to, un ve­ro mae­stro non si ac­con­ten­ta di dir­ti quel­lo che sai già e nel­la so­la for­ma che af­fer­ri, spe­ri­men­ta, sol­le­ci­ta, pro­vo­ca, crea col­le­ga­men­ti in­tel­let­tua­li tra bel­lez­za e brut­tez­za e tra be­ne e ma­le dai si­gni­fi­ca­ti im­pen­sa­ti e so­lo da­gli scioc­chi ri­te­nu­ti “non adat­ti a quell’età”, ti pre­pa­ra una do­te di emo­zio­ni com­piu­te di cui sei il pa­dro­ne in di­ve­ni­re, e sen­za aver­ne l’aria ti fa gli ar­ti­gli di più lun­ga du­ra­ta e mag­gio­re pre­sa con­tro gli osta­co­li e i di­spia­ce­ri del­la vi­ta che in­com­bo­no, gli ar­ti­gli

del l’al­le­gria e dell’au­toi­ro­nia che fan­no fuo­ri ogni in­cli­na­zio­ne all’au­to­com­mi­se­rar­si e in­vi­ta­no al­la gra­ti­tu­di­ne per il tan­to, per il po­co e an­che per il me­no an­co­ra, e in­tan­to lui di­stri­bui­va i pre­mi dei suoi ar­co­ba­le­ni dal­le fat­tez­ze più buf­fe e in­cre­di­bi­li.

Ri­cor­do una muc­ca pez­za­ta che non esi­ste­va in na­tu­ra per­ché era pez­za­ta di lil­la a pois gial­li da­ta a uno dei Cam­pa­gno­li che non era il più bra­vo in nien­te per­ché pri­ma di ve­ni­re a scuo­la do­ve­va an­da­re in stal­la a mun­ge­re e ar­ri­va­va stan­co mor­to con le can­de­le che gli pio­ve­va­no in boc­ca giù dal na­so schiac­cia­to da una ra­strel­la­ta che si era da­to met­ten­do­ci su il pie­de col gam­ba­le e nien­te faz­zo­let­to, so­lo le ma­ni­che del­la blu­sa ne­ra, e il mae­stro Bian­chi gli die­de quel ca­po­la­vo­ro di bo­vi­na me­ta­fi­si­ca so­lo per­ché per un po’ l’ave­va con­vin­to a non ser­vir­si di na­sco­sto an­che del­le ma­ni­che del com­pa­gno di ban­co e poi, sen­za nean­che sbuf­fa­re, si ri­sol­se a dar­glie­lo lui un faz­zo­let­to, non suo del tut­to per­ché, per qual­che mi­ste­rio­sa ra­gio­ne o pa­ren­te­la, era “un faz­zo­let­to di Bat­ti­sta” e lo ri­vo­le­va in­die­tro la­va­to e sti­ra­to.

Il mae­stro Bian­chi abi­ta­va con la mo­glie “la Bian­chi” in una ca­sa più cor­ri­doi e fi­ne­stro­ni su un cor­ti­le non suo che al­tro, un due stan­zi­ne in­cu­nea­te tra l’oste­ria dal mae­sto­so per­go­la­to Al­le Due Chia­vi, in­se­gna da noi gran­di­cel­li com­ple­ta­ta con “e al­le tre an­che”, e la ca­sa al­ta e stret­ta dal­la bel­lis­si­ma can­cel­la­ta in fer­ro bat­tu­to di­pin­to di ver­de del­la fa­mi­glia Bio­ni dei due ci­ne­ma, il Glo­ria, pro­prio lì di fron­te, e il Mo­der­no, in fon­do al via­le de­gli ip­po­ca­sta­ni, qua­si a al­lon­ta­na­re la pec­ca­mi­no­si­tà dei film in car­tel­lo­ne (im­pen­sa­bi­le che per esem­pio Sen­so e La con­tes­sa di Ca­sti­glio­ne e, qual­che an­no do­po, La cio­cia­ra ve­nis­se­ro da­ti non al Ci­ne­ma Mo­der­no, più in­di­ca­to per le ma­roc­chi­na­te di fi­ne guer­ra su pre­de cen­cio­se e af­fran­te qua­li la Lo­ren ol­tre che per le pro­ca­ci scol­la­tu­re di Ali­da Val­li e Yvon­ne De Car­lo, ma al Glo­ria, co­sì vi­ci­no al duo­mo di San­ta Ma­ria As­sun­ta… ma as­sun­ta da chi e per fa­re co­sa non lo sa­pe­vo, e più cer­ca­va­no di fic­car­me­lo in te­sta che si­gni­fi­ca­va “vo­la­ta in cie­lo”, ma mai il mae­stro Bian­chi, più mi en­tra­va da una par­te e mi usci­va dall’al­tra, “Che as­sun­ta as­sur­da!”, di­ce­vo, e in­si­ste­vo per sa­pe­re da don Pie­ri­no, dal­la per­fi­da ver­ga di sa­li­ce che la­scia­va la ci­ca­tri­ce, o da don Tul­lio Spur­chi­gnù, te­nu­to sem­pre a due me­tri da me an­che per il fia­to di mer­da, se le da­va­no il gior­no di ri­po­so all’As­sun­ta... e poi, il Ci­ne­ma Glo­ria, at­tac­ca­to com’era da una par­te al­la chie­sa di San Pie­tro e dall’al­tra al con­ven­to del­le Suo­re Ca­nos­sia­ne del Sa­cro Cuo­re, era un po­sto di per sé più per ro­be da chie­ri­chet­ti dal dop­pio fi­ne, che ave­va­no l’en­tra­ta gra­tis, ti­po Ri­do­li­ni o Stan­lio e Ol­lio, o per ca­te­chi­sti in co­stu­me pro Glo­ria In Ex­cel­sis Deo ti­po La Tu­ni­ca con la t ma­iu­sco­la o Ben Hur o tut­ti i Don­ca­mil­li e i Pep­po­ni o fi­nal­men­te Mar­cel­li­no pa­ne e vi­no, che in­ve­ce del­le so­li­te ca­ta­com­be e dei gla­dia­to­ri nell’are­na col suo pa­sto­ne di cri­stia­ni pron­ti a im­mo­lar­si al­le fau­ci fa­me­li­che del­le be­stie fe­ro­ci… inu­ti­le di­re per chi te­ne­vo io… ave­va le cel­le del con­ven­to e, al po­sto dei leo­ni nel chio­stro, i suoi fra­ti che di­ce­va­no il ro­sa­rio fa­cen­do il tre­ni­no e fi­ni­va­no sal­mo­dian­do in can­ti­na con Mar­cel­li­no a mic­ca­re il pa­ne nel vi­no).

Ol­tre all’odo­re di ac­qua ra­gia, dell’abi­ta­zio­ne dei Bian­chi ri­cor­do que­sto cor­ri­do­io che im­met­te­va in un al­tro per­ché una vol­ta, una do­me­ni­ca del 1957, tra me­tà e fi­ne giu­gno, a scuo­le già chiu­se e pa­gel­le ap­pe­na con­se­gna­te, e io or­mai sen­za un do­no del suo tra­fo­ro, lì ci so­no sta­to, di mat­ti­na pre­stis­si­mo per non es­se­re bat­tu­to da­gli in­gor­di a sba­fo del­la mia clas­se, e la gio­va­ne cop­pia di spo­si, non ri­cor­do se già con pro­le o an­co­ra sen­za, una vol­ta che per vie tra­ver­se ar­ri­vam­mo tut­ti e tre in cu­ci­na, mi mi­se su­bi­to da­van­ti a una sco­del­la di caf­fel­lat­te bol­len­te con den­tro in più una cuc­chia­ia­ta di ca­cao per ma­no di lei, che si sa­reb­be chia­ma­ta Ra­maz­zot­ti Giu­lia pur vez­zeg­gia­ta in Mi­mì se qual­cu­no non l’aves­se chia­ma­ta, per l’ap­pun­to, la Bian­chi e s-ciao, e zuc­che­ro e bi­scot­ti a vo­lon­tà, bi­scot­ti co­sì vo­lut­tuo­si al pa­la­to, co­sì fria­bi­li, che si scio­glie­va­no in boc­ca co­me ne­ve al­la va­ni­glia di cui ades­so non mi vie­ne il no­me, e quan­do mi si chie­se che co­sa era suc­ces­so ov­ve­ro che ero ve­nu­to a fa­re a quell’ora, era trop­po tar­di, le ga­na­sce an­da­va­no a mil­le e non me lo ri­cor­da­vo più. Mi­ca vi­ve­vo nel mor­so del­la fa­me in una del­le ba­rac­che de­gli sfol­la­ti di Bor­go­sot­to, quei ci­bi, esclu­si quei bi­scot­ti spe­cia­li, li ave­vo an­che a ca­sa mia, vi­sto che era un’oste­ria e che con il ca­cao in pol­ve­re e il lat­te ci fa­ce­va­mo la cioc­co­la­ta cal­da per le don­ne del­le fra­zio­ni che la­scia­va­no lì la bi­ci­clet­ta in de­po­si­to e per due mo­rac­cio­ne di zin­ga­re pu­li­te e pro­fu­ma­te, si fa per di­re, di gel­so­mi­no che ve­ni­va­no “a da­re un’occ hia­ta” ai gen­ti­li clien­ti che per­not­ta­va­no lì, quel bi­got­to di mio pa­dre le cac­cia­va fuo­ri dall’in­gres­so prin­ci­pa­le, mia ma­dre, che le ave­va pre­se a cuo­re più per sen­so pra­ti­co che per spi­ri­to di mi­se­ri­cor­dia, le ti­ra­va den­tro dal por­to­ne a fian­co usa­to dai bi­roc­ci per­ché, gli gri­da­va die­tro, “ognu­no si gua­da­gna il pa­ne co­me può, e poi dan­no via del lo­ro”, e non era del tut­to ve­ro che fos­si ca­pi­ta­to in ca­sa dei Bian­chi co­me un ful­mi­ne a ciel se­re­no per ele­mo­si­na­re una ca­set­ta con la nu­vo­let­ta in­tar­sia­ta nel ca­mi­no o un por­cel­li­no con la co­da a ca­va­tap­pi che non mi spet­ta­va, se non ave­va vo­lu­to dar­mi nien­te, nem­me­no lo vo­le­vo più, ma ades­so mi­ca po­te­vo “con­fes­sa­re” che vo­le­vo ve­ri­fi­ca­re dal vi­vo l’ef­fet­to dell’espres­sio­ne ap­pe­na sen­ti­ta “co­glie­re nel son­no”, la mor­te ave­va col­to nel son­no qual­cu­no de­gli av­ven­to­ri e io vo­le­vo co­glie­re nel son­no la vi­ta del mio mae­stro Bian­chi, che non mi ave­va an­co­ra da­to nien­te in pre­mio, per ar­ri­va­re pri­ma del­la mor­te, sve­gliar­lo e sal­var­lo, e con lui la fi­gu­ri­na di com­pen­sa­to co­lo­ra­to che bra­ma­vo in se­gre­to ma al­la qua­le ave­vo det­to ad­dio per sem­pre e, oscu­ra­men­te, con la fi­gu­ri­na fi­ni­ta co­mun­que nel­le mie ma­ni per un qual­che te­sta­co­da del­la for­tu­na, sal­va­re me, scap­pa­re con lei in ta­sca e met­ter­mi in sal­vo, non mo­ri­re am­maz­za­to io nel son­no, tut­to qui.

Che in­vi­dia­bi­li far­ne­ti­ca­zio­ni han­no i bam­bi­ni per ca­var­si una cu­rio­si­tà or­den­do dal po­co e nien­te gran­di av­ven­tu­re del sa­pe­re con chi han­no a che fa­re quan­do si di­co­no “io” e non af­fer­ra­no an­co­ra be­ne io chi è! Sem­pre che non mi fos­si in­ven­ta­to tut­to un vo­ca­bo­la­rio per non di­re pro­prio la co­sa che mi pe­sa­va sul cuo­re, che non era cer­to l’es­se­re sta­to esclu­so da quel se­gno, an­che grez­zo e sen­za co­lo­ri, di una qual­che sti­ma, e ero cor­so dal mae­stro Bian­chi ap­pe­na pos­si­bi­le per di­men­ti­ca­re quel­la cer­ta co­sa an­co­ra do­lo­ran­te ad­dos­so, non cer­to per par­lar­glie­ne… (con­ti­nua do­ma­ni)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.