“Per di­vi­der­mi da Pi­sa­pia in cam­po edi­to­ri e lob­by Pd”

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » FA­BRI­ZIO D’ESPOSITO

Stampa di regime. Col­pi­sce sen­ti­re Massimo D’Alema, tra i pio­nie­ri del­la nuo­va si­ni­stra al­ter­na­ti­va al Pd, par­la­re di “stampa di regime”. Con chi ce l’ha?

Il cro­ni­sta del Fat­to è con lui a Bo­lo­gna. Ai con­fi­ni del mi­ti­co Par­co Nord, se­de del­le fe­ste dell’Uni­tà. Sullo sfon­do, al­cu­ni ope­rai smon­ta­no stand. Di­ce Vla­di­mi­ro: “Con lo­ro noi non ab­bia­mo nul­la a che fa­re, non ci han­no in­vi­ta­to”. Noi, lo­ro e Bo­lo­gna la ros­sa. “Noi di Ar­ti­co­lo 1”. “Lo­ro del Pd”. L’Estra­gon è una gran­de di­sco­te­ca. Ai con­fi­ni con il Par­co Nord, ap­pun­to. È qui che si tie­ne la pri­ma fe­sta di Ar­ti­co­lo 1 - Mdp a Bo­lo­gna. Apre Massimo D’Alema, che ar­ri­va di­ret­ta­men­te da Bru­xel­les. “Il cuo­re dell’Eu­ro­pa? Am­mes­so che l’Eu­ro­pa ab­bia un cuo­re”. Pri­ma ri­sa­ta a mo’ di ova­zio­ne. Ap­plau­si, tan­tis­si­mi. “La si­ni­stra emi­lia­na è abi­tua­ta a un cer­to con­for­mi­smo, a sta­re dal­la par­te dei ca­pi. Ho in­con­tra­to un com­pa­gno, mi di­ce: ‘So­no iscrit­to al partito dal 1956’. Gli ho spie­ga­to che quel partito ha ces­sa­to di esi­ste­re da mol­ti an­ni. Una par­te im­por­tan­te del no­stro po­po­lo or­mai se ne sta a ca­sa, non va a vo­ta­re. Qui al­le ul­ti­me re­gio­na­li ab­bia­mo per­so 600mi­la elet­to­ri. Quan­do po­si que­sto pro­ble­ma e nes­su­no ri­spo­se mi re­si con­tro che il Pd non era più il no­stro mon­do”.

AR­RI­VA, D’Alema, e il pri­mo gi­ro è nel sol­co del­la tra­di­zio­ne. Le cu­ci­ne. Le vo­lon­ta­rie e i vo­lon­ta­ri. Ta­glia­tel­le, tor­tel­lo­ni, sal­sic­cia, co­sto­let­te e pol­lo. Al­cu­ne cen­ti­na­ia di per­so­ne. Pri­ma di sa­li­re sul pal­co, sel­fie e stret­te di ma­no. “Massimo, nel 1978 tu eri se­gre­ta­rio na­zio­na­le del­la Fg­ci e sei sta­to a ca­sa mia”. Al­me­no qui, il ca­ri­sma dell’ex pre­mier non è di­vi­si­vo. Al­tra sto­ria sui gior­na­li. Me­glio su cer­ti gior­na­li.

L’al­tro gior­no, gio­ve­dì, i quo­ti­dia­ni era­no pie­ni di sfo­ghi e re­tro­sce­na su un’in­ter­vi­sta da­le­mia­na al Cor­rie­re del­la Se­ra. Il tor­men­to­ne Pi­sa­pia – po­ten­zia­le lea­der di que­sta si­ni­stra – che a sua vol­ta ne ge­ne­ra al­tri, co­me quel­lo del rap­por­to con il Pd ren­zia­no e la con­se­guen­te for­ma­zio­ne di un nuo­vo cen­tro­si­ni­stra. Fi­nan­che il cen­tri­sta Ta­bac­ci, so­da­le dell’ex sin­da­co di Mi­la­no nel Cam­po Pro­gres­si­sta, ha vo­ce in ca­pi­to­lo: “D’Alema de­ve sta­re a di­stan­za di si­cu­rez­za”. Ri­ca­pi­to­lan­do: il Pd, Cam­po Pro­gres­si­sta, Ar­ti­co­lo 1, l’os­ses­sio­ne per D’Alema di ren­zia­ni e an­ti­ren­zia­ni. L’in­ci­pit è da­le­mi­smo pu­ro. Il no­to sar­ca- smo che fa par­ti­re al­tri ap­plau­si e al­tre ri­sa­te: “Ta­bac­ci? Ma io non ho mai cer­ca­to di av­vi­ci­nar­mi a Ta­bac­ci”.

IL TONO ri­tor­na se­rio: “La ve­ri­tà è che si at­tri­bui­sco­no a Pi­sa­pia re­tro­sce­na e vir­go­let­ta­ti che lui re­go­lar­men­te smen­ti­sce. Par­lia­mo­ci chia­ro, sen­za in­fin­gi­men­ti. Il Pd con­du­ce una cam­pa­gna per crea­re una frat­tu­ra tra noi e Pi­sa­pia. L’obiet­ti­vo è que­sto. E sic­co­me il Pd ha il po­te­re e ha un buon rap­por­to con di­ver­si im­pren­di­to­ri cui ha fat­to pa­rec­chi fa­vo­ri e que­sti im­pren­di­to­ri so­no an­che pro­prie­ta­ri di gior­na­li, di­cia­mo, que­sta cam­pa­gna per stac­ca­re Pi­sa­pia da noi è so­ste­nu­ta da que­sti mez­zi d’in­for­ma­zio­ne per ren­de­re un ser­vi­zio a Ren­zi. Ma è una cam­pa­gna po­li­ti­ca”.

D’ALEMA non ci­ta te­sta­te e non fa no­mi. Ma il ri­fe­ri­men­to è chia­ris­si­mo. Il ber­sa­glio del­la sua in­vet­ti­va è il nuo­vo co­los­so di Stam­pub­bli­ca, Stampa più Re­pub­bli­ca, Agnel­li/El­kann più Car­lo De Be­ne­det­ti. Er­go la ver­sio­ne da­le­mia­na su Pi­sa­pia è que­sta: “So­no di­ven­ta­to buo­no e vo­glio par­la­re con le pa­ro­le di una per­so­na no­to­ria­men­te buo­na co­me Pi­sa­pia”. Co­sa di­ce, dun­que, l’ex sin­da­co di Mi­la­no? “Pi­sa­pia ha det­to che lui sta la­vo­ran­do a una for­za po­li­ti­ca al­ter­na­ti­va al Pd. Vuo­le ri­co­strui­re il cen­tro­si­ni­stra in ra­di­ca­le di­scon­ti­nui­tà con que­sto Pd, in me­ri­to a con­te­nu­ti e lea­der­ship. Que­sto è lo sta­to de­gli at­ti. Non so­no pa­ro­le di D’Alema il cat­ti­vo, ma di Pi­sa­pia il buo­no. Poi se que­sta leg­ge de­men­zia­le del Ro­sa­tel­lum pas­se­rà, noi sa­re­mo co­stret­ti a pre­sen­ta­re i no­stri can­di­da­ti in tut­ti i col­le­gi”. Men­tre D’Alema par­la a Bo­lo­gna, e par­la di la­vo­ro, im­mi­gra­zio­ne, tas­se, del Pd “li­be­ra­le” ami­co dei ric­chi, giù al sud, a Na­po­li, c’è Pie­tro Gras­so, al­la fe­sta na­zio­na­le di Ar­ti­co­lo 1. Una sor­ta di in­ve­sti­tu­ra co­me nuo­vo lea­der? Fi­nal­men­te è co­min­cia­to il po­st-Pi­sa­pia in que­sta par­te del cam­po di si­ni­stra? Può dar­si, ma l’ar­go­men­to sa­rà ta­bù uf­fi­cial­men­te an­co­ra per un po’ di tem­po.

In ogni ca­so, D’Alema pre-

Ef­fet­to Stam­pub­bli­ca “Giu­lia­no è al­ter­na­ti­vo a Ren­zi, ma gli edi­to­ri ami­ci del se­gre­ta­rio scri­vo­no il con­tra­rio”

ci­sa a mo­do suo: “Io so­no so­lo un sup­por­ter di Ar­ti­co­lo 1, non sto nel­la stan­za dei bot­to­ni, an­che per­ché qual­che vol­ta in quel­la stan­za av­vie­ne la guer­ra dei bot­to­ni. Io so­no un uo­mo po­li­ti­co e l’uo­mo po­li­ti­co de­ve cer­ca­re di pre­ve­de­re la realtà fu­tu­ra con le sue di­ver­se pos­si­bi­li­tà. E io, non aven­do un com­pi­to ope­ra­ti­vo ma so­lo di sup­por­to, ho più tem­po per pen­sa­re”.

Fo­to di Egle Bel­tra­mi

Cu­ci­na D’Alema al­la fe­sta di Ar­ti­co­lo 1 a Bo­lo­gna

PIER LUI­GI BERSANI

Ex se­gre­ta­rio del Pd, tra i fon­da­to­ri e lea­der di Mdp Ar­ti­co­lo 1

GIU­LIA­NO PI­SA­PIA

Ex sin­da­co di Mi­la­no, fon­da­to­re di Cam­po Pro­gres­si­sta e In­sie­me

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.